**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Settembre 2012

Domanda del 6.9.2012

Salve Dott.Minetti. Le scrivo perche' la mia cagnetta un jack russel di un anno e mezzo si e' ammalata all'improvviso da circa un mese, e ' stata sottoposta a diverse radiografie ed analisi del sangue e delle urine, e purtrooppo sembra proprio che la diagnosi sia quella dell'insufficienza renale. La prox settimana verra sottoposta ad altre analisi, e anche a una biopsia, qualora fosse necessaria. Ha il valore della cretinina alto. Ora le chiedo, mio padre mi ha anche detto che ultimamente si gratta molto. Ora le chiedo secondo Lei ci potrebbe essere qualche correlazione tra il problema ai reni e il plurito? (potrebbe essere una malattia infettiva?)
Grazie mille

Buongiorno, vista l'età bisogna che siano escluse le malattie infettive del cane come causa del problema renale, nonchè indagate bene tutte le possibili cause esterne (avvelenamenti in prima istanza). Nell'iter diagnostico mi auguro che verrà preso in esame anche il problema del prurito, ed eventuale malattia cutanea se presente, sia come complicanza sia come evento casuale intercorrente.
Non è frequente una insufficenza renale nel cane giovane, quindi fate davvero tutto ciò che potete per provare a capire se la situazione è rimediabile oppure no.
Cari auguri.
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 7.9.2012

Salve Dottor Minetti, come da sempre mi prendo cura del mio cane anche rimuovendo personalmente e con un'apposita pizetta le zecche che a volte ritroo sulla cute del mio cane. Nei due ultimi casi mi sono accorto della formazzioni di due bozzi, quali al mio occhio inesperto sembrano dei "brufoletti",ciò sta a significare la rimozzione non completa del parassita e un rischio infezzione? devo correre dal veterinario per un controllo o attendo per accertarmi e in caso "ri-remuovere" la zecca?
Grazie della sua gentile attenzione,
Mirko.

Buongiorno, la rimozione dei parassiti dalla cute può esitare sempre in una lesione cutanea di tipo "ponfoide" o granulomatoso. Se sia o meno presente parte del parassita non è possibile saperlo senza vedere il soggetto. Usi comunque meglio - e di più - i prodotti di prevenzione perchè le zecche sono vettori di molte malattie infettive anche gravi, talvolta fatali.
Ne parli quindi con il suo veterinario curante.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 9.9.2012

Buongiorno Dott minetti,mi scusi se mi permetto di insistere ma come dicevo nel primo mess per il mio Nick (il labrador di 9 anni a cui è stato diagnosticato un tumore alle narici) il tempo è veram prezioso come è altrettanto prezioso x me qualsiasi autorevole consiglio su un eventuale cura.Aspettiamo impaziente un consiglio nella speranza che si riveli risolutivo.La ringrazio anticipatamente e le porgo cordiali saluti.Franco.

Buongiorno, capisco la sua ansia ma senza la diagnosi istopatologica precisa non è possibile nè parlare di prognosi nè di alcuna terapia. Mi mandi quindi i referti dell'endoscopia e quelli dell'istologia per capire bene la situazione.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.9.2012

Buongiorno Dott Minetti mi sarebbe di grande aiuto un suo parere su luso prolungato degli antibiotici somministrati ai bouldog francese di dieci anni.In attesa di una sua risposta le porgo distinti saluti.

Buongiorno, esistono parecchi protocolli terapeutici codificati che prevedono l'uso di antibiotici per lunghi periodi, da settimane a mesi. Ma per darle un parere nello specifico servirebbe conoscere la cartella clinica del paziente.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 13.9.2012

Sono paola da roma e sto cambiando casa xchè mi separo e cambio anche città, vorrei portare con me il mio cane, stiamo infatti discutendo di questo xche tutti e due la vorremmo con noi. La mia paura è che la mia cagnolina soffra ancora di piu se sdradicata dalla sua casa e dai suoi punti fermi. Non vorrei essere egoista e farla stare male. Lei pensa che possa stare bene anche se la porto via con me oppure è preferibile lasciarla al mio compagnox nn farla soffrire di piu e soffrire solo io. la ringrazio anticipatamente PAOLA DA ROMA

Buongiorno, per valutare attentamente i pro e i contro di un eventuale trasloco, sarebbe opportuno realizzare una visita comportamentale presso un Medico Veterinario esperto in medicina del comportamento. Infatti, è necessario considerare numerosi fattori come per esempio il comportamento della cagnolina nella casa delle vacanze, in una camera d'albergo, quando rimane da sola in un luogo poco conosciuto e così via. È anche possibile valutare la possibilità che la piccola trascorra qualche settimana con la proprietaria e qualche altra con il proprietario.

