**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Luglio 2013

Domanda del 9.7.2013

Salve, mi piacerebbe avere la sua opinione in merito al comportamento del mio gatto. Il mio micio ha la veneranda età di 21 anni (castrato) e da qualche giorno tende ad urinare sempre nello stesso posto (che purtroppo non è la lettiera!). Senza contare che beve in continuazione! A cosa può essere dovuto?? Come faccio ad evitare che faccia la pipì in casa?? Grazie

Michele

Buongiorno, purtroppo non ho alcuna risposta da darle se non di rivolgersi subito ad una clinica veterinaria per fare eseguire esami delle urine e del sangue.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 10.7.2013

Gent.le Dottore,
sono preoccupata per il gatto che vive nel giardino del condominio dove abito, di fatto un randagio, anche se viene nutrito regolarmente da un paio di signore del palazzo e vezzeggiato da molti condomini (purtroppo anche non voluto da altri).
Da alcuni mesi ho notato il pelo diventargli sempre più sporco, e in effetti a parte un po' sul musino e nelle zone intime, non lo vedo mai farsi la toeletta, neppure dopo mangiato. Questo vale anche per il passato, nonostante fino a un po' di tempo fa il pelo fosse normale. Nella ultime settimane poi il pelo è peggiorato progressivamente e ormai è ridotto in uno stato penoso, soprattutto sul dorso dove è tutto a mazzetti induriti e sporchi. Ho provato a spazzolarlo con un guanto apposito che ha su un lato dei denti di gomma ma non serve a nulla. Credo proprio che sarebbe meglio tagliare quei ciuffi di pelo anche perché credo gli diano molto fastidio. temo però non se lo lasci fare. Mi preoccupa però soprattutto il motivo, secondo la signora che gli dà da mangiare è solo l'effetto della mancanza di igiene personale del gatto, ma non ne sarei così sicura. La signora ha provato a lavarlo con le salviette umide che si usano per bambini piccoli, ma da allora a me sembra che l'effetto mazzetti duri sia peggiorato, forse perché lo sporco si è mischiato al detergente delle salviette?
Capisco che a distanza non sia facile, inoltre ho fatto delle foto al gatto ma mi sembra che qui non si possano allegare, ma saprebbe comunque darmi qualche consiglio?
La ringrazio, Carmelina.

Buongiorno, purtroppo dovete cercare di fare visitare il gatto in quanto via mail non posso fare alcuna congettura. Rivolgetevi ad una associazione animalista della zona se non potete sostenere la spesa, vi aiuteranno.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 11.7.2013

Buon pomeriggio,
sono in procinto di prendere una barboncina toy di circa 4 mesi, ma la padrona mi ha chiamato dicendo che ha la bronchite con catarro e febbre a 40°. Pensa che questo possa significare che è una cucciolotta troppo debole e che quindi anche in futuro possa ammalarsi spesso, anche per una frescata?
Mi risponda per favore.
Grazie

Deborah

Buongiorno, spero lei non abbia ancora perfezionato l'acquisto perchè non si devono mai portare a casa cani in tali condizioni di salute. Ha bisogno di un veterinario subito.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 11.7.2013

Salve, volevo un consiglio riguardo ad un gattino che ha subito l'amputazione del piede posteriore destro (si era

nascosto nel motore di un auto) a metà metatarso circa, la frattura è esposta: si vedono i due ossicini che sporgono dritti (il resto della zampina si è staccata dopo circa 2 giorni) mentre la pelle è spostata in fuori, da un lato, non copre gli ossicini almeno per un centimetro... Premetto che il gattino è randagio ed è molto diffidente (lo dovrei catturare). Si è nascosto a lungo, per poi spuntare solo per mangiare (ha buon appetito); soffia se mi avvicino troppo, ma sono riuscita più volte, mentre mangiava, a gettare dell'acqua ossigenata sulla ferita: ho notato che si è un pò asciugata e che la pulisce leccandola... Volevo sapere se è in pericolo di vita, cosa posso fare e quali sono i rischi. Vi ringazio tanto anticipatamente. Katy

Buongiorno, sperando che il gatto sia ancora vivo le consiglio di organizzarsi con una associazione animalista e con volontari esperti per catturare il gattino e ricoverarlo subito in adeguata struttura di cura. Tutto il resto lo espone a rischi enormi ovviamente.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 12.7.2013

Buongiorno, ho una gatta di circa 1 anno e mezzo, da una settimana improvvisamente è apparso sulla coscia un rigonfiamento, tipo una ciste , di circa 1 cm .
cosa può essere? il gatto non si gratta e nemmeno si lecca, e non si ribella se viente toccato. ha fatto la vaccinazione circa 10 gg fà. può essere effetto della vaccinazione ? grazie per l'attenzione. Emanuela

Buongiorno, chieda al suo veterinario curante perchè non posso proprio aiutarla via mail.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 14.7.2013

chiedo se esiste una terapia attualmente efficace per la MALASSEZIA .
il mio cane labrador di 8 anni è soggetto a questo fastidioso
problema. premetto che mangia solo crocchette di agnello e riso
della TRAINER FITNESS HYPOALLERGENIC , continuiamo a
pulirlo con specifici spray per la pulizia dell'orecchio ma il problema persiste.

