**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le ultime 10 risposte del veterinario

Domanda del 22.11.2018

Buonasera Dottore,
abbiamo per la nostra cagnolina Betty, bolognese di 12 anni, a cui è stato diagnosticato oggi un importante eritrocitosi il seguente referto:
il dosaggio di EPO ( 0.48 ) seppure con valori normali è del tutto anomalo visto l'importante eritrocitosi presente.
Considerando che non si è potuto procedere al salasso per problemi di trovare la vena giugulare, è stato prescritto il farmaco ONCOCARBIDE.
I VALORI ALTI DELL'ULTIMO PRELIEVO EMATICO PIU' VOLTE RIPETUTO SONO:
RBC 9.61 HCT 63.8 HGB 21.9 RETIC 130.7

Premettiamo che sono arrivati alla diagnosi di eritrocitosi dopo aver effettuato anche tutti gli altri accertamenti di routine ( ecografia, radiografia etc) tutti risultanti negativi.
Anche le analisi inerenti all'ossigenazione andavano bene.
Si chiede se il farmaco prescritto è corretto come terapia e che effetti collaterali può causare al cagnolino e se detto farmaco può gestire per sempre la problematica a lungo termine. Ci scusi Dottore ma siamo molto ansiosi e preoccupati.
La ringraziamo anticipatamente per la Sua disponibilità.
Cordiali saluti.
Riccardo Sbano

Buongiorno, visto il quadro che descrive non posso darle aiuto via mail senza avere tutti gli esami e il paziente.
Credo quindi che se avete bisogno di una seconda opinione sia necessario trovare un clinico valido cui riferirsi nella sua città.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
www.biessea.com

Domanda del 17.11.2018

Salve, volevo chiedere come risolvere un problema che ho con la mia cagnolina.
E uno schnauzer nano bianco di 1 anno e mezzo.
L'ho presa che aveva 5 mesi, e da subito ho sentito l'odore delle ghiandole perianali.

Adesso succede molto spesso, anche due volte di seguito oppure un giorno si e uno no, circa.
Anche quando stiamo sul divano ed è lì tranquilla, oppure in macchina o a letto.
Espelle del liquido bianco sporco e si lecca subito per pulirsi.

Ho visto la veterinaria schiacciarle e ho provato anche io ma solo una volta ci sono riuscita, le altre volte non sento le ghiandole e gli do fastidio e un po si gira per mordere.

Non ha gonfiori all'ano, e non si trascina a terra, penso non sia infiammata.
Anche quando l'ha vista la mia veterinaria mi ha detto che non c'e infiammazione e che andrebbero svuotate ogni tanto, ma qui mi sembra che quasi tutti i giorni gli esce qualcosa.
I croccantini che gli do sono di marca Acana.

Le feci sono consistenti e migliori da quando gli do pesce bianco della Acana. E si svuota circa 2 volte al giorno.
Facciamo spesso passeggiate, anche escursioni in montagna. Fa molto movimento.

La ringrazio moltissimo per la disponibilità, a presto.

Giusy

Buongiorno, provate a fare comunque un esame batteriologico del materiale che esce dalle ghiandole. Se positivo terapia mirata antibiotica.
Comunque devono seguirla direttamente i colleghi, io altre non posso consigliare da lontano.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
www.biessea.com

Domanda del 6.11.2018

Buongiorno,
Le scrivo per avere un suo cortese parere.
Da qualche giorno il mio cane, meticcio femmina di 6 anni e mezzo, ha iniziato a bere molto di piú e di conseguenza ad urinare molto piú frequentemente e piú a lungo.
Alimentazione sempre uguale, per il resto mangia, corre, gioca, non sembra aver nessun tipo di problema.
Ho fatto fare esame sangue biochimico e urine. L'emocromo è ok ed anche le urine
Dai risultati non è diabete, mio primo sospetto, nessun morbo strano, no infezioni, i reni lavorano.
C'è un valore che mi allarma un pò ed è LDH che è 700 anzichè 40-130.
Ho letto un pò su internet e potrebbe essere tutto o niente.
Come lo devo interpretare? Mi consiglia di fare un'ecografia all'addome per un controllo degli organi?
Grazie mille in anticipo
Angela

