**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Febbraio 2008

Domanda del 1.2.2008

Buongiorno Dottore, vorrei un consiglio.
Ho una femmina di Golden retriver di 2 anni, vorrei farla accoppiare per fare una cucciolata, però mi sento dire che è ancora un pò presto, qual'è l'età giusta per far fare una cucciolata ad un cane?
Grazie.
Alessandra

Buonasera Alessandra, difficile senza avere una idea precisa dello sviluppo del cane dire se una gravidanza può essere consigliata o meno. Ne parli con il suo veterinario, che conosce la storia del cane, per decidere insieme se conviene rimandare oppure no la riproduzione. Le voci, le leggende metropolitane, comunque hanno sempre un sacco di fantasia ed un poco di verità, non le segua come vere. In genere una cagna di 2 anni è pronta per diventare mamma senza problemi.
Cari saluti
Dr Emanuele minetti

Domanda del 1.2.2008

Gentile Dottore, vorrei portare la mia cagnolina a camminare con me in montagna, ma temo che venga in contatto con qualche vipera e che venga morsa. Le chiedo:davvero il morso di questi serpenti è sempre mortale per un cane? esiste ancora un siero antivipera o, come mi è stato detto, non è più in commercio?
Grazie per la risposta, buon lavoro!
Giorgia

Buonasera Giorgia, il siero-antivipera non è più disponibile in libera vendita da tempo. Il rischio del morso di vipera esiste ma è piuttosto remoto nel cane, molto dipende dalla razza, dal carattere, dall'età. Le precauzioni che si prendono per noi (per esempio attaccare un campanellino/sonaglio al collare durante le passeggiate) hanno una utilità. Poi avere buon senso, evitare le pietraie eccetera. Non eviti le passeggiate, usi un poco di precauzioni, anche se il morso della vipera non è sempre mortale.
cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 1.2.2008

salve....
ho un piccolo chiuhauha , maschio di 8 mesi
mangia dei croccantini adatti per la sua età e la sera quando torniamo a casa cena con noi ...
mangiucchia un pò di pasta o carne ma lo vedo magro cosa devo fare per fargli mettere peso in modo sano ?
rifiuta di mangiare il latte che da piccolo adorava .
ma secondolei soffre di solitudine??' stando tutto il giorno da solo? ma è vero che i cani non hanno la cognizione dle tempo che passa ?
mai cani possono andare in depressione ?

Buonasera, le domande che fa a me devono essere poste al suo veterinario curante facendo un controllo clinico. Non fate niente di sbagliato in modo particolare ma avete bisogno di informazioni ed educazione nella gestione del cane in generale. Lo chiami e prenda un appuntamento.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 2.2.2008

buonasera,
da pochi giorni sono un felice proprietario di un rottweiler di circa 3 anni. il cane purtroppo per me, non può vivere al mio capezzale poichè vivo in caserma, e quindi lo tengo in pensione (nel canile dove viveva o meglio vive) con la differenza che prima era in gabbia con altri cani, ora è da solo e io lo porto sempre a spasso e cerco di dedicargli più tempo possibile.
il quesito è questo?
dal primo giorno che mi sono innamorato del cane, non ha mai abbaiato, non ha mai ringhiato contro altri cani che gli si avventano addoso, è normale tutto ciò?
inoltre il proprietario della pensione mi ha detto che ha la congiuntivite, è grave?
preciso che non voglio un cane cattivo, lunge dai miei pensieri, ma l'abbaiare non è nell'indole del cane?
mi scusi per l'ignoranza,

distinti saluti

Buongiorno, la prima cosa da fare quando si adotta un cane, qualunque, è una visita veterinaria completa. Il fatto che il suo sia un cane tranquillo, di indole pacifica, non abbai mai, non è un difetto, anzi. E' un animale equilibrato che ha stabilito un livello di socialità evoluto. Stia tranquillo.
Buona giornata
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 3.2.2008

buon giorno,
possiedo un cane di 34 kg molto robusto...quewta primavera è stsato traumatizato dal'iniezione contro la filariosi e da allora nn si riesce, se non con la forza e conm moolti tentativi, a fargli i vari vaccini, antirabbica, polivalente.
Vorrei sapere se esiste qualche possibilità di vaccinarlo con sistemi diversi dall'iniezione, alotrealle pastiglie per la filariosi.
grazie
sandro odorico

Buongiorno, per le vaccinazioni di routine non esite altro mezzo che quello iniettivo. Organizzi con il suo veterinario un sistema diverso per approcciare al cane senza traumi ulteriori, magari con visite domiciliari.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 4.2.2008

Buongiorno Dottore,
ho notato da un paio di giorni sangue nell'urina del mio gatto. Devo preoccuparmi? Potrebbe essere qualcosa di grave? Come posso comportarmi?
Mi scuso per le troppe domande. La ringrazio per l'eventuale risposta.
Bouna giornata, saluti Sara.

