**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Ottobre 2006

Domanda del 1.10.2006

Salve il 29 sett. ore 10.00 ho preso un cucciolo meticcio presso la lega di teramo. Ho avuto cani quasi sempre,quasi perchè dopo la morte del mio alano 10 anni fa non sono più riuscita a pensare di riprovare tanta tristezza, ma ora eccomi qui con un esseruno di 40 giorni!!!
Le volevo chiedere come mai ogni tanto e soprattutto la notte piange ma anche quando trotterella per la casa lo fa per caso non sta bene?
Grazie e un bacino da parte di sirio, patrizia

Buongiorno, la prima cosa da fare è portare il cane in visita dal suo medico veterinario di fiducia. Il resto sono ipotesi scolastiche senza senso pratico.
Può essere un suo modo di comunicare o qualunque altra cosa.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 2.10.2006

Buon diorno, ho una cagnolina metticcia di circa 10 anni e negli ultimi mesi capita spesso che abbia un'alitosi molto forte. Non ho mai effettuato la pulizzia dei denti (anche sotto consiglio del veterinario)per evitare di traumatizzarla viste la sue precedenti esperienze, ma circa 1 volta al mese mi occupo io stessa di spezzolarle i denti con uno spazzolino bagnato nell'acqua e bicarbonato. Potrebbero essere altre le cause?
Grazie per l'attenzione.

Buongiorno, l'alitosi ha praticamente sempre una causa "patologica" e non fisiologica. Ovvero è causata dalla eccessiva presenza di batteri nel cavo orale che producono il tipico odore, anche causando infezioni alle strutture della bocca (gengive, denti, mucose). L'unico sistema per ovviare alla malattia buccale è iniziare un percorso di igiene, nel caso specifico bisogna valutare se il cane può essere messo in anestesia generale (quindi senza alcun trauma psicologico!), poi affidarsi ad un medico veterinario esperto in odontostomatologia e con la strumentazione adatta per risolvere la questione.
La pulizia mensile non ha nessuna efficacia.
Si metta in testa che il problema del cane non è la puzza che lei sente ma la malattia che la causa.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 2.10.2006

salve, dott. minetti
le scrive perchè avrei bisogno di qualche consiglio comportamentale..le spiego, il mio cane un meticcio di un anno e mezzo, a causa di una dermatite atopica, che ora è stata debellata, è costretto a mangiare dei croccantini, dietetici che evitano quantomeno il ritorno della stessa! il mio problema, consiste nel fatto che il cane li mangia solo se sono io ad imboccarli...praticamente mangia nella m ia mano, o cmq se sono io a a farglieli assaggiare e dopo continua da solo..inoltre spesso e volentieri, a meno che non sia proprio affamato..devo stare con lui...altrimenti non mangia!! NON SO COME RISOLVERE LA QUESTIONE.
crede che abbia esagerato con i "vizi", ma sa pur di vederlo mangiare...
la ringrazio mariacarmela (calabria)

Buongiorno Signora mariacarmela, qui sotto troverà la risposta della Dottoressa Sabrina Giussani noto Medico Veterinario esperto in medicina comportamentale:

"Buongiorno, non è una impresa facile convincere un cagnolone a mangiare ciò che non gradisce più di tanto! Dal momento che la restrizione alimentare è legata ad una motivazione di salute è bene
che il piccolo continui ad assumerla. Per migliorare il rapporto con il cibo, senza conoscere altre informazioni riguardanti il comportamento del cane, posso darLe un solo consiglio: aumenti l'attività fisica, le corse nelle aree riservate ai cani, i giochi in libertà con gli altri cani.
In questo modo sarà più affamato e mangerà con più appetito. Imboccare il cane, secondo il
linguaggio canino, significa dare il via ad un meccanismo che potrebbe portare ad uno squilibrio
gerarchico con digiuni ben peggiori.
A presto,
Sabrina Giussani"

Domanda del 2.10.2006

Buongiorno, il mio cane , una femmina di dogue di bordeaux di 2 anni manifesta problemi alle zampe posteriori, con carattere saltuario, talvola zoppica sulla destra ed altre sulla sinistra, quando si siede scarica le zampe posteriori andando in appoggio sugli anteriori.
avendo effettuato delle lastre , il veterinario dice di intravedere un principio di problema al legamento posteriore dx, in questo periodo non manifesta algie al dx mentre manifesta andature in scarico sull' sx.........un altro veterinario guardando le lastre asserisce che la posizione del ginocchio dx non è corretta a causa dei legamenti e prevede interventi chirurgici sulla struttuta ossea........Il cane non è sovrappeso e nonostante le andature in scarico talvolta sulla sx, altre sulla sx, gioca e salta in continuazione..........cosa conviene fare???il pedigree , se non mente asserisce che non c'è nulla di genetico. esistono ortopedici per cani ? a chi posso rivolgermi dato che sono a Torino??
In attesa di cortese riscontro la saluto cordialmente,
Claudio ZANIBONI

Buongiorno Claudio, come può ben capire non posso consigliare un collega o una struttura nella sua città, esiste un codice deontologico da rispettare. Lo stesso non posso fare per chiarire la situazione clinica del suo cane. Esistono valenti medici veterinari nella sua città molto esperti in ortopedia che sicuramente potranno risolvere la situazione: chieda al suo medico curante un consulto presso uno di questi colleghi.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 3.10.2006

dottore il mio cagnolino(un bastardino di 14 anni) ha negli ultimi giorni dei tremori accentuati che lo portano in alcuni momenti a non reggersi sulle zampette.sembrano somigliare a delle convulsioni. 2 settimane fa è stato investito da un auto però non ci sono state evidenti lesioni.in passato ha avuto queste crisi ma saltuariamente!adesso invece sono quasi giornaliere.

