**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Giugno 2013

Domanda del 2.6.2013

Salve avevo una domanda da porle con una certa urgenza,
circa 10gg fa sono stato morso al braccio da un pastore maremmano che di solito tengono legato ma che scappa frequentemente e va in giro per i boschi.
Premesso che mi hanno medicato in loco con tintura di iodio e che non sono andato al pronto soccorso per non mettere in difficolta' il padrone e il cane,consultandomi con un dottore mi ha detto che se il cane per 10gg sta bene non ci sono pericoli
riguardanti la trasmissione della rabbia.
Ho visto il cane e sta bene pero' la domanda che volevo porvi e' questa, se il proprietario per paura avesse mentito sulle vaccinazioni e gli ha fatto l'antirabbica dopo che mi ha morso il cane diventerebbe immune o sarebbe troppo tardi?
Spero di ricevere presto una risposta data l'importanza delle cosa non volendo in nessun modo nuocere all'animale ma salvaguardando la mia salute.
In attesa le porgo i miei saluti sinceri

Buongiorno, credo sia bene lei sappia che l'Italia è immune dalla Rabbia, quindi questa malattia è ufficialmente - e realmente - non presente ad oggi sul nostro territorio.
Significa che nè uomini nè cani malati sono residenti (e viventi) qui.
Ciò come ben può capire è la risposta ad ogni sua paura ed ogni suo dubbio.
Può verificare sul sito del OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità le aree e le nazioni a rischio per la rabbia.
Non è possbile nemmeno che ci sia un cane malato non identificato perchè la Rabbia è una malattia ben precisa che si trasmette da animale malato ad animale sano.
Inoltre la vaccinazione deve essere registrata e comunciata al momento della sua esecuzione alle autorità competenti in base alle norme locali in vigore pertanto non mi pare facile falsificare la data. Inoltre la vaccinazione diventa certamente protettiva almeno alcune settimane dopo la sua esecuzione (si parla di 4 settimane circa) e dura anche anni, anche se per motivi di sicurezza e burocratici va ripetuta ogni anno.
In definitiva secondo me non deve assolutamente avere paura di nulla.
Spero ora lei stia tranquillo.
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 3.6.2013

Buongiorno,
ho un gatto di 4 anni europeo, pesa sui 6 kg, l'ho trovato abbandonato in un prato ed era molto piccolo ancora da svezzare, ora vive in appartamento senza balconi. Ha un carattere molto lunatico, a volte è molto dolce e affabile, invece molto spesso è aggressivo e dopo qualche carezza, e come se si stufasse e attacca: le gambe mordendo e graffiando oppure ti blocca il braccio e con le zampe posteriori graffia con violenza.
Il mio veterinario dice che è un disturbo comportamentale e mi ha consigliato il Feliway che però in un ambiente aperto come il soggiorno è molto dispersivo e funziona poco, senza parlare del costo. Ha un soluzione più pratica per me? ho pensato molte volte che abbia bisogno di sfogare un po' e di giocare in uno spazio aperto e più grande, come magari in un parco non affollato, ma non so se possa essere una soluzione. Attendo una sua cortese risposta.
Arianna

Buongiorno, immagino che il suo veterinario abbia centrato il problema, ma la soluzione non è così sempre immediata.
Di sicuro sarebbe bene fare una visita con un veterinario specialista in comportamento felino onde avere una diagnosi.
Nel frattempo arricchisca molto l'ambiente di casa (se digita su un motere di ricerca "arricchimento ambinetale per gatti/felino" troverà idee a costo quasi zero) perchè così il micio può sfogarsi e divertirsi davvero.

Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 3.6.2013

In riferimento alla seguente domanda e successiva risposta:
"Salve, avrei bisogno di un consiglio.il mio cane ha quasi 16 anni ed è cieco e sordo da quasi 4. Ultimamente è molto magro e urina solo 2 volte al giorno pur bevendo normalmente.ha ormai due grossi calli sulla testa a forza di sbattere ovunque che ogni tanto si spaccano e sanguinano, convive con il cuore ingrossato diagnosticato 2 anni fa.
Secondo lei sta soffrendo?mi chiedo se è arrivato il momento di aiutarlo ad addormentarsi.
Grazie
Silvia
Buongiorno, leggere una domanda così mi fa pensare a due cose: o lei mi prende in giro (ed è uno scherzo di cattivo gusto) oppure lei non usa nè il cuore nè il buonsenso.
Da ciò che scrive il cane soffre tantissimo (si rilegga bene per piacere!!!) ma poichè io non lo conosco non posso certo emettere una sentenza per condurlo alla misericordiosa eutanasia.
Prenda quindi il suo cane - se è tutto vero - e lo porti subito da un brravo veterinario che le dirà come lui sta davvero.
La vita non è una cosa su cui si può essere superficiali ed una domanda così fatta via mail non ha alcun senso nè alcun rispetto per quella povera bestia che per tanti anni la ha accompagnata.

