**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Aprile 2010

Domanda del 13.4.2010

Buongiorno, a settembre ho intenzione di adottare un cane volevo sapere che razza è più adatto x noi, ho due bimbe che amano gli animali una ha 9 anni e una 1,5 anni, sono bimbe molto vivaci, vivo in una villetta con poco giardino dove il cane potrebbe giocare. Ero orientata verso un cane piccolo però mi dicono che i coker nani hanno sempre l'otite, che i cihahua rompono i divani mi dia un consiglio lei per favore, grazie.
alessandra

Byongiorno, il cane deve essere scelto valutando molti fattori e la cosa non si può esaurire in pochi rapidi consigli via mail. Visto però che avete tempo potete o cercare una mostra cinofila nella vostra zona o, dopo avere consultato un libro sulle razze, cercare allevamenti che facciano al caso vostro.
E' ovvio però che potete anche cercare un cane nei vari canili rifugio e fare quindi anche un'opera buona portando fuori da una gabbia un orfano!
Pensateci, spesso questa soluzione è di gran lunga la migliore!!
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.4.2010

egr. Dottore,
Al mio cane hanno diagnosticato la leishmaniosi titolo 1/320. le analisi sono tutte buone tranne le proteine totali (9). dovrà cominciare una cura. esiste la possibilità che il cane riesca ad arginare la malattia solo con degli integratori per le difese immunitarie o devo necessariamente cominciare con una cura invasiva (es.- Milteforan).
Grazie
Georgia

Buongiorno, se la diagnosi è certa e confermata la leishmaniosi va curata da subito nel modo più adatto al suo cane. I protocolli terapeutici sono da adattare ad ogni singolo caso, così come la scelta del farmaco di elezione. Tenere sotto controllo la malattia con stimolanti le difese immunitarie non è l'unica strada percorribile se non dopo avere almeno stabilizzato il cane. Una cosa fondamentale è poi quella di proteggere tutto l'anno il cane dai papatacci applicando il collare specifico o altri presidi con repellenti per evitare sovrainfezioni che vanificherebbero gli sforzi e l'esito delle terapie. Le ricordo che la malattia difficilmente si debella ma si può e si deve tenere sotto controllo senza lesinare nulla sia in termini di diagnostica sia in termini di terapia.
Ne parli bene con i suoi veterinari e se non avessero molta esperienza con la malattia le consiglio di chiedere un cosulto altrove.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.4.2010

salve il mio cane un meticcio di circa 8 anni quandè il periodo delle canine in calore fa sangue dal urina soffre di prostatide e gli si forma delle cisti alla prostata ,locuro per circa un mese con finasteride e baytril 150 risolvendo il problema. ovviamente tutte le volte che c'è un calore si ripresenta il problema . che mi consiglia ? un saluto e grazie daniele firenze

Buongiorno, stante ciò che lei descrive l'unica vera terapia applicabile è la castrazione chirurgica, meno costosa, invasiva e rischiosa di continue terapie mediche non risolutive.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.4.2010

Egr.Dttore, nel giugno 2009 al mio gatto ora 15enne fu diagnosticata una pancreatite; la cura ebbe esito positivo, ma periodicamente la malattia si rimanifesta e pochi giorni fa in modo preoccupante. L'animale è sotto terapia e si sta normalizzando, pur avendo perso peso. Vorrei sapere qual è la dieta più corretta da seguire per i gatti colpiti da questa patologia. La ringrazio
Cordialità:patty bertoldi cantù

Buongiorno, la pancreatite è una infezione acuta o subacuta di difficilissima gestione. La dieta dipende molto dagli esami di laboratorio attuali e dal tipo di feci che il gatto produce: usualmente si consigliano diete specifiche a basso tenore di grassi ed iperdigeribili, somministrazioni di cibo frequenti ed a piccole dosi.
Ma senza conoscere di più del caso non posso dirle altro: ne riparli con il suo veterinario.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 15.4.2010

Gentile Dottore, ho uno Yorkshire Terrier femmina di quasi nove anni. Da circa un mese ho notato sulla schiena dell'animale la formazione di un "pallino" esterno alla cute, di dimensioni pari a 5mm circa, ultimamente aumentate. Ha consistenza dura e il colore,che inizialmente era rosa, ora appare con la punta nerastra. Devo preoccuparmi? Posso inviarLe una foto? RingraziandoLa anticipatamente, Le porgo cordiali saluti. Emilio

Buongiorno, si tratta di una neoformazione cutanea e come tale va indagata. Non mi serve una fotografia ma che lei faccia eseguire un esame per ago fine, od esame citologico, per dare un nome e cognome alla massa.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 15.4.2010

