**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Giugno 2010

Domanda del 22.6.2010

salve dottore ho un problema con il mio rotterweiler e sono molto preoccupato perche al mio cane voglio un bene dell anima siamo cresciuti insieme...il mio cane dicevo un rotterweiler di 11 anni all improvviso ha cominciato a sentire dolore sulle cosce posteriori appena sotto alla cosidetta groppa non posso neanche accarezzarlo che si lamenta e certe volte neanche riesce a saltare che si mette seduto e piange sono molto preoccupato dottore è il mio migliore amico e sto male anche io per lui aspetto una risposta con ansia grazie per avermi ascoltato dottore a presto THOMAS

Buongiorno, non posso farle una diagnosi senza visita, è probabile si tratti di un problema alla colonna vertebrale che va indagato con radiografie ed una accurata visita neurologica ed ortopedica.
Si rivolga ad uno specialista o ad una struttura complessa - clinica - nella sua città quanto prima.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 22.6.2010

Buongiorno Dottore,
ho una beagle di 1 anno. E' molto vivace e ultimamente ringhia e morde. Se la sgridiamo abbaia e se le diamo una sberla sul sedere morde! Credo sia opportuno una visita da un comportamentalista. Cosa ne pensa? Inizio a preoccuparmi...
Grazie mille
Gloria

Buongiorno, direi che sia assolutamente necessario rivolgersi ad un veterinario specialista in comportamento.
Però non date più pacche sul sedere, peggiorano le cose e basta.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 23.6.2010

ho scoperto che il mio pincher nano ha le pulci, cosa fare? è pericoloso nella casa? grazie

Buongiorno, deve farsi prescrivere un prodotto spot-on ed applicarlo subito sul cane. Ne esiste uno specifico "combo" che agisce anche come antiparassitario ambientale.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 23.6.2010

Buongiorno Dottore le volevo chedereun consiglio , il mio cane continua a perdere tanto tanto pelo poverino cosa posso fare grazie.

Buongiorno, se è solo una muta stagionale pettinarlo anche due volte al giorno, se ha vere lesioni cutaneo farlo visitare.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 24.6.2010

Buongiorno,
ho un cagnolino di 1anno e mezzo, fino ad un paio di mesi fà stava benissimo in casa da solo, non dava problemi, settimana scorsa io e mio marito siamo stati via una settimana lasciando il cane con i miei figli, che andando a scuola rimaneva alcune ore da solo, bene in quella settimana il cane ha iniziato a fare i dispetti rosicchiando le sedie, graffiare la porta ed altro le stiamo dando delle pastiglie prescritte dalla veterinaria che faranno effeto fra 2 mesi, al ns. rientro il cane sembrerebbe un pò meglio, ma ho il terrore che qundo rimane da solo per esigenze ns. di lavoro la mia casa sia distrutta per le sue crisi di ansia cortesemente cosa possiamo fare per tranquilizzarlo oltre a darle le pasatoglie????
Graie mille
Patrizia

Buongiorno, veda come vanno le cose con la terapia iniziata a cui può aggiungere il collare ai feromoni appaganti.
Se la situazione va avanti in peggio serve una visita veterinaria specialistica comportamentale.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 24.6.2010

Caro Dottore vorrei un consiglio da lei ho un labrador di 2 anni che quando la sera viene in casa si mette sotto al tavolo e dorme e fin qui tutto bene ,ma poi quando cerco di farlo uscire , comincia a farti vedere i denti , e non vuole uscire , abbaia e ti ringhia da un paio di sere che fa cosi a fatto tutte le vaccinazioni cosa , mi vorrebbe dire facendo cosii . La ringrazio

Buongiorno, ha provato a lasciarlo in pace e non disturbarlo?
Magari è un momento così e basta, veda di dimenticarsi della cosa e vediamo cosa succede.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 25.6.2010

salve,al mio gatto metto il frontline,posso fare lo stesso il bagno dopo 1 mese e mezzo circa o c'è il rischio che il medicinale si toglie? grazie.

Buongiorno, secondo le istruzione riportate nella scatola del prodotto non deve lavare l'animale 2-3 giorni prima e dopo l'applicazione mesnile del frontline.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 25.6.2010

Gent.mo Dottore,

da una settimana ho acquistato un gattino maschio razza Ragdoll nato il 19/04/2010.
E' molto affettuoso, siamo molto contenti, abita con noi in un piccolo appartamento.
Vorrei farle alcune domande:
quando è possibile effettuare la sterilizzazione? Alcuni mi dicono 7 mesi, altri di non superare i 6 mesi altrimenti inizierà il calore e allora segnerà il territorio.
Non so come procedere.
Lo sto nutrendo con croccantini di ottima qualità, devo dargli altro? Ho letto che ai cuccioli si può dare riso bollito e tonno al naturale. Il tonno è quello in scatola come mangiamo noi?
Per pulire il suo pelo, che è quasi intermaente bianco salvo le orecchie e la coda che è rosso/arancio, come posso fare? Ho letto che esistono in commercio salviettine umide per questo, ma se si lecca non gli farà male?
Lo spazzolo due volte al giorno.