Buongiorno, se non ha ancora fatto una visita completa al gatto deve farla. Altro non le posso suggerire.
cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 4.2.2008

Gentile dottore,
ho adottato ad aprile una cagnetta di tre anni. Mi consiglia la sterilizzazione? E' consigliabile l'ovarioisterectomia? quali rischi ci sono?
Inoltre la cagnetta è risultata positiva al test anticorpale per l'erlichiosi, ma il pcr nel sangue ha dato esito negativo e non ci sono sintomi. Può essere un problema per l'intervento?
Grazie e cordiali saluti, Francesca Garfagnoli (PT).

Buongiorno, l'argomento è stato affrontato moltissime volte. La sterilizzazione è consigliata quasi sempre ma essa va decisa e definita con il proprio veterinario, così come il problema delle malattie infettive; non si può e non si deve tramite e-mail. Discuta ampiamente dei suoi dubbi con il veterinario, qualora non avesse risposte sufficienti a garantirle tranquillità faccia un consulto con altro collega.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 6.2.2008

Egr. Dott. Minetti,
Le chiedo consiglio per il mio cane Corso di 2 anni e mezzo, femmina, alla quale ho fatto, questo mese, il test per la Leishmaniosi ed è risultata positiva con valori 1-40. Il veterinario mi ha consigliato di ripetere l'esame fra 40 giorni, per controllare l'avanzare della malattia, ma io Le chiedo se sarebbe il caso di darle una terapia idonea e se, trascuranto la malattia, il cane possa stare male e mostrare i primi sintomi. Per ora il cane sta benissimo: è vivace e attivo.
La ringrazio e La saluto cordialmente
Anita

Buongiorno, un test a basso titolo positivo, e basta, non dice assolutamente nulla. Bisogna fare ulteriori ricerche per emettere una diagnosi: esame delle proteine con elettroforesi, ricerca del patogeno con esami su linfonodi, midollo osseo e sangue tramite citologia e/o PCR, valutazione dello stato generale di salute con esami del sangue completi. Una volta avuti i risultati si definisce lo stadio della malattia, se presente, e le adeguate terapie modulate proprio sul suo cane.
Vada avanti nelle ricerche, tutto qui.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 9.2.2008

Buonasera,
non so in quanto tempo potrà rispondermi, ma spero che ci sia qualche medico a rispondermi prpprio adesso.
La mia cagmolina di otto anni, meticcia, con pelo lungo, 9 Kg., ha vomitato una sostanza nera granulosa e dall'odore quasi metallico. Mangia regoarmente crocchette con aggiunta di carne macinata cotta. Mangia sdolo una volta al giorno ed oggi non ha mangiato nulla.
Ma poichè aho un giatrdino non so cosa possa essere successo fuori.
Mi devo preoccupare? Cosa devo fare?
Grazie per la risposta che attenderò con ansia.
Ersilia

Buongiorno Ersilia, questo non è un servizio di pronto ed immediato soccorso telematico ma solo un luogo ove esporre dubbi e richieste in generale sulla salute dei propri cani e gatti.
In ogni caso quando accade un evento sconosciuto, e che allarma, bisogna subito rivolgersi ad un vero pronto soccorso veterinario portando l'animale in visita senza attendere evoluzioni ulteriori. Se infatti ci si trovasse di fronte ad un avvelenamento il tempo è importantissimo, prima si interviene e meglio è.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 10.2.2008

Abbiamo un gatto europeo di c.a 2 anni che vive tra la ns casa, per una buona parte del giorno, e dorme fuori la sera .
l'abbiamo sterilizzata,ogni mese le metto il frontaline e la portiamo a lavare 3/4 volte l'anno.
Vorrei sapere,visto che ho un po' paura x me e i miei familiari,se ci sono pericoli x la ns salute e x eventuali pulci ke puo' prendere dato che quando e' in liberta' a volte lotta con altri gatti randagi o si aggira in posti poco puliti (come contenitori della spazzatura)
Io vorrei apporre una rete nel mio balcone per evitare che possa andare in giro ma i miei familiare dicono che potrebbe soffrire per la limitata liberta'.Mi dia per favore un consiglio.La ringrazio Antonella da Napoli

Buongiorno, se il suo gatto viene gestito come racconta per la prevenzione il problema non si pone in termini diversi da come lei li descrive. Un minimo rischio di prendere parassiti resta, ma il problema è del gatto e non vostro, e resta presente per lui però il rischio di contrarre malattie infettive per cui non è possibile vaccinare. Esse sono la FIV, la FIP, la toxoplasmosi in ordine di crescente frequenza epidemiologica. Dovete quindi parlarne con il veterinario curante per decidere cosa fare nel futuro, anche perchè limitare lo spazio al gatto non è certo così drammatico se è la vita ad essere in gioco.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Pagina  12345