BUONGIORNO, SONO LA PROPRIETARIA DI DUE BEAGLE CHE IL 25 MARZO SCORSO SI SONO ACCOPPIATI. IN QUESTI ULTIMI GIORNI LA FEMMINA HA UN COMPORTAMENTO ALQUANTO STRANO: NON TIENE PIU' LA CODA BELLA RITTA BENSI' SEMPRE IN MEZZO ALLE GAMBE E SI LECCA SPESSO GLI ORGANI GENITALI. COSA NE PENSA? GRAZIE

Buongiorno, sono trascorsi circa 20 giorni dall'accoppiamento ed il periodo è critico per gli eventuali feti. Visto i sintomi le consiglio di fare visitare la cagna dal suo veterinario e se necessita fare eseguire una ecografia all'addome sia per valutare le condizioni dell'utero e la presenza di una eventuale gravidanza sia per escludere patologie in corso.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 15.4.2010

salve..io ho un barboncino toy da circa 5/6 anni..
abbiamo deciso di prendere questa razza per il fatto che in molti ci avevano detto non perdesse pelo..nell ultimo mese però ne sta perdendo tantissimo..e ha la parte superiore della coda completamente senza peli...mi preoccupa..può averlo punto qualche insetto?qualche malattia porta a questo?
aspetto vostre notizie..

Buongiorno, è certamente un evento non normale quello che lei descrive. Dire che sia una malattia precisa è impossibile perchè sono molte quelle che determinano alopecia. Deve per forza fare visitare il cane quanto prima.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 15.4.2010

il veterinario le ha fatto una visita generale una settimanella fa... senza avergli detto del problema..e non ci ha detto niente.. cosa devo fare?

Buongiorno, deve tornare dal suo veterinario e spiegargli il problema attuale.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 16.4.2010

salve dottore, ascolti... Ho un YorkShire Toy Terrier di 8 anni circa, nel 2002 l'abbiamo operato di calcoli alla vescica, era pieno e i calcoli erano grossi quanto calcoli che si eliminano a pastori tedeschi, fino ad una settimana fa era tutto ok, però qualche giorno fà ci siamo accorti che il cane ogni tanto urinava sangue... nel 90% dei casi non solo sangue ma sangue con pipì normale infatti era di colore rosastro, peròò è stato sempre bene in questi giorni, allegro e pinpante come suo solito oggi invece sembrava abbattuto. Il veterinario qualche giorno fa ci ha detto che il cane beve poco e che veniva complicato fargli l'ecografia, infatti gli ha estratto per farla analizzare un pò di pipì e oggi ci faceva sapere di cosa si trattasse ma ovviamente noi stiamo portando anche il cane per vedere perchè oggi ci sembra abbattuto. Ho paura ke me lo operano di nuovo e quindi di perderlo... Vedo che il cane prova spesso a fare pipì ma beve poco e niente quindi non la fa sempre, però la fa... che cosa può essere? mi risponda la prego sono troppo in ansia. Grazie 1000

Buongiorno, l'esame delle urine è necessario ma non è detto sia diagnostico e conclusivo. Se avete nella storia clinica una così grave calcolosi vescicale dovete per forza fare una radiografia dell'addome per escludere la presenza di uroliti radiotrasparenti. Se la lastra fosse a posto in questo senso potete iniziare a tranquillizzarvi al 90%: però se così non fosse la chirurgia deve essere affrontata senza patemi d'animo eccessivi.
Mi tenga informato, in ogni caso una ecografia potrebbe essere utile comunque e decisiva per la diagnosi finale.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 16.4.2010

Gentile dottore, sono la proprietaria di una splendida cucciola di golden che ha sette mesi. Raissa questo è il suo nome è vivace ed esuberante. Essendo una persona sportiva ed abitando in montagna ogni giorno la porto in passeggiata, ma in questi mesi non le ho mai fatto fare le scale per evitare che un domani abbia problemi alle anche. Fin quì tutto bene a parte il fatto che ho notato una sua predilezione verso le cacche di animali che trova nel bosco. La cosa mi sconcerta e non so capacitarmi . Sbaglio qualcosa nella sua alimentazione? Attualmente la alimento con mangime della Bentocronen a base di agnello e riso e il dosaggio è corretto in base al suo peso. Mi aiuti per favore. La ringrazio sin d'ora Patrizia

Buongiorno, non credo proprio sia un problema di alimentazione ma strettamente comportamentale e forse anche legato ad istinti atavici difficili da valutare, comprendere, correggere. La dieta che lei usa non è carente in nulla quindi non la deve modificare, usi invece quando andate insieme in montagna il baratto: si tiene in tasca dei bocconi prelibati, biscottini etc, e quando vede il cane che tende a mangiare escrementi fa uno scambio che se viene accettato lei premia anche con coccole e parole dolci. Magari così capisce che c'è di meglio delle feci e che se non le mangia avrà un premio in cambio (rinforzo positivo).
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  12345