Attendendo la sua risposta, cordialmente saluto e ringrazio.
Stella

Buongiorno, la cosa più importante è che lei abbia un medico veterinario di fiducia con cui instaurare un rapporto continuativo. Fatto ciò il tempo per la sterilizzazione non può essere che determinato da fattori oggi non prevedibili, in quanto soggettivi, e determinabili solo dai controlli veterinari. Io per esempio ai miei clienti consiglio di tornare per un controllo intorno ai sei mesi di età e da quel momento si può verificare quando eseguire la castrazione oppure se rivedere il gatto dopo 2, 4, 6 0 8 settimane, eccetera.
Anche l'alimentazione non è "a priori" ma, restando dentro alcuni concetti generali, bisogna che la si stabilisca durante una visita veterinaria, come ogni altra norma igienica e sanitaria.
Da ciò che lei scrive deduco che il gatto non sia mai stato visitato dopo l'acquisto e ciò non è esattamente giusto proprio per la sua salute.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 26.6.2010

buona sera ho bisogno di aiuto per la mia bestiolina si chiama sheeva e ha nove anni e mezzo ho girato diverse cliniche e veterinari ma larisposta è sempre la solita:"mi dspiace non sappiamo spiegarcelo" non voglio una diagnosi ma solo dei cnsigli di come posso curarla io per lei farei di tutto la prego..da tre anni e mezzo soffre di versamenti addominali,toracici talvolta pericardici dopo aver rimosso 7 litri di liquido siero emorragico è stata eseguita l esplorazion del cavo addominale che ha evidenziato esteso interessamento del perotoneo parietale e viscerale con omento completamente atrofizzato.RENI :diminuita dimensione e aumentata consistenza cn marcata incisuria mediana trasversale. FEGATO: epatomegalia generalizzata nel comparto anteriore dx, a carico di pancreas, duodeno e vie biliari lesioni nodulari diffuse che coinvolgono le tre strutture. è stata eseguita la biopsia del peritoneo parietale
referto istologico: peritonite cronica lieve il campione inviato è rappresentativo di parete muscolare e di rivestimento peritoneale.
nella lamina peritoneale si osserva un modesto ispessimento per presenza di infiltrato mistocellulare costiuito per lo piu da piccoli linfociti, rari granulocit neurofici e macrofagi contenenti pigmento di possibile derivazione ematica. il quadr è compaibile con reazione flogistica cronica ma non è possibile accertarne la causa. referto citologico del liquido cavitario(torace) 2/11/2009 numerosi cluster di tipo epiteliale papillari e tridimensionali costituiti da cellule di piccole dimensioni con scarso citoplasma iperbasofilo e nucleo moderatamente anisocratico.Presenza di cellule mesoteliali isolate reattive edi una popolazione di granulociti neutrofili non degenerte e rari eritrofagociti.
ESAMI TOSSICOLOGICI: gfr:1 68,7ml/min/m°2(funzionalità renale).
CUORE(elettrocardiogramma e ecocardio): soffio mitralico di media portata, elettrocardiogramma nella norma per morfologia e tempi di onde e segmenti. frequenza cardiaca alta tachicardia sinusale. il 2/11/2009 anlisi urine :
glucosio :normale
proteine:+2
bilirubina: assente
urobilinogeno: normale
ph:7
peso specifico: 1018
sangue: assente
corpichetonici:0
nitriti:0
leucociti:0
colore: giallo intenso
aspetto :limpido
odore:sui generis
viscosità: acquosa
cellularutà: normale
rbc: assenti
wbc: assenti
wbc in ammessi: assenti
cellule epiteliali: squamose+
di transizione+
cilindri: assenti
cristalli:assenti
microorganismi:bacilli++++
il 26/11/2009: diagnosticato mastocitoma(cè dal dicembre 2006) referto citologico:
FEGATO: cluster di epatociti lievemente degenrati assenza di mastociti.
MILZA: popolazione polimorfa di cellule linfoidi e plasamcellulare assenza di mastociti.
MIDOLLO: tutte le linee ematopoietiche appaiono ben rappresentate. assenza di mastociti.
DIAGNOSI: stadazione negativa
TAC 3/12/2009(SASSO MARCONI)+ISTOLOGICO (AGO ASPIRATO)
DIAGNOSI: peritonite cronica fibrosa mastocitoma sottocutaneo. nodulo polmonare destro e nodulo polmodare sinistro: carcinoma polmonare
22/12/2009 LAPAROTOMIA ESPLORATIVA + SPLENECTOMIA
DIAGNOSI: frammenti bioptici di peritoneo in cui il mesotelio si presenta per ampio tratto assente ilconnettivo mostra evidenti fenomeni di fibroplasia con marcati fenomeni di neoangiogenesi e vasi di piccolo calibro dilatati in un frammento è presente un linfatico ectasico, all'interno del quale è presente un cluster di cellule epiteliali che si dispongono a formare tubuli e papille.
MILZA: iperplasia splenica con congestione della polpa rossa e reattività dei follicoli linfatici.
EMOGRAMMA SEAC 27/01/2010
LEUCOCITI: 13.8
ERITROCITI:5.93
EMOGLOBINA:11.7
EMATOCRITO:33.9%
MCV: 57
MCH: 19.7
MCHC:34.5
RDW:17.5%
PIASTRINE: 574
MPV:9.3
PIASTRONOCRITO:0.533%
PDW:9.9%
NRBC:4%
NEUTROFLI:89%
EOSINOFILI:1%
LINFOCITI:6%
MONOCITI: 4%
PROTEINE PLASMATICHE TOT:7
PROFILO COAGULATIVO:PT 7.5 aPTT :11.9
CALCIO: 11.12
FOSFORO:4.86
Na:151
K:4.21
Na/K: 36
ALBUMINA :2.66
PROTEINE TOT: 5.99
FERRO:40.9
UREA:93.3
CREATININA PLASMATICA: 1.30
BILIRUBINA TOT 0.42
COLESTEROLO TOT:241
TRIGLICERID:52.4
GLICEMIA:113.2
FOSFATASI ALCALINA TOT:137
y GLUTAMIL TRANSFERASI: 27.9
ALT_GPT:69
LDH:329.5
PRIMA HA AVUTO I VERSAMENTI E DOPO I TUMORI
QUESTA è LA MIA DOCUMENTAZIONE E NE HO ALTRA SPERO CHE QUESTA POSSA DARE UN QUADRO PIU O MENO CHIARO ASPETTO SUE NOTIZIE E RINGRAZIO INFINITAMENTE PER LA SUA COLLABORAZIONE.
DISTINTI SALUTI E GLI AUGURO BUON LAVORO FEDERICA

