**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Settembre 2013

Domanda del 9.9.2013

Buon girno,ho un piccolo di chiuaha preso da 2 girni,è nato il 25 maggio.Il 1° giorno ha solo dormito e mangiato poco,ieri era un leone,oggi di nuovo solo tanta nanna,é normale?Ovviamente ho preso un appuntamento col veterinario,ma vorrei sapere se almeno è normale.
La ringrazio

Buongiorno, il suo cane ha meno di 4 mesi, quindi è ancora un cucciolo. Per dire con certezza se questo comportamento sia normale serve, come lei stessa dice, il suo medico veterinario: però deve andare subito, anche se spesso i cani piccoli si comportano così pu essendo sani.
Non posso tranquilizzarla davvero quindi, ma visto che non mi racconta altri sintomi nemmeno allarmarla.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Monteceneri 64, Milano

Domanda del 9.9.2013

Salve Dottore, mi chiamo Irene e ho adottato una cagnolina tripode. Ho acquistato una protezione carpale per l'unica zampa anteriore ma qui sorge il mio dubbio: non sarebbe meglio posizionare il tutore in prossimitá delle ossa del metacarpo piuttosto,poichè ho l'impressione che sia quello il punto in cui scarica il peso quando saltella. La fascia è di neoprene quindi non penso possa dare problemi anche se posizionata in una zona differente. La ringrazio

Buongiorno, non posso darle una risposta poichè non ho idea, senza una visita vera, della situazione. Usualmente i colleghi che si occupano di ortopedia e terapia riabilitativa sono le figure di riferimento per questi casi, dove anche piccoli accorgimenti possono interferire molto sulla buona o cattiva qualità della vita del paziente.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Monteceneri 64, Milano

Domanda del 9.9.2013

buorn giorno. La mia cagnolina Lucky, di 10 anni è stata operata venerdì per una serie di cisti all'inguine (siamo in attesa del risultato dell'istologico) Abbiamo incominciato a vedere comportamenti strani circa 3 mesi fa. Faceva spesso pipì in casa malgrado la portassimo giù tre volte al giorno, come sempre. Sono passati solo 4 giorni dall'intervento e capisco che sia ancora presto ma.... Lucky continua a fare pipì in casa e ho il sospetto che sia diventata un'abitudine. Come posso rieducarla a fare pipì giù?Grazie

Buongiorno, il quadro che lei descrive non è da "abitudine comportamentale" ma da problema clinico in corso.
Quindi ne parli con i colleghi che seguono il cane e faccia eseguire un esame delle urine.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 10.9.2013

Egr. Dott. Minetti,
a seguito dell'artricolo apparso ieri sul magazine in merito all'obbligo del microchip, le chiedo gentilmente se devo per forza mettrerlo alla mia cagnolina di 13 anni che, a suo tempo, è stata tatuata ed iscritta (con relativo numero) all'anagrafe canina di Roma.
Molte grazie e saluti.
Serena G. (Roma)

Buongiorno, deve chiedere cosa prevede il regolameto del Lazio in merito al suo veterinario od alla ASL.
Se fosse il mio cane lo metterei visto che è una sicurezza in più rispetto al tatuaggio, spesso illegibile.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 10.9.2013

Buongirono Dottore,
le scrivo per chiederle un parere sul mio gatto. Ciccio ha circa quattro anni, l'abbiamo preso due anni fa in gattile.
Da allora ha sempre manifestato problemi intestinali: feci con sangue e muco.
Nel primo periodo l'abbiamo sverminato più volte, gli abbiamo dato antibiotici, fermenti lattici, abbiamo fatto analisi del sangue complete (tutto nella norma), lo stiamo nutrendo con crocchette ipoallergeniche.
Il problema si è tuttavia quasi risolto solo con l'assunzione quotidiano di cortisone.
Nonostante ciò, permangono alcuni episodi di feci molli.
Sono più di sei mesi che assume cortisone e visto che la questione non si risolve del tutto siamo un po' preoccupati.
Il veterinario sostiene che è una sindrome cronica e dovrà prendere il cortisone a vita e la cosa non ci convince.
Inoltre negli ultimi due mesi è inappetente. Nonostante chieda da mangiare poi lascia la pappa nella ciotola.
C'è qualche esame clinico che potremmo fare per chiarire la causa del malessere invece che tamponarne i sintomi con il cortisone?
Grazie mille per la disponibilità
Cordialmente
Daniele Pennati

Buongiorno, il problema è che non è stata posta una diagnosi certa "diretta" ma solo una "ipotesi diagnostica", pur se attraverso esami eccetera.
In questi casi bisogna quindi rivolgersi ad un veterinario specialista in gastroenterologia che eseguirà, oltre ad una visita, una endoscopia con esami bioptici (esattamente come per noi umani) onde definire la causa precisa, e quindi la terapia di elezione.
Può ovviamente essere anche che sia corretto ciò che adesso state facendo e che il cortisone sia la terapia giusta, ma per sicurezza bisogna (sempre attenendomi a ciò che lei mi dice ovviamente) trovare il nodo del problema senza dubbio alcuno.
Ne parli col suo veterinario oppure cerchi nella sua zona un esperto del settore.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 11.9.2013

