**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Luglio 2006

Domanda del 2.7.2006

Settimana scorsa ho portato a tosare il mio cane e, dopo un paio di giorni mi sono accorta accarezzandolo che dallla testa alla coda è pieno di brufoletti che cosa può essere? Ho telefonato al negozio dove ho portato il cane a tosare per sapere se avevano usato uno shampoo non adatto al suo pelo, ma mi hanno detto che era impossibile e che la colpa è del caldo eccessivo. in attesa di una sua risposta le porgo distinti saluti.
in fede
doggy61

Buongiorno, dalla descrizione che lei ha fatto è possibile si tratti di una foruncolosi diffusa, una dermatite, probabilmente in seguito proprio alla pratica della tosatura e del lavaggio, magari effettuati con tosatrice non disinfettata e con prodotti aggressivi o cui il cane è allergico. Per stabilire tale evenienza deve fare visitare il cane dal suo veterinario di fiducia. Di certo il caldo non fa venire i brufolini, la risposta che lei ha ricevuto è ridicola, e "difensiva", senza motivo, anche perchè nessuno ha accusato nessuno di cattiva condotta o scarsa professionalità. Un solo appunto: quando si tratta di salute animale le uniche figure che ne sanno e che vanno interpellate sono i medici veterinari, non di certo i lava cani! Lei chiederebbe una consulenza dermatologica alla sua estetista o al suo parrucchiere? Io no, mai e poi mai!
Cari saluti.
Emanuele Minetti

Domanda del 3.7.2006

Da alcune settimane il mio labrador di un anno e mezzo si lecca e mordicchia frequentemente i polpastrelli delle zampe anteriori.
Quale può esserne la causa ? Ho controllato più volte tra le dita ma non mi sembra di aver notato nulla di anormale.
Può dipendere dall'alimentazione ?

Buongiorno, può dipendere da una intolleranza/allergia alimentare così come da una vera allergia/atopia che si manifesta clinicamente con un prurito localizzato agli arti. Tale manifestazione clinica deve essere attentamente valutata passando da una accuratissima visita dermatologica e da eventuali esami di laboratorio. Non sottovaluti la questione perchè potrebbe essere per tutta la vita una vera sofferenza.
Vada dal suo medico veterinario quanto prima.
cari saluti.
Emanuele Minetti

Domanda del 3.7.2006

Gentile dottore, sono un po' preoccupata per il mio Prince( pastore tedesco di 1 anno) perchè sono giorni che spesso vomita, sia di mattina come succhi gastrici, sia appena dopo aver mangiato e credo sia tutta colpa delle api ed altri insetti vari.
Prince e Luna ( sua compagna di circa 2 anni) hanno la cattiva abitudine di rincorrere ogni insetto, volante e non, in giardino e soprattutto Prince dopo averli ammazzati li mangia, a volte quasi vivi. In questi giorni di grande caldo poi ce ne sono tanti per cui credo che alla base di questo disturbo ci sia questa motivazione, infatti nei residui di cibo trovo sempre insetti morti.
Vorrei sapere, a parte di ciò che posso fare nei limiti del possibile, se può diventare pericolosa per il suo stomaco questa situazione.
Preciso che Prince ha comunque sempre tanta fame e mangerebbe di tutto, è sveglio e vivace come sempre.
Grazie, attendo una Sua risposta e invio i più cordiali saluti!
Anna

Buongiorno signora Anna, ma che brutte abitudini hanno i suoi cani! Comunque gioco/atteggiamento frequente, di solito esso causa qualche problema, in linea di massima ciò che lei ha visto. Altre volte i cani vengono punti e sviluppano reazioni locali e/o generali, fino alla vera reazione anafilattica, o anche allo shock anafilattico. In realtà la prima cosa da capire è quanto il vomito sia in relazione all'ingestione di insetti , più o meno vitali. Bisogna quindi per qualche giorno tenere i cani in altro ambiente (in casa) e vedere se il vomito cessa. Se smette è abbastanza probabile sia il gioco la causa del sintomo; tenga però presente che il fatto che i cani vomitino è l'unico sistema difensivo valido che il loro organismo mette in atto per espellere alla svelta il problema e per eviarne di peggiori. Di per se gli insetti non sarebbero un problema, lo diventano se ancora vitali pungono non solo le parti esterne (cute, mucose labiali o nasali) ma anche le mucose del tratto gastro enterico (dal cavo in giù, fino allo stomaco) ove possono dare origine anche a seri fatti infiammatori, edemi, ulcere ecc.
Non posso sapere quanto la situazione possa diventare rischiosa, di certo cercherei un modo per dissuaderli e distrarli dal loro comporatmento. Sarebbe il caso di contattare un medico veterinario esperto in medicina del comportamento per ulteriori e specifici consigli sul campo.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 5.7.2006