Cordiali saluti,

Sabrina Giussani, Medico Veterinario esperto in Medicina del Comportamento

Domanda del 13.9.2012

Buongiorno dott. Minetti, sono la padroncina di una meticcia di circa sei anni presa al canile di Genova. La nostra Tea (di circa 13 kg) è stata sterilizzata dopo il primo calore ma ora è diventata incontinente. Perde la pipì durante il relax sul divano o durante la notte, questo accade circa due o tre volte la settimana. Le mie veterinarie mi hanno consigliato 30 goccie al giorno di Plantago, ma non ci sono stati risultati positivi. Siamo passati alle iniezioni di Lillium, ma per il momento nulla. Oggi ho letto della Verga aurea. Cosa ne pensa? Non vorremmo somministrare farmaci alla nostra piccola amica pelosa!!!
Grazie, Loredana

Buongiorno, purtroppo mi occupo solo di medicina allopatica e non conosco l'uso delle medicine alternative o non tradizionali, mi spiace.
Per certo i farmaci oggi usati sono molto tranquilli sia negli effetti collaterali sia nel profilo tossicologico e per certo funzionano bene se ben prescritti, quindi non li escluda.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 15.9.2012

Buongiorno, ho un carlino fulvo mascera nera età quasi 2 anni a Ottobre 2012 peso 8 Kg se volessi prendere un altro carlino cosa mi consiglia maschio o femmina?.

Grazie.

Barbara

Buongiorno, dipende solo da voi, io in questi casi non ho consigli da dare, a parte sulla futura possibile riproduzione.
E' una decisione personale, o della famiglia, non medica.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 16.9.2012

Gent.mo Dr Minetti,
la mia cagnolina yorkshire di 9 anni è diventata intollerante all umido che era la sua unica fonte di alimentazione...dopo aver tentato con il veterinario altri tipi di umido compreso scatolette anallergiche,abbiamo deciso di iniziare un alimentazione casalinga composta da riso,carne macinata,verdure e olio di semi di girasole.
Il cane ora sta bene ma non riesce a defecare con la stessa regolarita di prima...c e qualche cosa con cui posso integrare l alimentazione casalinga per aiutarla a superare questa sorta di stitichezza?ho sentito parlare di verdure disidratate per cani sono utili?forse sto sbagliando ad usare solo zucchine e carote bollite come verdure?Ringraziandola anticipatamente le porgo i miei piu cari saluti. Ambra

Buongiorno, credo sia meglio che lei ne riparli col suo veterinario perchè sono molte le possibilità, ma senza conoscere il cane non mi permetto di darle alcun consiglio. Anche perchè lei dice che è allergico!
Casomai potrebbe richiedere di eseguire i test sierologici sulle allergie alimentari della Alergovet per le IgG e le IgE per capire meglio a cosa e quanto il cane sia intollerante-allergico..
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 17.9.2012

Buona sera, Le scrivo x chiedere chiarimenti sul comportamento del mio P. Maremmano maschio di circa sei (6) mesi. Ho notato che apparte che stà molto tempo seduto, quando cammina "sculetta" vistosamente come se avesse il posteriore più alto dell'anteriore e inoltre quando corre, spesso, perde l'aderenza e va di sedere a terra. Cosa potrebbe essere? Inoltre ho anche un P. Tedesco di 1 anno e 3 mesi che sta bene si e nn è mai stata una mangiona, però la sua dose giornaliera l'ha sempre presa, però nn riesco a fargli prendere un po di peso. No che sia magrissima però con un po di peso in più ne guadagnerebbe in bellezza. Dopo una cura di vitamine B visto che mangiava mooooolto a rilento, diciamo che ha iniziato a mangiare normalmente.

Buongiorno, per il maremmano è indispensabile fare eseguire SUBITO una indagine radiografica accurata sul prescrizione di un esperto ortopedico veterinario. Per il pastore tedesco invece è necessaria una visita clinica accurata generale.
Da lontano non si può dire nulla nè fare diagnosi.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 18.9.2012

