**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Maggio 2008

Domanda del 6.5.2008

Dott Minetti buona sera sono Grimaldi Riccardo, ha già altre volte risposto ad alcune mie domande e la ringrazio. il mio quesito è il seguente. abbiamo già un gatto femmina non castrato di circa 8 mesi e avremmo intenzione di prendere un altro gatto, nato dalla stessa madre del nostro, mi potrebbe dire quali accorgimenti dovremmo seguire se mai ve ne siano? cosa è opportuno tenere separato e cosa invece potrebbero condividere i due gatti?
qualsiasi consiglio è ben accetto, grazie in anticipo e buon lavoro

cortesemente grimaldi riccardo

Buongiorno, se da come scrive state per introdurre un maschio in casa dovete sterilizzare almeno uno dei due. Non c'è modo di tenere separati due gatti giovani con istinti sessuali fortissimi; le femmine poi ovulano per la sola presenza di un maschio attivo nelle vicinanze.
Evitate di fare pasticci.
cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 7.5.2008

Buongiorno Dottore,
non so se è giusto chiedere a Lei...ma volevo sapere un suo parere: possiedo un bull terrier femmina e mi piacerebbe averne un altro, magari un maschio, per poter far fare anche i cuccioli. Mi chiedevo se prima di tutto è corretto pensare ad un maschio o forse è meglio una femmina, e in secondo luogo se gestire una coppia comporta dei problemi (alcuni mi hanno detto che un maschio e una femmina fanno "branco", ma questo cosa comporta?).
Eventualmente mi sa dire a chi mi posso rivolgere per una semplice risposta a questa domanda, allevatori o quantaltro.

La ringrazio.

Buongiorno, francamente se lei vuole un maschio per la riproduzione non comprendo il resto del discorso che fa. Prima deve decidere se ha intenzione di intraprendere una attività amatoriale da allevatore di cani (con tutto ciò che comporta e che credo lei non conosca) oppure se desidera semplicemente avere due cani invece di uno. Poi ne possiamo riparlare.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 7.5.2008

buongiorno Dottore, sono una ragazza di 21 anni che da circa un anno ha come migliore amico un pastore tedesco a pelo lungo di nome rocky. è un cane vivace, giocherellone, e passo ore con lui a giocare con la pallina o altro. tutti i giorni lo porto sotto casa (io vivo accanto ad un campo immenso) e lo lascio correre come più gli piace. solo che tutte le volte mi sorge una domanda. Quando il mio cucciolo ( ha 13 mesi ) sta a casa o torna a casa dopo la passeggiata, zoppica.
quando era più piccolo, giocando è caduto sulla zampa destra anteriore ma l'allevatore che me lo ha dato in affido non ha riscontrato nulla. sono passati mesi, ma ancora oggi, a volte non appoggia la zampa a terra. quando faceva più freddo, la mattina presto, quando si alzava con me a volte nel tirarsi sù ricadeva come senza forze. cosa può essere? potrebbe solamente essere un fattore "psicologico" del cane che non appoggia la zampa per paura del dolore??? e se fosse così, come dargli fiducia??chiedo solo un consiglio.
rocky sta bene, cresce benissimo, ha una linea perfetta e quando è "libero" nel suo campo sembra quasi un cavallo!!è molto vivace come le ho già detto, e allora perchè succede questo??ancora nessuno è riuscito a darmi una risposta. confido in lei, e augurandole buona giornata, la suluto cordialmente. Eleonora

Buongiorno, un allevatore non può e non deve per legge fare una diagnosi clinica. Sarebbe come se lei avesse mal di schiena ogni volta che si alza e chiedesse diagnosi e terapia alla maestra che ha avuto all'asilo, la quale la conosce sicuramente come bambina ma non certo come paziente. Non esitono paure psicologiche dopo lo sforzo, lei deve andare da un veterinario ortopedico che farà quanto serve per arrivare ad una diagnosi ed ad una terapia: non scherzi con queste cose.
saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 8.5.2008

gentile dott.minetti
vorrei chiederle gentilmente un consiglio, ho un cane di circa 9 anni, meticcio, di circa42kg.
Dall'età di 4 anni ha iniziato ad avere crisi epilettiche(a grappolo) da circa 5 anni gli somministro il farmaco gardenale100mg con dose cada dì di 250mg.
In questi ultimi mesi le crisi epilettiche sono riapparse periodicamente ogni 2 mesi.
Volevo chiederle: non ci sono altre alternative oltre al gardenale???
aspettando una sua gentile risposta le porgo i sinceri saluti
anna quatela

Buongiorno, esistono terapie da aggiungere all'attuale ma non che possano sostituirla. Deve fare monitorare con esami del sangue i livelli di fenobarbitale e comunque eseguire un ampio pannello di esami per escludere che nel frattempo altre patologie intercorrenti abbiano complicato il quadro clinico.
cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 9.5.2008

Buongiorno dottore,il 25 aprile ho trovato un cucciolo di cane nell'immondizia di due tre giorni circa,adesso ha su per giù una ventina di giorni e ha iniziato a deambulare da circa 5 giorni,però mi preoccupa il modo in cui lo fa,tiene le zampine di dietro troppo larghe ha le anche molto pronunciate verso l'esterno...volevo sapere se è normale o se non l'ho è se c'è un rimedio!
La ringrazio.....Giulia!

