**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

21.3.2019

Le fusa del gatto: un massaggio per l'anima

Sapevate che Beethoven e Mozart, si sono spesso ispirati ai suoni della natura? Però c'è un suono che ci attira e ci può aiutare: le felici e soporifere fusa del gatto.
La Cat Protection League, una delle più importanti organizzazioni animaliste internazionali, avrebbe infatti trovato l'antidoto perfetto alla tristezza. «Sedersi con in braccio un gatto che fa le fusa, al termine di una giornata, è un vero e proprio massaggio per l'anima - assicura Beth Skillings, veterinaria della Cat Protection. Forse perché il rassicurante ronzio è generalmente associato alla calma e alla comunicazione “dolce”, o forse perché la frequenza della vibrazione è all'interno di una gamma che può stimolare la guarigione».
In realtà il mistero più grande è come i gatti producano questo suono per noi così rilassante. Nessuna parte del corpo del gatto, tranne una non meglio specificata “oscillazione neurale” del cervello, è stata direttamente collegata alle fusa. E' stato suggerito da alcuni studiosi che il rumore possa essere prodotto da spasmi dei muscoli della laringe, che a loro volta consentono alla glottide di aprirsi e chiudersi, facendo vibrare l'aria nel momento in cui l'animale respira. Nel marzo 2011 sono state registrate le fusa più forti mai udite: attualmente Guinness dei Primati, il gatto Smokey di Pitsford ha raggiunto il record di 67,7 decibel, ben 14 volte più forti della media.

20.2.2019

Mai punire il nostro amico

Oggi al Magazine degli Animali parliamo di punizioni. Ma è giusto punire i nostri amici? E se sì come punirli? Risponde la dott.ssa Sabrina Giussani Medico Veterinario esperta in comportamento animale. Buongiorno dottoressa:
"Le punizioni, come per esempio le sgridate, le pacche, i ceffoni o l'isolamento in una stanza, sul balcone o in giardino, costituiscono spesso la regola educativa di prima scelta. Il cucciolo è sgridato fin dall'adozione poiché elimina in casa, mordicchia alcuni oggetti, tira al guinzaglio, non torna quando chiamato. Contemporaneamente compare la parola “No”, utilizzata per inibire le iniziative dell'animale sgradite al proprietario. Poiché il cucciolo crea con la famiglia umana un legame di attaccamento simile a quello tra madre e figlio, il tipo di comunicazione e il comportamento dei “genitori” è preso come modello. Il cane, diventato adulto, userà la stessa modalità per relazionarsi con i propri simili e con i proprietari: l'uso della forza e l'aggressione diventano gli strumenti per risolvere le situazioni difficili. Per favorire, invece, la collaborazione tra i membri del gruppo famiglia, è necessario gratificare il cucciolo quando agisce in modo corretto e ignorare ciò che “non va”. Le emozioni positive favoriscono e stimolano l'apprendimento."

14.12.2018

Fido e Micio alla tavola di Natale

Oggi qui al Magazine degli animali parliamo, indovinate un po' di Natale Si perché con l'arrivo delle feste Fido spesso è vittima delle nostre abitudini, panettoni, dolci e torte.
Ma il suo apparato digerente è molto più sensibile di quello dell'uomo. Anche Cibi conditi come lasagne, fritti o gli avanzi vari possono danneggiarlo e le conseguenze di salute sono seri. «Il cane ha pochissime papille gustative e per lui il sapore conta relativamente, se dovete gratificarlo o festeggiare con lui, utilizzate bocconcini ed evitate cioccolatini e creme chantilly». Il cioccolato contiene la teobromina, che non viene tollerata dal cane, e può essere responsabile di un'intossicazione o di problemi peggiori. La crema chantilly può determinare conseguenze di natura gastroenterica, perché contiene zuccheri e derivati del latte.
I cani spesso perdono la capacità di digerire i latticini, per questo è sempre meglio evitare latte e formaggi fermentati durante tutto l'anno. Ma Esiste un ultimo problema che coinvolge anche i gatti: l'ingestione dei cordini che servono ad avvolgere gli arrosti può creare problemi allo stomaco e all'intestino.

13.12.2018

Se hai bisogno di un amico prenditi un cane

"Se hai bisogno di un amico in questa città, prenditi un cane". La celebre frase del presidente Harry Truman, ha appena trovato conferma scientifica in due studi che ci spiegano quanto gli animali, e i cani in particolare, cambino in meglio le nostre vite. Secondo i ricercatori del Manhattanville College di New York chi ha un cane è più felice, meno soggetto a nevrosi e capace di maggior concentrazione rispetto a chi ha in casa un gatto.
Ma non è tutto. Uno studio ha indagato il rapporto tra 263 persone e i loro animali. Chi ha un animale domestico, e più soddisfatto della sua vita rispetto a chi non ha animali. I proprietari di cani hanno ottenuto punteggi più alti dei proprietari di gatti su tutti i parametri di benessere misurati. La ossitocina, soprannominata «l'ormone dell'amore», dimostrerebbe, per la sua maggior presenza nell'organismo dei cani quando stanno vicino a noi, che i cani ci amano di più. Un umano, per capirci, quando vede il proprio coniuge o il proprio bambino, registra una crescita nel sangue di questo ormone intorno al 40-60%. 10 cani e 10 gatti sono stati testati in due occasioni diverse appena prima e appena dopo aver giocato con i loro amici umani. I cani hanno registrato un aumento dell'ormone nel sangue del 57,2%. I gatti, soltanto del 12. Quasi cinque volte di meno. Ma l'amore si misura soltanto con la chimica, in laboratorio?
Direi di no,
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671672673674675676677678679680

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.