**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Giugno 2006

Domanda del 5.6.2006

Gentile Dottore,
ho un maltese di circa 2 anni e mezzo, femmina.
a giorni avrà un nuovo calore e noi in famiglia ci troviamo di nuovo di fronte alla difficile decisione: farla accoppiare e avere dei cuccioli oppure sterilizzarla?
il mio veteriario ci ha infatti consigliato di non farle avere ulteriori calori "a vuoto", in quanto ciò potrebbe aumentare il rischio di tumori ovarici
(inoltre poco tempo fa lei ha avuto una gravidanza immaginaria). altri veterinari mi hanno invece detto che il rischio di tumori si riduce soltanto sterilizzando prima del primo calore, altrimenti non ha senso.
qual'è la sua posizione?
un'ultima cosa: io vorrei far figliare il mio cane solo se per lei fosse una "bella esperienza". Secondo lei al mio cane "fa piacere" partorire o è solo una "scocciatura"?
la ringrazio infinitamente,
francesca

Buongiorno, diciamo subito che la gravidanza NON è una malattia. Ha dei rischi ma non è una malattia. Valuti i rischi ed i vantaggi col suo medico veterinario e decida di conseguenza. A 2 anni si può decidere di sterilizzare il cane eliminando al 100% il rischio di patologie ovariche ed uterine (tumori compresi) senza alcun dubbio. La sterilizzazione riduce inoltre in modo statisticamente significativo il rischio di tumori alle ghiandole mammarie che sono organi ovviamente correlati all'apparato riproduttore. Ridurre a zero il rischio di neoplasie alla mammella è impossibile pur andandoci vicino. Anche qui deve valutare attentamente con il suo veterinario vantaggi e svantaggi ed agire di conseguenza.
Alla domanda se al cane fa piacere partorire (immagino intendesse dire sia utile farlo!) non credo sia giusto applicare metri di giudizio tipicamente umani ad un animale. Per un animale esistono fondamentalmente necessità e non desideri come i nostri. Gli animali si riproducono per istinto di sopravvivenza, non per piacere. Pertanto ritengo ipotizzabile che la cosa intesa come "bella esperienza" riguardi solo ed unicamente voi in quanto proprietari. Il rispetto degli animali passa in primis dal rispetto della loro identità ed unicità senza umanizzarli in modo esagerato, pur essendo a tutti gli effetti dei componenti del nucleo familiare.
Riparli con il suo veterinario ripartendo da zero, troverà le risposte che cerca.
Cari saluti
Emanuele MInetti

Domanda del 5.6.2006

Buongiorno dottore.
Vorrei porre alla sua attenzione un problema tipico dei cani femmine che si evidenzia dopo il parto.Da alcuni mesi nel mio quartiere vive una "cagnolona" di razza meticcia e taglia media.E' stata sempre docile e tranquilla con tutti gli abitanti della zona finchè non è sopraggiunto il momento del parto.Da questo momento il cane ha evidenziato un comportamento protettivo verso i piccoli e aggressivo verso coloro che si avvicinavano al luogo dove erano riposti i cuccioli.In pochi giorni non ci è stato più possibile tenere in libertà il cane in quanto era divenuta un pericolo per i passanti,a lei si potevano solo avvicinare chi ha portato cure e cibo dall'inizio.
Da questo pomeriggio la cagnolona vive da sola (sempre al chiuso) in quanto sono riuscito a regalare l'ultimo dei tre cuccioli sopravvissuti (altri sette sono morti soffocati adalla stessa madre).
I più mi hanno confermato che l'animale si sarebbe tranquillizzato appena sarebbe stata separata dai piccoli.
Quello che le chiedo dottore,è se lei conferma questa tesi aggiungendo che il pericolo per il cane sono soprattutto i bambini,forse perchè sono stati i primi ad avvicinarsi nel luogo del parto nei primi periodi.
Il comportamento del cane è tutt'ora di agiatazione e stress.
E' quindi possibile secondo lei che il cane torni sereno come prima,ovviamente considerata la sterilizzazione e che viva in libertà?
Grazie.

