**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Ottobre 2006

Domanda del 7.10.2006

La mia cagnotta e' un meticcio di 10 aa e mezzo, di taglia medio grande, e da giugno circa ho notato che ha affanno, anche a riposo. Il vaterinario l'ha visitata ma non avendo le apparecchiature per ulteriori indagini, ed auscultandola soltando le ha dato una pillola per abbassare la pressione, ma devo dire che non ha sortito alcun effetto. Cosa mi consiglia di fare? Che patologia potrebbe determinare tale affanno? Quali indagini diagnostiche suggerisce? Si misura la pressione ad un cane?Grazie

Buongiorno, la situazione da Lei descritta necessita con urgenza di ulteriori indagini. Suppongo che il collega abbia riscontrato almeno una anomalia alla auscultazione del torace, cuore e polmoni, quindi le abbia prescritto un farmaco. Bisogna che a questo punto il cane venga portato presso una struttura attrezzata per fare eseguire una visita clinica molto approfondita, esami del sangue e delle urine, radiografie toraciche (in tre proiezioni), visita cardiologica se necessita da medico veterinario specialista, ecocardiografia.
Qualora il problema non sia di origine cardiaca si dovrà proseguire in altre indagini di laboratorio e strumentali.
Dalla sua descrizione la situazione non pare chiara però certamente piuttosto grave, il che mi porta a dirle di iniziare oggi stesso l'iter diagnostico.
Cari saluti.
Emanuele Minetti

Domanda del 7.10.2006

perchè il mio cane si lecca sempre le zamppe e dopo le ha tutte rosse rosse?

Buongiorno, è possibile che il cane soffra di una forma allergica oppure di un disturbo del comportamento.
Lo faccia visitare da un medico veterinario specialista in dermatologia.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 8.10.2006

Il mio cane (di 8 anni) presenta da poco più di 1 anno un forte arrossamento dello sfintere anale. All'inizio il problema (molto più grave, vista la presenza di ulcere) è stato risolto con cortisone e antibiotico (keforal). Successivamente ad ogni ricaduta non ha risposto alla terapia se non per poco tempo. Mi sono avvalsa anche di pomate (come iruxol), ma il problema persiste. Le varie analisi del sangue e delle feci sono risultate ok. Ha qualche suggerimento? Grazie mille, stefania

Buongiorno Signora Stefania, non ho dati a sufficienza per poterle dare una indicazione precisa, però esistono delle patologie che si chiamano "malattie autoimmuni" e che si manifestano in alcune razze proprio così.
Le consiglio una visita da un medico veterinario esperto/specialista in dermatologia.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 8.10.2006

siamo una coppia di fumatori, vorremo sapere se esistono in commercio dei prodotti per il fumo passivo del cane (anche net commerce). Abbiamo letto su una rivista che ci sono prodotti a base di aglio ma non ne abbiamo preso nota. Le saremo grati volerci consigliare in merito a questo problema in quanto viaggiamo molto in auto.

Buongiorno, credo che la sua domanda abbia una sola risposta. Ma credo che non la vogliate sentire.
Cerchiamo quindi di non cercare soluzioni dove non esistono: il fumo passivo può essere dannoso, non esiste nulla che possa evitarne i danni preventivamente. Per fare business sicuramente sono state proposte soluzioni (antiossidanti in varie forme) ma che queste siano utili a qualcuno, oltre che al portafoglio di chi le vuole vendere, non mi pare sia stato dimostrato.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 9.10.2006

salve dottore...si ricorda di questo consiglio che mi avevo dato..?

Buongiorno, vada in un canile della sua città, guardi i cani negli occhi, guardi che vita fanno e le loro prospettive. Li guardi, poi torni a casa, guardi la sua veranda, si guardi nel cuore, e pensi se per uno di questi cani sia meglio il presente o stare 10 ore da solo in casa sua e le altre 14 con voi, più magari i fine settimana.
Pensi e faccia un confronto. Poi torni e veda chi dei cani la vuole, sarò un romantico ma, qualche volta il colpo di fulmine c'è!
Poi vedrà come correggere i comportamenti del suo nuovo amico.
Comunque bravi, siete sulla strada giusta.
Aspetto novità.

Le novità sono che siamo stati in ben due canili e in tutti e due ci hanno detto che non hanno assolutamente intenzione di dare in adozione un cane per farlo rimanere 10 ore solo..Anzi al canile di Monza siamo stati trattati come due delinquenti che volgiono il cane solo epr farlo ulterirmente soffrire...dicendoci che al massimo potevano darci un gattoo..Mi scusi ma in queste condizioni come possiamo pensare di aiutare dei cani che passano la maggior parte della loro vita in gabbie da 1x1..
Grazie comunque del consiglio..