Mi spiace essere duro e rigido ma su questi argomenti non mi va di nè essere superficiale nè di scherzare poichè sono 32 anni che convivo con la morte e la sofferenza dei miei pazienti."

Salve, come diceva bene non conosce il mio cane e non conosce me, non sono ne senza cuore ne senza buon senso!quando le ho scritto ero in attesa di un appuntamento con il veterinario che ha valutato lo stato di Tyson e ha consigliato di cominciare a pensare ad un eutanasia, non tanto per una sofferenza fisica, quanto psicologica del cane non potendo più avere una vita dignitosa.
Comunque la mia famiglia ed io ci stiamo ancora, forse egoisticamente, pensando, proprio per l'affetto che ci lega al nostro animale.
Mi dispiace essere stata fraintesa, ho cercato solo di essere sintetica. Se accetta un consiglio cerchi di essere comprensivo e morbido anche con le persone(anche se è vero che molte di noi non se lo meritano).
Arrivederci
Silvia

Buongiorno, io non giudico le persone ma solo ciò che mi scrivono. Nel suo caso non conoscendo nulla oltre quello che lei ha deciso di farmi conoscere credo che mille volte riscriverei ciò che ho scritto.
Si rilegga e poi capirà.
Spero che il suo cane non soffra per egoismo dei suoi padroni.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 5.6.2013

Buongiorno, ho preso da 10 gg. un gattino di 2 mesi e mezzo che fino ad allora prendeva quasi esclusivamente il latte dalla mamma; non mangia il cibo industriale x cuccioli , ma solo carne cruda macinata , pesce cotto e latte. Sta molto bene con ottima digestione e grande energia ma vorrei che Lei mi dicesse se e come fare x riuscire a dargli le "scatolette" e i croccantini poichè mi dicono che contengono nutrimenti importanti x la crescita.
ringranzio molto x il tempo che vorrà dedicarmi.
Maura (dalla Prov. di Genova)

Buongiorno, non posso dare un consiglio così senza avere il paziente davanti.
Lo porti per una visita e per le vaccinazioni e le profilassi di rito da un collega ed esprima il suo dubbio sulla dieta.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 6.6.2013

Buongiorno Dottore,
vorrei un suo parere riguardo a un evento accaduto ieri al mio cane, un pastore maremmano di circa 7 mesi. Nel rincorrere un gatto che all'improvviso si è trovato a breve distanza, il mio cane ha fatto un fulmineo scatto in avanti e si è andato a schiantare rovinosamente contro l'angolo di una ringhiera, battendo tutto il lato sinistro del corpo e credo la tempia sinistra. Subito dopo l'urto è entrato in uno stato di disperazione angosciante, aveva come delle convulsioni, emetteva urla terribili, non il classico pianto ma urla strazianti, aveva l'occhio destro spalancato e quello sinistro quasi girato, la bocca spalancata e si girava su se stesso vorticosamente. Abbiamo cercato di tenerlo per placare il moto e abbiamo continuato ad accarezzarlo piano per circa 5 minuti per fare in modo di calmarlo, lui ha continuato a urlare ancora un po' e poi prograssivamente ha smesso di urlare ed è come rientrato in sè. Dopo circa 7 minuti la situazione era quasi nella normalità, pensavamo avesse dolore al fianco data la botta e invece analizzando la parte e massaggiando non dava nessun segno di fastidio o dolore, aveva ripreso a camminare normalmente, l'unico sintomo rimasto era il respiro affannato che nel giro di 30 minuti è tornato alla normalità. Il cane ha dormito normalmente tutta la notte e il giorno dopo non presentava nessun sintomo dell'accaduto. Non ci siamo rivolti al veterinario perchè al momento il cane ci appare tranquillo e svolge tutte le sue funzioni come al solito. Secondo lei è il caso di fare qualcosa per verificare che non ci siamo stati danni, considerando la particolare reazione all'evento?
La ringrazio fin da ora per la sua cortese risposta.
Paola

Buongiorno, se a distanza di tempo non presenta sintomo alcuno basta una controllo dal vostro veterinario di fiducia, altrimenti serve eseguire diagnostica per immagini.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 7.6.2013

Buongiorno,

Ho bisogno di un consiglio e di essere rincuorata, perché sono un po' preoccuapata per il mio cane, che amo alla follia.

Ho un bellissimo beagle di 4 anni che è cresciuto ed ha sempre vissuto con me ed i miei genitori.