Buongiorno,
hanno diagnosticato una cistite idopatica cronica ad un gatto maschio di due anni. Abbiamo consultato vari veterinari, ma non sembra esistere una cura effciacie.
Lei cosa ne pensa?? Esistono farmaci o terapie validi?
grazie
Debora Brivio

Buongiorno Signora Debora, esistono prospettive di cura e guarigione se si affronta il problema cistite idiopatica in modo multidisciplinare. Necessita sicuramente una diagnosi certa, un protocollo terapeutico di nuova generazione (è uscito da poco tempo un prodotto che potrà facilmente provare), e sicuramente un'approccio di medicina comportamentale molto accurato. Non dimentichiamo però le allergie (quasi sempre sottovalutate quando si parla di apparato urinario) e le intolleranze alimentari.
Cari saluti.
Emanuele Minetti

Domanda del 5.7.2006

Carissimo Dott. Minetti, sono nuovamente io, la ragazza del boxer, con il tumore alla zampa anteriore, che le aveva domandato un parere per quanto riguarda l'amputazione dell'arto, e la sua risposta mi ha fatto molto pensare, al punto che, lunedi' ho parlato con il mio veterinario e x il prossimo lunedi', cioè il 10/07 faro' amputare la zampa alla mia bambina, anche perchè le ulcere sono ormai quasi tutte aperte e penso, per quanto non lo dia a vedere che stia comincinado a soffrire davvero. Spero che Mara (si chiama cosi' la piccola), non mi odi svegliandosi con una zampa in meno dopo undici anni di corse e giochi sfrenati, questa è la mia seconda paura, la prima è che l'intervento vada bene, senza complicazioni, ora penso di non potermi rimproverare nulla e non aver lasciato niente di intentato. La ringrazio x avermi fatto riflettere, le scrivero' per farle sapere com'è andata. Arrivederci Alessandra.

Cara Alessandra, posso solo dirle che sta facendo la cosa giusta! Usi tutta la sua energia per pensare positivo e stare con tutta se stessa vicino al suo cane.
La sentirà, senza bisogno di inutili parole.
La ringrazio per avermi fatto partecipe della sua storia.
Cari saluti e... a presto!
Emanuele Minetti

Domanda del 5.7.2006

la mia cagnilina ha il cimurro o così pare l'ha contratto prima di poter essere vaccinata nn c'è nulla da fare?lei ha 2 mesi e mezzo è una yorkshire il suo fratellino è già morto 1 mese fà dopo il vaccino esattamente 10 giorni dopo, lei nn era stata vaccinata al tempo perchè era troppo piccola pesava circa 2 etti e mezzo e nn avevano capito che lui era morto di cimurro, adesso a distanza di 1 mese sta malissimo anche lei è quasi in coma, domani mattina il veterinario avrà degli anticorpi ma temo che sarà tardi, forse a domani nn arriva ma nn c'è nulla da fare?? e adesso che ho altre 2 cucciolate di 15 giorni oltre agli anticorpi che si può fare?Moriranno anche questi? Sono disperata!

