**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Marzo 2017

Domanda del 18.3.2017

Buonasera...io ho due gatti che vivono in casa e da due anni non sono vaccinati. E' possibile tenere in casa un cane senza che corrano pericolo di malattie o devo farli vaccinare?
Grazie

Buongiorno, deve fare queste domande al suo medico veterinario di fiducia che conosce i rischi epidemiologici di tutti i suoi animali in relazione a dove vivono; cane e gatto non hanno praticamente malattie virali/infettive per cui si vaccina che possano essere in comune pericolose vicendevolmente.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 23.3.2017

Buongiorno Dottor Minetti, a distanza di poche settimane ho avuto il gatto e il cagnolino con i calcoli alla vescica, portati urgentemente dal veterinario e curati a dovere, mi ha detto di usare cibo tipo CD per il gatto e URINARY per il cane, volevo sapere se devo dare questo cibo per tutta la vita o se posso tornare al cibo pre calcoli.
Grazie e cordiali saluti. Paolo C.

Buongiorno, non capisco se i suoi animali hanno avuto i calcoli urinari (piccoli o meno piccoli sassolini, nella vescica o nel rene, da pochi millimetri ad alcun centimetri di diametro l'uno) oppure solo dei cristalli nelle urine, cosa davvero molto ma molto differente. Le terapie dietetiche dipendono dalla diagnosi precisa.
Pertanto non posso risponderle con precisione ma deve fare questa domanda al suo veterinario curante.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 23.3.2017

Buongiorno, ho 8 gatti di cui due sorelle di 7 anni, entrambe con la bronchite cronica. Premetto che, qualche anno fa, nel portarle a fare il vaccino, loro e altri 3, una qualche forma strana di malattia che ancora tutt'oggi non so cosa fosse. Non mangiavano più, non bevevano, faticavano a respirare, tossivano, starnutivano e sbavavano di continuo. A furia di fargli tutti i giorni iniezioni di antibiotico e antinfiammatorio, sono guariti ma, soprattutto le due sorelline, sono rimaste segnate da questa forma di bronchite cronica. All'inizio la mia vet mi ha consigliato di far loro una iniezione di cortisone (io avendo a disposizione il depomedrol da 40 mg a uso umano usavo quello, in dose da 0,05 ml per kg), che in effetti le fa stare bene nel giro di poco. Poi, mi hanno consigliato di fare aerosol con clenil e fluimucil antibiotico da 250 mg. L'aerosol, a una delle due fa poco e all'altra nulla, anzi sembra peggiorare quando glielo faccio.
Penso di tornare alle iniezioni dato che rispondono meglio a queste, ma vorrei somministrare loro nella stessa anche il fluimucil, solo che non so se si può e se si in che dosaggio. Premetto che ho deciso di cambiare vet.
Mi può aiutare?
Grazie

Elena Pepponi
Fidenza (PR)

Buongiorno, credo sia bene considerare anche l'asma felina fra le possibili diagnosi.
Deve però trovare un veterinario esperto, e poi fare esami per le allergie su sangue e conseguente immunoterapia desensibilizzante.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 25.3.2017

Buongiorno, mi sono accorta ora della presenza di piccole palline bianche all interno delle labbra della mia cagnolina ( una molossa meticcia di 10 mesi) cosa può esserr?

Buongiorno, è una malattia su base virale benigna che usualmente si risolve da se se ho capito bene la sua descrizione.
E' come una escrescenza a cavolfiore, singola o multipla, esito di infezione da un DNA Papovavirus specie-specifico trasmesso orizzontalmente fra cani. I cani colpiti sono in genere di meno di 1 anno di età. Le lesioni sono tipicamente localizzate a cavo orale, labbra o talvolta palpebre. In genere regrediscono spontaneamente in 1-3 mesi in esito alla risposta immunitaria evocata. La porti quindi in visita, ma non la faccia operare come alcuni propongono.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 25.3.2017

Buona sera dott. vorrei porle una domanda per quanto riguarda il nuovo farmaco che ha preso il posto del Gardenale ad uso umano per epilessia. Vorrei sapere se cambiando la pastiglia il cane potrebbe avere dei problemi a mantenere la barbituremia visto che da anni trovando la dose giusta 100mg x 2 volte al giorno ---non ha presentato più crisi. E soprattutto se può essere associato al bromuro di potassio...visto che assume anche quello. Sò che l'eccipiente è identico...ma sono gli altri componenti che mi allarmano. Anche col dosaggio credo avrò problemi a raggiungere la dose desiderata visto che le compresse sono da 60mg. La ringrazio per una sua risposta.

