**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Giugno 2010

Domanda del 12.6.2010

Buongiornodottore. Oggimi sono accorta ,casualmente che il mi cane metticcio aveva perso il collare Scalibur.
Non so da quanti giorni fosse senza. Ho provveduto subito a metterglie uno nuovo ma vorrei sapere se il mio cane a corso dei rischi per la lesmaniosi o se non siamo ancora in periodo pericoloso.
Sono di Torino.
Grazie mille e complimenti.
Carla

Buongiorno, direi che non vivendo in zona endemica può assolutamente stare tranquilla.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 12.6.2010

buona sera dottore, ho un cane taglia media piccola, che il 29 maggio 2010 ha avuto il suo secondo calore, mi sono accorta che giovedi 10 ha fatto poca pi-pi, e solo una volta, venerdi l'ha fatta alle 15 .oo di pomeriggio , epoi la sera. la veterinaria x telefono mi ha dato lo zimox 500 ; mezza due volte al giorno.Oggi sabato ha fatto pipi verso le 12 ,era tanta, e questa sera poca, ma in tutto questo il cane mangia , gioca ,beve. fa anche molto caldo. secondo lei mi devo preoccupare. grazie patty. mi dia lei un consiglio

Buongiorno, a parte il fatto che se il cane non si normalizza è bene che la sua veterinaria lo visiti al momento non si deve preoccupare.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.6.2010

Egr. Dott. Minetti,
approfitto della Sua disponibilità per chiderLe il Suo parere in merito a quanto segue.
Oggi mi sono recata presso presso il canile a cui sono stati affidati 283 beagle sottratti a un allevamento finalizzato alla vendita di esemplari per la vivisezione (di certo conoscerà la vicenda in modo dettagliato), con l'intento di adottarne uno, dopo una seria riflessione con la mia famiglia.
Qui trovo un ambiente gradevole; con commozione vedo i beagle di cui si è tanto parlato, la maggior parte in buone condizioni, vivaci e interessati a interagire con i visitatori, altri - quelli anziani - più restii e impauriti.
Chiedo alla responsabile di poterne adottare uno; avevo con me quanto necessario al traposto fino a casa mia (distante 80 km), ma la risposta è stata che il percorso per l'adozione è lungo e complesso, costituito da un periodo di avvicinamento del cane all'adottante, interamente seguito da un etologo e da un educatore, in cui si rende necessaria la costante e continua presenza del richiedente più volte alla settimana per diversi mesi. In sostanza, mi si è chiesto un salasso in termini di tempo e di denaro.
Inutile dire che sono tornata a casa con l'amaro in bocca.
Ora Le chiedo: è davvero necessaria questa fase? Io ritengo che il modo migliore per "riabilitare" un cane traumatizzato sia il calore di una casa e l'affeto di una famiglia preparata ad accogliere una creatura proveniente da una situazione così difficile. Non credo - ma non ho competenze in merito - che siano sufficienti due ore alla settimana davanti a un etologo, ritengo invece utile un suo sostegno all'adottante per affrontare questo percorso direttamente a casa, in merito alle questioni che sorgono giorno dopo giorno.
La ringazio per l'attenzione e La saluto cordialmente.
Claudia P.

Buongiorno, veda il problema è davvero difficile perché per le persone come noi, normali e per bene, queste cose sono spiazzanti. Invece bisogna vedere l'altra faccia della medaglia, cioè il fatto che nel nostro paese - come in moltissimi altri, quasi tutti - la "tratta degli animali" e le varie mafie che ci mangiano sopra con rischi quasi inesistenti devono essere arginate. Un sistema, il più ovvio ed immediato, è mettere tutta una serie di controlli diretti ed indiretti, che è ciò in cui lei è incappata.
Riveda la sua posizione considerando tutto l'insieme del problema e non solo una parte.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.6.2010

