**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Luglio 2009

Domanda del 28.7.2009

egregio dottore, un quesito per un problema serio per il mio gatto anziano.
Cagliostro ha quasi 17 anni, da qualche anno ha sofferto di gastrite,
arrivata anche in fase acuta (vomito non appena ingerito cibo,
mancanza di assorbimento delle sostanze, dissenteria); dopo varie cure
senza esito e cambio di veterinario, gli ho somministrato tryplase,
dall'agosto 2009, una capsula al giorno, che ha decisamente migliorato
le sue condizioni (l'ho nutrito quasi solo a base di pollo bollito). A
distanza di tempo, mese di aprile 2009, il gatto ha ripreso ad avere
problemi con l'assorbimento (forse per tentativo di cambio dieta, il
gatto si era stancato di mangiare pollo!!!). Da aprile, ho fatto vari
esami (valori epatici, renali, aids felino ecc ecc, ho scartato idea
di gastroscopia vista l'età): considerata l'età, non è risultato
nessun deficit troppo preoccupante, pur con valori un po' sfasati. A
giugno, ulteriore cambio di veterinario: dopo 10 giorni di flebo
nutrienti, il gatto, dimagrito molto, si è ripreso; continuo a dare
tryplase (dose aumentata a 2-3 capsule al giorno e pollo, mescolato
talvolta a coniglio bollito - brontola un po', poi mangiucchia; non ci
sono più tanti problemi col vomito (ogni qualche giorno, per acidità),
ma da circa un mese è insorto il problema diarrea (feci decisamente
liquide): provato per 2 volte (con intervallo di 2 settimane tra ua
volta e l'altra) una cura a base di Dicural soluzione (0,35 ml al
giorno circa, via sottocutanea). Dopo 3-4 giorni la situazione
migliorava decisamente (feci quasi solide), poi peggiorava sino a
ritornare a feci liquide. Ormai è un mese. Sempre considerata l'età e
il caldo, il gatto è abbastanza vitale, mangiucchia, vomita
decisamente meno, ma questa dirrea.... Ha qualche consiglio? grazie
per l'attenzione
parigi64@gmail.com
paolo bergaglio

Buongiorno, sarò telegrafico: deve fare eseguire subito esami per la funzionalità della tiroide (T4 totale e T4 libera) perchè è probile che il gatto soffra di ipertiroidismo vista l'età ed i sintomi.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 29.7.2009

caro dott.
ho un maltese di 4 anni e da un anno circa, ha cominiciato a russare come un umano...cosa si può fare?anche perchè dorme in camera da letto con me e mio marito e spesso e volentieri non ci fà dormire...grazie mille...Marcela

Buongiorno, le cause del "russamento" sono molte e si devono escludere in primis le ostruzioni anche parziali (polipi, corpi estranei, problemi al palato molle etc) alle prime vie aeree. Quindi non essendo frequente nè normale che di colpo un maltese russi rumorosamente le consiglio di fare eseguire una accurata visita clinica ed eventuali esami quali radiografie, e/o rinoscopia e laringoscopia.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 29.7.2009

la mia cagna ha 11 anni, è un cocker nero, gia da piccola aveva le orecchie che emanavano un odore alquanto sgradevole, ogni tot. giorni gliele pulivamo ma la situazione non si è mai risolta,.. l'abbiamo portata piu volte dal veterinario, ma non ci ha mai ordinato niente di specifico,ci ha sempre detto che purtroppo molti cocker sono soggetti a questa cosa. fatto sta che adesso ha 11 anni e tuttora ha sempre fastidio alle orecchie. abbiamo cambiato vaterinario ma c ha detto che oramai si è trasformata come in un'otite cronica e non si puo far niente!!!! ma mi chiedo, poverina, non c'e niente da darle che puo darle un po do sollievo? attendo la sua risposta grazie michela

Buongiorno, non credo si debba ipotizzare che non si può fare più nulla e basta.
Infatti se la situazione è così grave ma non sono state fatte indagini ulteriori, anche in anestesia generale, e valutate con esami di laboratorio le condizioni dei condotti è piuttosto superficiale lasciare le cose così. Mi pare che abbia sbagliato il primo collega ma che il secondo non abbia fatto il possibile a meno che lei non fosse contraria a procedere oltre. Nel caso le consiglierei di fare una visita specialsitica con un veterinario dermatologo.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 30.7.2009

gentile dott minetti
so che non puo' darmi una diagnosi cosi' ma almeno capire cosa puo ' essere successo al mio pappagallo Aratinga Pertinax morto improvvisamente ieri a 4 anni di eta' senza un sintomo apparente.
mangiava semi di girasole ed altri semi misti... era tenuto benissimo e finoa poche ore prima di morire parlava ed era attivissimo come sempre
non so darmi pace
grazie
Dana Palermo

Buongiorno, l'unico modo per avere una risposta era fare eseguire un esame necroscopico presso un istituto universitario abilitato, mi spiace non poterle dire di più.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 30.7.2009

mi scusi il disturbo ma una settimana fa ho smarrito il mio cane e avendo due figli piccol può capire il nostro statod'animo.
vorrei solo sapere se ci possono essere ancore speranze he ritrovi la strada di casa abnhe se in passato mai siè allontanata dal cortile circostante la casa.
se potesse darmi una risposta le sarei veramente molto grata le giuro che cominciamo a perdere le speranze-
ancora gazie per la sua cortese attenzione.
monia

Buongiorno, difficile poter fare ipotesi o previsioni che non siano estremamente superficiali.
Se il cane aveva il microchip le possibilità che lei lo ritrovi sono ovviamente molto più alte altrimenti credo che dovrà almeno girare fisicamente per tutti i canili della sua provincia e contattare tutte le associazioni di volontariato animaliste. Metta anche annunci su internet (prontofido è perfetto per questo) ed in giro per la sua zona metta volantini a centinaia.
Cari e dispiaciuti saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 31.7.2009

Buongiorno dottore,Max il mio gatto 17 anni è da circa un mese circa che ha dissenteria,molto mucosa e chiara, all'inizio si pensava ad una forma virale visto che l'aveva anche l'altro mio gatto di un anno e mezzo, in coincidenza anche con il fatto che avevo ospitato la gattina di un amica, vaccinata e che vive in casa, per una settimana.Agli altri è passato con bimixin, ma MAX il vecchietto, ha preso oltre bimixim,antirobe,un altro antib. di cui non ricordo il nome,enterogermina, dia tabs, riso con pappa, croccantini intestinal e hipoallergenic, sono diminuite le scariche ma sempre liquide e mucose. non sono più convinta di continuare a dare antibiotici.gioca, ha appetito, salta sul letto e divano. Cosa consiglia per favore?
Grazie

Buongiorno, visto l'età e la refrattarietà alle terapie deve fare valutare la funzionalità della tiroide perchè i primi segni dell'ipertiroidismo felino sono proprie le scariche diarroiche resistenti ad ogni forma di terapia. Serve un prelievo di sangue e la titolazione di T4 totale e di T4 libera. Nel caso non fosse ipertiroidea deve fare conservare del siero per fare eseguire il TLI Felino per la funsionalità del pancreas.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  12345