Buongiorno, se ancora il cane non è stato visitato l'unico consiglio che le posso dare è di rivolgersi subito ad un veterinario di sua fiducia.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 27.5.2008

Gentile Dott. Minetti durante le vacanze estive porterò con me il mio cane, l'acqua del mare può arrecare danni al mio amico a quattro zampe?
per esempio problemi alla cute, al pelo o reumatismi?
Grazie per la sua gentile attenzione.
Elisa Malaguti

Buonasera, in linea di massima se il cane è sano basta sciacquarlo con acqua dolce. Importante è proteggerlo dai colpi di sole e di calore.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 28.5.2008

Buongiorno. Per il secondo anno mi sono dimenticata di far fare il vaccino al mio cane. potrebbe essere un sostituto il mettergli. oltre al frontline, il collare antiparassitario? Grazie

Buonasera, i vaccini sono una cosa le protezioni per i parassiti un'altra. Le profilassi sono modulate sempre sul rischio di malattia che ha il soggetto nella zona dove abita e per lo stile di vita che conduce. In ogni caso ciò le viene spiegato se porta il cane in visita presso un veterinario di sua fiducia e coscienzioso.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 28.5.2008

Buongiorno Dottore.
sono la proprietaria di Leo.
Le avevo già scritto per un consiglio, che ho ricevuto, sulla cura della filaria di cui il mio cane era affetto (larve nel sangue).
Ho curato il mio cane.
Dolori alla schiena come mi era stato annunciato ma nulla di particolare.
Per alleviare i dolori, dopo le punture ho somministrato del Bentelan 1mg:
1 pastiglia la sera della prima puntura, 1 la sera della seconda e 1/2 e 1/2 le due sere successive.
A 5 giorni dalla seconda puntura, ieri, il cane ha incominciato a tossire espellendo catarro bianco denso e appiccicoso, che tende a mangiarsi forse per paura di essere sgridato.
Sono anche comparse sul lato dx del torace (tra le costole) 2 ghiandole o cisti percebili al tatto.
Capisco che non possa fare diagnosi a distanza ma secondo lei potrebbero le punture per la filaria aver compromesso polmoni o cuore?
Le chiedo questo perchè avevo un altro cane con problemi cardiaci e capitava spesso che avesse questa tosse e che espellesse la medesima bava.
La tosse è come quando al cane va del cibo di traverso e cerca di buttarlo fuori.
Il veterinario al quale mi rivolgo, mi ha dato una cura di Danzen (2 pastiglie al g. per 10 gg.) ritenendo possa trattarsi di infiammazione alla trachea.
Non ho ancora iniziato la cura.
Mi consigli sul da farsi, La prego.
La ringrazio infinitamente sin d'ora per la Sua preziosa collaborazione.

Buonasera, mi scusi ma alle sue domande si può rispndere solo visitando, eseguendo radiografie, esami del sangue e magari ecografia.
Cari saluti
Dr Emanuele minetti

Domanda del 28.5.2008

Salve, sono Alessia ho notato da poco ,che il mio cane trovatello , Vagabondo per l' appunto ha la lingua tagliata biforcuta! Come potrebbe esserlo fatto?Tra l' altro non è saanguinante ma è normale come fosse cicratizzata, può essre che in passato lo abbiano picchiato o.. non so. mi affido a lei per qualche risposta, più che altro il problema è che essendo un vagabondo si fa accarezzare ma nn siamo mai riuscitia prenderlo in braccio perchè molto diffidente.quindi non si può far visitare, mi piacerebbe ricevere un suo pensiero, nel frattempo la ringrazio.
Cordiali saluti Alessia

Buonasera, i traumi alla lingua sono casuali ma abbastanza frequenti, non se ne deve preoccupare a meno che l'animale non abbia difficoltà oggettive nell'alimentarsi e nel bere.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 28.5.2008

salve dottore ho da 1 mese un cucciolo di 8 mesi preso dal canile non so più che cibo compragli per farlo mangiare ho provato tutte le marche cibo per cani ma niente mangia pochissimo o quasi niente cosa posso fare il mio cucciolo è di taglia piccoloa
grazie per un suo consiglio rita

Buonasera, deve fare visite veterinarie ed esami per capire la causa del problema, da lontano non è possibile.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Pagina  123