Buongiorno, spero che lei nel frattempo abbia portato nuovamente in visita il suo cane.
Purtroppo la situazione che lei descrive non può avere da me alcun consiglio se non quello di rivolgersi ad un veterinario esperto di neurologia ed eventualmente ad un ortopedico.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 3.10.2006

Buon giorno, il mio cane sta soffrendo di ansia da separazione: ho cambiato casa da due mesi ed ancora non si è adattata.
Si tratta di un pitt bull femmina di 5 anni che è cresciuta in appartamento dormendo sul divano come fosse un essere umano, adesso abito in una casa con giardino e vorrei abituarla a stare fuori nella sua cuccia ma lei abbaia tutto il giorno. Ho provato di tutto: collare anti abbaio alla citronella, medicinali omeopatici, anche a riprenderla in casa ma è stato peggio, nulla, se è sola piange e si dispera, quando c'è qualcuno a casa è un angelo! Purtroppo i vicini cominciano ad essere stanchi e io non so più cosa fare.
Purtroppo non è possibile seguire una terapia comportamentale perchè i vicini interferirebbero con il lavoro del comportamentista in quanto la chiamano e le danno del cibo quando abbaia.
il mio veterinario mi ha consigliato, come ultima risorsa, di tagliare le corde vocali.... io non sono d'accordo ma chiedo c'è qualcos'altro che posso fare?
La ringrazio per la Sua attenzione.

Buongiorno, scusi ma sta scherzando vero? Taglliare le corde vocali?
Avete posto già una diagnosi (?) di ansia da separazione (chi ha fatto la diagnosi? un veterinario che si occupa esclusivamente come referente di comportamento?), avete messo il collare antiabbaio, dato terapie omeopatiche, ora pensate di amputare un organo perchè diventato fastidioso.
E scrivete a me sperando in un miracolo?
Sono un pochino allibito. Direi che per il bene del cane bisogna trovare una soluzione e non andare a caso: quindi visita comporatmentale seria con specialista riconosciuto, da cui una diagnosi VERA, quindi opzioni terapeutiche, quindi per ogni opzione prognosi.
Questo è l'iter che segue un medico, le altre cose le lasciamo ai ciarlatani/imbonitori.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 3.10.2006

Il mio cane, una femmina meticcia di 10 anni, si è accoppiata con un cane nel periodo del calore, quante probabilità ci siano che sia rimasta gravida?? Non ha mai avuto cuccioli!
Grazie Gloria

Buongiorno Gloria, ho appena tirato i dadi e le posso dire che al 50% sarà garvida!!!!!
Mi scusi la battuta, ma le pare che io possa darle una risposta seria? Io cerco di fare il medico seriamente e le assicuro che già così è una vita d'inferno. Perchè mi fate queste domande? I cani non sono delle macchine di latta e gomma, sono esseri viventi come me e lei. In più lei è una donna, dovrebbe conoscere il suo corpo abbastanza per sapere che non si può mai sapere se in quel secondo l'ovulo accetta lo spermatozoo o lo manda a quel paese!!
Vada dal suo medico veterinario ed inizi con il fare eseguire una ecografia addominale, e pensi ad una eventuale ovarioisterectomia.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 6.10.2006

il mio cane uno yorkshire terrier di 6 anni fa spesso la pipì negli angoli della casa come posso risolvere il problema?

Buongiorno, le consiglio di portare il cane presso un medico veterinario specialista in medicina del comportamento. I cani non fanno dispetti, semplicemente comunicano diversamente da noi: le sta dicendo qualcosa che lei non riesce a interpretare.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 6.10.2006

Gentile dott. Minetti,
ho un gatto europeo femmina di quasi 2 anni. La gatta mangia 2 volte al giorno cibo confezionato completo (con verdure in mezzo)del tipo Whiskas e,possibilmente, non le do mai lo stesso tipo di ricetta (ovvero cerco di non derle mai lo stesso tipo di carne due volte al giorno). Sporadicamente, in mezzo alla giornata, le vengono dati un po' di croccantini. Ultimamente però (da 2 o 3 gg), la micia soffre di una leggera diarrea e non riesco a capire cosa sia stato a provocarla. Cosa posso fare per farla stare meglio? Ovviamente, se dopo il suo consiglio il fenomeno continua, la farò vedere dal mio veterinario.
Grazie infinite
Selene (Bologna)

Buongiorno Selene, purtroppo alcuni consigli a distanza si possono dare, in presenza di un sintomo come quello che lei ha descritto l'unica cosa da fare è proprio una visita dal suo medico veterinario curante.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 6.10.2006

salve! sono sara da napoli
per mtotivi di lavoro devo spostarmi in libia.vorrei sapere se occorre il visto per il mio cane , oppure occore tenere con se solo il passaporto. distinti saluti

Buongiorno, deve rivolgersi semplicemente al servizio veterinario ASL della sua zona di residenza.
Troverà tutte le informazioni che servono.
Cari saluti
Emanuele Minetti
Pagina  12345