Buongiorno, deve fare tutte le indagini e non leggere su internet ma affidarsi ad un medico veterinario internista esperto vicino alla sua abitazione per comodità, infatti servono controlli frequenti almeno i primi tempi.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
www.biessea.com

Domanda del 31.10.2018

Buongiorno,
Ho una cagnolina tipo Volpino di 17 anni circa che ha sviluppato un problema alla vista da 1 anno circa ed ora sembra che non ci veda piu'. Il ns. veterinario ci ha sconsigliato di intervenire data l'eta' avanzata. Pero' per il resto sta' bene in quanto mangia regolarmente e non manifesta altri problemi. E' possibile cercare di intervenire in qualche modo?, A chi mi devo rivolgere?. Sono di Asti in piemonte.
Nel ringraziare anticipatamente per la risposta, porgo cordiali saluti.
Vittorio Luongo.

Buongiorno, esistono medici veterinari specialisti cui rivolgersi anche in Piemonte, di sicuro vicino a Novara presso un importante istituto di cura, oppure presso l'Università di Torino.
Prima la diagnosi e poi se possibile la giusta terapia.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
www.biessea.com

Domanda del 17.10.2018

Buongiorno, ho un barboncino di 10 mesi al quale fino a qualche mese fa, venivano degli attacchi improvvisi e iniziava a rotolare su se stesso, abbaiando contro i suoi testicoli e leccandosi in continuazione. Poi per un paio di mesi non è successo più, ma ha ricominciato ieri pomeriggio abbaiando per tantissimo tempo senza sosta, sempre contro i testicoli. L'unico modo con il quale terminava, per riprendere poi dopo, era prenderlo in braccio.
Oltre questa cosa che fa ogni tanto, è un cagnolino molo attivo e giocoso.
Grazie per l'attenzione.

Buongiorno, può essere una forma, sembra leggera, di male epilettico o di crisi lipotimiche: deve farlo subito visitare e poi stabilire una serie di indagini precise per arrivare ad una diagnosi certa, magari con uno specialista in neurologia. Non si allarmi ma agisca subito che prima lo cura e meglio è per lui.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 16.10.2018

Buonasera, scrivo a voi per avere un consiglio, un conforto in quanto al cagnolino barboncino femmina di età 10 anni, abbiamo notato un rigonfiamento che in 10 gg si è allargato molto ed un veterinario a cui spesso ci affidiamo ha diagnosticato un carcinoma, dicendo che potrebbe scoppiare da un momento all'altro, e che sarebbe forse il caso di sopprimerla per non farla soffrire ma noi vogliamo provare il possibile per tenerla con noi il più possibile. Diceva che in caso di intervento x asporto della massa, dopo pochi gg si riformerebbe. Posso inviare delle foto per vedere i dettagli. Ringrazio tantissimo. Cristiano

Buongiorno, se un veterinario non da diverse possibilità di cura anche per un paziente oncologico cerchi di cambiare subito medico e trovi un collega esperto in oncologia.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 25.9.2018

Buongiorno, ho due gatti rossi di due anni ed è un problema somministrare gli antiparassitari. Ho provato le pipettevma si leccano a vicenda e uno dei due ha avuto reazioni allergiche tanto che ho dovuto lavarli perché continuava a leccarsi ed era molto agitato, non la normale reazione quando si mette la lupetta. Il collare non l'ho considerato perché uno dei due va in giro pervintetti e ho paura che rimanga agganciato da qualche parte. Non esiste un'antiparassitario somministeabile per bocca? O cosa mi consiglia in alternativa? Grazie Luisa da Albenga

Buongiorno, poichè esistono varie alternative risolutive - di cui non posso scrivere o consigliare nomi ovviamente qui - deve andare dal suo veterinario curante esponendogli i suoi dubbi e troverete di sicuro la terapia adatta.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
CEO - Direttore sanitario
Via Amedeo d'Aosta, 7 - 20129 Milano MI
Tel 0229404636 Fax 0229404644
www.biessea.com

