**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Luglio 2014

Domanda del 2.7.2014

Buongiorno,
Ho un bulldog inglese femmina di 5 anni che, da sempre, soffre di dermatite.
Dopo test allergoloci, é risultata allergica alle graminacee. È stata curata con varie medicine: ultimamente Augmentil, Frontalex, Medrol, Periactim, Autoplus Rimadil, oltre ad integratori vari.
Da sempre nutrita con carne di coniglio o anatra o altro tipo di carne magra, con esclusione assoluta di pollo, e crocchette monoproteiche.
Ultimamente nulla sembra farle più effetto, continua a grattarsi, fino a fuoriuscita di sangue, e perde sempre più pelo.
È triste e sofferente: cosa possiamo fare per aiutarla? Quali rimedi suggerite?
Grazie fin d'ora per l'aiuto.
Cordiali saluti,
Stefania Nania

Buongiorno, le consiglio una visita specialistica con un collega dermatologo.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 2.7.2014

Salve dottore,
ho notato nel mio cagnolino,un meticcio di circa 3 mesi, un arrossamento ed una lieve mancanza di pelo nella giuntura degli arti anteriori.

Vorrei gentilmente un suo parere,per capire come comportarmi poi.

Cordiali saluti

Marzia.

Buongiorno, deve fare una visita accurata perchè non posso darle un consiglio su una cosa così generica che può avere molti significati clinici anche importanti,come malattie parassitarie (rogna) oppure da funghi, da batteri, eccetera.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 2.7.2014

Salve dottor Minetti. Ho un cane di taglia piccola, che ha 5 anni e pesa circa 10 kg...mangia più o meno 120 gr. al giorno, ma è sempre affamato...il suo veterinario dice che sta bene, ma lui ha sempre fame...pensa che imbase all'età e al peso, potrei aumentargli un po' il dosaggio del cibo? Come seconda cosa le vorrei chiedere: il mio cane è a pelo corto, ma perde tanto tanto pelo e non solo in una stagione specifica...lui perde pelo sempre, è impossibile prenderlo in braccio senza venire invasi da quantità impressionanti di pelo. vorrei sapere se c'è qualcosa che posso fare per placcare questa perdita di pelo? e se secondo lei potrebbe essere legato al fatto che è sempre affamato, magari il cibo che gli do non gli fa bene? grazie fin da ora per la sua gentile risposta!

Buongiorno, purtroppo ogni singola sua parola dovrei poterla verificare durante una visita clinica, magari eseguendo anche alcuni esami di laboratorio.
Non conoscendo nulla del suo cane posso solo dirle che deve rivolgersi ad un collega esperto in medicina interna per avere un parere (magari ha solo un verme solitario o tenia o latri vermi intestinali da curare....) sia sull'aspetto cibo sia su quello del mantello.
Davvero mi spiace essere di poco aiuto, ma la medicina si fa con il paziente davanti, altrimenti si fanno disastri oppure si danno consigli superficiali o magari sbagliati.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 3.7.2014

Gentile Dott. Minetti,
ho preso un cucciolo di pastore tedesco di 2 mesi ma ho notato che ha una macchiolina bianca sulla punta della zampetta, cosa significa? che magari uno dei genitori non è un pastore tedesco? un ultima domanda, cosa dovrei dargli da mangiare a 2 mesi?esistono crocchette per cuccioli così piccoli?
Il cagnolino lo andrò a prendere fra una settimana.
La ringrazio per l'attenzione e in attesa di una sua risposta la saluto cordialmente.
Daniela L.

Buongiorno, se il cane ha il certificato genealogico dell'ENCI non deve dubitare di nulla.
Per il discorso dell'almentazione le posso consigliare di farsi dare dall'allevatore i consigli giusti e subito andare da un bravo veterinario esperto e "di famiglia" che si prenda in carico la cura del nuovo arrivato dandole tutti i consigli che possono essere utili per iniziare col piede giusto.
Questa non può essere a sede per farlo come può bencapire perchè dovrei scrivere un romanzo!
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 5.7.2014

buongiorno dottore,ho un rottweiler di 9 anni,da una settimana ha coominciato ad avere problemi alle zampe posteriori ,martedi sera non riusciva ad alzarsi,ho chiamato il veterinario il quale dopo averlo visitato le ha fatto due iniezioni antidolorifico ed un antiinfiammatorio,prescrivendoci copresse per una settimana,il giorno dopo il cane stava molto bene camminava e correva scendendo anche le scale velocemente,ma ora sono due giorni che si e sdraiato enon vuole alzarsi,anche se e vitale con appettito e molto vigile..non so cosa fare..
gianluca cugusi

Buongiorno, deve richiamare il collega che lo ha visitato e magari pensare ad una visita specialistica o con un neurologo o con un ortopedico.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 5.7.2014

Buonasera Dottore.
Il mio problema è il seguente. Una mia amica di Napoli ha raccolto dalla strada una meticcetta di taglia medio piccola. Alla cagnolina è stato diagnosticato un BLOCCO DI BRANCA DESTRA. La mia amica vorrebbe sterilizzarla. E' possibile sottoporla ad una operazione di sterilizzazione? La cagnolina ha circa 9 mesi.
Cordialmente.
Maria.

