**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Maggio 2009

Domanda del 19.5.2009

ho un cocker di 4 anni maschiodi nome Mazinga.è quasi un anno ormai che soffre di tracheite,almeno così afferma il veterinario,e nonostante somministrazioni di antibiotici,antiinfiammatori,aerosol,non ne veniamo a capo.Sembra addirittura che quando gli dò i farmaci il rantolio aumenta.Possibile che non si riesca a curare?mi sono anche preoccupata che ci potesse esser qualcosadi grave alla gola ma il veterinario mi rassicura dicendo che i polmoni son puliti e che si tratta di semplice tracheite e di mantere umido l'ambiente in cui dorme.Che cosa posso fare per assicurami che non sia nulla?grazie.

Buongiorno, se la tosse è presente continuativamente da quasi un anno non può essere solo una semplice tracheite ma qualcosa di più importante da indagare con diagnostica per immagini anche raffinata. Servono: uno studio radiografico completo del torace e del collo, una endoscopia se le radiografie non portano a diagnosi, una eventuale tomografia. Prima di tutto ciò però bisogna capire se il problema è continuo o ricorrente, se cioè il cane guarisce e poi si riammala e con quale frequenza ciò è avvenuto ed avviene. faccia anche eseguire esami di laboratorio di base estesi per capire quali siano le condizione generali al di là di una semplice visita clinica.
Mi faccia sapere.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 19.5.2009

Salve Dottore, volevo chiederle un consiglio per il mio cucciolo di shih-tzu di quattro mesi. Dopo la consueta somministrazione di pipette " Stronghol contro la filaria, per i mesi estivi, l'allevatore mi ha consigliato di usare anche il "Frontline Spray" visto che il mio cucciolo esce molto e adora i prati. Il Frontline Spray,il mio cucciolo non lo tollera, si infastidisce molto quando glielo spruzzo. Volevo sapere se ci sono altri tipi, magari gocce o pastiglie, adatti ai cuccioli . Grazie

Buongiorno, la terapia messa in atto serve a prevenire la filaria, le pulci, alcuuni parassiti intestinali. Deve valutare con il suo veterinario curante le terapie da somministrare al cane e non con l'allevatore che non è un medico e non si deve occupare di terapia, nè di medicina, nè di prevenzione, ma solo di allevare i cani.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 20.5.2009

Billi è il Mio patatino che ho trovato randagio durante le vacanze del 2007. Premetto che è un grande coccolone ed è buono come il pane ma non vuole stare da solo in casa anche se solo per 1 ora, lui abbaia e i vicini protestano.
Altro grosso problema è che al guinzaglio tira come una intera muta di cani. E' irrequieto abbaia a tutti i cani, tenta di correre dietro ai gatti e appena vede un colombo apriti cielo sembra un aquilone. E' talmente agitato quando usciamo che ha sempre la lingua fuori anche in pieno inverno. Ma nonostante tutto gli voglio un bene dell'anima.
C'è qualche cosa che posso fare ma che non dia problemi a Billi ??

Buongiorno, di certo non avere chiesto un consiglio prima non faciliterà la soluzione dei problemi. Infatti quando sono presenti disturbi comportamentali, e nel suo cane ci sono, è importante affrontarli con estrema sollecitudine e non aspettare e vedere se migliora da solo nel tempo. A questo punto bisogna prima fare una vera diagnosi, tramite un consulto specialistico, poi sulla base della diagnosi applicare con attenzione e precisione le terapie. Nel tempo bisognerà valutare miglioramenti e/o peggioramenti e porvi rimedio senza mollare mai in accordo con il veterinario specialista.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 21.5.2009

Buongiorno dottore, ho un chiuaua di 8 anni ogni anno in questo periodo (quando ci sono i pioppi specialmente nel parco) il mio cagnolino fa dei versi strani come una tosse che dura un'attimo come magari va avanti qualche minuto! E' possibile che sia allergico a qualcosa? Capita poi che lo fa un po' anche a casa, dandogli del danzen va quasi a scomparire. A suo tempo avevo fatto delle radiografie per la trachea ma era tutto normale e così anche per il cuoricino! Possibile quindi allergia alle mucose nasali o della laringe? Grazie

Buongiorno, è certamente possibile si tratti di una infiammazione delle prime vie aeree anche dovuta ad un fenomeno allergico. Se la situazione è transitoria e si risolve velocemente non si preoccupi affatto.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 24.5.2009

ho un swerg pinscher ha sei mesi e sta cambiando i denti ma sono due giorni che non mangia quasi niente?
Sarà per il caldo o per i denti? Ultimamente, visto la difficoltà, le ho dato quasi esclusivamente carne in scatola per cani e ora le crocchette non le vuole più!
grazie per la risposta.
daniel

Buongiorno, è possibile che sia il cambio della dentatura a creare i fastidi da lei descritti, sicuramente passeggeri. Ciò però deve assolutamente essere verificato con una visita veterinaria poichè sono molte le possibilità di diagnosi.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 25.5.2009