Domanda del 23.9.2018

Buona sera,
Mi chiamo Deborah, ho un cucciolo di 6 mesi incrocio pitbull, come ogni cucciolo mangia ogni cosa che trova, ieri mi sono accorta che manca dallo scarico della doccia il filtro per non far intasare dai capelli e deduco dalle zampettate che sia passato il mio cagnolino da li, il filtro non è molto grosso perché era ad incastro, ma se non ricordo male era in ferro e ho il sospetto che se lo sia mangiato anche perché ho cercato dappertutto e non c'è ne traccia.
Sono preoccupata che possa procurargli danni anche se però l'appetito non gli manca, è vispo come sempre corre e gioca e le feci sono solide e normali, respira bene quindi non credo gli sia rimasto incastrato.
Devo fargli fare una lastra?
Poi un altra cosa meno preoccupante, da sempre noto delle macchioline marroncine sul pavimento ho letto che potrebbe essere smegma ma così piccolo? Mentre invece sul lenzuolo al mattino trovo sempre delle macchie ma più chiare come fossero gocce di pipì. Premetto che è abituato a fare tutto fuori sono solo goccioline.. capisco che non ha ancora a pieno il controllo della vescica ma sembra quasi avesse perdite e vista la giovanissima età è normale?
La ringrazio

Buongiorno, mi scusi ma deve andare per forza a fare una accurata visita e nel caso radiografie e/o ecografia addominale.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
CEO - Direttore sanitario
Via Amedeo d'Aosta, 7 - 20129 Milano MI
Tel 0229404636 Fax 0229404644
www.biessea.com

Domanda del 22.9.2018

Ho un gatto al quale, quando aveva 40 giorni gli è stata diagnosticata la FIP e mi è stato detto che non sarebbe vissuto.
A
Il 10 gennaio compirà tre anni ed ha diversi problemi: difetto di deambulazione, tremolii e, a volte, diventa aggressivo (come se non mi riconoscesse) ho un video che, se le interessasse potrei inviarglielo.
Avrei intenzione di prendere un altro cucciolo, ma non so come Briciola potrebbe accoglierlo e non vorrei che ci fossero problemi sia per l'uno che per l'altro.
A volte ospito in casa mia il gatto (adulto) di mia figlia e Briciola non manifesta nessun cambiamento.
Lei cosa mi consiglia?
Grazie.
Silvana Aloisio

Buongiorno, credo che il consiglio medico migliore sia legato al parere del suo veterinario curante. Io non conosco nulla di clinico del gatto infettivo e quindi non posso fare una valutazione del rischio per un altro gatto che fosse introdotto in casa.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
www.biessea.com

Domanda del 20.9.2018

Salve Dott. Minetti,
avrei un consiglio da chiederle.
Ho un Labrador di 11 anni che era molto legato a mio padre, era lui che lo portava fuori a passeggiare e dove andava mio padre là stava lui.
Purtroppo mio padre è venuto a mancare nel Giugno del 2017 ed è da allora che il mio cane la notte non dorme, durante il giorno è tranquillo, ma la notte no, si agita; sembra avere caldo, anche quando non è caldo.
Non so se si comporti così, perché ha paura nel stare la notte con noi, o se abbina il fatto che mio padre si sentì male di notte.
Come fare per aiutarlo a tranquillizzarsi?
Premetto che vivevamo tutti quanti insieme e quindi non ha cambiato casa o abitudini, l'unica cosa che a nostro malgrado ha dovuto rinunciare sono le passeggiate fuori, per motivi che non scrivo per non rischiare di dilungarmi troppo.
La ringrazio anticipatamente, cordiali saluti, Lucia.

Buongiorno, sarebbe bene che lei facesse una visita con un veterinario specialista/esperto in comportamento per capire se si può trovare un nesso di causa vero su ciò che scrive. Infatti talvolta sono vere malattie e non comportamenti il problema.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
www.biessea.com