Buongiorno, ciò che conta è solo la parte attiva del farmaco e non gli eccipienti. Le sue considerazioni sono in gran parte corrette ed anche noi come categoria abbiamo grossi problemi ad accettare tali eventi poco o per nulla logici in termini di armi terapeutiche. Legittimamente una azienda può mettere in commercio un farmaco correttamente registrato, difficile immaginare che ciò non causi problemi ad i nostri pazienti. Ci stiamo lavorando con il ministero.
Può ovviamente associarlo al Bromuro di potassio e dovrà comunque eseguire esami di controllo della concentrazione ematica del farmaco.
Un bel pasticcio di sicuro fatto così.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 26.3.2017

Salve dottore, io skno Ilenia e ho un problema... ho un cane di un anno e tre mesi che non ha mai smesso di fare i bisogni in casa, entrambi. Ho provato ogni metodo, inizialmente da cucciola ignorandola e non facendomi vedere mentre raccoglievo i bisogni, la cosa si è rivelata quasi impossibile, in quanto ne faceva una quantità esagerata all'incirca sei o sette pipì e altrettante popó, sia in nostra presenza essendo cucciola sia in nostra assenza. La cosa è proseguita, ho provato a cambiare metodo, provando ad usare i vecchi metodi, ovvero infilandole il muso nella pipì, oppure sgridandola con il giornale, le cose non sono cambiate affatto, anzi! Ora mi ritrovo ad avere una cagnolina adulta che in mia presenza non fa assolutamente nulla, anche tutta la giornata se sono impossibilitata a fare la passeggiata pomeridiana, ma basta che esco anche solo 1 minuto che al mio rientro trovo pipì e popò! Sono disperata, sono in procinto di cambiare casa, ho trovato una casa con uno spazio esterno in modo da poterla far uscire svariate volte al giorno, ma ho paura che questo non serva a niente, c'è da aggiungere che a volte, raramente quando esco di casa ulula e si lamenta! Inoltre ho un'altra cagnolina di 4 anni quindi il cane non rimane mai effettivamente da solo, la cagnolina più adulta non mi fa assolutamente nulla invece l'altra continua imperterrita con i suoi bisogni in casa, poi per non farmi trovare il suo gabinetto mangia quasi sempre le sue feci, a volte si beve anche la pipì! La prego mi aiuti!

Buongiorno, purtroppo lei non risolverà nulla senza un aiuto esterno reale e competente che la affianchi nella gestione del suo cane. Le serve uno specialista veterinario in comportamento, e da ciò che scrive serviranno anche farmaci per i primi tempi.
Senza diagnosi non posso fare terapia, e senza visita nessuno può fare una vera diagnosi.
Cerchi un veterinario davvero ferrato e serio nella sua città che la aiuti.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 29.3.2017

Buonasera, ho un Carlino di 5 mesi che pesa poco più di 6 kg. Dato che inizia ad esserci caldo qui in sicilia, sotto consiglio del mio veterinario ho messo una pipetta di frontline tri-act. Nei giorni successivi all'applicazione ho notato che gli effetti collaterali hanno iniziato a manifestarsi, lievemente ma il cane comunque non stava molto bene. Ha avuto 2 episodi di bava alla bocca, 2 episodi di vomito, caldo nelle ore serali e non riusciva a stare fermo (di solito alle 22.30 dorme già) un episodio di tremore.
Ora sta molto meglio, ma per le prossime volte dovrei cambiare prodotto? Advantix potrebbe essere meglio o dato che hanno principi simili potrei avere la stessa reazione? Grazie

Buongiorno, molto difficile prevedere il futuro e suggerire quindi un cambio di prodotto.
La prima cosa da dire è che anche se è credibile siano sintomi legati ad esso non è detto che lo siano davvero tutti, e non è affatto detto che si ripresentino fra un mese.
In questi casi è buona norma recarsi subito comunque dal proprio veterinario quando il problema si manifesta, per capire meglio se oltre a ciò che si vede tutti il medico riesca a vedere ciò che è di sua competenza, e possa dare un suo parere od emettere una diagnosi con certezza.
Esistono vari prodotti con effetto antiparassitario e repellente oggi, dove vivete voi è indispensabile usarli per gli altissimi rischi che il cane corre con le malattie trasmesse da vettore. Ritorni pertanto dal suo medico veterinario e ne discuta insieme bene.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com
Pagina  12