Buongiorno Dottore.
Possiedo un pinscher nano di taglia toy (suo nonno era un chiuhauha) di 15 mesi, del peso di circa 2,3 kg.
Una settimana fa (domenica 6 giugno) ha ripetutamente vomitato sangue misto a mucosa giallastra, presentando ad ogni scarica di vomito gonfiore dell'addome. Lo abbiamo immediatamente portato dalla vetereniaria che gli ha diagnosticato gastroenterite e lo ha sottosposto a terapia d'urto somministrandogli antibiotico, antiemetico e soluzione fisiologica per eviatre la disidratazione. Dall'ecografia effettuata (mercoledì 9 giugno) è risultata una stuazione normle a livello gastrico ma una presunta insufficienza (da verificare) di una ghianola surrenale. Attualmente gli abbiamo somministrato: Ranidil 2xgiornox5giorni + Synulox 2xgiornox8giorni (nelle dosi adeguate). Attualmente (dopo 7 giorni) il cane presenta miglioramenti ma ha ancora episodi di conati di vomito (spesso però non seguiti da vomito). Avrei cortesemente bisogno di sapere:
1.consigli sull'alimentazione, attualmente gli stiamo dando filetti di nasello bolliti o pollo bollito, insieme a crocchette specifiche gastrointestinali; c'è dell'altro che può suggerirmi? Cosa devo assolutamente non dargli?
2.quale deve ssere la temperatura dell'acqua da bere? a una settimana di distanza (domenica 13 giugno) ha bevuto acqua fresca e la ha ripetutamente vomitata, forse perchè bevuta troppo in fretta.
3.come evitare che spazzoli e ingerisca tutto quello che trova per strada?
4.ci sono integratori alimentari che possiamo somministrargli?La mia paura è che la sua dieta sia stata finora,seppur abbondante nelle quantità, carente dal punto di vista alimentare: pasta scotta, filetti di merluzzo bolliti, pollo bollito, pappe umide tipo Cesar, AlmaNatur e NaturalTrainer, poche crocchette RoyalCanin,spesso qualche avanzo di carne di manzo magra,piccoli avanzi di formaggio e di salumi).
5.gli fanno male quelle sfoglie bianche di pelle di bufalo che vendono per sgranocchiare? Ho letto che in alcune di esse vi sono tracce di cenere o di alche.
Lieto della sua attenzione, la ringrazio anticipatamente per la sua risposta. Un abbraccio

Buongiorno, capisco la sua ansia e preoccupazione ma non ho lo spazio per rispondere a tutte queste domande. Inoltre credo sia corretto e giusto bloccarsi seduta davanti al suo veterinario e porle a lei, senza alcun problema, in quanto è suo compito, conoscendo il soggetto ed avendolo in cura, essere esaustiva su tutti i suoi dubbi.
Mi scusi davvero ma dovrei scrivere per almeno un'ora e nemmeno senza sapere quasi nulla del paziente!
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.6.2010

Buon giorno dottore! La nostra Pallina,una cucciolotta di Shi-tsu di 4 mesi ha una brutta tosse(almeno cosi' sembra) da un paio di giorni, con rispettive perdite di bava chiara.Premetto che il cane e' attivo,anche troppo,mangia e gioca come al solito.Il cane e' in regola con vaccini e sverminazioni. Qualche giorno prima che cominciasse la tosse abbiamo trovato un pezzzetto di palloncino nelle sue feci.Cosa puo' avere secondo lei? In attesa di una sua cortese risposta le porgo i miei saluti.

Buongiorno, possono essere tantissime cose e pertanto serve una accurata visita clinica. Infatti i sintomi che lei riferisce possono essere dovuti ad una banale infiammazione delle vie aeree come una forma virale più importante, eccetera.
Contatti il suo veterinario, è meglio.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 14.6.2010

Buongiorno dottore.
Recandomi circa 1 mesetto fa dalla mia veterinaria per fare la vaccinazione antifilaria, la stessa mi ha consigliato di cambiare il mio "solito" antiparassitario perche' non efficace contro la leishmaniosi.

Essendo il mio maltese sensibilie all'Advantix (si grattava continuamente), sono passata fin da circa l'anno di età al Frontline senza problemi di sorta (nè grattamenti nè ospiti indesiderati).
Ora la mia veterinaria mi consiglia di passare all'Exspot, efficace anche contro i flebotomi. Vivo a Brescia e spesso sono a Mantova, non credevo la mia fosse una zona endemica. Mi consiglia magari di provare con poche gocce per vedere la reazione del peloso al nuovo antiparassitario? Ma soprattutto, è proprio necessario viste le zone che bazzichiamo un antiparassitario anche contro i flebotomi?

Grazie per l'attenzione e per i consigli preziosi
Lisa

Buongiorno, il rischio che il suo cane corre è davvero minimo, quindi visto che anche le pipette consigliatele sono simili a quelle cui è apparentemente allergico le sconsiglio tale prova, anche perché le reazioni locali sono spesso dose-dipendenti.
Invece può applicare senza grossi problemi il collare specifico che si può aggiungere al fipronil senza alcuna paura, e dura 5 mesi circa. Ovvio che anche qui un minimo di prova, come per tutti i prodotti topici, deve farla.
Se fa una ricerca su internet troverà le mappe aggiornate delle zone ove la leishmaniosi è presente con una certa precisione circa la diffusione, da scarsa ad endemica, della stessa nei cani ivi residenti. Tenga presente che oggi siamo un tantino bombardati dalla pubblicità delle aziende, quindi il problema non va sottovalutato ma di certo nemmeno esasperato come avviene oggi per puri interessi di mercato.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 14.6.2010

BUON GORNO DOTT. HOUN LABRADOR D 2 ANNI E PERDE TANTO PELO IO CONTINUO A SPAZZOLARLO, MA E'LO STESSO NON SO PUI' COSA FARE GRAZIE.

