**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Luglio 2009

Domanda del 22.7.2009

Buonasera Dottor Minetti,
mi chiamo Claudia e ho una gatta bianca di 6 anni.E' un incrocio tra razze europea e persiana.
Da 5 giorni la mia gatta non mangia ed è meno attiva e reattiva del solito...sono molto preoccupata.Ho già provveduto ad una visita dal veterinario ma non è emerso nulla.E' stato prescritto il REMOVER,la RANITIDINA e la CARNITINA.Putroppo non ci sono stati miglioramenti..cosa mi consiglia di fare??
Grazie e a presto

Buongiorno, usualmente in questi casi si eseguono esami diagnostici più complessi oltre alla visita - radiografie, esami del sangue, ecografie - ma ciò se la situazione permane per alcuni giorni.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 23.7.2009

Caro Dott. Minetti, ho un cane di 9 anni al quale, a suo tempo (nel 2001) ho fatto fare il tatuaggio prescritto dalla legge presso la locale ASL veterinaria.
Ora mi chiedo se il fatto che sia regolarmente tatuato e quindi in regola con le normative dell'epoca, mi esime dall'obbligo del micro chip, come prescritto dalla legge attuale.
C'è chi dice di si ma anche chi dubita ......Lei cosa mi può consigliare ?
Molte grazie e un caro saluto.
Susanna G. - Roma

Buongiorno, regione che vai risposta che trovi! Deve chiedere direttamente alla sua ASL Veterinaria, è l'unico modo per sapere le cose precise. Per andare però all'estero necessita il microchip.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 24.7.2009

Egr. Dott. Minetti, vorrei che lei mi consigliasse come comportarmi con i miei 5 cani (tutti trovatelli e tutti maschi di varie età) e soprattutto su due di essi che nn vanno assolutamente daccordo, devo tenerli separati e questo mi crea nn poche difficoltà; il + piccolo è stato già morso dal + grande (che stava con noi da + tempo) e il veterinario lo ha castrato ma questo nn ha cambiato l'aggressività di nessuno dei 2! Devo castrarli tutti? Sono forse gelosi? Di noi o degli altri cani? Gli altri 3 sono + tranquilli però quando i 2 litigano si agitano tutti ed io, sinceramente, ho difficoltà a controllarli ed ho paura (sono stata già morsa 2 volte anche se leggermente). La prego di aiutarmie la ringrazio anticipatamente Valeria di Taranto

Buongiorno, deve per forza fare eseguire al gruppo una visita specialistica da un veterinario comportamentista, soluzioni semplici non ne esistono in questi casi ed il tempo e le relazioni ormai di vecchia data fra i cani non promettono nulla di risolvibile con una risposta via mail, mi spiace.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 24.7.2009

Salve Dott. Minetti

Sono Paolo da Salerno, e sono devastato dal dolore per il mio cane Giggs uno splendido esemplare di Rottweiler, che ha una grave insufficienza renale cronica, vorrei un consiglio, esiste un farmaco che possa rallentare o diminuire il valore della creatinina salito ormai a 14?
Mi hanno parlato di un farmaco il: MILTEFORAN cosa ne pensa?
grazie.

Buongiorno, se la causa della insufficienza renale è la leishmaniosi il milteforan è la cura per la malattia ma non per i reni compromesso, non c'entra nulla, mi spiace.
Porti il cane in un grosso centro di referenza, anche universitario, e chieda loro un ulteriore consulto. Penso però che non sto sbagliando molto a dirle che la prognosi è molto riservata se non infausta.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 24.7.2009

Buona sera. Le chiedevo un consiglio. Quest'anno il mio micio di 5 anni verrà in vacanza con me, in abruzzo, in un appartamento. Vorrei solo sapere come rendergli il viaggio ed il cambiamento il meno traumatico possibile, visto che non è abituato a viaggiare. Deve anche avere vaccini di qualche genere?
La ringrazio anticipatamente.Francesca

Buongiorno, non mi dice da dove parte, quanto sarà lungo il viaggio, dove risiederà in Abruzzo (mare, montagna...), se avrà incontri con altri gatti eccetera. Non sono quindi in grado di risponderle ma le consiglio di fare almeno una visita di controllo prima di partire dal suo veterinario che sulla base dei dati raccolti, sia clinici sia anamnestici, potrà darle tutti i consigli che potranno rendere anche per il gatto la vacanza una buona esperienza.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 24.7.2009

Gentile dottore,
la domanda che sto per porvi puo risultare stupida, ma le assicuro che è una cosa per me importante.
il mio ragazzo ha adottato una cagnolina che è stata abbandonata, la tiene in terrazzo dove c'è una grossa tettoia (preciso perchè dire che la tiene in terrazzo fa pensare che adesso sia sotto il sole), è tranquilla, mangia, ma fa i suoi bisogni ovunque. ha una lettiera a sua disposizione, che però usa per dormire; abbiamo provato di tutto: mentre faceva i bisogni è stata messa nella lettiera, mi sono messa una mattinata intera a scavare (io muovevo le sue zampine) nella sabbia e poi l ho messa dentro, è stata sgridata, ma lei per ripicca li fa sempre piu vicino alla porta. La famiglia del mio ragazzo non sa che fare, puoi darci lei un consiglio?
Grazie dell'attenzione
Mariagiovanna

Buongiorno, direi che la situazione resta non adatta ad un cane nonostante la presenza della tettoia. Il cane ha bisogno di altro che una lettiera, non è un gatto, ma soprattutto deve uscire, camminare, annusare, muoversi: non può essere relegato in pochi metri quadrati come mi pare sia ora. La qualità della vita ed il benessere animale non può fare conto delle proprie comodità e quando si decide di adottare un animale, anche randagio come in questo caso, è bene sapere che bisogna davvero occuparsi di lui dandogli qualcosa di più che una seconda prigionia rispetto alla gabbia di un canile.
Dovete quindi portare il cane fuori almeno tre volte al giorno e vedere di contattare magari un veterinario nella vostra zona affinchè insieme a lui si capisca se è necessaria una visita specialistica comportamentale.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 25.7.2009

