**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Aprile 2008

Domanda del 17.4.2008

Buonasera,

Io ho un cucciolo di 5 mesi, vorrei sapere se posso dargli le stesse cose che mangio io (pasta, carne,verdure) a parte gli alimenti per cani.
Inoltre il mio cucciolo la mattina vuole il latte e qualche (max 2) biscottino. Vorrei sapere se posso farlo oppure se devo evitare alcune cose.

Grazie
Caterina

Buongiorno, non conosco nulla del suo cane e pur non avendo alcun pregiudizio sulle diete casalinghe è bene che lei ne parli con il suo veterinario curante.
cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 19.4.2008

Buongiorno Dottor. Minetti,
se possibile vorrei chiederle un'informazione....
Io ho la fortuna di avere un cane, un pincher nano (4kg) di quasi 2 anni. Purtroppo però il veterinario ci ha detto che gli è sceso un solo testicolo...e toccandolo non riesce a sentire l'altro. Questo cosa può portare con il passare del tempo? Quali sono le probabilità che diventi una cosa maligna? Secondo lei è meglio operarlo?! Alcuni mi dicono che è meglio sterilizzarlo, mentre altri di evitargli l'operazione.
Sono un po' preoccupata...
(mi scusi se non ho usato i termini specifici!)
grazie mille in anticipo

Alice

Buongiorno, il suo cane è "criptorchide" monolaterale, cioè uno dei due testicoli o è mancante oppure non è nella sua sede, lo scroto. Prima bisogna vedere con una accurata ecografia addominale se esiste e dove è, poi con la diagnosi certa si decide se l'intevento sia necessario, consigliato oppure inutile. A casaccio non si deve fare nulla, un buon veterinario le deve spiegare per bene ogni cosa, chiaramente, con le soluzioni terapeutiche migliori. E solo il veterinario può correttamente emettere diagnosi ed eseguire terapia. I testicoli ritenuti si trasformano frequentemente in neoplasie.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 20.4.2008

Caro dott. intanto volevo complimentarmi per il sito molto utile e date un ottimo servizio.
Adesso vengo alla domanda ho un cocker spaniel di circa 3 anni nn ha alcun problema nel senzo che mangia dorme gioca in qualsiasi momento ma capita che comincia a grattarsio mordicchiarsi o vicino alla coda o nello spazio interdigitale o nel garrese o sul collo o dietro la schiena e ho notato che talvolta sono presenti come delle pustolette cioè la pelle o derma si sfalda come se si formassero delle croste e nn penso che sia solo lei a provocarsele perchè capita anche sul petto.
Il mio veterinario di fiducia mi ha detto senza darmi conbferma che può essere prima una intolleranza alimentare poi allergia agli acari poi disfunzione ormonale ecc. nel senso nn siamo mai riusciti ad arrivare ad una conclusione l'unico medicinale che faceva un pò effetto era il pruritec ma c'è la presenza del cortisone e nn è molto indicato.
il consiglio che chiedo e se ci sono esami particolari che mi possono dare qualche certezza o conferma dche sia allergia o altro?
certo di una sua risposta colgo l'occasione per porgere i miei saluti. Sergio Gresta

Buongiorno, l'ideale è dopo tanti infruttosi tentativi di rivolgersi ad un veterinario specialista in dermatologia.
Esistono esami per quasi tutto, quindi alla diagnosi si deve e si può arrivare, ma lei deve essere disponibile in tal senso.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 20.4.2008

HO UN METICCIO DI 13 ANNI. ORMAI PARE CHE NON TRATTENGA PIU' LA PIPI' COME PRIMA (SOPRATUTTO DOPO MANGIATO). DACCORDO CON IL MIO VETERINARIO ABBIAMO INIZIATO A FARGLI MANGIARE IL RENAL PHASE 2 (EUKANUBA) ANZICHE' IL MANGIME SENIOR. COSA NE PENSATE? RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE. BUON LAVORO.