Roma 05/07/2014

Buongiorno, questa domanda va posta al veterinario esperto di cardiologia che ha eseguito gli accertamenti diagnostici ed ha quindi in mano i referti onde stabilire il reale rischio operatorio.
Se lui ritiene sia possibile farlo, ed a quali condizioni, sarà poi compito del prorpietario, valutando i pro ed i contro, prendere una decisione ponderata.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 6.7.2014

Salve, ho un pastore tedesco che da venerdi sera piange e si arrampica al cancello, abbiamo cercato di comprendere cosa voleva portandolo fuori (anche se erano 1 di notte) ma una volta fuori fa un giro e ritorna dentro (da solo) continuando poi a piangere. Ha improvvisamente cambiato carattere (in peggio ). se noi gli diciamo di stare fuori lui insiste e vuole entrare in casa a tutti i costi (entrando addirittura dalla finestra! Mai fatto) ho notato che non abbaia piu con lo stesso ritmo di prima se vede qualcuno quasi lo ignora. Se stiamo seduti lui vuole stare in braccio (mai fatto) ci salta addosso. Un ultima cosa ho notato che ha un eccesso di bava perché gli cola.. anche questo non era presente prima.. sono davvero disperata.. ho paura per la sua salute mentale. Cosa potrrbbe essere:(?

Buongiorno, ritengo sia necessaria sia una valutazione neurologica sia una valutazione comportamentale con i relativi specialisti che lavorino insieme, recandosi in una struttura veterinaria di tipo ospedliero.
Cosa possa essere, a parte fare alcune ipotesi generiche, non si può proprio dire con ciò che lei mi ha raccontato, mi spiace.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 7.7.2014

Buon giorno Dott. Minetti.
Da 11 anni ho una cane meticcio, che ho adottato da un canile. Purtroppo, nonostante svariati tentativi nel corso degli anni, di educarla e farla socializzare, mantiene la tendenza ( fin da cucciola ) a scappare dalla proprietà se lasciata sola ed ad essere aggressiva verso i gatti e altri animali ( tranne gli altri cani e gli esseri umani, ricnorre tutto cià che si muove ). Abitando in prossimità di una strada molto trafficata, per evitare pericoli per il cane e le persone, ho realizzato un box dove poterla chiudere in mia assenza e la notte. Abito in campagna ed è abitudine di molti nel vicinato tenere nei propri giardini i gatti, per evitare il proliferare dei topi. Può immaginare quindi la confusoine generata dal cane, chiuso nel box ed indispettito dalla presenza dei gatti, durante tutta la notte. I vicini, dopo qualche lamentela, sono apssati alle minacce di denuncia a causa del continuo abbaiare notturno del cane. Purtroppo non trovo comprensione da parte del vicinato e quindi mi trovo in una situazione apparentemente senza via di uscita.
Esiste la possibilità di educare un cane, con abitudini ben radicate, di 11 anni ? O devo rassegnarmi alle continue minacce del vicinato e trovare un'altra dimora per il mio cane ?
Grazie in anticipo per i suoi preziosi consigli.
M. Basile
Concordia Sagittaria ( Ve )

Buongiorno, se lei non ha fatto ancora nulla di veramente serio per corregggere il problema forse è il momento almeno di provarci.
Deve quindi assolutamente contattare un veterinario esperto in medicina comprtamentale e fare una prima visita.
Da lì se ne saprà molto di più, e si potrà ragionare se la situazione sia davvero grave oppure almeno in parte risolvibile.
Purtroppo al momento non si può certo biasimare chi si lamenta della situazione.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti - Milano

Domanda del 8.7.2014

Buongiorno Dott. Minetti,
purtroppo ho dei vicini di casa poco attenti alla salute dei loro animali e così arroganti da essere impermeabili al dialogo. Hanno già ricevuto un controllo dalla protezione animali ma non hanno avuto limitarsi a costruire un recinto per i cani. Ora hanno un numero imprecisato di gatti che vanno dovunque, non hanno lettiere a disposizione e dunque mi è giàù capitato di trovare sorprese dentro le mura di casa mia. Ora una delle gatte ha una dermatosi di cui non so fare diagnosi, ha delle aree prive di pelo con chiazze rosse e temo molto per il mio cane, dato che questi gatti spesso entrano nel mio giardino. Posso fare qualcosa? la legge può aiutarmi?
Grazie per l'attenzione
Selene Tosetto

Buongiorno,
deve chiamare l'uffico ASL veterinario e l'ufficio di Igiene del suo Comune. Anche le Guardie Zoofile.
La protezione animali non ha alcun potere.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 9.7.2014

Buongiorno,

mi è stata affidata una gattina al primo mese di vita, garantendo fosse pronta per essere portata a casa.
Ora che ho scoperto la sua età capisco che avrebbe dovuto passare dell'altro tempo con la madre per imparare i processi comportamentali. Adesso ha due mesi circa e presenta sintomi di iperattività e aggressività, oltre al fatto che non si lecca mai il pelo e si sporca quindi molto.
Sarebbe possibile riportarla dalla madre e tornare a riprenderla tra qualche tempo in modo che impari a lavarsi e a relazionarsi con gli altri, o sarebbe traumatico per la gattina?

Grazie in anticipo,
Chiara

Le risponde la Dottoressa Sabrina Giussani:

Buongiorno, portarlo alla madre può essere una buona idea ma dipende da quanto tempo è passato dal distacco. Dopo più settimane i rapporti parentali (così come accade nell'essere umano) si perdono: la mamma può non riconoscere il proprio cucciolo non avendolo più visto!
Altrimenti vi consiglio di realizzare al più presto una visita comportamentale presso un Medico
Veterinario Esperto.
A presto,
Sabrina Giussani, Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale
Pagina  123