**

Il veterinario risponde

Se vuoi consultare l'archivio delle domande e le risposte date dal Dottor Emanuele Minetti, scrivi un argomento e ti appariranno le risposte al riguardo.

Ricerca le risposte per Anno e Mese
Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Anno 2018
Cerca un argomento:

Le risposte di Marzo 2018

Domanda del 7.3.2018

Buongiorno
6/7 mesi fa ho fatto una casetta ad un gatto randagio nel giardino condominiale il micione aveva il naso rosso, gonfio e muco e delle macchie rosse sul muso orecchie e zampe gli ho dato più volte il sinulox ora va un pochino meglio ma continua a sterutire e ha secrezione oculare cosa mi consiglia continuo a tenerlo o cosi o sarebbe meglio ricoverarlo in una struttura? Grazie infinite Laera

Buongiorno, sicuramente serve un bravo medico veterinario che se ne occupi, anche senza un ricovero vero.
Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 8.3.2018

salve dott.re,
volevo un informazione. Siccome il mio cane di ( tra pochi giorni 6 mesi) ha il vizio di mangiare le proprie feci, volevo riprovare a dare "forbid".
Ho provato a darglielo quando aveva 3 mesi, ma l'ho dovuta portare dal vet perche ha vomitato color rosa, il veterinario ha detto che gli aveva fatto venire probabilmente una gastrite.. Ora il cucciolo a distanza di mesi, poss riprovare a darglielo? in quanto continua a mangiare le feci proprie, a vlte portandole nella cuccia, o divano, o simili..cosa posso fare? riprovo con forbid? grazie in anticipo

Andrea S.

Buongiorno, essendo un problema quasi esclusivamente comportamentale deve rivolgersi ad un medico veterinario esperto in tale branca che esamini il caso da tutte le possibili angolature e non dare prodotti a caso, spesso di scarsa efficacia o dannosi. Senza diagnosi non c'è mai terapia giusta, se non per puro caso.
Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 9.3.2018

Buon giorno, ho una cagnolina, 10 anni, ha cominciato da circa 1 anno, ad alzarsi al mattino zoppicando, durante la giornata passa, a settembre correva vigorosamente dietro sua figlia e nel scendere il marcipiede, a sentito dolore, bloccandosi e piangendo, lo portata in casa e da allora ogni tanto zoppica, non si lamenta ma la zampina non la appoggia con tutto il peso. Beve molto e ha sempre la pancia dura e quando la tocco miagola. Più o meno . Secondo lei cosa devo fare?
Cordialmente
CRISTINA

Buongiorno, ritengo che da lontano non serva nulla da parte mia ma serva solo invece una visita presso un medico veterinario ortopedico che lavori insieme ad un clinico bravo.

Saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 19.3.2018

Buongiorno. Ho un problema con la mia gattina. Ieri sera è uscita in giardino ed è tornata a casa con l'occhio graffiato. C'è la possibilità di sapere a distanza di sole 24 ore che non si sia infettata con un randagio. Cosa mi consigliate di fare per stare tranquilla?
Grazie mille in anticipo! Elisa.

Buongiorno, ovviamente penso nel frattempo lei abbia fatto fare una visita completa al gatto. Se ha dei dubbi su possibili infezioni il veterinario saprà quali esami e con metodica consigliarle per identificare le possibili malattie infettive (anticorpale, PCR) anche sulla scota delle vaccinazioni eseguite ad oggi.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 20.3.2018

Buongiorno,
da circa 7 mesi vive con noi un gattino...
sono preoccupata perchè penso abbia vermi. sono passata in farmacia e ho preso LEN Mebendazolo facendo 2 cicli di trattamento.
ma da un pò mi sono accorta che ogni tanto vicino alla coda del gatto trovo dei pezzettini colore latte gomosi che secondo me sono delle larve o uova....
cosa posso fare da subito?
Ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti
Rosa

Buongiorno, i medici veterinari - e non i farmacisti - servono per curare gli animali se sono malati.
Quindi si rivolga al suo portando un campione di feci per una diagnosi certa.
Saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 20.3.2018

Buongiorno, ho una cagnolina di 10 anni che probabilmente sta "covando" un cushing. Ha fatto i test, ma per ora risultano negativi. Tuttavia presenta una serie di sintomi, che lasciano pensare che prima o poi il morbo farà il suo esordio; in particolare ha il fegato e le surrenali ingrossati.

