**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Aprile 2007

Domanda del 1.4.2007

Salva dottore...sono proprietaria di Jolie,una splendida Boledogue Francese di 9 mesi.Appea arrivata in casa, l'abbiamo nutrita con crocchette Royal Canin per cuccioli, e carne di tacchino ben cotta. Poi però ha iniziato ad avere moltissime macchie rosse in tutto il corpo (soprattutto sotto il pancino), vomitava sempre dopo i pasti e la veterinaria ha riscontrato un intolleranza alle proteine della carne. Così siamo passate al cibo fatto in casa, seguiamo una dieta bilanciata a base di pesce, riso, verdure...non mangia nessun tipo di carne, e le diamo solo snack o biscottini al pesce.Però ogni tanto le spunta un puntino sull'addome...piccolissimo, ma somigliante alle chiazze rosse che aveva inizialmente...e se non la fermo lei si lecca, finchè non diventa enorme...a cosa può essere dovuto?

Buongiorno, le intolleranze alimentari che possono manifestarsi con sintomi cutanei tipo orticaria sono estremamente complesse da valutare e da curare. I prodotti industriali possono contenere anche altre sostenze cui il cane è allergico (farine ed olio di mais, la soia, la barbabietola, il lievito, ecc) cos' come essere allergico al riso.
Ciò giusto per dirle che è complesso senza un protocollo complesso riuscire a gestire la cosa bene e nel tempo; esiste la possibilità di indagare con esami del sangue di ottima qualità sia le allergie vere (atopia/allergia inalante, allergia da pulci) sia quelle legate agli alimenti.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 1.4.2007

sono valentina ho una cagnolina di sei mesiasia meticcia quest'estate io e il mio fidanzato la portiamo in una villa in Calabria affittata per lei in modo che possa stare più tranquilla(villa recintata con molte zone d'ombra e molto verde)il problema è che soffre molto la macchina con vomito anche a stomaco vuot.nON ME LA SENTO DI METTERLA IN UNA PENSIONE E STARE LONTana da lei per 15 giorni.Anche se ho 21 anni per me e per il mio fidanzato è come una figlia(vive a casa del mio fidanzato che vive da solo e sono praticamente in simbiosi)per cui vorrei qualche consiglio per il viaggio come comportarci mediamente quante soste fare e se esistono pastiglie che le rendano il viaggio un pò meno traumatico.Tenga presente che noi partiremmo alle sei di sera per viggiare di notte anche per evitare di fare sopportare alla cucciola tante ore di viaggio sotto il caldo cocente di luglio la prego di rispondere e colgo l'occasione di ringraziare tutte le persone come lei che cercano di dare una dignità agli animali e che cercano di educare le persone a essere dei padroni migliori.Avete tutta la mia stima
cordiali saluti
valentina

Buongiorno Valentina, grazie per la stima. Ora vada dal suo veterinario curante, che conosce il cane bene, e ponga le stesse domande a lui. Infatti non esiste un sistema unico per tutti i cani per risolvere e/o gestire il problema che mi pone. Solo applicando le conoscenze proprie del medico al singolo soggetto si riesce a fare davvero una medicina di base di buona qualità, sempre e comunque legata al benessere del singolo animale, sempre nel rispetto proprio delle diversità di ognuno, ed anche del proprietario.
Apra un dialogo costruttivo con il veterinario, se non fosse soddisfatta delle risposte e dell'atteggiamento può cambiare professionista, così è il mondo e così vanno le cose.
Un caro saluto, vedrà che si porterà il cane in Calabria (e si ricordi di proteggerlo per i parassiti esterni bene, in particolare per le punture dei papatacci/flebotomi).
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 2.4.2007

Buongiorno, sono proprietaria di un meticcio di nome Teo , di circa 8 mesi è un cane splendido ma con un piccolo problema ....è agitato , salta sulle sedie , sui tavoli , morsica di tutto dalla plastica alla carte al legno , ogni cosa insomma .....distrugge la casa..Come posso ovviare questo suo problema ?Come posso calmarlo?Ringranzio anticipatamente per il suo aiuto ..

