**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Settembre 2014

Domanda del 17.9.2014

Buonasera,

Dottore volevo chiedere un parere su un accaduto che adesso le racconterò. Ho una cucciola di bassotto di 2 mesi e mezzo, l'ho portata dal veterinario per la seconda vaccinazione, la veterinaria ha deciso di fargli un vaccino trivalente, ed io inconsapevole di cosa sarebbe accaduto dopo, ho accettato fidandomi di lei, premetto che la cucciola pesa 3,2 kg. Una volta arrivati a casa la cucciola dopo due ore dal vaccino ha iniziato a vomitare, io inconsapevole di cosa stava accadendo dopo un pò l'ho riportata dalla veterinaria dicendogli del problema che stava avendo e la sua risposta a tale è stata "Ed io cosa ci posso fare?" gli ha fatto una siringa di plasil per calmare la nausea dicendomi che aveva bevuto ed era quello il problema non pretendendo neanche un centesimo dal servizio da lei effettuato.A questo punto ha fatto capire che qualcosa era andato storto. La cucciola anche dopo la siringa ha continuato a vomitare, a tal punto dato che era sera tardi ho contattato un ambulatorio privato h24 che gli ha somministrato una flebo per idratarla e poi anche un altra plasil, consigliandomi che all'indomani gli avrei dovuto fare una eco o una rx presumendo che aveva qualcosa che gli ostruiva lo stomaco. Problema ancora non risolto continuava ancora a vomitare, sia dopo che l'indomani era in panico non sapevo più a chi rivolgermi e chiamando il mio medico di famiglia mi ha consigliato un veterinario di cui se ne parlava bene e che aveva già risolto problemi del genere. Quando l'ho portata dal veterinario vedendola gli ha subito fatto una flebo e poi gli ha dato un medicinale per il vomito. Gli ha fatto esame delle feci negativo, esame del cerume negativo, esame del sangue negativo, nella eco esce che la cistifellea si era inspessita e che aveva il fegato un po ingrossato e questo gli portava coliche che provocavano il vomito. Da quando l'ho portato dal veterinario ad oggi la cucciola non ha più vomitato, sta facendo degli antibiotici, ancora non mangia ma si sta riprendendo le mucose sono diventate rosee da bianche e pupille anche si sono rimesse. La mia domanda è questa se riuscirà a salvarsi ed a stare bene, e lei cosa avrebbe scelto nel vaccinarla uno alla volta o fare la trivalente. Mi scuso per il poema ma ho voluto descrivere bene cosa mi è accaduto. Grazie. Distinti Saluti - Buonocore Giovanni

Buonasera, mi scusi ma il problema spesso non è la vaccinazione direttamente ma magari altro che era già in corso. Sempre stando sulle generali non avendo visto il cane nè sapendo che vaccino è stato usato. Si può anche ipotizzare una reazione allergica od uno shock.
Il collega che ha risolto il problema sarà in grado di darle risposte pertinenti senza dubbio conoscendo il paziente.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 18.9.2014

Per favore mi aiuti, non so' cosa fare.

Ho chiesto anche qui:
https://it.answers.yahoo.com/question/index?lang=it-IT&qs=OPEN&qid=20140918040540AA2Qxoh&cid=396545393

Ho paura di riportarlo al veterinario perchè gli ha reciso la ghiandola senza anestesia e il mio cagnolino ha sofferto molto...

Buongiorno, non capsico la sua domanda.
Porti il cane in una clinica seria.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 18.9.2014

Salve, mi chiamo Laura, ed ho 16 anni... ho molto a cuore gli animali e vorrei dedicarmi al volontariato in un canile in provincia di Pisa (possibilmente vicino Pontedera). Su internet non sono riuscita a trovare nessun annuncio, ma solo consigli; tra cui quello di rivolgermi ad un veterinario. Può aiutarmi?