Buongiorno, il cimurro è una malattia virale molto grave e per la quale non esistono terapie specifiche ed efficaci. Bisogna quindi prevenire vaccinando tutti i cani, compresi gli adulti, ma soprattutto le femmine che si intende far riprodurre. Infatti la migliore protezione per un neonato è avere una copertura verso la malattia tramite gli anticorpi materni trasmessi per via placentare. Ritengo quindi che le madri di questi cani non fossero adeguatamente protette e non abbiano quindi dato la protezione passiva ai loro figli. Il suo medico curante dovrà valutare anche quindi i titoli anticorpali nelle fattrici.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 7.7.2006

tre mesi orsono ho recuperato con l'aiuto del suo spendido labrador tre cuccioli di cane , presumibilmente abbondonati dalla nascita. oggi ancora molto timorosi al punto che non ho ancora portuto far somministrare loro i vacini . il problema è che sono due femmine ed un maschio ed una di questa ha iniziato il proestro. Potreste comunicarmi quando è possibile far sterelizzare e se è consigliabile l'intervento di solo ovariectomia alle due piccole e se la regione lombardia ha previsto delle convenzioni o aiuti per le spese- grazie

Buongiorno, direi che Lei ha una situazione complessa da gestire. Una visita per tutti è il primo passo da fare, magari cercando di capire se è possibile eseguire una prima valutazione della situazione comportamentale dei cuccioli nello stesso contesto. Imposterà la prevenzione anche delle malattie più importanti, filaria compresa. La sterilizzazione precoce è pratica corrente da valutarsi di volta in volta con il proprio medico veterinario di fiducia, e ciò vale anche per il tipo di intervento da eseguire. Per quanto riguarda eventuali dconvenzioni deve contattare la sua ASL territoriale.
Cari saluti.
Emanuele Minetti

Domanda del 7.7.2006

bn sera dottore, io sono una bambina di 8 anni e mi chiamo sofia. ho un cane di circa 10 anni meticcio di nome pepe. dopo che qualche scemo gli ha dato un calcio perchè seguiva sempre le cagnette in calore, portandolo dal veterinario perchè zoppicava mi hanno detto che ha un po di artrosi e la zampina destra posteriore la trascina un po. non c'e niente da fare? grazie mille .

Buongiorno Sofia, penso che il suo medico veterinario abbia prescritto una terapia antiinfiammatoria ed antidolorifica. Per i danni dovuti all'età c'è poi poco da fare anche se è possibile cercare di rallentare un pochino la progressione dei problemi legati al tempo che passa.
ne riparli con il suo veterinario e chieda una terapia di lunga durata.
Cari saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 8.7.2006

Salve Dottore,mi chiamo Laura ed ho una femmina di labrador di 2 anni di nome Swami.Durante i festeggiamenti per la vittoria dell'Italia eli si è agitata tantissimo,correva per tutta la casa abbaiando,e dopo restava inquieta.Volevo chiederle se in questi casi era possibile darle qualche calmante,e di che tipo.Grazie mille e ...... Forza azzurri!!

Buongiorno Laura, anche i miei due cani hanno avuto tremori ed agitazione. Ciò non significa che sia indispensabile dare loro dei sedativi! Spesso basta tranquillizzarli con la voce e le carezze, anche perchè le assicuro che a parte un leggero rimbambimento i calmanti non pericolosi per il cane non allontanano la paura e non evitano lo stato di agitazione. Nel caso può provare ad usare i feromoni chiedendo al suo medico veterinario curante.
Cari saluti e ... Grandi azzurri!
Emanuele Minetti

Domanda del 9.7.2006

Buongiorno Dottore, posseggo un labrador femmina di ormai 10 mesi, vive in un giardino grande, noto però che sta perdendo tantissimo pelo...Vorrei sapere se è normale visto che ne ha già cambiato parecchio quando aveva 5 mesi. Distinti saluti e grazie, Giacomo

Buongiorno Giacomo, la muta è un evento naturale che si verifica nei cani che vivendo all'aperto seguono l'andamento delle stagioni climatiche. Ora fa caldo ed il suo labrador si toglie cappotto e maglioni come abbiamo fatto noi, adattando il manto alla stagione ed eliminando il pelo vecchio. In alcuni casi le mute possono essere anomale e/o le perdite di pelo patologiche ma in questa sede mi è impossibile darle un parere.
Da quello che dice posso però supporre che siamo di fronte ad un semplice "cambio degli armadi"...
Cari saluti
Emanuele Minetti
Pagina  123456