**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Giugno 2006

Domanda del 28.6.2006

La mia cagnolina beagle di 6 anni ha sempre avuto problemi di gastrite. E' voracissima, come tutti i beagle, ma è spesso soggetta a vomito, spesso notturno.
Vorrei sapere se con il caldo è normale che vomiti quasi tutti i giorni (si tratta di schiuma giallognola senza tracce di cibo).

Buongiorno, la diagnosi di "gastrite" da lei riferita può essere corretta oppure no. Infatti non è affatto semplice definire senza specifiche indagini in un cane la natura di un vomito cronico come quello descritto. Le indagini strumentali sono quasi tutte abbastanza complesse: inizierei dal far eseguire varie radiografie addominali almeno in 3 diverse proiezioni a vuoto e nel caso poi un pasto opaco con contrasto. Se da ciò non emerge nulla si può far eseguire una ecografia addominale. Questi sono comunque esami non dolorosi, non pericolosi, non invasivi, da farsi senza necessità di sedazione od anestesia. Qualora non emerga nulla (ed è possibile!) deve fare eseguire una indagine endoscopica (gastro-duodenoscopia) che nel cane necessita per forza di una anestesia generale con prelievi bioptici mirati. Essendo un esame specialistico deve rivolgersi ad una struttura di alto livello con un medico veterinario esperto di gastroenterologia.
Nel frattempo può migliorare la situazione suddividendo la quantità di cibo giornaliera in più dosi, iniziandone la somministrazione al mattino appena sveglia e riducendo gli intervalli fra i pasti a 4-5 ore: è possibile che tale piccolo espediente dia già un miglioramento sintomatologico.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 28.6.2006

Gentile Dottore, ho un gatto Siamese femmina di 8 mesi. La gatta mangia crocchette formula Kitten e cibo confezionato umido in scatolette nelle quantità e nelle proporzioni riportate nella tabella delle confezioni. Le chiedo con quali altri alimenti posso integrare la dieta: riso, pasta , ma in particolare mi interessa sapere con quali vedure (cotte e/o crude)? Inoltre va matta per lo jogurt e lo stracchino; glielo posso dare? E' vero che per i gatti Siamesi, in particolare, è preferibile evitare un regime alimentare esclusivamente a base di carne in quanto provocherebbe un prematuro iscurimento del mantello? Grazie della Sua preziosa risposta.

Buongiorno, chiariamo subito un concetto sull'alimentazione: la "dieta" (non quella dimagrante bensì quella quaotidiana!) di un animale domestico deve essere prima di tutto EQUILIBRATA. Ciò significa che deve contenere nella giusta misura e qualità tutti i componeneti necessari all'organismo per poter "funzionare" nel modo migliore. Il gatto è diverso dal cane, non può quindi mangiare come un cane, e viceversa. Per tale motivo è assolutamente inidspensabile che i nostri animali vengano nutriti con alimenti industriali di buona qualità poichè questo è l'unico vero modo pratico per fornire le sostanze nutritive necessarie ogni giorno. Una dieta preparata in casa non potrà mai essere equilibrata e completa come quelle industriali di buona marca. Quindi non serve una dieta "ricca" (carni costose, alimenti sofisticati, ecc) ma semplicemente una buona alimentazione di base. Le possibilità oggi sono decine (centinaia...) quindi anche il problema del variare i gusti non esiste. Si può ovviamente inserire anche ogni giorno assaggi di altri alimenti, con il rischio però che il gatto poi non voglia più mangiare la dieta di base. Secondo il mio parere di oltre 25 anni di esperienza è possibile ragionare a tavolino col proprio veterinario su questi argomenti, e trovare quindi una via soddisfacente per il cuore del proprietario e per la salute del gatto!!!
Un regime a base di sola carne NON è assolutamente indicato perchè non equilibrato: lo eviti, a parte le leggende sui mantelli che cambiano colore...di cui non so assolutamente nulla!!
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 30.6.2006

possiedo un siberian husky femmina di 13 anni.Ultimamente ,soprattutto con l'arrivo del caldo, prende a leccarsi lateralmente sopra el zampe anteriori (da entrambi i alti) fino a crearsi ferite che devo provvedere a disinfettare con la titntura di iodio e che inevitabilmente continua a leccare ae quindi a peggiorare.
Secondo lei quale può essere la causa?
Grazie mille per la disponibilita'
Romy Schiariti

Buongiorno Signor Schiariti, lei deve sottoporre il cane ad una accurata visita veterinaria possibilmente con un medico veterinario esperto in dermatologia. E' possibile si tratti di una atopia (allergia).
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 30.6.2006

Buongiorno dottore,le scrivo da Roma e le espongo subito il problema.
Alla mia cagnolina di quasi 5anni (American Staffordshire Terrier)è stato diagnosticato un linfoma a piccoli linfociti dopo che il mio veterinario le ha asportato un linfonodo e fatto in seguito analizzare x appunto un ingrossamento improvviso dei linfonodi.
Inizialmente con la sola biopsia l'esito era risultato negativo ma trovando il veterinario anche un'anemia dai vari prelievi,ha voluto andare più a fondo,e questo è ora il reale risultato.
Mi è stato detto che è ai primi stadi e abbiamo cominciato mercoledì 28/06 una chemio terapia con durata di 2mesi con flebo di Vincristina,pasticche di Endoxan,Deltacortene e l'Afisolone che è stato x il momento ordinato ma non ancora usato.
Lei pensa che come cura possa andare e possa avere comunque pesanti effetti collaterali?
E che percentuale può avere di riuscita?
Non la disturbo oltre,e in attesa di cortese risposta le invio cordiali saluti.

Buongiorno, sinceramente ho davvero poco da dire in un caso così chiaro e ben affrontato sia dal suo medico veterinario che da Lei.
Purtroppo mi è impossibile dare una risposta alla sua vera domanda ed alla sua ansia giustificata.
Lei sa che la situazione è seria, il tempo ed il suo ottimo veterinario curante saranno in grado di risponderle.
Con sincera partecipazione, cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 30.6.2006

In vista delle vacanze estive devo fare un viaggio in aereo della durata di un'ora e mezza, il mio cane che ha un peso superiore ai 10Kg viaggierà in stiva, vorrei sapere come può reagire , se può subire traumi per i vuoti d'aria o per altitudine, se ci sono delle controindicazioni particolari o delle precauzioni da prendere.
Grazie

Buongiorno, è uno dei problemi di questi tempi di vacanze.
Se il cane è in buona salute secondo il medico veterinario che lo ha in cura normalmente non ci sono problemi.
Un recente prodotto a base di feromoni da spuzzare nella gabbia da trasporto è molto utile in tutti i casi di viaggio cui l'animale non è abituato.
Chieda consiglio al collega che le cura il cane.
Cari saluti.
Emanuele Minetti
Pagina  1234567