Buongiorno, non ne penso nulla perchè lei non mi parla nè di una diagnosi nè di un sospetto di malattia renale, che peraltro si deve per forza diagnosticare con esami del sangue, delle urine e con ecografia addominale. Il resto non vale niente, mi scusi. Dare una dieta per una malattia non diagnosticata è come dare una medicina a casaccio, mi pare troppo rischioso, se così sono andate le cose davvero.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 21.4.2008

Buon pomeriggio Dott. Minetti,
da poco sono la proprietaria di Leo, un meticcio di circa 2 anni.
In seguito all'esame del sangue effettuato circa una settimana fa causa sintomi da avvelenamento (sanguinamento), il veterianario ha riscontrato la filaria.
In questo momento è in cura con la vitamina K per il problema del sospetto avvelenamento ma terminato l'antiemorragico passeremo alla cura della filaria.
La mia domanda è: esiste solo un metodo di cura?
Mi è stato detto che verranno fatte due punture intramuscolo (nella schiena) a distanza di 48 ore.
Queste punture sono piuttosto dolorese e il cane può patire di male alla schiena e/o non riuscire a camminare.
C'è un metodo per non farlo soffrire?
Mi spaventa anche molto il fatto che ci sia il rischio di embolo a causa delle punture. In percentuale, quanto è la probabilità che questo accada?
Sono molto preoccupata, ma temo di non avere altra scelta.
Confido nel suo gradito consiglio e spero anche in Sue rassicurazioni.
Cordiali saluti.
Adriana

Buongiorno, il trattamento della filaria viene eseguito in base alla classe di rischio e non è quindi uno solo. Le terapie vanno modulate in base alle condizioni di salute del cane e quindi anche nel suo caso si dovrà fare tutto con estrema attenzione e scrupolo. Purtroppo la filariosi deve essere trattata.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 22.4.2008

Buongiorno dottore , la mia domanda e' questa.
Ho un cucciolo di setter inglese di 3 mesi , vorrei sapere se le sue feci devono essere molto mucose e morbide. Il mio veterinario dice che il muco e' una specie di lubrificazione per espellere con facilita' . La ringrazio per una sua risposta e cortesemente la saluto. Silvia e Arno.

Buongiorno, non è possibile dirle nulla senza avere analizzato il problema dal vivo anche con esami specifici per parassiti e patogeni vari.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 22.4.2008

Ho iniziato la cura con il Milteforan al mio cane ( setter inglese) da qualche settimana, noto nell'animale dei miglioramenti. Volevo sapere, questa cura è efficace? Ci sono testimonianze rispetto a questa cura? Negli occhi, gli è rimasta una sottile patina bianca sulle pupille, andra via? Grazie Salvatore

Buongiorno, il farmaco è ampiamente sperimentato in tutto il mondo. In ogni caso non esiste medicina che non abbia effetti collaterali secondari anche importanti. L'importante è che nel suo cane non dia problemi e seguire senza risparmio tutte le procedure cliniche che servono a tenere monitorato l'animale in cura per leishmaniosi.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 23.4.2008

Buonasera, ho un incrocio labrador nero/dalmata di 5 anni femmina.
E' stata morsicata qualche settimana fa da un altro cane femmina (peraltro di una mia vicina che non la tiene mai al guinzaglio) vicino alla coda.
Continua a grattarsi e di conseguenza la ferita non si chiude. Il mio veterinario le ha dato una pomata antibiotica ma ovviamente si lecca e quindi non fa effetto.
E' il caso di metterle quel collare particolare per non farla grattare?
Tra l'altro la ferita è peggiorata perché soprattutto la sera si gratta con i denti in continuazione e perde spesso sangue.
Cosa devo fare?
Grazie, Selene

Buongiorno, serve antibiotico per via generale, pulizia accurata delle lesioni, quindi una nuova visita veterinaria. Se fosse necessario ovviamente anche il collare elisabettiano può accelerare la guarigione evitando il leccamento.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 23.4.2008

Egr.Dott. nel mio giardino di ca 2000 mq convivono 6 cani meticci: la mamma e 5 cuccioli di 5 mesi (4 femmine ed un maschietto)... un mio conoscente sostiene che qualunque esperto mi direbbe che lo spazio a loro destinato non è sufficiente... beninteso siamo in attesa di famiglie adottive ma se ciò non dovesse accadere si prospetterebbe davvero un asituazione insostenibile? Grazie Benedetta Migliorini

Buongiorno, per avere una risposta seria deve contattare un medico veterinario comportamentalista che analizzi la situazione dal vivo.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 23.4.2008

gentile dott minetti una curiosita':
jack il mio meticcio yorky ha l'abitudine di mangiare gli insetti in volo tipo mosche zanzare moscherini...e' bravissimo li acchiappa al volo! certo come effetto insetticida puo' essere gradevole ma ho paura per la sua salute...puo' essere nocivo? io comunque non uso insetticidi chimici..
grazie e cordiali saluti
Dana e jack

Buongiorno, se non viene punto da una vespa - o ape o calabrone - e magari nel cavo orale, in linea di massima come ha potuto vedere non succede nulla. La fortuna però talvolta può venire meno, non è certo un gioco da stimolare, anzi.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Pagina  1234567