**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017
Cerca un argomento:

Le risposte di Gennaio 2017

Domanda del 5.1.2017

Buonasera dottore,avrei una domanda da porle. Ho uno shih tzu di circa 7 anni e mezzo,ad aprile del 2015 è stato operato di adenomi epatoidi vicino all'ano con conseguente castrazione! Ebbene,in questi giorni gli è tornata la ciste nel solito posto! Stasera la mia vet gli ha fatto l'ago spirato ed è risultato ancora la stessa cosa! X fortuna negativa! Com'è possibile che sia tornata nonostante la castrazione?! Allora potevo risparmiare di farla visto ero contraria! Adesso mi ha detto di aspettare e vedere,se si dovesse ingrossare troppo allora bisognerà operarlo ancora! E poi? Ogni anno e mezzo dovrà finire sotto i ferri?! Sono veramente disperata!!! La ringrazio e spero di sentirla presto!

Buongiorno,
non capisco perchè lei sia adirata se tutte le procedure sono state correttamente eseguite. Infatti i protocolli per questo tipo di patologie neoplastiche sono assodati e rigidamente applicati. Che poi parlando di patologie oncologiche possa anche succedere che una neoformazione recidivi ovviamente ci sta.
Nel caso poi del suo cane se la nuova massa è benigna deve solo essere contenta! La medicina non è come cambiare un pezzo ad una automobile ma cosa complessa. Ci sono animali, ed anche persone, che nella loro vita non hanno la fortuna di avere una salute di ferro e che vanno, purtroppo per loro, sotto i ferri anche dieci volte. Ciò non significa che bisogna abbandonare la battaglia ma solo che nella sfortuna si può continuare a curarsi con buoni risultati.
Nessuno la ha ingannata e nemmeno presa in giro, stia tranquilla.
Ha solo un cane sfortunato che deve curare al meglio, con serenità e fiducia, che se non avesse operato nel 2015 magari sarebbe già morto.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 7.1.2017

Salve dottore mi chiamo Emanuela le scrivo con la speranzadi ricevere da lei un consiglio. .. Ringraziandola anticipatamente le espongo il mio problema che mi procura tanta ansia. . Ho preso in casa una piccola gattina randagia adesso ha 6 mesi circa e, soffre da sempre di una strana congiuntivite . Ho provato com molti medicinali ( colliri e pomate ) compreso un antibiotico ma, il problema proprio non va via! !! Alcune volte peggiora dopo l'applicazione di alcuni prodotti insomma non so piu cosa fare e la mia preoccupazione aumenta! !! Il veterinario continua a dirmi di provare ma sto solo riempiendo l'armadietto di medicinali mentre la gattina poverina continua ad avere gli occhietti sempre bagnati! !!! devo rivolgermi ad un veterinario oftalmico dottore? la prego mi consigli lei sono molto preoccupata. .... Grazie di cuore

Buongiorno, vista la situazione che lei descrive è molto meglio fare una visita specialistica con un collega esperto in oftalmologia.
Le patologie infettive possono dare situazioni simili ma devono essere indagate adeguatamente e altrettanto trattate.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 12.1.2017

Buongiorno! Ho notato sulla coda del mio gatto di 2 anni come dei chicchi di riso color bianche - crema cosa sono ??? Come devo intervenire? E qualcosa di grave? Grazie in anticipo!

Buongiorno, deve fare eseguire un esame parassitologico delle feci perchè può essere che abbia la tenia e ciò che lei descrive come chcchi di riso siano le proglottidi (segmenti pieni di uova) del verme.
Saluti

Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 13.1.2017

Buongiorno, La contatto per avere un'informazione. Ho un pastore tedesco di 4 anni che da qualche giorno è molto giù di tono, la mia domanda era questa,siccome quando aveva 7 mesi aveva contratto il tetano, poi fortunatamente è guarito,volevo sapere se è possibile che possa riprenderlo di nuovo visto che mi sembrano (e parlo da profano) i sintomi dell'altra volta.
Grazie e buona giornata

Buongiorno, spero lei lo abbia nel frattempo portato in visita perchè alla sua mail non avrei mai potuto dare una risposta sensata se non di farlo vedere ad un medico veterinario.
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 16.1.2017

Buongiorno Dottore,
ho una meticcia di taglia piccola di 3 anni che fin da piccolina è stata coprofaga, probabilmente perchè sgridata quando faceva la pupù in casa. Avevamo escluso problemi di salute e da quando abbiamo iniziato ad educarla a fare i bisognini fuori, il problema sembrava risolto. Da qualche mese però ho notato che si alza di notte, fa pupù e la mangia oppure fa pipì in giro per casa (solitamente negli stessi posti). Le uscite sono regolari e non sembra che abbia problemi di incontinenza perchè questi comportamenti non li ha durante il giorno, anche se rimane sola in casa. Mi sa dare qualche consiglio su come affrontare questo atteggiamento?
Grazie mille
Cordiali saluti
Silvia

Buongiorno, è possibile sia un problema comportamentale e per questo è bene che lei faccia fare sia una visita generale per escludere altri problemi, sia poi una visita comportamentale con uno specialista.
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 16.1.2017

