**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Novembre 2006

Domanda del 6.11.2006

sono una mamma di due bimbe di 3 ed 1 anno vorrei regalare un cucciolo taglia piccolo, medio/piccolo quale cane mi consiglia?

Buongiorno, la scelta di una cane non si può risolvere con poche righe bensì deve essere fatta molto ragionata ed in base a tanti parametri che lei non mi fornisce. Le consiglio pertanto prima di prendere qualunque decisione di rivolgers ad un medico veterinario vicino a lei e di chiedere un pochino di tempo per avere risposte ai suoi quesiti.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 7.11.2006

Mi sono trasferito da circa tre mesi con il mi cane, un pastore tedesco di tre anni, ma purtroppo nel caos del trasloco ho smarrito il suo libretto sanitario. Cosa posso fare??

Buongiorno, provi a rivolgersi al suo medico veterinario curante ma soprattutto cerchi, cerchi, cerchi!!
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 8.11.2006

Gentilissimo dott.Mminetti, le scrissi tempo fa per un suo parere riguardo alla mia cucciolona di s.bernardo affetta da epilessia, risultata dalle analisi positiva al cimurro.
Come previsto, anche se prendeva luminale mattina e sera, le crisi sono aumentate, sempre piu volente fino ad avere uno stato epilettico che l'ha portata al coma e poi alla morte.
Essendo rimasta malissimo. tramite informazioni ho saputo che i proprietari dei genitori avevano con loro una femmina della stessa cucciolata, dopo insistenti richieste mi è stata venduta, affermando che il cane in questione non ha mai avuto problemi sin dalla nascita, anche se magrissima e reduce da una brutta gastroenterite.
Ora sono 10 giorni che è con me, si è rimessa pienamente, non mostra nessun problema apparente se non un'anomalia del sonno, ovvero ogni volta che si addormenta si agita, piange e muove le zampe.
Ora mi chiedo se e' un normale comportamento dovuto al sognare (ho altri cani che quando dormono si agitano) oppure essendo il cane della stessa cucciolata,potrebbe essere un'avvisaglia di un futuro problema di convulsioni epilettiche, considerando che il cane ha 6 mesi
La ringrazio vivamente, anche per il suo celere parere relativo al mio precedente caso.
Sabrina Russo

Buongiorno Sabrina, sono spiacente dell'esito della storia che lei ha raccontato. Rimanere scottati è davvero il minimo ed una qualche ragione di non essere proprio tranquilla lei ce l'ha anche oggi. Il cucciolone è vissuto insieme all'altro? Se si direi che non a me deve chiedere parere ma al medico veterinario che ha seguito la sua precedente vicenda, facendo eseguire esami di laboratorio e tutto quanto possa essere utile per capire se anche il nuovo cane abbia dei danni da virus cimurrale. Purtroppo sottolineo che uno dei sintomi principali del cimurro è la gastroenterite grave e la malnutrizione. L'epilessia è una delle sequele dei danni cerebrali del cimurro, non una malattia a se stante, e tali segni possono comparire anche a mesi di distanza dall'infezione.
Mi spiace quindi dirle che deve correre da un buon veterinario esperto in medicina interna e in neurologia.
Cari saluti e mi dia sue nuove.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 8.11.2006

il mio pastore tedesco ha 13 anni e da un po' trascina le zampe posteriori, in questi giorni ha difficoltà pure a camminare...è displasia? per ora non posso portarlo dal medico, cosa posso fare ?mi può scrivere alla mia email?
carlo bramanti

Buogiorno, purtroppo senza una accurata visita veterinaria comprensiva di radiografie alla colonna vertebrale ed agli arti posteriori in diverse proiezioni non si può fare diagnosi, dare terapia, ipotizzare una prognosi.
Ricordo che ogni terapia DEVE essere dopo la diagnosi, non si può assolutamente invertire l'ordine dei fattori per comodità o superficialità. La medicina di per se è già una cosa complessa che se gestita a casaccio diventa facilmente criminale.
Mi scusi la franchezza.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 9.11.2006

Buongiorno.
La contatto in quanto è da più di 1 mese che la mia gatta di 1 anno e mezzo tossisce spesso.
Ho pensato subito che avesse ingoiato del pelo (lei ha il pelo corto, ma spesso lecca l'altro mio gatto che è un persiano), ma non l'ha mai rigurgitato.
Negli ultimi 2 o 3 giorni questo fenomeno è amentato (circa 2 volte al giorno per 1 minuto abbondante a volta).
Cosa può essere e cosa posso provare a somministrarle?
Grazie.