Buongiorno, in questo periodo dell'anno penso sia una situazione assolutamente normale, sempre che lei non veda vere e proprie aree senza pelo, quindi alopeciche, che vanno invece indagate con una visita dal suo veterinario.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 14.6.2010

Ciao mi chiamo Marcella
ho una gatta "Missy" di 4 anni vive in casa con me ma avendo un giardino durante il giorno esce e si fa i suoi giri tra erba e fiori, insomma in estate non so come mai ha degli sfighi e si gratta a tal punto di far uscire il sangue, le si formano le crosticine e perde in quei punti il pelo, e' sterilizzata, sana di costituzione e due anni fa l'ho fatto le analisi del sangue, e della cute, inoltre le ho fatto are diverse cure tra sciroppi, pastiglie con il cortisone eccetera.....ma senza nessun esito positivo, in sostanza abbiamo aspettato l'inverno e piano piano con il cambio di stagione e' tornata normale....... da cosa potra' essere causato questo sfogo estivo? ci sono delle cure per prevenire o alleviare il formarsi di queste ferite?
grazie mille
Marcella

Buongiorno, è molto probabile si tratti di una vera allergia, che si chiama anche atopia, e che pertanto si debbano individuare gli allergeni positivi per poi instaurare una vera terapia mirata desensibilizzante. Per arrivare a ciò servono od uno skin-test con intradermoreazione oppure la ricerca ELISA delle IgE specifiche su sangue.
Chieda quindi al suo veterinario od a un collega dermatologo.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 14.6.2010

buongiorno, sono Margherita, ho un meraviglioso labrador di 8 anni in ottima salute fino a due settimane fa, quando mi sono accorta che beveva molto, era dimagrito e aveva perso le forze. Ho immediatamente chiamato la veterinaria che gli ha fatto esami del sangue ed urina a cui e' stato diagnosticato diabete mellito. Dal 4 giugno gli sto facendo tre dosi di insulina al giorno, actraphane, inizialmente il valore era calato fino a tre giorni fa, ma oggi ad un ulteriore controllo e' risalito a 390. A questo punto la veterinaria mi ha prescritto CANINSULIN. Io eseguo scrupolosamente tutto quello che mi viene detto di fare, ma non noto miglioramenti nel mio cane. Chiedo se questo CANINSULIN potra' servire a stabilizzare il suo valore, e vedendolo cosi' fiacco mi sorge il dubbio che il mio amato cane stia comunque molto male. Chiedo cortesemente un suo parere su l'utilizzo di questi farmaci e come potra' essere in futuro la vita del mio caro compagno.
Ringrazio per l'attenzione e saluto cordialmente

Buongiorno, il diabete mellito è una malattia grave e di difficile gestione nel cane. Inoltre le armi terapeutiche a nostra disposizione non sono molte ed è complesso trovare la giusta dose di insulina. Credo sia opportuno rivolgersi a questo punto ad un veterinario specialista e fare eseguire subito una curva glicemica ed eventualmente il dosaggio delle fruttosamine. Anche l'alimentazione deve essere adeguata ed esistono diete apposite per animali diabetici.
Nel caso il cane non si stabilizzi si dovrà poi valutare se coesistono altre malattie - per esempio ormonali come l'ipotiroidismo o il Cushing - da indagare ed adeguatamente curare.
Cari saluti
Dr Emanuele M8inetti - Milano

Domanda del 15.6.2010

buona sera dottore,
sono valeria le scrivo perchè mi piacerebbe avere un suo consiglio sul comportamento della mia cagnolina.ho una shihtzu da quasi 10 anni è la mia bambina, dolce e tranquilla.le è sempre piaciuto avere gente per casa adora le coccole ma da un po' di mesi quando viene qualcuno a casa anche se si ferma solo per cena lei corre a nascondersi (sotto i letti, sotto il tavolo... più lontano possibile dagli ospiti) che cosa le sta succedendo? dovrei portarla da un comportamentalista secondo lei?mi hanno detto che dopo gli 8 anni a volte i cani cambiano carattere e non hanno voglia di confusione ma addirittura andarsi a nascondere per la paura...mi fa una pena tremenda e per questo cerco di non invitare più nessuno...
Spero di ricevere una sua risposta, non so come comportarmi.
grazie.

Buongiorno, difficile dire cosa sia successo al suo cane se non supporre che un estraneo - per il cane - che ha frequentato anche solo una volta la sua casa abbia scatenato tale fobia/paura anche con comportamenti inconsci e per nulla aggressivi verso l'animale.
Credo sia opportuno consultare un veterinario comportamentista e nel frattempo applicare al cane il collare ai feromoni.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  123456789