**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Gennaio 2009

Domanda del 8.1.2009

Salve Dott. Minetti ho un cucciolo di pastore tedesco di 7 mesi e mezzo , ho sentito frequentemente parlare dei problemi legati alla displasia dell'anca sopratutto se non diagnosticata in tempo, apparentemente il mio cucciolo non ha problemi, ma volevo domandarle se è opportuno comunque fare degli esami più approfonditi (tipo rx) e se in caso quali e a cosa si incorre se qualcosa non và per il verso giusto.

grazie.

Buongiorno, una visita approfondita ed eventuali radiografie sono consigliate subito, anche se non presenti sintomi da lei apprezzabili. Ciò comunque vale per molte razze , e non è detto che alla diagnosi segua una terapia.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 8.1.2009

Mi chiamo Stefania,
ho appena preso 2 splendidi gattini, fratello e sorella. hanno tre mesi esatti. A quanti mesi posso farli sterilizzare per non correre alcun rischio di accoppiamento? La mia collega oggi mi ha detto che i suoi sono andati in calore a 5 mesi e che la femminuccia è rimasta incinta di suo fratellino. Posso farlo prima dei 5 mesi o questo gli comporterebbe dei problemi? e se si, quali ?
Grazie per una sua risposta.
Stefania

Buongiorno, segua i consigli del suo veterinario curante in tal senso, non esiste una regola ferrea per ogni soggetto, maschio o femmina che sia. L'intervento comunque si può eseguire anche a 5 mesi se gli animali sono sani e in forma. Eviti ovviamente l'accoppiamento indesiderato.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 9.1.2009

salve volevo sapere se è giusto e se è igienico dormire con il proprio cane vicino al cuscino, se è pericoloso respirare l'alito del cane... grazie

Buongiorno, se il cane è sano non ci sono problemi, anzi ce ne sono meno che dormire con un proprio simile umano che ci può trasmettere le nostre malattie (mentre il cane ne può trasmettere davvero poche all'uomo perchè non appartiene alla nostra specie). E' una scelta personale, che magari si può non condividere, quindi veda lei.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 9.1.2009

Buongiorno Dottore,ho un cane da caccia che pesa all'incirca 20 kg,ma nonostante che io è mia moglie li diamo la sua razione giornaliera di crocchette,ha sempre fame! Secondo lei è un fatto normale o c'è da preoccuparsi?
Nell'attesa di una sua gradita risposta le porgo i miei sinceri auguri di buon anno grazie.
Claudio(IM)

Buongiorno, non posso risponderle perchè non conosco il cane, ed il peso non serve a nulla per valutare lo stato di salute e nutrizione del cane: chieda al suo veterinario.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 10.1.2009

buon giorno dottore,
mia zia ha un incrocio di due cani di caccia con un setter inglese.........
vorrei sapere quanto crescera e l alimentazione da somministrare-------

ringrazio....

distinti saluti attendo una sua risposta

Buongiorno, per avere delle risposte serie deve andare da un bravo veterinario, la medicina non si fa via posta elettronica, mi spiace.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 11.1.2009

desideravo chiedere se è normale che la mia bobtail, diquasi sei anni, non sia andata in calore da marzo dello scorso anno
Grazi

Buongiorno, forse può essere normale ma anche non esserlo. Di sicuro è da controllare con visita, ed eventuali esami collaterali, proprio per definire se esistono o meno problemi all'apparato riproduttivo.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti

Domanda del 11.1.2009

Buona sera,
ho preso da qualche mese un cane al canile, ha quasi 9 anni è un maschio, Chicco, un cane adorabile affettuoso ma ha un problema che diventa sempre piu presente..fa pipi in casa prima solo quando restava da solo ora anche mentre siamo tutti in casa o basta che una persona esce e lui va vicino alla porta e fa pipi. La notte dorme al piano superiore con noi e solitamente non fa nulla, qualche mattina è capitato di trovare pipi al piano di sotto. Esce regolarmente 3/4 volte al giorno, non sta mai a casa da solo per piu di3/4 ore, abbiamo provato con degli spray repellenti a sgridarlo se viene colto sul fatto, ad ignorarlo quando si comporta male ma nulla..
La ringrazio per l'attenzione
Mary