Buongiorno, questo è uno dei problemi "animalisti" che ogni tanto capita di affrontare. Tutti i cani che vivono in città hanno padroni che lavorano, con figli che studiano eccecc.
Se tutti i cani da compagnia stessero come alcuni vorrebbero non esisterebbero più cani con padrone ma solo cani in lager. Ciò la dice lunga sul fatto che non è tutto oro quello che luccica.
Non buttate via questa possibilità, andate in altre strutture, magari al canile di Milano, e vedete di esporre bene il vostro punto di vista.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 9.10.2006

la mia cagnetta una pincerina di 2anni e' incinta vorrei sapere se la pillola x la filaria gliela devo cmq somministrare o e' meglio evitare

Buongiorno, di norma non ci sono problemi. Chieda però conferma la suo medico veterinario curante che conosce lo stato di salute del suo cane.
Cari saluti.
Emanuele Minetti

Domanda del 10.10.2006

Egr. Dott. Minetti, un anno fa ho adottato una gattina di tre anni presso un gattile di Milano (S.O.S. Randagi). Si chiama Mimì. Il mio veterinario che l'ha visitata ha detto che è sana. Però lei ha sempre l'occhio sinistro che le lacrima. Da che cosa può dipendere? Può essere una forma di allergia non curata bene fin da quando era nel gattile?.
La ringrazio ed aspetto una sua cortese risposta.
Milvia Angela Codazzi - Milano

Buongiorno Signora Codazzi,
direi che la cosa migliore è sottoporre la sua gatta ad una visita oculistica accurata rivolgendosi tramite il suo medico veterinario curante ad uno specialista.
A Milano operano molti valenti colleghi esperti.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 10.10.2006

Buonasera Dottore.
Ho una meticcia di 5 anni molto vivace e mangia praticamente di tutto e non ha mai manifestato dolori o altri problemi di salute.
Però, da 2-3 giorni ha iniziato a grattarsi alla base della coda anche strofinandosi per terra e se la si tocca con la mano in quel punto ( sulla schiena vicino alla coda) non gli và molto a genio..ho notato anche come una specie di nodulo alla base della coda.Il cane ha un pò la mania di girare in tondoe prendersi la coda ..potrebbe dipendere anche da questo ?O anche dal fatto che recentemente abbiamo tagliato l'erba e lei ci si è buttata sopra ? la rigrazio anticipatamente .
Buonasera .
Matteo

Buongiorno Matteo,
direi che non posso esserle d'aiuto a distanza.
Il suo cane va visitato bene perchè quanto lei descrive non mi consente ipotesi cliniche.
Di certo tutte le neoformazioni vanno però indagate molto attentamente, anche attraverso esami di laboratorio quali la citologia per ago fine, e non lasciate lì a vedere se crescono. Troppo pericoloso per la salute del cane.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 11.10.2006

BUONGIORNO. IO HO UNA GATTA DI UN ANNO E MEZZO E MI SONO ACCORTA, ACCAREZZANDOLA, CHE HA UNA PALLINA (PICCOLISSIMA E DI FORMA OVALE) NEL COLLO A CIRCA 2 CM DALL'ORECCHIO. PUO' ESSERE UNA CISTI O SOLO UNA PALLINA DI GRASSO? MI DEVO PREOCCUPARE?
GRAZIE.

Buongiorno, non credo sia qualcosa di preoccupante, però deve fare vedere la gatta al suo medico veterinario in ogni caso.
Solo una visita può escludere patologie importanti e portare ad una diagnosi.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 12.10.2006

Ho acquistato un labrador retriver da un allevatore nella provincia di Napoli. Da cucciolo
aveva il pelo un po' lungo, l'allevatore mi disse che da grande l'avrebbe perso. Ma non e' andata cosi, oggi ha 10 mesi ed e rimasto con il pelo lungo. La mia domanda e' questa: e' possibile che un labrador retriver che di regola e' a pelo corto, nasce in rari casi a pelo lungo?

Grazie e Saluti
Vittorio Sannino

Buongiorno Vittorio, senza vedere il cane certamente non si può dare un giudizio sul manto. Immagino lei abbia un medico veterinario curante che potrà valutare la situazione facilmente.
Una possibilità è che il cane, essendo giovane, debba ancora cambiare il mantello.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti
Pagina  12345