Buongiorno. Vorrei gentilmente farle 2 domande.Ho una cavalier king di 2 anni (che adoro) dorme con noi e vive con noi...ma ha un piccolo problema...soprattutto in estate quando lo portiamo fuori, appena sente qualche odore strano (animaletti morti o pipì di altri cani) comincia a rotolarsi sopra.Il problema è che avendola abituata a dormire anche sui letti dei bambini, sono costretta, per igiene a lavarla spesso (a volte addirittura 2 volte la settimana) e di conseguenza il Frontline credo se ne vada....
1) Come posso fare per proteggere la cagnolina (pulci, zecche, ecc.)?Cosa mi consiglia di fare?
2)Noi siamo di Bologna, (campagna), anche qui da noi ci possono essere i flebotomi?Esiste una prevenzione?
Ringrazionadola anticipatamente invio cordiali saluti.

lisa zamboni
lisazamboni@alice.it

Buongiorno, ovviamente non è facile darle una risposta comportamentale. Può provare a sentire un collega specialista per cercare di diminuire questo comportamento che in effetti qualche problema crea a voi tutti. Il fatto di lavare spesso un cane di casa non è grave, anche perchè la protezione che lei applica non resta sulla cute ma viene assorbita quindi i lavaggi non la portano via, a meno che lei non lavi il cane nelle 48 ore successive alla applicazione.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 25.5.2009

buongiorno mi chiamo carmela vorrei farle una domada io ho una gattina di 1anno in calore vorrei sapere qunto dura in genere il calore e quane volte viene a l'anno e se posso sterilizzarla la ringrazio buon lavoro aspetto una sua risposta

Buongiorno, i calori nella gatta non sono ciclici come nel cane. Possono essere evidenziati anche più volte in un mese con notevole disagio per voi e per lei. Le consiglio di contattare subito il suo veterinario curante e fissare una visita di controllo pre-operatoria e l'appuntamento per la sterilizzazione.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 25.5.2009

salve dottor Minetti,volevo un consiglio per l'alimentazione del mio gloden retriever femmina appena stata sterilizzata.
il cane ha 7 anni circa,mi hanno consigliato di tenerla a dieta perche' dopo queste operazioni tendono ad ingrassare..volevo anche sapere se le devo dare degli integratori a base di calcio o quant'altro,proprio in seguito a tale intervento..

grazie mille elisabetta

Buongiorno, è bene che la dieta le venga prescritta dal medico veterinario che conosce il cane. In ogni caso si possono usare alimenti industriali inizialmente di tipo "Light" e poi verificare se l'aumento di peso necessita di un alimento ancora a minor contenuto calorico. Non è necessaria alcuna integrazione. Le consiglio comunque di aumentare un poco l'attività fisica perchè indipendentemente dalla sterilizzazione e dalla dieta il moto è la migliore medicina possibile in questi casi.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 26.5.2009

Buongiorno, le scrivo per chiederle un consiglio. Tra poco partirò in viaggio di nozze (1 mese) e non so come comportarmi con i miei due gatti. Secondo lei è meglio se li porto a casa dei miei genitori oppure se li lascio nella loro casa e faccio venire tutti i giorni una cat sitter?
Cos'è meno traumatico per i gatti? Cambiare ambiente oppure rimanere soli? (anche se verrebbe la cat sitter tutti i giorni)
Aspetto sue,
grazie.
Francesca

Buongiorno, in linea di massima tutte e due le opzioni hanno vantaggi e svantaggi. Personalmente opterei per portarli dai suoi genitori perchè sarebbero in compagnia, controllati meglio per sempre possibili problemi di salute, meglio accuditi ed alimentati. L'adattamento nella casa usualmente è veloce, ancor di più se lei applica in casa dai suoi un diffusore di feromoni ambientali appaganti per gatti.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 27.5.2009

Buonasera Dottore,
ho bisogno urgentemente di aiuto!
Devo catturare un gattino di quartiere ferito ad un occhio ma naturalmente la cosa è complicata perchè il gatto non si fa avvicinare.
Qualcuno mi ha consigliato di mettere un sonnifero o calmante nel cibo,
Lei mi potrebbe indicare cosa o come catturarlo?!?
La ringrazio tanto Stefania

Buongiorno, le consiglio di contattare la sua ASL veterinaria di zona o se non riesce una associazione tipo ENPA o LAV, con sedi in tutte le regioni, che hanno non solo esperienza ma apposite gabbie-trappole non pericolose per l'incolumità del gatto. Somministrare sonniferi vuol dire quasi certamente far morire il gatto perchè la dose somministrabile nel cibo non può essere controllata e perchè prima che faccia effetto il gatto ha tutto il tempo di nascondersi e/o scappare, magari finendo in qualche anfratto o peggio ucciso da altri animali o avere un incidente perchè non più in grado di avere le proprie facoltà mentali e fisiche al 100%.
Si affidi a degli esperti in questi casi, non cerchi di fare l'eroe perchè chi ci va di mezzo di solito è proprio il gatto.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  1234