Buongiorno, deve semplicemente far fare una accurata visita dal suo veterinario.
Le cure sono la conseguenza di una diagnosi non di un sintomo a casaccio.
Saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 9.11.2006

gentilissimo veterinaio, ho una gatta di poco più di due anni, è sterilizzata e non ha mai avuto cuccioli. ogni volta trovo nella lettiera o per terra del sangue, spesso quando fa pipì elimina sangue. sono molto preoccupata. spero che lei possa aiutarmi.
distinti saluti, grazie

Buongiorno, deve portare subito in visita la gatta poichè i sintomi che lei descrive possono essere relativi anche ad una semplice, ma dolora e fastidiosa, infiammazione della vescica (cistite) ma essi possono riferirsi a ben altro, da una calcolosi vescicale ad un problema uterino. In ogni caso l'intervento del medico veterinario, anche tramite l'esecuzione di radiografie, esame delle urine, ecografia, deve essere precose e ben impostato.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 9.11.2006

volevo solo un consiglio. ho dei problemi seri di salute in famiglia ma voglio bene al cane e ho chiesto per questo. sinceramente poteva anche risparmiarsi quella frecciatina sulla superficialità. prima di dare del superficiale alle persone si assicuri lei di non esserlo prima. grazie tante.
carlo bramanti

Buongiorno a lei, io mi occupo di animali e della loro salute, non posso occuparmi dei problemi del mondo e delle persone in genere. Ad una precisa domanda devo rispondere da medico e non da altro. La superficialità dei comportamenti nei confronti della salute degli animali è talmente diffusa che mi permetto, e continuerò a farlo, di sottolinearla in ogni mio messaggio, quando ciò lo richieda. Questo perchè si crei anche in Italia una vera cultura e non una sottocultura come l'attuale. Se lei si ritiene offeso da parole generiche (e non rivolte a lei in particolare)scritte in risposta ad una domanda che altra risposta non poteva avere è evidente che oltre ad avere problemi in famiglia (di cui mi duole) non ha ben chiaro il senso del mio messaggio, e ciò non mi tocca a livello personale ma solo per il dolore e la sofferenza che ciò causa al suo cane.
Questa è la realtà dei fatti, lei la pensi come crede.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 10.11.2006

Come si diagnostica nel primo mese di vita un'idrocefalia in un cucciolo ?

Buongiorno, il primo passo diagnostico è una visita specialistica presso un medico veterinario che si occupa di neurologia. In seguito alla visita l'iter diagnostico potrà essere anche complesso, con esecuzione di Tomografia Assiale (TAC) o con Risonanza Magnetica (RM), oltre che con radiografie al cranio ben eseguite.
Cerchi, se le necessita, in breve tempo un medico veterinario specialista.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 10.11.2006

Gentile Dott. Minetti, ho un volpino italiano rosso di sei anni e mezzo che da qualche settimana manifesta alcune volte al giorno dei preoccupanti tremori che sembrano di natura neurologica. Interessano esclusivamente la zona testa-collo, quindi non la parte posteriore del corpo nè gli arti. Quando il cane non ha queste crisi (solo tremito accompagnato da uno stato di sofferenza e nient'altro) è normalissimo.
Le crisi sopravvengono 2-3 volte al giorno, sempre quando il cane fa la sua passeggiata, talvolta dopo momenti di grande agitazione (es: suona il campanello e arriva qualcuno).
Abbiamo fatto analisi del sangue (negative anche per toxoplasmosi) e lastra alla zona cervicale: c'è un minimo di artrosi ma non tale da giustificare i sintomi.
Da ieri sta assumendo un cortisonico ed è già migliorato moltissimo.
Noi siamo trentini: conosce qualche medico specializzato in neurologia qui nel nord-est? E una clinica dove poter effettuare una TAC?
Le ipotesi che ci si presentano sono 2:
- epilessia incipiente per adesso con sintomi sfumati
- fenomeno di compressione che interessa cervello e/o annessi (patologia tumorale? Che altro?)
Come mai migliora con l'antinfiammatorio?

Grazie per la cortesia e scusi la lunghezza...
Francesca

Buongiorno Francesca, l'iter che avete iniziato è sicuramente corretto. Le ipotesi diagnostiche sono ambedue credibili, considerando sia l'età sia la comparsa dei sintomi. In questo momento è interessante la sua informazione circa il miglioramento dei sintomi sotto terapia cortisonica (antiinfiammatoria): ciò non farebbe pensare ad una epilessia primaria ma secondaria a fenomeni infiammatori/compressivi/neoplastici. Giusto quindi proseguire con indagini quali TC e/o RM. Poichè i colleghi che stanno seguendo il caso di certo sapranno dove indirizzarla per tali esami mi pare corretto chiedere a loro. Io peraltro non posso assolutamente farlo da queso sito.
Mi faccia sapere.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 13.11.2006

salve, io ho un bellissimo labrador retriver di sei mesi, cosa posso fare per fargli smettere di rosichiare tutti i tipi di legna?
sta perdendo i denti, gli ricrescono?

grazie
andrea

Buongiorno Andrea, il suo cagnone sta cambiando i denti da latte da parecchie settimane per fare poi uscire i denti definitifi da adulto. Come i bambini tale evento è fastidioso, talvolta doloroso, e sicuramente il gioco del rosicchiare è in gran parte legato proprio a questo problema.
Al termine della dentizione, che potrà avvenire a breve, entro 1-3 mesi, in modo più soggettivo che altro, il vizio potrebbe in buona parte ridursi. Ciò non è però assolutamente certo, anche perchè potrebbe essere naturale rosicchiare legni ed ossa in un cane!
Faccia un controllo quindi dal suo veterinario curante sulla dentizione, e poi insieme valutate il problema.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti
Pagina  123456