Il mese scorso mi sono sposata e mi sono trasferita nella nuova casa con mio marito e nonostante io sia attaccatissima a lui – quasi morbosa - , pur di non lasciarlo a casa solo tutto il giorno lo porto per metà settimana dai miei e poi me lo riprendo per il resto dei giorni.
Lui è particolarmente legato a me ed a mio padre, quindi se lo tenessi solo io impazzirebbe senza papà e se lo tenesse solo lui si lascerebbe morire perché mi adora.
Il problema è che mi sento in colpa, perché temo che facendogli fare il “pendolare” 3 volte a settimana (io abito fuori Milano, raggiungo casa dei miei in treno) lui vada in confusione, che sia troppo “sballottato” e che possa soffrire.
Nella nuova casa è molto tranquillo (io temevo che non si sarebbe mai abituato) ed a casa dei miei è altrettanto felice, perché comunque ha vissuto lì per 4 anni. Tuttavia mi sembra di vederlo un po' spaesato, credo che non capisca perché continuo a spostarlo da una casa all'altra.

Io non voglio e non posso rinunciare a lui e non voglio vederlo solo il weekend ed è anche giusto che lo tengano i miei.

Crede che possa soffrire per tutti questi spostamenti o si abituerà?

Cosa posso fare?



Grazie in anticipo

Erika

Buongiorno, ma lei è bravissima! Cosa vuole che le dica?
Il cane si abituerà, è e sarà felice: non riverberi su di lui le sue ansie, che sono solo sue, e non del cane!
Brava per tutto il resto comunque, come detto, va bene così.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 7.6.2013

Gentile Dott.Minetti ,
Le volevo chiedere una ultima domanda, (riguardo al cane corso con tumore ai polmoni)visto che negli ultimi giorni sto subendo molte pressioni da parte della gente che mi circonda ,dicendomi addirittura che forse non e' tumore.
L' ho portata da un veterinario e da un oncologo (tra l' altro tutti e due molto bravi)e chiedo se magari secondo Lei potrei fare qualcosa di più per il cane (sto dando deltacortene mattina e diuretico mattina e sera).La gente mi dice perché non fai una ecografia?Secondo Lei cambierebbe tanto?Chiedo scusa se l' ho disturbata di nuovo ma un Suo parere (visto il suo curriculum)mi farebbe stare meglio.
LA RINGRAZIO IN ANTICIPO.
Cordiali saluti
Claudio

Buongiorno, se la diagnosi è confermata non capisco cosa serva fare una ecografia che non da alcuna informazione utile sul polmone.
Stia in pace con la sua coscienza.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 7.6.2013

Salve dottore,il mio cane soffre da tempo di rogna sarcoptica,volevo sapere se esiste un prodotto
veramente efficace,magari da mettere sulla cute,che elimini questo fastidioso problema.

La ringrazio anticipatamente e le porgo i miei saluti

Buongiorno, ne esistono ma devono essere gestiti e prescritti tutti da un medico veterinario esperto che le segua il cane bene, anche eseguendo i dovuti controlli periodici.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 8.6.2013

BUONGIORNO DOTTORE MINETTI,
LE VORREI CHIEDERE UN PARERE RISPETTO A UN CANE DOGUE DE BORDEAUX DI 10 ANNI E 4 MESI.
GLI E' STATO DIAGNOSTICATO UN TUMORE POLMONE ,ESSENDO PER ME IL MIO PRIMO CANE,SONO VERAMENTE DISPERATO.
MI SONO STATI MESSI DI FRONTE 2 SOLUZIONI PER POTER CERCARE DI RISOLVERE IL PROBLEMA.
1°FARE CURA CORTISONICA
2°FARE CURA CHEMIOTERAPICA A BASE DI ENDOXAN(PASTICCHE).
VORREI CHE IL MIO CANE NON SOFFRE TROPPO NEL TEMPO RIMANENTE DI VITA E,ALLOSTESSO TEMPO,CHE DURI IL PIU' POSSIBILE.
SPERO DI TUTTO CUORE CHE POSSA DARMI UNA RISPOSTA MA SOPRATTUTTO UN CONSIGLIO DA POTER SEGUIRE.
GRAZIE DI TUTTO CUORE
MARCO

Buongiorno, non entro nello specifico del problema ma le consiglio di fare un consulto con un collega oncologo esperto.
Da qui dietro il monitor del PC, senza dati medici veri, non posso esserle purtroppo di aiuto alcuno.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 8.6.2013

buongiorno dottore posso dare mezza dose di ok ad un cane di strada che tossisce!!

Buongiorno, assolutamente no, è pericoloso ed inutile.
Cerchi un collega veterinario della sua zona che se ne occupi, anche perchè i veterinari ASL devono farlo.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  123