CARTELLA RINO-PNEUMOLOGICA
Data: 06/09/2012
Cliente: Marigo Franco
E-Mail:
Veterinario referente: Clinica Veterinaria Lago D'orta
E-Mail: ltotem@tin.it
Nome paziente: Nick
Specie: Canina Razza: Labrador Sesso: m Eta': 9 Anni
Problema principale: scolo nasale muco purulento emorragico bilaterale
Anamnesi recente/remota: A marzo inizia ad avere scolo monolaterala muco emorragico, viene sottoposto a
rinoscopia con referto di infiammazione aspecifica. Sottosposto a terapia con augmentin e itraconazolo senza
nessun miglioramento. Lo scolo non è mai passato anzi è diventato bilaterale, e anche le condizioni generali del
cane sono andate peggiorando (anoressiadimagramentocachessia).
Il collega che la vista nuovamente ha tolto
semplicemente i farmaci e ha introdotto un complesso vitaminico , il cane dopodiche per quanto riguarda le
condizioni generli è migliorato notevolmente. La settimana scorsa il cane ritorna nuovamente a visita con una
deformazione del setto nasale , quindi il collega decide di fare una iniezione di rubrocillina (5cc) che da netto
miglioramento del rigonfiamento con la completa scomparsa. In questo momento continua cmq lo scolo muco
purulento emorragico.
Esami diagnostici effettuati: rx cranio (radio opacità evidente narice sx e rimaneggiamento dei turbinati)
ECO
ADDOME epatopatia infiltrartiva,iperplasia prostatica,cisti testicolari.
Terapie sostenute ed esiti: augmentin
itraconazolo
vitamine
unica iniezione di rubrocillina
NESSUN
MIGLIORAMENTO DELLO SCOLO
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
NASO
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tartufo: normale
Aspetto delle narici/profilo: profilo modificato per una settimana poi rientrato
Tipo di scolo: muco purulento emorragico bilaterale
Starnuti: si sporadici
Frequenza del problema: da marzo
Note: nessuna
Esito RX: aumento radiodensità narice sx e rimaneggiamento dei turbinati
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
RINOFARINGE
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
1
CLINICA VETERINARIA S. ANTONIO
Strada Statale 415 km 39,5 n. 6
26020 Madignano (CR)
Tel 0373 658350 - Fax 0373 650594
Direttore Sanitario Dott. Graziano Pengo
Tosse / Reverse sneeze: no
Caratteri del materiale espulso: muco purulento emorragico
Disfagia: no
Scialorrea: no
Note: nessuna
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
LARINGE
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Funzionalita' / Anatomia: normale
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
TRACHEA
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tosse: no
Riflesso tracheale: no
Auscultazione: normale
Conati di vomito con emissione di schiuma: no
Caratteri del materiale espulso: no
Note: nessuna
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
POLMONI
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tosse: no
Caratteristiche del materiale espulso: no
Dispnea: no [ ] inspiratoria [ ] espiratoria
Frequenza: no
Recidiva del problema: no
Auscultazione: no
Note: nessuna
Esito RX: non eseguito
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
ENDOSCOPIA
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Aspetto macroscopico: presenza di massa occupante spazio nella narice di sx meato medio/ventrale dalle coane
sia di dx che di sx sdraborda una massa occupando completamente i due meati.
Sospetto diagnostico: Carcinoma/linfoma nasale (?)
Terapia in attesa di esito : Antibiotico/Ugorol
Esiti citologico:
2
Esiti istologico: 13324 15-09-12 Prof Rossi biopsie di cavità nasale, caratterizzate istologicamente da grave
processo proliferativo ed infiltrativo in atto a carattere diffusivo interstiziale ad interessare buona parte di tutta la
mucosa campionata. La mucosa respiratoria campionata appare infatti caratterizzata da proliferazione-infiltrazione
di cellule mononucleate a partenza dalle strutture linfoidi mucosali (N.A.L.T.) che appaiono fortemente attivate con
centro chiaro evidente. E' osservabile un notevole ingombro da parte della popolazione cellulare proliferata a
scapito della popolazione cellulare e ghiandolare, con l?infiltrato che ad ogni modo, appare invadere anche il
tessuto sub-mucosale e che cancella gran parte delle strutture anatomiche presenti, compresa la base cartilaginea.
La parte epiteliale ghiandolare, dal canto suo, appare atrofizzata e cancellata in maniera abnorme ed atipica, in
quadro destruente e sovvertente l?anatomia locale.

Esiti colturale:
Terapia:
Il processo infiltrativo può essere inquadrato in una grave proliferazione neoplastica del sistema linfoide
mucosale, in forma reattiva diffusiva del sistema NALT. Effettuare una radioterapia palliativa locale da associare ad
eventuale chemioterapia (prima valutare i livelli di espressione di p53).
Commento: Linfoma o NALT-oma della mucosa nasale associato a rinite cronica infiltrativo-diffusiva nella forma
linfoplasmacellulare diffusiva extranodale di tipo respiratorio che colpisce l?area campionata il processo infiltrativo
appare a partenza dalle strutture NALT trasformate per la presenza della forma neoplastica.
Prognosi altamente
riservata.
Buongiorno Dottor Minetti,come da precedente accordo le invio l'esito della rinoscopia e dell'esame istologico nella speranza di ricevere al più presto uno dei suoi autorevoli giudizi sul quadro clinico di nick.Nonostante tutto nick dopo aver sospeso la somministrazione dell'itraconazolo(400 mg girnalieri per oltre 3 settimane) si è ripreso progressivamente in maniera notevole recuperando anche più di 5 kg di peso corporeo.Tutt'oggi,a parte la respirazione,le condizioni del cane appaiono,secondo il mio modesto parere,altrettanto buone riprendendosi senza problemi anche dall'ultima anestesia totale ed emorragia conseguenti la rinoscopia e biopsia ed è per questo che mi auguro si possa fare ancora qualcosa.La ringrazio anticipatamente x la sua considerazione e l'eventuale consiglio sulla terapia.Cordiali saluti.Franco.

Buongiorno, situazione troppo complessa per essere gestita via messaggi o via email.
Le consiglio di contattare un valido oncologo per una seconda opinione e magari di fare eseguire una TC spirale.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano.
Pagina  1234