In questo periodo mi sono accorta che nella prima fase della notte non riesce a dormire; "scava" nella cuccia, scrolla le orecchie, e si sveglia repentinamente. La cosa che mi preoccupa di più, però, è che ha anche tachiapnea; stanotte ho contato 44 battiti in un minuto.

Mi chiedo se la causa possa essere il cortisolo che nella prima fase della notte viene prodotto in eccesso. E soprattutto vorrei sapere se corre pericoli e cosa posso fare. I veterinari della clinica che la seguono dicono di non poterla curare con vetoryl, fino a che i test sono negativi.
Io però ho paura che questa tachiapnea le risulti letale..

Grazie.
Valeria

Buongiorno, credo che lei debba andare subito col cane da un medico veterinario internista con grande esperienza endocrinologica. I test per fare diagnosi di Morbo/Malattia di Cushing sono diversi, ed ognuno di loro ha vantaggi e svantaggi nella pratica quotidiana, e se uno solo è negativo e tutto il quadro è compatibile non bisogna fermarsi al dubbio ma fare altre indagini.
Il fatto che sia presente ingrossamento bilaterale delle surrenali chiaramente è quasi diagnostico per una forma di malattia ipofisi-dipendente da trattare con apposito farmaco veterinario.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 25.3.2018

Buonasera, molto piacere sono Francesca ed ho un bulldog Francese di 5 anni di nome Amelie. Nonostante non avessi mai avuto cani e quindi inesperienza nella loro educazione devo dire di essere stata molto fortunata perchè non mi ha mai creato problemi ho disagi in casa. Tra l'altro vorrei evidenziare il fatto che è un cane sordo dalla nascita, ma sarà la sua perspicacia, carattere, razza ...o rapporto dualico creato tra noi con gesti ed un intesa che ci unisce , non ho mai avuto difficoltà nelle regole e nella comunicazione con lei. Ho avuto la fortuna di avere un giardino, e per scelta, non le ho mai dato l' abitudine di uscire per i bisogni. Da quando aveva 4 \5 mesi faceva pipi e cacca in giardino, la sera al ritorno dal lavoro tutti giorni le dedico un ora di parco per correre , giocare e socializzare (nel fine settimana esce con me tt il giorno). Da sempre, quando il w.e dormo fino a tardi lei rimane con me sul letto fino al mio risveglio. Durante la settimana lavorativa la lascio in giardino dalle 9 fino al mio ritorno in serata. Siamo molto unite, facciamo shopping, passeggiate, mare, pineta, vacanze insieme, ci facciamo 1000 coccole.
Mi scuso della premessa, ma credo sia utile per inquadrare la situazione che introduce la mia domanda di perplessità e consiglio a lei.
Dunque, da circa due settimane la mia Amelie , nonostante la finestra sempre aperta che da sul giardino, fa la pipì sul suo cuscino e addirittura un paio di volta sul letto (io sono sola e da sempre lei dorme con me)...non lo ha MAI fatto!
Le prime volte non le ho detto niente, ultimamente quando percepivo il danno nell'immediato la sculacciavo (essendo sorda è il modo più efficace). Negli ultimi giorni addirittura fa la pipì e me ne accorgo perchè va sulla brandina in terrazzo (di solito è la mia ombra perciò se si allontana da me capisco che c'è qualcosa che non va!).
Gentilmente le chiedo un parere sulla motivazione di questo comportamento inusuale ed un eventuale consiglio per adottare un rimedio ed una soluzione.
Grazie infinite

Buongiorno, le risponde la Dottoressa Sabrina Giussani, noto ed esperto veterinario comportamentalista.