Salve Dottor Minetti, le volevo fare una domanda sull'alimentazione dei miei cani.
Secondo lei qual'è la marca migliore?da un po' di tempo sto dando ai miei cani special dog ma non so se continuare, perché dopo nonostante un mese che mangiano l'umido(crocchette nn le mangiano se nn sono mischiate al l'umido) mi continuano a fare diarrea e peti maleodoranti!
Secondo lei devo cambiare marca?le marche di cibo del supermercato tipo quelle dell'esselunga sono valide o no?
Posso dare da mangiare al mio cane carne macinata di vitello con riso e verdure??
Mi scusi per le mille domande!!!
Buona serata e grazie in anticipo!

Buongiorno, non credo sia possibile risponderle con professionalità. Infatti la dieta migliore NON esiste, ovvero esiste solo la migliore dieta per ogni singolo soggetto, da individuare unendo le forze, e le teste, veterinario e proprietario.
Quindi solo il suo curante sarà in grado di trovare la strada giusta, poichè la dieta è in linea di massima un abito su misura confezionato con molto buon senso e pazienza.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Ambulatorio Viale Monteceneri 64 Milano

Domanda del 12.9.2013

buongiorno dottore ho un pastore tedesco che 3 gg fà aveva vomito è diarrea :il medico ha consigliato iniezione di plasil, 1 ogni 24 h però mi rifiuta il cibo dà 3 gg. cordiali saluti aspetto una sua risposta . grazie

Buongiorno, io cercherei subito una clinica attrezzata per fare eseguire accertamenti approfonditi, radiografie, esami eccetera.
Saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 12.9.2013

Buonasera vorrei regalare un cane,si chiama Lola ha 7 mesi,femmina ed è un incrocio tra un pincer e un bassotto peso max 7kg..lascio la mia mail e il cellulare x contatti:cosimodecesare@outlook.it-3472536164

Pubblico volentieri

Dr Emanuele Minetti
Ambulatorio Viale Monteceneri 64 Milano

Domanda del 12.9.2013

gentillissimo dottore,
vorrei esporle un problema che mi stà tormentando
.
questa sera mio fratello innocentemente ha comprato e messo al nostro cucciolo di jack terrier l'advantix .
il problema è che in casa ho anche un gatto. premetto che i due non giocano insieme ,non si leccano, nè dormono nella stessa cuccia ( a dirla tutta il gatto evita il nuovo arrivato in tutti i modi). appena rincasata e scoperto l'accaduto ho chiuso il gatto in una stanza non fraquentata dal cane . ora le chiedo quanto tempo il gatto deve stare in isolamento dal cane? e soprattutto il prodotto si disperde negli ambienti dove passa il cane in dosi preoccupanti?

nb. per ora il gatto non mastra sintomi d'avvelenamento o comportamenti strani (tolta la noia della reclusione forzata)

la ringrazio per la gentile attenzione

Buongiorno, mi spiace risponderle dopo molti giorni ma per le cose urgenti dovete sempre rivolgervi al vostro veterinario di fiducia.

Saluti
Dr Emanuele Minetti
Ambulatorio Viale Monteceneri 64 Milano

Domanda del 13.9.2013

Buongiorno dottore,
l'altro giorno ho portato Lory, 4 anni, meticcio, dal veterinario per l'asportazione del tartaro. Al termine dell'operazione ho riportato Lory a casa, ma sono ancora scossa per quello che è successo nella fase del risveglio dall'anestesia. Lory non riconosceva nessuno della famiglia, ringhiava ed abbaiava e cercava di scappare, ma dal momento che ancora non stava bene sulle zampe rotolava come un pazzo e andava a sbattere contro ogni ostacolo. Poi all'improvviso si è calmato, ci ha riconosciuti di nuovo e ora è come se non fosse mai successo niente, è il Lory di sempre. Ho già avuto cani, che sono stati operati in anestesia, ma non ho mai visto una reazione del genere, ho provato a chiedere al veterinario di fiducia che ha detto che è tutto normale...non so cosa pensare, non è che Lory non sopporta l'anestesia? Al cane che avevo proma è venuto il diabete dopo un'anestesia, quindi ora ho paura che capiti di doverne fare un'altra. Che cosa ne pensa? Grazie in anticipo
Giorgia

Buongiorno, non avendo seguito in prima persona gli eventi non posso dire nulla purtroppo che le sia di aiuto per il futuro.
Ne riparli con il suo veterinario e ragionate insieme su una reazione avversa ad i farmaci usati nell'occasione. Esistono indagini cliniche che aiutano a verificare se il cane ha, od avrà, problemi con alcune sostanze farmacologiche ad uso veterinario.
Dr Emanuele Minetti
Ambulatorio Viale Monteceneri 64 Milano
Pagina  123