Le risponde la Dottoressa Sabrina Giussani Medico veterinario che si occupa prevalentemente di Medicina Comportamentale:
"Buongiorno,
è difficile sapere che cosa accadrà in futuro senza effettuare una visita comportamentale.
Il comportamento di aggressione materna in presenza dei cuccioli può essere considerato
normale ma per valutare complessivamente il "quadro comportamentale" della cagnolona
avrei bisogno di altre informazioni. Queste purtroppo vanno prese direttamente sul posto e non riferite con una semplice e-mail. Veda se nella sua zona di residenza, attraverso le conoscenze del suo Medico Veterinario di fiducia, riesce a trovare un esperto in medicina comportamentale.
Cari saluti.
Sabrina Giussani - Medico Veterinario"

Domanda del 5.6.2006

vorrei sapere come comportarmi dopo un parto
per far andare via il latte dato che i cuccioli sono stati tutti svezzati devo dare qualcosa alla canina o il latte se ne va da solo?
grazie

Buongiorno, deve portare la sua cagna ad una visita veterinaria. Infatti solo dopo una attenta diagnosi si potrà definire una adeguata terapia che sicuramente, se le cose sono come lei descive, sarà risolutiva.
Cari saluti.
Emanuele Minetti

Domanda del 6.6.2006

Buongiorno,
Le scrivo da Genova .
Ho 2 cani, un dogue de bordeaux e un meticcio incrocio fra un partore tedesco e un fila brasilero . Quest'ultimo che compierà ad agosto 3 anni e stato avvelenato 2 volte dal mio vicino di casa . Ho trovato sul terrazzo del veleno x topi, ma so che e letale . Il cane ha perso 23 Kg ( era 57 Kh ora e piu o meno 32, 33 Kg) ha gli occhi sempre rossi mangia anche piu del dovuto ma non recupera peso . Lo recuperera? devo sottoporlo a qualche particolare regime dietetico o cura ? Grazie, sono molto in apprensione . Buongiorno Valentina

Cara Signora Valentina, la situazione clinica che descive è francamente allarmante. Dalle sue parole non mi pare lei abbia sottoposto il cane a visite ed indagini ulteriori a quelle di urgenza e, francamente, non capisco come mai.
Lo porti subito in un centro veterinario attrezzato e si occupi con solerzia del suo cane.
La cosa non si risolve con una semplice domanda! E non si scoraggi.
Se ha le prove dell'avvelenamento può denunciare la persona che ha avvelenato i cani poichè la legge è dalla sua parte. Può anche chiedere i danni subiti.
Cari saluti.
emanuele Minetti

Domanda del 6.6.2006

Il mio cane vomita liquido giallo da ieri pomeriggio: può essere stato avvelenato?

Buongiorno, vada dal suo Medico Veterinario quanto prima.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 6.6.2006

Gentile Dottore,
ho una cagnolina di due anni alla quale proprio la scorsa settimana ho fatto il vaccino contro una zanzara di cui ora non ricordo il nome. La dottoressa mi parlava, però, anche di un altro tipo di zanzara che provoca gravi problemi e per la quale non esiste vaccino. Mi raccomandava quindi di usare sempre i prodotti contro le pulci, zecche e zanzare perchè rappresentano l'unica protezione.
Le chiedevo questo: se mi dovessi trovare con la mia cagnolina in piena estate in un posto all'aperto e frequentato da questi antipatici e pericolosi insetti, posso utilizzare un pò di Autan per essere maggiormente tranquilla?
La ringrazio

