**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Febbraio 2015

Domanda del 1.2.2015

Buonasera io una gatta un british di 15 anni che da qualche settimana mi fa i bisogni dietro il mobile anche se va anche nella sua lettiera. Da poco è arrivato in casa un altro gattino di 4 mesi che a lei non piace. Quindi non so se questa cosa lo fa per dispetto o per vecchiaia e se c'è una soluzione

Buongiorno, le eliminazioni inappropriate sono un segnale di disagio.
Provi a mettere un diffusore di feromoni felini in casa ed aumenti almeno a due il numero delle lettiere.
Poi vediamo come va: potrebbe essere necessario un veterinario comportamentista.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
Viale Monteceneri 64 - Milano
www.biessea.com

Domanda del 2.2.2015

Buonasera dottore, ho una fantastica cagnolina di 11 anni di 9 kg. E' da un paio di anni che con la stagione fredda (ma capita talvolta anche in estate) ha spesso la tosse, una tosse con un verso tipo "becco d'anatra" abbastanza continua che peggiora quando si lecca le zampine, forse perchè leccandosi ingoia dei peli che le provocano solletico. Il mio veterinario ha detto che si tratta di tracheite. Per scongiurare ogni dubbio le ha anche fatto una lastra dalla quale per fortuna non è risultato nulla di negativo. La cura consiste in antibiotico Augmentin e cortisone Bentelan per circa 6 giorni. Effettivamente dopo la cura la tosse passa e smette anche di leccarsi e mordicchiarsi, ma dopo un mese circa si ripresenta il problema. Secondo Lei può esserci un'altra cura, magari più "leggera" che non sia a base di antibiotici e cortisone ? Grazie in anticipo per la sua risposta.

Gianna

Buongiorno, credo sia necessario rivedere la diagnosi e di conseguenza la terapia, che comunque potrebbe anche essere in gran parte corretta.
Esistono livelli diagnostici "superiori" che si devono usare quando le cose non vanno come dovrebbero andare. Quindi a mio parere lei dovrà cercare una clinica attrezzata in zona e fare eseguire uno studio radiografico completo del torace, esami batteriologici se possibili, eventualmente un lavaggio broncoalveolare con esame citologico, esami per le allergie se si sospettasse una forma di asma.
Ovviamente il tutto previa visita accurata da parte di un veterinario esperto che possa escludere anche le patologie cardiovascolari.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Montececeneri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 3.2.2015

Salve ho un incrocio di yorkshire e sn due giorni ke piange ho misurato la temperatura ed e abbastanzs bassa il vet mi ha prescritto l sntibiotico pero piange sempre vuole stare in braccio gratta le coperte come seavesse dolore ma io nn capisco e poi mi sembra che nn possa ingoiare che posso dargli x il dolore mi rattrista vedere il mio cane kosi!la prego una rsp grazie.

Buongiorno, deve farlo rivisitare, magari da un'altro collega se non si fida più. Con quello che lei mi racconta se fosse una femmina le direi che ha una gravidanza isterica ma ovviamente la diagnosi si fa sul campo e non per mail.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Montececeneri 64 Milano
www.biessea.com
PS: di solito a chi mi scrive "male" in italiano non rispondo, per favore eviti le k ed usi la punteggiatura, quando ci si rivolge ad un adulto è meglio mantenere la forma per un minimo di rispetto e per farsi capire, grazie.

Domanda del 4.2.2015

Buongiorno dottor Minetti,
ho una meticcia di media taglia (circa 28 kg) incrocio tra un pastore tedesco e un pastore belga di due anni. Si chiama Macchia. E' molto affettuosa, giocherellona ed intelligente. Adora mordicchiare coperte di pail e bottiglie di plastica, oltre avviamente agli ossi che si acquistano x i cani. Appena portata a casa da cucciola le abbiamo fatto un giaciglio con delle coperte di pail. Ora che è adulta dorme in una cuccia isolata dal legno e rialzata dal terreno all'esterno del nostro giardino. Io per paura abbia freddo le metto delle coperte ma lei continua a tirarle fuori ed usarle come gioco. Ha persino morsicato la tenda/chiusura della cuccia fatta di resistente plastica. Cosa posso metterle per tenerla più al caldo senza che continua a giocarci?
La ringrazio e saluto cordialmente.
Monica

