**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Marzo 2009

Domanda del 3.3.2009

Buongiorno Dottore, Le scrivo per il mio persiano Homer. Nonostante il suo appetito sia buono continua a perdere peso. Prima di sottoporlo a visite (che lui non ama particolarmente) c'è qualcosa che potrebbe consigliarmi? Alimentazione, esami specifici... La ringrazio Roberta.

Buongiorno, sulla base di ciò che scrive deve fare subito una visita accurata ed esami di laboratorio, compresi ormoni tiroidei, ed una ecografia addominale.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 3.3.2009

Salve Dottor Minetti, sono Lucia. Due settimane fa il mio cagnolino Billy, un pinscher di 12 anni purtroppo è venuto a mancare, adesso ho preso un altro cagnolino ed il mio nipotino vuole dargli lo stesso nome, siccome ho anche un labrador che era molto legato a Billy, ho paura di farlo soffrire dandogli lo stesso nome, lei cosa ne pensa? E per quriosità a quanti mesi il cane inizia a capire il suo nome. Grazie anticipatamente per la risposta, cordiali saluti.

Buongiorno, non so cosa risponderle sinceramente. Io cambierei nome, anche per suo nipotino che forse vuole esorcizzare la mancanza del cane con cui è cresciuto facendolo inconsciamente rinascere in quello nuovo. E' una questione poco medica, vada a sensibilità.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

Ho un Akita Inu di 17 mesi con displasia ad entrabe le anche. Fino adesso abbiamo dato il condostress e altre cure suggerite dal veterinario. Ma l' ortopedico ci suggerisce di dare come croccantiini la hill's J/d. In un servizio dato ieri a tgcom ho sentito di un veterinario che usava cure omeopatiche. Cosa mi consiglia. grazie Isabella

Buongiorno, le suggerisco di seguire le indicazioni dei veterinari che hanno visitato e seguono il cane. Da lontano non posso dirle nulla di più, mi spiace. La displasia è una malattia genetica che non guarisce con alcuna cura ma che si tiene sotto controllo: però pensi ad eventuale chirurgia se indicata.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

Gentile Dottore,
vorrei sapere cortesemente se un'alimentazione esclusivamente a base di crocchette (cosiglio che mi ha dato il mio vet) per una gattina di circa nove mesi può provocare sangue nelle feci.

Inoltre la gattina ha da sempre un po' l'addome gonfio anche dopo essere stata sverminata ma il mio vet dice che è normale!


Cordiali saluti
Stefania

Buongiorno, non credo proprio sia normale trovare sangue nelle feci e non può dipendere dalle crocchette in quanto alimento secco. L'addome "gonfio" che lei descrive potrebbe essere normale o no: varrebbe la pena eseguire radiografie addominali ed eventuale ecografia se necessaria.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

salve, mi chiamo Sonia ed ho un border collie di 7 anni di nome King. Dopo innumerevoli tentavi ho capito che non è un cane con molto appetito, ciò che più mi incuriosisce è: come mai davanti alla ciotola fa una sorta di "danza" con il muso e girandovi intorno???
Vi ringrazio anticipatamente per la risposta, cordiali saluti.

Buongiorno, bisognerebbe capire bene cosa fa realmente il cane per dare un significato a quella che lei chiama "danza". Non è affatto semplice codificare a parole tutti i comportamenti animali e trarre quindi delle conclusioni su di essi. Provi a contattare un veterinario specialista in comportamento e vediamo con una visita clinica vera cosa dice.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

volevo sapere se c'è una legge che vieta la sterilizzazione ai cuccioli troppo giovani
grazie!

LINDA

Buongiorno, non c'è una legge ma ci sono delle buone pratiche veterinarie, un'etica, eccetera. Poi dipende cosa lei vuole intendere con "troppo giovani", magari per la medicina non lo sono affatto.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

Buon giorno Dottore,
è la prima volta che leggo la Sua rubrica.
Sarò sincera, le risposte che formula non mi sono piaciute affatto, glielo do io un consiglio: se Le scoccia rispondere ai quesiti di poveri comuni mortali, lasci perdere, non lo faccia! Mi permetto di dirle questo perchè dalle risposte che leggo traspare che Lei si sente infastidito, quasi importunato. Inoltre nn fa che ripetere di "andare dal veterinario", se Lo lasci dire: nn siete così infallibili! Forse per questo "gli ignoranti" si rivolgono a Lei, come ultima spiaggia!
Cordiali saluti
Alice