Buongiorno, torni dal suo medico veterinario e riparli bene e si faccia bene spiegare la questione delle zanzare. Infatti una cosa è la Filariosi, malattia trasmessa al cane per tramite di zanzare infestate da larve, altra cosa è la Leishmaniosi, malattia trasmessa al cane da "simulidi", ovvero papatacci. Esse sono due cose diverse ma non esiste vaccinazione per nessuna. Esistono profilassi per la Filariosi (iniezioni, spot-on, farmaci orali) e barriere antiparassitarie per la Leismaniosi (collari, spot-on, spray). Per la Leishmaniosi si faccia spiegare bene il rischio che corre il cane sulla base di dove lei risiede e su dove passerà eventualmente le vacanze estive; non faccia dormire comunque il cane all'aperto di notte.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 6.6.2006

Ho perso o meglio mi hanno portato via la mia cagnolina domenica 04-06-2006 presso il parcheggio della piscina di Grotta Giusti presso Monsummano Terme(PT).Se qualcuno l'ha messa in macchina e portata in un'altra regione,come faccio a ritrovarla?La cagnolina ha un microcipc ma non il collare.Si chiama Milly, é un incrocio fra un pincher e un bassotto,ha il pelo corto di colore marrone chiaro.Il numero del microcip é968000002157515.Sono una bambina di 11 anni e Milly é la mia Compagnia.La prego mi aiuti,sono disperata.Grazie Sara

Cara sara, mettete annunci ovunque su internet ecc...
E scrivete a "persi e ritrovati" di Prontofido!!!
Dacci notizie!
Emanuele Minetti

Domanda del 7.6.2006

Gentilissimo Dottor Minetti,
ho un pastore tedesco maschio di 5 anni e da ieri 06/06/2006 starnutisce. E' possibile, che abbia preso un raffreddore? Devo consultare il mio veterinario? Grazie in anticipo della risposta.
Maria Pia da Torino

Cara Maria Pia, vista la stagione ritengo opportuno che lei faccia visitare oggi stesso il cane. Infatti può essere una banale rinite ma può anche trattarsi di un corpo estraneo (per esempio una spiga) che il cane annusando a terra ha involontariamente infilato in una narice.
Prima viene visitato e meglio è.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 7.6.2006

Buonasera dottore, l'altra sera portando a spasso il mio cane di 2 anni ho notato che c'era del sangue nelle urine, ma è stato l'unico episodio e non presenta altri sintomi.. E' grave? si dovesse ripetere questo episodio cosa devo fare?
Grazie

Buongiorno, il sangie nelle urine (ematuria) è un sintomo importante da non sottovalutare mai. Il cane deve essere quindi visitato subito, bisogna eseguire almeno una radiografia dell'addome (per valutare lo stato della vescica e l'eventuale presenza di calcoli) ed un esame chimico-fisico delle urine con sedimento al microscopio. Si rivolga al Medico veterinario curante, che peraltro conosce bene il cane, per iniziare l'iter diagnostico.
Cari saluti.
Emanuele MInetti

Domanda del 10.6.2006

Stamattina ho trovato il mio cane con la coda piena di sangue e lui la stava mordicchiando ,ho lavato la ferita ,e ho visto dei piccoli ragnetti rossi. cosa devo fare?

Buongiorno, la diagnosi di specie in questo caso deve essere posta dopo un visita veterinaria.
La possibile infestazione da parassiti esterni da lei individuata può essere dovuta alle pulci, a pidocchi, ma anche a parassiti non tipicamente presenti sui cani. Pertanto solo una diagnosi diretta saprà rispondere alla sua domanda, anche per impostare una adeguata terapia per eliminare la causa ma anche per curare le lesioni cutanee che il cane, con l'autotraumatismo dovuto al prurito, si è creato.
Eviti il fai da te ed i consigli degli amici.
Inoltre se la temperatura ambientale è calda le ferite vanno velocemente incontro a macerazione con suppurazione rendendo molto più lunghe e costose le cure da attuare.
Cordiali saluti.
Emanuele Minetti
Pagina  1234567