Buonasera, in commercio sono presenti cucce coibentate e riscaldate così che all'interno il cane
possa sentirsi a proprio agio anche in inverno, quando fuori fa molto freddo. Le coperte e gli oggetti posti nella struttura spesso sono utilizzati come giochi per rendere i momenti di solitudine
meno lunghi.
A presto,
Sabrina Giussani, Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale

Domanda del 5.2.2015

Salve. Le scrivo per sapere come mi devo comportare dopo l'arrivo di un cucciolo di gatto(5 mesi) . Vivo in appartamento e ho già 3 gatti maschi di 3-5 e7 anni. Il più piccolo ,Paco ,non accetta ASSOLUTAMENTE il nuovo arrivato Jack che è costretto a scappare sotto i mobili e a rintanarsi sotto la stufa. Quando vado al lavoro e durante la notte lo chiudo in camera da letto con me. Volevo sapere cosa devo fare,se lasciarlo libero e aspettare che si sistemino da soli o cosa.
Jack,il cucciolo,quando arriva Paco e' terrorizzato e scappa via subito. Ho provato a vedere che se non fugge via ,perché magari Paco e' arrivato senza che se ne accorga,Paco non lo aggredisce. Grazie e speriamo passi alla svelta,e' brutto vedere un cucciolo giocare poco perché passa il tempo sotto i mobili. Jack e' arrivato in casa il 29 dicembre....era un randagino. Grazie e a presto.
Nady

Buonasera, un sistema a quattro gatti è molto complesso. Le simpatie e le antipatie possono essere presenti così come accade tra gli esseri umani.
Paco non gradisce il nuovo arrivato, forse perchè lo teme anche se è molto giovane. Temo che la situazione si stabilizzerà con molta difficoltà.
È opportuno rivolgersi a un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale: una visita comportamentale può aiutare e supportare il gruppo per favorire l'inserimento del nuovo arrivato.

A presto,
Sabrina Giussani, Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale

Domanda del 6.2.2015

Salve vorrei porgere una domanda..il mio cagnolino chihuahua di 3 mesi con già la seconda vaccinazione è stato a contatto (per modo di dire perché non di faceva tanto avvicinare) con un cagnolino di 2 mesi nato a casa e da una settimana quarto cagnolino a assunto un prodotto elimina vermi..la mamma di questo cagnolino è nata a casa ora la mia domanda è può esssere stato contagiato da eventuali vermi se mai li ha avuti quel cagnolino? Sono in un ansia tremenda grazie

Buongiorno, non credo ci sia nulla di cui preoccpuarsi. I vermi non saltano addosso al suo cane ma hanno una precisa via di trasmissione che mi pare sia stata eviatata.
Deve però comunque fare controllare il suo cane ed anche sverminarlo come tutti i cuccioli, ne parli col suo veterinario curante.
Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM
Viale Monetcenri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 6.2.2015

Buonasera dottore,il mio shih tzu di circa 5 anni e mezzo, ha delle cistine ormonali intorno all'ano, adenoma epatoidi, la più grossa è scoppiata circa 20 giorni fa e si è svuotata,ora ne ha altre due! I miei vet X ora mi hanno detto di aspettare x vedere l'evolversi della situazione,ma poi dicono che l'unica soluzione sarà la castrazione!!! Possibile che non esista una cura x evitare la castrazione?! Un'altra cosa,Toby soffre anche di dermatite atopica sembra, è possibile che gli abbia preso anche le orecchie? Sono spesso rosse e mi sono accorta che non sente più bene come prima! Gli è stato fatto il tampone,non ci sono infezioni e nemmeno malassezie! Potrebbe diventarmi sordo del tutto?!la ringrazio infinitamente,buona Serata!

Buongiorno, esiste la possibilità di impiantare sottocute un apposito farmaco veterinario che serve a "castrare chimicamente" il cane.
L'effetto dura dai 6 ai 12 mesi e può essere una alternativa (transitoria ma efficace) alla castrazione chirurgica oppure un meteodo per ridurre le neoformazioni onde asportarle chirurgicamente in modo meno distruttivo.
In linea di massima oggi si ritiene che la chirurgia sia la soluzione migliore, meno pericolosa e meno costosa, nel il lungo periodo.
Ne riparli con i colleghi che seguono il cane.
Per il disocrso allergie si può adeguatamente indagare il cane, e quindi sottoporlo a terapia eziologica con buoni risultati' tramite la desensibilizzazione specifica.
Se non trova modo di farlo può rivolegrsi ad un dermatologo veterinario.

Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM
Viale Monetcenri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 6.2.2015

gentile dott.Minetti,

le scrivo in quanto il mio gatto da circa un mese assume dei comportamenti un pò strani: quando sono stesa a pancia su in particolare, mi sale in grembo e comincia ad "impastare" con le zampe sul mio petto e a fare le fusa, fin qui nulla di strano, se non fosse che ad un certo punto prende la manica del maglioncino tra i denti con forza, e se cerco di fermarlo o toglierla via, comincia ad emettere strani miagolii, anche un pò violenti e ovviamente stringe la presa, non si era mai comportato cosi prima, da cosa può dipendere?
A volte ho l'impressione che siano atteggiamenti sessuali (da come si posiziona ad esempio sul mio braccio) ma potrei sbagliarmi, del resto è stato sterilizzato quando aveva circa 4/5 mesi e ora ha quasi 5 anni, è possibile che abbia ancora questi istinti?
se si, potrebbe in futuro anche "spruzzare" in giro?sono un pò preoccupata.

Grazie per l'ascolto e in anticipo per la risposta.

Roberta

Buongiorno, il comportamento descritto sembra proprio una monta di tipo sessuale. Nonostante la sterilizzazione il gatto continua a produrre una minima quantità di testosterone per tutta la vita. Poichè sembra che l'equilibrio ormonale sia alterato, è necessario rivolgersi al proprio
Medico Veterinario di fiducia e realizzare una visita clinica e tutti gli esami collaterali del caso.
Se gli esiti fossero nella norma, è possibile pensare che il disagio sia di tipo comportamentale. Per valutare questa opzione è opportuno rivolgersi a un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale. La visita comportamentale metterà in evidenza altri sintomi, che insieme a quello descritto tracceranno il disagio del micio.

A presto,
Sabrina Giussani, Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale

Domanda del 6.2.2015

Buongiorno Dott,gentilmente chiedo se la pomata Oridermil è efficace per "alleviare" il prurito alle orecchie del mio schitzu di un anno di malassenzia. Io ringrazio e la saluto cordialmente

Buongiorno, ciò che serve è la diagnosi, solo in seguito si può parlare di terapie varie.
Quindi non viene prima la medicina che affronta il sintomo (il prurito nel suo caso) ma un medico che fa la diagnosi giusta e da la giusta cura.
Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM
Viale Monetcenri 64 Milano
www.biessea.com

Domanda del 6.2.2015

Salve, ho un barboncino di circa 11 anni che fortunatamente gode ancora di ottima salute, è sempre stato educato a fare i bisogni fuori al balcone della cucina su carta di giornale. Il problema è che con gli anni continua a fare pipì dentro casa. Inizialmente i posti preferiti erano il divano e il letto, cosi abbiamo messo una barriera per non farlo entrare in salotto ed ha smesso anche di sporcare il letto. Ma nell'ultimo anno continua quasi con frequenza giornaliera a fare pipì vicino le sedie della cucina o sotto il tavolo, nonostante siano abbastanza vicine alle sue ciotole, questo accade solo quando tutti dormono o quando mio padre (che riconosce come padrone) sta via per qualche giorno. Spero tanto che mi possa dare un consiglio e la ringrazio per il suo lavoro.
Tonia

Buongiorno, vista l'età del cane è necessario dapprima escludere la presenza di cause organiche alla base del comportamento descritto. Per questo è opportuno rivolgersi al Medico Veterinario di fiducia e realizzare una visita clinica, un esame chimico - fisico delle urine, un esame completo del sangue e un'ecografia addominale. Nel caso in cui gli esiti fossero negativi, è necessario prendere in considerazione l'aspetto legato al comportamento. Poichè mi sembra di comprendere che il sintomo perdura da molti anni, non saprei quale consiglio dare senza realizzare una visita comportamentale.

A presto
Sabrina Giussani, Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale
Pagina  1234