Buongiorno Alice, nessuno difende nessuno ma io difendo la mia dignità verso le persone maleducate ed arroganti che mi scrivono rispondendo senza paura di espormi personalmente. Che a lei non possano piacere le mie risposte è assolutamente legittimo ma essendo una persona seria se mi vengono posti quesiti a cui non si può rispondere per mail non lo faccio. E consiglio di andare dal veterinario e casomai riscrivermi: per fortuna ricevo decine di mail in cui mi si ringrazia sia per i consigli sia perchè io qui rispondo assolutamente gratuitamente, dedicando molto tempo alle problematiche che mi vengono poste, facendo solo e totalmente volontariato.
Senza alcuna arroganza e senza alcuna presunzione di essere infallibile faccio umilmente solo del mio meglio.
Ciò non esclude che io abbia delle mie precise posizioni che non ho il timore, come detto, di esternare soprattutto quando vedo o ho la certezza che chi ci andrà di mezzo sarà un animale che non può fare nulla per difendersi. Legga bene quello che scrivo, capirà che il mio unico scopo è evitare che vengano fatte sciempiaggini, che purtroppo vedo da 30 anni, per superficialità, arroganza, ignoranza. E l'ignoranza è inevitabile su alcune materie ma non è una offesa sempre, è la necessità di indirizzare le scelte dalla parte giusta.
Non sono affatto infastidito da ciò che faccio ma sono infastidito da chi si rivolge a me senza rispetto e lo dico.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

salve dottore ho un problema...ho una sharpei di circa un anno e tre mesi (è un amore) e quando la lascio da sola ho il problema che mi abbaia anche fino alle 2 di notte...così dicono...ho anche acquistato mio malgrado il collare spray anti-abbaio e lo uso piangendo...
l'amministratore mi ha gia richiamato tante volte ma questa volta sembra essere l'ultima...hanno minacciato denuncie e roba varia.
temendo anche per l'incolumità di SCRAT non so più cosa fare....aiutatemi vi prego.

Buongiorno, il suo cane ha un importante problema comportamentale. Ciò necessita quindi di un importante intervento medico e non di prove a caso. Il collare antiabbaio è solo una inutile tortura che peggiorerà moltissimo la situaziond di ansia e frustrazione in cui è il cane. Lo tolga immediatamente: applichi il collare a base di feromoni appaganti e si rivolga al suo veterinario per farsi prescrivere terapie adeguate oppure una visita da uno specialista in comportamento.
Non sottovaluti la situazione perchè più passa il tempo più sarà difficle porvi rimedio.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

Gentile dottore la ringrazio per la riposta che mi ha dato, porterò al più presto il mio gattone da un suo collega.
Cordiali saluti, Annamaria.

Buongiorno, grazie a lei.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 4.3.2009

Eggio dottore, scusi se mi rivolgo a Lei ma veramente non so più cosa fare, il mio vicino, nonchè confinante, è una specie di gattaro, nel senso che da loro solo da mangiare ma non li cura, siamo arrivati ad un numero esagerato, circa 30 gatti che sporcano ovunque, mi distruggono tutto e d'estate sopratutto le condizioni igieniche sono inacettabili, io non ho mai fatto male ad alcun animale, ma sono arrivata a odiarli, non riesco più a tenere un vaso di fiori, un tappeto, nulla di nulla...spesso mi ritrovo punture di pulci, sono schiava in casa, visto che se tengo finestre o porta aperta mi entrano in casa...ho contattato vigili, veterinari ma a quanto pare non ho alcun diritto in merito...è proprio così??? possibile che io non possa fare o dire nulla ma solo subire??? ho anche due bimbe che ogni tanto vengono da me...Posso in qualche modo obbligarli a pulire e sterilizzare gli animali??AIUTO
Grazie se vorrà rispondermi
Sette Orietta

Buongiorno, non è affatto così. Poichè il suo vicino ha creato una vera e propria colonia felina i servizi veterinari pubblici della ASL sono obbligati ad intervenire per legge. L'intervento inizia con il censimento e si sposta poi ovviamente nella direzione sanitaria occupandosi quindi delle sterilizzazioni, della identificazione con microchip degli animali, della gestione dei parassiti e di eventuali malattie trasmissibili all'uomo. Gli interventi poi devono essere coordinati se necessario con i servizi dell'ufficio di Igiene del suo Comune di residenza. Deve per il bene dei gatti fare una segnalazione scritta perchè le telefonate non servono a nulla, possibilmente con raccomandata con ricevuta di ritorno. Esistono leggi precise e nel caso lei non riesca a farsi ascoltare chieda sostegno alle associazioni animlaiste tipo LAV o ENPA perchè in questi casi si configura anche il maltrattamento dei gatti in quanto non curati e non seguiti.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  1234567