Grazie mille in anticipo, Laura

Buongiorno, vada di persona in una delle associazioni della sua città.
Altro non so che consigliarle.
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 19.9.2014

Buongiorno sono Alberto, ho una femmina di bulldog francese di 8 mesi... Volevo sapere se posso darle gli ossi di prosciutto crudo di salumeria o che vendono nei negozi di animali. Sono salati?? Fanno male??
Grazie per l'attenzione. Distinti saluti. Alberto

Buongiorno, data la razza e le possibili allergie le consiglio di consultarsi col suo medico veterinario curante che conosce il suo cane.
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 19.9.2014

Buongiorno, le scrivo per fare chiarezza su quanto successo al mio cane pastore tedesco di 10 anni settimana scorsa. Giovedì scorso l abbiamo portato dalveterinario poiché non mangiava da due giorni, stava sempre sdraiato e respirava in modo irregolare affannoso e veloce. Il veterinario gli ha provato la febbre ed ha riscontrato una temperatura di 41 gradi, ha notato il respiro e gli ha toccato la pancia e subito il cane ha fatto un lamento. La diagnosi del veterinario è stato influenza e gli fatto delle punture per abbassare la temperatura. Nei tre giorni successivi il mio cane è passato da momenti di estrema debolezza a momenti di sostanziale normalità sino a quando domenica sera ha avuto un tracollo improvviso. Non riusciva più ad alzarsi, oerdeva pipi e il respiro era sempre irregolare. L abbiamo portato alla prima clinica aperta ed il dottore di turno gli ha subito guardato occhi e gengive riscontrando che le stesse erano completamente bianche, il cane si trovava quindi in uno stato di anemia. Dopo aver fatto l ecografia ha notato un nodulo attaccato alla milza, ci ha quindi riferito che l anemia era provocata da un emoragia interna. Il cane è morto. Le scrivo per chiederle se con i sintomi che il mio cane presentava giovedì il veterinario poteva capire che si trattava di qualcosa di grave. Grazie per la disponibilità. Monica

Buongiorno, non so sinceramente cosa dirle perchè sulla base delle sue parole è possibile sia una risposta affermativa sia una dubitativa.
Certamente il nodulo sulla milza era maligno e già presente da un poco di tempo - di solito sono emangiosarcomi - visto come sono andate le cose, ed anche sottoponendo il cane ad un'intervento urgente per asportare la milza non avrebbe avuto una vita molto lunga davanti a se.
Ne parli quindi con lui e gli esponga serenamente la questione perchè solo lui potrà sapere se alla prima visita non ha sottovalutato la situazione.
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 19.9.2014

Salve,volevo chiederle un consiglio per quanto riguarda la cura della rogna rossa...!!! Ho una cagnolina (incrocio tra un volpino e un bassotto a pelo lungo) affetta da rogna rossa,o almeno il veterinario così l'ha definita,e l'ha trasmessa pure alla figlia; hanno continuamente prurito a tal punto da provocarsi delle ferite con la perdita del pelo sulla parte. Le ho già messo il demotick,con uno spray (perchè non si fanno toccare dove hanno le ferite) per un bel pò di tempo,ad intervalli,e anche il neguvon...i primi mesi vedevo miglioramenti ma adesso da un paio di mesi nessun effetto. Da quindici giorni circa le ho dato l'ivomec,due dosi sempre ad intervalli di tempo,però per via orale,perchè punture è impossibile farne!!! Non so più cosa fare,anche perchè tenendole in casa è tutto più complicato...! mi hanno detto che ci sono antibiotici e altre cose molto utili...qualcuno mi diceva che anche l'augmentin va bene...però non so!!! Lei mi sa consigliare qualcosa da darle??? Grazie!

Buongiorno, io non prescrivo terapie nè faccio diagnosi via mail, ovviamente perchè è impossibile farlo.
Quindi lei deve andare da un bravo veterinario esperto e con lui fare le terapie corrette, anche perchè mi pare che quelle usate fino ad oggi non solo sono state inefficaci ma alcune francamente sono sbagliate.
Mi pare che stiate facendo dei bei pasticci, quindi cerchi davvero un collega dermatologo, altrimenti i suoi cani soffriranno molto e lei spenderà molti più soldi per niente, magari pensando di risparmiare.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 19.9.2014

Buonasera dott. Minetti,
volevo solo sapere se il PRILACTONE farmaco veterinario, come dice il foglietto illustrativo, deve essere dato una sola volta al giorno preferibilmente la mattina insieme al pasto principale in modo che aumenti il suo principio attivo.
Il mio cane pesa 22/20 kg, quanto ne dovrei dare?
Grazie Adriana

Buongiorno, ma la ricetta del veterianrio esperto in cardiologia che lo ha in cura cosa recita?