Gentile Dottore!Ho un cane meticcia di 9 anni.Pesa 11 kg circa.Da 3 settimane ogni mattina porto con me a correre 1 ora circa.Tiene il ritmo,ma spessissimo mi fa fermare per fare 2 goccia di pipi.Secondo me ogni volta sta solo barando,perche e stanca,ma non vuole mostrare.Adora uscire ma forse non nutro parità della fatica che fà.Come dovrei modificare la sua dieta?Normalmente mangia 1 volte al giorno di riso bollito mischiato con la scatoletta di carne.Il croccantini non mangia,purtroppo.Che consiglio puo darmi dottore per poter portare con me a correre,e abbia energia sufficente?Grazie,da una "mamma" proccupata.

Buongiorno, come ripeto ogni volta l'unica cosa da usare in questi casi è il buonsenso. Se il suo cane non è allenato, e mostra quindi stanchezza, non deve insistere. Infatti 9 anni la pongono già in una età avanzata, fra i cani anziani, e non è detto che sia in grado di sostenere un'ora di corsa ogni mattina. Usualmente è bene seguire le indicazioni del veterinario curante sulla base delle condizioni generali del cane e non esistono ricette preconfezionate da applicare per ogni richiesta. Ciò vale anche per l'alimentazione, che comunque da sola non può certo supplire ai limiti atletici dimostrati dal suo cane, che deve prima di tutto rispettare lo stato di salute e le necessità dietetiche di base.
Che un cane come dice lei possa "barare" perchè si ferma mi pare una conclusione bislacca che non tiene conto del benessere animale.
Riposizioni le sue pretese e si rivolga al suo veterinario e magari inizi a portare il cane con se in modo graduale ma si ricordi bene che la stagione non è certo favorevole dato il caldo: i cani non eliminano il calore corporeo sudando come noi ma solo aumentando il numero degli atti respiratori e quindi è sempre in agguato il rischio di un colpo di calore ed anche di un colpo di sole se correte non all'ombra.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 27.7.2009

Gentile veterinario,
non voglio risultare maleducata,
ma nella ma richiesta non credevo fosse oppurtuno precisare tutto.
il terrazzo si estende per tutta la casa, il cane viene abitualmente portato fuori almeno due volte al giorno, e ogni due settimane viene portato in giro, ma qui mancano prati, quindi non posso constatare se sia la lettiera il problema.
abbiamo preferito situarlo sul terrazzo, per evitare la morte in strada, perchè da noi non esistono canili.
il veterinario ci ha detto che la lettiera va benissimo in quanto non sono presenti spazi verdi.
Ho voluto precisare perchè la sua risposta mi è parsa un po' accusatoria.
Mariagiovanna

Buongiorno, posso solo rispondere sulla base di quello che voi scrivete e se lei si rilegge non potevo rispondere diversamente, mi spiace.
Appurato che il cane esce 2 volte al dì è quindi evidente che deve uscire di più e che il suo cane non accetta di sporcare in una lettiera, come la gran parte dei cani che hanno bisogno di spazio, odori, etcetc.
Quindi alla fine come vede cambia poco e le assicuro che non ci sono sistemi per condizionarlo a fare diversamente nè consigli magici se non è lui a decidere spontaneamente, cosa che potrà anche capitare ma di cui dubito fortemente.
Senza polemica, dovrete cambiare ancora le vostre abitudini o contattare un veterinario comportamentalista se ne ravvisate la necessità perchè siete preoccupati anche per altre cose rigiardo al suo benessere.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 27.7.2009

la mia micia ha la tenia. il veterinario dice che la causa sono le pulci.. premetto che non l'ha vista.. e le pulci non le ho viste nemmeno io.. vorrei sapere se la tenia è trasmissibile.. ovviamente la sto curando.. grazie

Buongiorno, usualmente nel gatto le tenie sono trasmesse dall'ingestione di pulci adulte conteneti uova di parassiti e più raramente tramite ingestione casuale di sostanze contaminate per tenie di altre specie animali.
La trasissione diretta all'uomo non è possibile se non ingerendo feci contaminate - quindi improbabile o quasi impossibile.
Deve usare sul gatto antiparassitari esterni mensilmente (fialette spot-on) nonchè farmaci per trattare la tenia come già fa ricordandosi di ripetere la somministrazione almeno due volte a distanza di 4-6 settimane.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 28.7.2009

Salve,le scrivo perchè sono una grande amante amante degli animali e quando posso do' da mangiare agli animali randagi che purtroppo affollano le nostre strade.In particolare nella via in cui abito ci sono molti gatti,uno dei quali ho già provvedto a sterilizzare.Ora vorrei procedere anche con un'altra femmina,prima che faccia una nuova cucciolata,ma non so come prenderla,visto che è molto diffidente con tutti e,soprattutto,non so a chi rivolgermi xchè il mio veterinario mi ha fatto pagare 100€ la prima sterilizzazione.C'è un servizio gratuito o cmq affidabile a cui si possa rivolgere?Grazie mille
Saluti,C. di Napoli

Buongiorno, deve inoltrare richiesta ai servizi veterinari della ASL di competenza, sia tramite telefono inizialmente sia con una lettera affinchè catturino i gatti della colonia e se ne occupino come da legge nazionale ed obbligo di istituto.
Cari saluti
Dr. Emanuele Minetti - Milano
Pagina  12345