Buongiorno, la prima cosa da fare è verificare se il cane non sia anche malato, cioè si deve escludere siano presenti problemi clinici. Perciò serve una visita, esami di laboratorio, eventuali esami di diagnostica per immagini. Stabilito che non vi siano problemi tramite il suo veterinario faccia eseguire una visita comportamentale.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 12.1.2009

Buongiorno Dottore,
Ho un cane femmina meticcio(husky-pastore tedesco)(sterilizzata) di circa 4 anni, l'ho adottata cucciola dal canile comunale dopo che la madre husky era stata abbandonata dai padroni ormai al termine della gravidanza, fin dall'inizio ho sempre avuto con lei lo stesso problema, è Molto timorosa di tutto e di tutti (tranne che di noi familiari), è impossibile portala a fare una passeggiata fuori dall'area in cui viviamo la quale è una zona di campagna e quindi poco frequentata da estranei. La sola vista di un'altra persona, di un altro cane o di qualsiasi altro oggetto come biciclette passeggini ecc.. la manda nel panico, ho provato a sottoporla ad un addestratore, ma non è servito a nulla.
Non è aggressiva, ma la mia paura più grande è che col tempo lo diventi.
Vorrei da lei qualche consiglio sul da farsi.
Scusi se sono stata prolissa.
Cordiali Saluti
Elena

Buongiorno, l'addestratore è una figura laica che necessita prima di una diagnosi clinica vera di un medico veterinario specialista in medicina comportamentale. Quindi prima deve, tramite il suo veterinario curante, fare un consulto, ed avere una diagnosi, dopo attuare terapie correttive, sia mediche sia gestionali.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.1.2009

Buongiorno Dottor Minetti,
ritorno ora dal mio veterinario con il mio gatto di 13 anni.
A seguito di una diarrea persistente e di un dimagrimento abbastanza evidente ero stata ai primi di dicembre x una visita.
Ipotizzando un'infezione intestinale e avendo tastato l'addome rilevando un ingrossamneto dei linfonodi abbiamo fatto un ciclo di 6 iniezioni di antibiotico e 6 di cortisone.
Non essendo ancora passata la diarrea (sebbene il gatto sembrasse in ottima forma e con un buon appetito) il mio veterinario mi ha consigliato un'ecografia ... e qui si apre il baratro..
L'ecografista ha visualizzato una stratigrafia di un tratto di circa 10 cm dell'intestino e i linfonodi gonfi.
La diagnosi tremenda: non si puo' fare nulla poiche' il tratto da asportare chirurgicamente e' troppo lungo e comunque essendo i linfonodi ingrossati c'e' il rischio che siano gia' infettati.
Per non debilitare il mio piccolo, mi e' stato consigliato di condurlo ad una morte serena cominciando con cicli di cortisone fino a che la situazione non precipitera' e sara' inevitabile la soppressione.
Io pero' non mi do pace di rimanere con le mani in mano ad aspettare l'ineluttabile e mi sto chiedendo se non si sia sbagliato l'ecografista (non potrebbe essere qualcosa che si puo' curare?)e se effettivamente non ci sia proprio nulla da fare...Non vorrei sottovalutare un'altra soluzione e sono disperata.
Ma per l'infinito amore che provo per Taddeo , chinero' la testa e lo lasciero' andare piuttosto che accanirmi e farlo soffrire solo per averlo ancora un po' con me. Non c'e' proprio modo di un miracolo per salvarlo?
Mi dia una speranza.. non sono ancora pronta per dirgli addio!
Grazie mille,Alex.

Buongiorno, non posso dirle nulla di tranquillizzante, mi pare una situazione abbastanza chiara. Per togliersi ogni dubbio può decidere di fare eseguire una Tomografia Computerizzata (TAC) con contrasto presso un centro specializzato e su questa chiedere consulto ad un chirurgo oncologo di chiara fama e bravura.
E' ovvio che la prognosi è estremaente riservata già da ora con i dati disponibili.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 15.1.2009

Il mio cane maschio di 11 anni credo abbia scambiato il giorno per la notte. Durante il giorno è con me in ufficio e riposa tutto il giorno, praticamente. La notte non riesce a dormire. Continuamete si alza e gira per la casa. Si può eventualmente aiutarlo a riposare, durante le ore notturne, con un farmaco molto blando? Grazie. Attendo una sua cortese risposta e le porgo cordiali saluti. Angelo Brusa

Buongiorno, si rivolga al suo veterinario curante per consigli e terapie e non a me che non posso certo prescriverle nulla, mi spiace.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  12345