Buongiorno, ciò che lei descrive deve assolutamente essere valutato in una visita comportamentale completa eseguita da un medico veterinario esperto/specialista dela materia. Un semplice consiglio tramite e-mail non servirebbe a nulla se non probabilmente a peggiorare le cose. Bisogna quindi porre una diagnosi precisa ed attuare precise terapie e strategie di intervento in accordo anche con il suo veterinario curante.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 3.4.2007

buona sera,sono roberta da catanzaro.ieri sera stavo giocando con pablo il mio cucciolo di labrador di 6 mesi quasi,quando mentre correva è caduto per terra e ha guaitoe pianto per un minuto tenendo piegata a se la zampetta e aveva uno sguardo impaurito e dolorante.io mi sono accasciata a lui e l'ho rassicurato un po.dopo di che si è alzato e ha ricominciato a correre e a giocare.mha!!!!!il mio veterinario ha detto che è in generale un po esagerato e attore,ma non fino a fare la scena che ha fatto ieri sera.cosa devo fare le lastre non le vuole fare il dottore.buonasera

Buongiorno, se la situazione clinica è rientrata non vedo l'utilità di eseguire radiografie.
Se i sintomi si ripresentassero sarà il suo veterinario, che ha già visitato il cane, a decidere cosa sia utile fare.
Cari saluti, e abbia fiducia in chi ha visitato il cane.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 4.4.2007

Buongiorno Dr. Minetti, Le chiedo cortesemente un parere. Sono la proprietaria di un barboncino nano dell'età di nove anni.
Quest'estate avevo avuto l'impressione che il cane bevesse più del solito e soprattutto che, mangiasse in maniera esagerata rispetto a quanto lui sia abituato (è un cane che si autoregola...e per questo ha sempre il suo mangime a disposizione...). Ho avuto il sospetto che avesse il diabete e così gli ho fatto fare un prelievo di sangue (quando l'ho portato dal veterinario aveva mangiato e il valore rilevato del glucosio era 98). Il veterinario mi disse che era nei limiti ma non diabetico. Il cane poi ha ripreso ad alimentarsi in maniera normale (pesa sempre 6 Kg) ma l'impressione che beva più di una volta resta sempre. In data 12/3 gli ho rifatto fare nuovamente un prelievo (a digiuno) e questa volta il valore del glucosio rilevato è di 113.
Il veterinario mi ha detto che ancora non è da considerarsi diabetico, ma Le chiedo cortesemente conferma. Eventualmente come mi devo comportare?
La ringrazio anticipatamente e Le porgo cordiali saluti.
Loredana - Verona

Buongiorno Loredana, i valori della glicemia non sono da ritenersi al momento patologici. Il problema è casomai quello di approfondire la diagnosi alla ricerca del perchè vi sia un aumento della fame senza aumento di peso eseguendo altri esami di laboratorio, un pannello ematologico e biochimico completo, esame delle urine chimico-fisico, eventuali test ormonali.
cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 4.4.2007

Ho uno yorkshire di 28 mesi, acquistato da mia suocera ha vissuto con lei per un anno, me lo ha ceduto nel natale 2005. Lei lo teneva in casa ma sempre legato al guinzaglio attaccato alla finestra con pochi centimetri di spazio, ovviamente quando lo liberava diventava il terremoto in persona. Da quando è con me vive libero in casa, tutte le volte che ci è possibile gioca libero in giardino, senza troppi limiti. Nonostante questo, quando passa molto tempo senza vedermi, ad esempio quando rientro dopo una giornata di lavoro, ma anche quando mi alzo dopo una notte di riposo, lui è ipereccitato, salta in continuazione per diversi minuti, corre avanti e indietro molto agitato, fino al punto di farsi manacre il fiato. Io cerco di salutarlo con affetto e di calmarlo ma lui continua il suo "rito" per almeno dieci minuti poi finalmente si calma e si comporta normalmente. Vorrei aiutarlo, possibilmente in modo naturale, senza troppi medicinali. La ringrazio per qualsiasi consiglio saprà darmi. Distinti saluti, Simona.