Buongiorno e necessario realizzare una accurata visita clinica presso il suo Medico Veterinario di fiducia e un esame chimico fisico delle urine. Ritengo che il comportamento di eliminazione inappropriata possa essere legato a un disagio di natura fisica poiché è insorto allo improvviso.
A presto.
Dott.ssa Giussani Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale


Domanda del 28.3.2018

Buonasera,

a Gennaio dell'anno scorso ho dovuto operare il mio cane (meticcio, 6 kg, 9 anni) poiché aveva dei calcoli vescicali.
Da allora faccio analizzare le sue urine periodicamente per tenerlo sotto controllo.
Le riporto brevemente i sui valori per farle capire meglio la situazione.

Prima dell'operazione:
10/2016
Peso specifico 1040
pH 6
Presenza cristalli di ossalato

01/2017
Peso specifico 1030
pH 7
cristalli rari di ossalato

Poco dopo queste due analisi capitò che il mio cane urinò sangue e per questo motivo facemmo una eco e appurammo la presenza di calcoli, e decidemmo di operarlo.

Esami dopo intervento:
10/2017
Peso specifico 1042
pH 7,5
cristalli assenti

03/2018
peso specifico 1050
pH 5,5
Presenza di cristalli di assalto di calcio fama monoidrata ("a manubrio di ginnastica")

Da quando lo abbiamo operato il cane sta mangiando regolarmente croccanti Urinary s/o.
Purtroppo abbiamo notato che il cane non riusciva a mangiare le scatolette umide della stessa marca pertanto abbiamo cercato di alternare un po' di alimentazione casalinga (pollo,zucchine e riso soffiato) a questi croccantini.

Dato che dall'ultima analisi abbiano ritrovato dei cristalli, mi chiedevo cosa debba fare.
Volevo avere una sua opinione a riguardo.

Il cane non può assolutamente mangiare cibo casalingo?
Se sì, cosa?

Ho letto sulla scatola del cibo urinare s/o che questi alimenti non andrebbero somministrati oltre i 6 mesi consecutivi. Lui in realtà lo sta gia mangiando da più di un anno.

Cosa devo fare?

Grazie mille in anticipo.

Buongiorno,
premesso che il ritrovamento nell'esame chimico fisico delle urine nel sedimento di cristalli non significa "calcolosi", bisogna che il cane sia adeguatamente seguito da un medico veterinario che abbia una formazione specifica nelle patologie del rene e dell'apparato urinario, che sia in grado di proporre chiari e definiti protocolli sia di analisi sia di indagini per immagini (radiografie ed ecografie).
La dieta è la diretta conseguenza di una serie di risultati ripetuti nel tempo e non può essere definita una volta per tutte e/o sulla base di pochi dati non fra loro ben definiti.
Quindi il mio consiglio è di cercare un internista che si occupi di quanto detto.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

Domanda del 29.3.2018

Salve ho un cucciolo di Corso maschio, ha 10 mesi. 4 giorni fa mi sono accorto che zoppicava con la zampa anteriore destra pur tenendo la zampa a terra, ho verificato toccandolo nei vari punti anche sotto la giuntura che sia tutto apposto, in effetti non si lamenta al tatto.
Gli ho visto sotto la zampa se avesse qualche vetro spina ecc ma nulla.
Ho notato che però quando mi vede e fa le feste sembra come passargli ma quando cammina poi zoppica cosa mi consiglia apparte portarlo da un veterinario in zona che diciamo nn mi fido molto?

Buongiorno, deve fare un controllo serio ed approfondito perchè, visto razza e mole, è possibile ci sia una lesione al gomito, forse anche una displasia, che deve per forza essere indagata da un veterinario esperto in ortopedia.
Cerchi pertanto presso un ospedale od una clinica veterinaria tale tipo di competenza nella sua zona. Non ovviamente un collega generico.
Cari saluti
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com