Buongiorno,
il mio è piuttosto uno sfogo che un problema.
Ho un cane femmina meticcia di quasi 4 anni. Molto intelligente ed affettuosa.
Quando andiamo a spasso in una bella passeggiata naturalistica che abbiamo dove abitiamo non riesco mai a farla avvicinare ad altri cani perché i padroni di questi ultimi si allontanano. Premetto che tengo Macchia sempre al guinzaglio.
La mia cagnolona è di media taglia con un muso e occhi molto dolci.
Ho avuto cani da quando sono bambina e li ho sempre portati a spasso e fatti giocare con altri cani.
Ora sembra che questo non sia più possibile...
Ma perchè gli attuali padroni di cani sono così sospettosi?
Mi dispiace perché continuando così i cani non si abituano mai ai loro simili...
La ringrazio e la saluto cordialmente
Monica

Buongiorno, le rispondo da proprietario di un cane molto allegro e socievole, che vorrebbe giocare con ogni uomo e cane che incontra come fa con me.
Il problema sta nella diffidenza reciproca di tutti noi e nella paura dell'ignoto.
Io sono abbastanza indisciplinato e se posso lascio il cane libero nei prati e lo faccio correre e quindi giocare con gli altri cani altrettanto non aggressivi e giocosi.
Per i padroni non so cosa dirle, siamo in una società piena di fobie, non potremo certo cambiarla. Per i cani problematici non socializzati ed aggressivi idem, di solito hanno un problema alle spalle anche loro non risolto ed affrontato dai padroni.
Comunque si faccia qualche amico al parco o nei giardini con cani buoni, faranno gruppo e si divertiranno.
Senza però ledere le altrui libertà o disturbare il prossimo ovviamente.
Per me esiste una semplice parola: educazione.
Quindi comportamenti civili ed allegri.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 18.1.2017

Buonasera, ho un cane corso di 11 mesi che da qualche settimana presenta una cifosi alla schiena. Volevo sapere se con la crescita scomparirà o se è un difetto permanente e se magari può darmi qualche consiglio per evitare che peggiori.
Grazie dell'attenzione

Aureliano

Buongiorno, deve assolutamente fare le radiografie alla colonna ed una visita specialistica in un centro di referenza. Ciò che sta succedendo infatti può essere grave.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 22.1.2017

Buonasera,
Ho una gatta persiana di 11 anni sterilizzata purtroppo negli ultimi anni (anche una volta all anno) soffre di fistole perianali.Sto usando una crema locale IRUXOL e PROCTOSEDYL.Cosa mi consiglia di fare?
Purtroppo causa perdIta lavoro ho grossi problemi economici. ...non posso in questo momento affrontare una spesa veterinaria...abito a Milano se ci fosse la possibilità di poterle far fare eventalmente una visita gratuita ve ne sarei grata.
Resto in attesa di un vostro cortese riscontro
Cordiali saluti
Emanuela Vanacore

Buongiorno, deve per ora cambiare la dieta ed usare una speciale formulazione veterinaria antiallergica per gatti.
Poi serve una terapia antibiotica per almeno 20 giorni di seguito ed una integrazione con acidi grassi omega3.
Il resto appena potrà dovrà essere verificato con visite cliniche.
Saluti
Emanuele Minetti

Domanda del 23.1.2017

buona sera ho un problema con il mio cane è un maschio un incrocio pastore e labbrador .Da qualche giorno ha delle perdite dal pene ,inizialmente trasparenti poi rosate e in seguito sangue . Spero gentilmente in un suo aiuto grazie.

Buongiorno, deve fare una visita con ecografia addominale per verificare la prostata e le basse vie urinarie.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com.

Domanda del 23.1.2017

Buona sera, desidero sapere se anche i boli di pelo provocano feci miste, a volte con presenza di muco e diarrea?
Le chiedo questo perché la mia micia di 1anno e mezzo, siberiana, alterna feci normali, a volte secche e spesso miste con le caratteristiche sopra indicate. Abbiamo tentato tutto: analisi delle feci per ogni tipo di verme e giarda, 2v. sempre negative, analisi del sangue, ecografia, radiografia ripetuta per presenza di possibile oggetto, scoperto poi trattarsi di enorme bolo di pelo che la gatta ha vomitato (stranamente) dopo due gg. La micia non vomita MAI, a parte l'episodio appena detto, pur avendo tanto pelo ed io speravo potessero essere i boli a provocarle tali scompensi, mentre la veterinaria mi ha detto che non è possibile in poiché questi creano stitichezza, eppure leggo ovunque su internet anche il contrario. Tenga presente che non diamo praticamente nulla alla gatta per aiutarla ad espellere il pelo, proprio su suggerimento del veterinario. Io non so più che pensare. Ora vogliono farle una biopsia, ma io di farle tagliare la pancia di 10 cm. non ne avrei intenzione, tenendo conto che è una gatta mangiona, non è sottopeso, anzi. Spero in una sua risposta. La ringrazio. Marilena

Buongiorno, come può immaginare non posso facilmente rispondere ai vari quesiti che lei direttamente ed indirettamente mi pone. Una indagine che possa dare risposte chiare e definite deve passare sia da una raccolta anamnestica precisa sia da una serie di passaggi diagnostici consequenziali non casuali. La presenza di muco nelle feci, di diarree intermittenti, di piccole coliche, hanno decine di cause a monte.
Esistono come detto precisi iter diagnostici che però devono essere fatti sul campo e non per mail. Mi pare comunque di capire che la situazione di salute generale sia ottima, e pensare ad una laparatomia esplorativa con biopsie è secondo me una vera esagerazione (a parte che sono esami che si fanno senza aprire l'addome per via endoscopica anche nel gatto se si ha lo strumento giusto).
La mia sensazione è che sia necessaria una visita con un medico veterinario esperto/specialista in gastroenterologia e non con un generico.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com
Pagina  12