Buongiorno, sinceramente da ciò che ho letto in effetti è impossibile porre una diagnosi di certezza se non sospettare una attivazione cronica peritoneale da causa non ancora definita. Può esserci un mesotelioma primario o secondario a carcinoma, ma da ciò che lei mi ha scritto non posso davvero supporre altro. Visto però che si è rivolta a vari veterinari ed a cliniche anche di sicuro alto livello credo sia opportuno lei chieda direttamente a loro uno o due nomi (li conoscono) di colleghi molto esperti e riferimento per tutti noi in campo oncologico.
Questo sempre che siate disposti a fare un viaggio fino in provincia di Milano o all'Università di Torino.
Mi tenga informato
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 27.6.2010

Salve dottore,
mi chiamo Arianna e ho un problema da risolvere!!

Devo far sterilizzare le mie gatte, hanno già avuto almeno una cucciolata a testa e non posso continuare così, visto anche il numero di gatti randagi!!
Il problema è che da un veterinario privato costa molto e non posso spendere certe cifre..dato anche il numero di gatte da sterilizzare.
Per questo vorrei sapere se a Treviso e provincia, o nelle vicinanze, ci sono organizzazioni, associazioni o altro che sterilizzano le gatte gratuitamente o a basso costo!!
So che è una richiesta insolita e che molto probabilmente non potrà aiutarmi, ma ho bisogno di aiuto e ho pensato che forse Lei potesse conoscere qualche organizzazione che si occupa di questi problemi.
La ringrazio e mi scuso per il disturbo,
Arianna.

Buongiorno, mi spiace ma non conosco nessuno che possa permettersi di sterilizzare gratis o quasi dei gatti di proprietà perchè le risorse economiche delle associazioni di volontariato sono già scarse per occuparsi degli animali randagi. Non esiste una mutua per animali, che comunque andrebbe pagata da qualcuno (tutti i cittadini) come la nostra, quindi deve nel tempo mettere da parte una cifra destinata alla sterilizzazione delle gatte.
Può anche provare a rivolgersi ai servizi ASL pubblici e sentire se sono a conoscenza di una qualche possibilità in tal senso.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  123456789