**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018 Anno 2019
Cerca un argomento:

Le risposte di Gennaio 2018

Domanda del 20.1.2018

Buongiorno, a novembre 2017 il mio maltese di 8 anni è stato operato di enrnia perianale. Operazione riuscita, secondo il veterinario, ma ancora oggi il cane fatica a defecare. Spinge più volte a vuoto e poi finalmente riesce ad espellere feci di consistenza morbida.È questione di tempo o mi consiglia degli approfondimenti clinici? Ho paura di recidive....grazie

Buongiorno, direi che il buon senso richiede una revisione clinica perchè non va assolutamente bene così.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV

Domanda del 29.1.2018

Buonasera,
Alla mia cagnolina di 3 anni quando aveva pochi mesi fu diagnosticato uno shunt portosistemico e fu operata. Il fegato è cresciuto, non completamente ma ci hanno detto che ha raggiunto comunque una dimensione accettabile per una vita normale. Ogni 6 mesi facciamo le analisi del sangue per verificare che tutto sia ok. Le analisi fatte prima di Natale hanno mostrato un valore molto alto delle transaminasi. È stata fatta un'ecografia dalla quale non si evincono masse, lesioni e nulla. Sono state ripetute le analisi dopo 10 giorni e i valori stavano rientrando. I primi di Gennaio le abbiamo fatte nuovamente e le transaminasi sono di nuovo altissime. I veterinari vorrebbero fare una biopsia al fegato ma sorge il problema con l'anestesia essendo proprio il fegato l'organo interessato. Quale potrebbe essere il problema? La biopsia è il prossimo step per cercare di individuarlo? Grazie

Buongiorno, forse è il caso di pensare ad eseguire - se non ancora fatte - altre indagini non invasive che aiutino a comprendere se le cose sono davvero gravi oppure no: ecografia doppler fatta da un collega esperto, esami specifici del sangue, esame citologico ecoguidato non in anestesia.
Non avendo però il quadro completo della situazione i miei sono solo consigli e non vere indicazioni.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
Pagina  12