ciao da Roberto

Buongiorno, certo che esiste, ma prima serve una diagnosi precisa.
Quindi un valido dermatologo potrà aiutare molto il suo cane.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 15.7.2013

Salve, mi chiamo Daniela. Spero mi possa aiutare, perché non riesco a trovare una soluzione. Ho un gatto persiano di 2 anni, ma non riesco a fargli fare i suoi bisogni nella lettiera. Soprattutto le feci. Sta diventando un serio problema, mio marito fa pressione perché lo dia via ho lo metta fuori in giardino. Io ci sono molto affezionata ma se continua così sarò costretta a separarmene e soffrirei tanto. La ringrazio per l'attenzione. Buona giornata. Daniela Lombardo

Buongiorno, contatti un medico veterinario comportamentalista esperto in gatti.
Nel frattempo applichi in casa un diffusore di feromoni appaganti felini (Feliway) e metta una seconda lettiera a disposizione del gatto.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 17.7.2013

ho recentemente perso un gatto amatissimo x una grave insufficienza renale (sebbene avesse solo 4 anni). la voglia di adottarne un altro x ora nn c'è, ma so che succederà. ho sempre avuto gatti e grazie a Dio tranne qlke micosi o piccoli incidenti nn hanno mai avuto problemi. ora sono terrorizzata perchè ho scoperto che la patologia renale nel gatto (solo maschio?) è frequente. me lo conferma? io mi ero accorta solo gli ultimi tre giorni che qualcosa nn andava (stomatite) ed era ormai troppo tardi..la prevenzione attuata attraverso l'alimentazione può scongiurare tale possibilità?

Buongiorno, il problema non è la malattia renale di per se ma le possibili malattie che la causano, in particolare quelle infettive come la FeLV, la FIV, la FIP.
Nessuno comunque potrà mai darle la garanzia che lei chiede fra le righe (una buona certezza di avere un gatto sano per tanti anni) quindi non deve assolutamente pensarci ma solo cercare di adottare un gatto sano, ben controllato a monte dell'adozione, nato magari da genitori conosciuti ed altrettanto sani. Fare quindi le cose per bene affidandosi ad un veterinario serio ed esperto invstendo da subito in prevenzione e non in cura quando oramai magari è tardi.
Poi la sfortuna può vederci benissimo, ma le assicuro che in 32 anni di professione casi come il suo ne ho visti pochissimi.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 18.7.2013

Gentilissimo dottor Minetti,
lo scorso mese ho trovato un cucciolo meticcio (il veterinario pensa un incrocio con un pastore tedesco..), secondo il parere medico aveva circa due mesi. Adesso devo usare un buon antiparassitario, io mi ritrovo ZAPI RAPIDO CAT & DOG ml.250 SPRAY ANTIPARASSITARIO CANI/GATTI ma non so se va bene per un cucciolo. Ho chiesto al veterinario ma la sua sola e breve risposta è stata "non lo conosco". Lei cosa ne pensa, potrei usarlo sul mio cucciolo? Grazie mille
Cordiali saluti

Buongiorno, non lo conosco nemmeno io.
Se devo essere franco le consiglierei di seguire le indicazioni del veterinario curante perchè non tutti gli antiparassitari esterni sono uguali, ma soprattutto perchè essi hanno ambiti e capacità di prevenzione differenti uno dall'altro. A seconda infatti di dove vive il cane dovrà essere scelto quello più adatto ai rischi che esso corre, sia come infestazioni sia come malattie trasmesse da vettore.
Non si deve essere superficiali nella scelta dei farmaci/prodotti di prevenzione delle malattie, siano esse parassitarie, siano esse infettive.
Si sottovaluta il ruolo fondamentale di queste barriere che aiutano moltissimo a tenere in salute l'animale e non solo lontano le pulci come spesso si pensa.
Infatti sono molte le malattie sistemiche anche gravissime che possono essere veicolate dalla puntura degli insetti, siano essi volanti come zanzare o papatacci, siano esse le zecche e le pulci.
Non mi stancherò mai di dire ciò perchè quotidianamente mi trovo a fare diagnosi di malattie che potevano essere eviate con il prootto adeguato applicato nei tempi e nei modi corretti.
Se di leishmaniosi si può morire anche di altre malattie meno consociute si può.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 19.7.2013

Buongiorno,
io ho una cagnolina jack russell di 6 anni molto possessiva e territoriale. Non possiamo avere ospiti e lasciarla girovagare insieme a noi per la casa, dobbiamo sempre chiuderla in una stanza sennò arriva a mordere gli estranei.
Un altro problema è che ha paura di tutto, ultimamente anche di mosche e zanzare soprattutto qndo battiamo le mani x uccidere queste ultime, si rifugia nel sotto scala.
Come possiamo rimediare a tutto ciò per farle prendere un po di coraggio?
Grazie mille
Elena

Buongiorno, la descrizione che lei fa del suo cane impone che vi rivolgiate non a me ma ad un veterinario esperto di comportamento, con titoli accademici e molta esperienza, poichè pare che in lei convvano più patologie insieme. Non sarà facile migliorare la situazione ma dovete assolutamente fare qualcosa di serio e definitivo.
Mi spiace non poterla aiutare ma sarebbe un errore da parte mia farle intravedre una scorciatoia che non c'è affatto.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano
Pagina  123