Buongiorno, meno male che lei ha preso il cane, altrimenti avrebbe fatto davvero una brutta fine. In seguito ad una esperienza così traumetica devo dire che ciò che a lei pare un eccesso per me così preoccupante non è; la cosa sarebbe diversa se il cane mostrasse altri segni e sintomi di disagio comportamentale. Un buon sistema per fare stare meglio il cane è di usare i diffusori di feromoni appaganti, prodotto non nocivo per alcuno, con ottima risposta clinica, di facile uso, senza particolari controindicazioni (sono come dei diffusori di profumo da applicare alla spina di corrente). Dovrà andare dal suo veterinario curante e farseli prescrivere, dovrà usarli per un periodo non inferiore ai tre-quattro mesi di seguito e poi valutare il risultato.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 5.4.2007

Come si comporta "normalmente" il padre al momento della nascita dei cuccioli? Deve essere allontanato dalla femmina?
Grazie dell'attenzione
Distinti saluti

Buongiorno, non c'è una sola risposta, dipende dalla razza, dall'ambiente di vita, da tanti fattori che non si possono riassumere in poche righe. Comunque una cosa dovete controllare: se si tratta di un maschio aggressivo o problematico a priori.
Se vi rivolgete al vostro veterinario curante, che conosce si suppone ciò che io non posso conoscere, di sicuro avrete più aiuto.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 5.4.2007

BUONGIORNO DOTT.MINETTI,
PROPRIO IERI MIA SUOCERA, SAPENDO CHE AMO GLI ANIMALI, MI HA REGALATO UN CUCCIOLO DI YORKSHIRE NANO E' PICCOLISSIMO SIA DI TAGLIA CHE DI ETA' PROPRIO PER QUESTO VORREI ADDESTRARLO BENE ALMENO PER LE COSE PIU' IMPORTANTI AD ESEMPIO NON PIANGERE LA NOTTE O NON FARE I BISOGNI DENTRO CASA ANCHE PERCHè IO LAVORO TUTTO IL GIORNO E NON VORREI LASCIARE UN GROSSO IMPEGNO AI MIEI GENITORI.
cOSA DEVO FARE E POI DOVE MI CONSIGLIA DI TENERLO (TENGA CONTO CHE IO HO ANCHE UN BEL GIARDINO CON TANTO DI GARAGE) .
RINGRAZIANDOLA ANTICIPATAMENTE PORGO DISTINTI SALUTI
MARIA LAURA

Buongiorno Laura, la prima cosa da fare è una visita sanitaria presso un medico veterinario esperto in animali da compagnia.
Troverà le risposte che le servono ed i migliori consigli sulla base del suo animale, quindi a domande precise risposte precise, e non generiche.
Sa qui io potrei solo darle una serie di ovvietà; fra l'altro le informazioni che le servono sono lunghe e non adatte a questo mezzo di comunicazione.
Qualora poi avesse dei dubbi non esiti a riscrivermi.
Cari saluti.
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 5.4.2007

salve dott.
gli devo fare una domanda:
-Normale che un gatto siamese di 14anni quasi 15 perde i denti.......a quest'età?
-Grazie

Buongiorno, non è normale ma molto frequente, soprattutto se durante gli anni di vita del gatto non è stata fatta una adeguata igiene del cavo orale e quindi frequenti visite veterinarie.
Non posso conoscere le condizioni del suo gatto ma lei deve portarlo a visitare per questo problema.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti

Domanda del 5.4.2007

Quando posso sterilizzare la mia cagnetta? Ha 4 mesi e non è l'unica a stare in casa (ne ho 3) per questo preferisco sterilizzarla

Aspetto una Vs. risposta
Saluti
Eleonora Scalzone

Buongiorno Eleonora, si può optare sia per una sterilizzazione precoce, cioè prima del primo calore, sia per una posticipata, quando la crescita sarà più completa. E' un annoso problema che ha sia pro che contro, quindi deve discuterne col suo veterinario curante il quale insieme a lei può decidere la strada migliore da percorrere per il cane e la situazione in cui deve vivere. Non si può infatti derimere la questione in poche righe via mail.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti
Pagina  1234567