E' lui l'unica persona competentte per formulare una ricetta giusta per il problema del sua cane.

Non capisco perchè rischiare la pelle dell'animale con un farmaco così importante per il cuore: gli telfoni.
Saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 20.9.2014

Buogiorno Dott.Minetti vorrei sapere se è normale che la mia gatta "assaggi" l'umido ne mangi pochino e poi lo lasci li.
Sto provando con diverse marche e diversi gusti, ma quando mi sembra di aver trovato quello giusto, la storia ricomincia.
È arrivata ad aspettare che aprissi la pappa umida del cane per assaggiare anche quella ...(quando l'ho detto al nostro veterinario mi ha detto impossibile, la prossima volta la filmo!!!)
All'umido preferisce il secco, bere beve, giocando prima all'agguato dell'acqua .....e non è deperita ,è una grande gatta di 4 anni e mezzo di 5kg, europea a pelo lungo.
Se può darmi qualche consiglio su come regolarmi... grazie e buona giornata
Cinzia

Buongiorno, se devo essere sincero non vedo dove sia il problema.
Se il gatto sta bene, mangia bene, beve in maniera adeguata, non presenta segni-sintomi di malattia le lasci fare le sue scelte, che peraltro ogni gatto sempre fa.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Milano

Domanda del 20.9.2014

Buongiorno, mi scusi se mi rivolgo a lei ma essendo pensionato con pensione minima non mi posso permettere un veterinaria a pagamento.
Circa un anno fa ho trovato una cagnolina smarrita e dopo ricerche il proprietario non si è trovato così ho pensato di tenerla.
Il mio problema, da qualche giorno il cane fa fatica a respirare, respira con affanno e battiti accelerati del cuore, poi continua a vomitare ma solo saliva bianca e liquido trasparente vischioso a volte rosato e da un giorno circa mangia poco o niente.
Mi sa dare un consiglio?.
In attesa saluto cordialmente Rinaldo Costa Brescia

Buongiorno, credo che se lei si da da fare di sicuro troverà un collega che cercherà di aiutarla venendole incontro sui costi.
Purtroppo è davvero IMPOSSIBILE fare diagnsoi su ciò che lei scive ed ancora di più sarebbe idiota darle una terapia.
Si dia da fare e cerchi, qualche anima buona c'è sempre.
Cari saluti
Dr Emanuele minetti
Milano

Domanda del 20.9.2014

Buona sera,
Ho ricevuto i risultati del esame sierologico di una cucciola di 7-10 (e' stata trovata abbandonata poco tempo fa) e' vorrei sapere come interpretare quei risultati. IgM e' negativo, invece IgG positivo 1:320. Mi hanno detto che attualmente la cucciola non ha rickkiesia (questo dice IgM) ma che ha avuto contatto con la malattia in passato (ha avuto contatto con agenti causali)... vorrei sapere se questo significa che la cucciola e' portatrice di rickiettsia (per esempio qualche tipo di larvi ?) e la mallatia ”si attivera” in futuro? in questo caso la probabilita che la cucciola si ammalerà in futuro e' aumentata nel confronto con gli altri cani con IgG negativo? che rischio porta la cucciola (avendo IgG positivo) per i altri cani che stanno insieme con lei?
grazie per la risposta. Raffaele

Buongiorno, la Rickettsiosi presente in Italia è quasi al 100% sostenuta da R. Conori, scarsamente patogena o per nulla patogena.
Pertanto se fosse il mio cane controllerei regolarmente il titolo ogni 6-12 mesi e starei a vedere come sta, eseguendo anche degli esami emocromocitometrici di controllo.
Per gli altri cani non è affatto pericolosa perchè sono le zecche che la trasmettono ai cani sani.
Cari saluti
Dr Emanuele minetti
Milano
Pagina  1234