**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

10.2.2015

Cani e gatti obesi negli USA

Negli Stati Uniti il problema dell'obesità non interessa solo le persone, ma anche gli animali domestici. Più della metà dei cani e gatti delle famiglie americane sono quantomeno in sovrappeso. È l'inquietante dato che emerge dal report pubblicato dalla “Associazione per la prevenzione dell'obesità tra gli animali domestici”.
Ma non è tutto. Proprio come nelle persone, cani e gatti grassi sono più a rischio di diabete, artrite, malattie cardiache e respiratorie, ipertensione. Tutti problemi che farebbero ridurre di circa2,5 anni la loro aspettativa di vita.
La causa principale di questa situazione deriva ovviamente dal comportamento dei proprietari, troppo propensi a fornire alimenti ai propri amici a quattrozampe.
Ecco alcuni consigli del veterinario per cercare di arginare il peso in eccesso di cani e gatti:
- far fare al cane grandi passeggiate, anche più volte al giorno. Dare la possibilità ai gatti di muoversi. Evitare ad entrambi una vita troppo sedentaria;
- per i cani adulti, l'umido si deve dare una volta al giorno. Nel caso di cani di grossa taglia, due volte al giorno per evitare torsioni di stomaco. Comunque non abusare con le crocchette, meglio se ipocaloriche
- per i gatti, crocchette, sempre a disposizione, e di buona qualità. Se i gatti hanno la tendenza a ingrassare, meglio quelle ipocaloriche
- durante i nostri pasti, non cedere alla tentazione di dare il nostro cibo. Alcuni per “tenerli buoni” danno loro dei biscotti ipocalorici. Però poi prendono il vizio e li chiederanno sempre. Meglio “resistere”
- rispettare l'alimentazione specifica di cani e gatti: non dare mai da mangiare il cibo per cani ai gatti e viceversa.
Da domani tutti a dieta

9.2.2015

Latte a colazione?

Eccoci alla posta del veterinario: Nicola vive con un pastore tedesco di 4 anni a cui piace moltissimo il latte, ci chiede se può somministrarglielo senza problemi anche quotidianamente.
Cosa ne pensa il dottor Emanuele Minetti, medico veterinario a Milano?
"Buongiorno, dipende molto dalla capacità del suo cane di digerire ed assimilare il latte.Infatti il latte è un'ottimo alimento ma se lui non produce la lattasi, l'enzima che digerisce il lattosio zucchero contenuto nel latte), può manifestare anche importanti fenomeni di intolleranza, con conseguenti coliche, diarrea ed enteriti, talvolta anche emorragiche.
Deve quindi verificare provando a darne poco per volta ed ogni giorno un pochino di più, meglio se mescolato inizialmente con acqua: se non compaiono sintomi può usarlo tutti i giorni a dosi crescenti sino a stabilizzazione. Poichè comunque non tutti i cani producono la lattasi (anche non tutti gli uomini, pare meno intorno al 50%) potrebbe essere impossibile usarlo come alimento di base.
Altra cosa da ricordare è che se inizate a somministrarlo è bene darlo praticamente con continuità poichè, se si alternano lunghi periodi senza, la lattasi potrebbe poi risultare insufficiente e quindi comparire maldipancia e diarrea. Saluti"
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
Viale Monteceneri 64 Milano
www.biessea.com

6.2.2015

Cane vs gatto?

Appuntamento con le vostre mail inviate qui al Magazine degli animali all'indirizzo prontofido@prontofido.net
Oggi rispondiamo a Paola che ci scrive perché la sua cagnolona di 3 anni ha la brutta abitudine di correre dietro ai gatti., Lei ci domanda come deve comportarsi quando questo succede . La risposta a Daniela Lisi, educatrice cinofila:
"Cara paola, diciamo che spesso per molti cani più che un'abitudine è un istinto, per l'esattezza l'istinto predatorio.
Sono molti i cani che non riescono a trattenere la voglia di fiondarsi su quei poveri gattini che s'incontrano per strada... non è assolutamente un problema per il quale preoccuparsi però occorre prestare molta attenzione quando si è in strada per evitare che il nostro cane scappi ma anche per evitare che quel povero gattino faccia una brutta fine. Anche se c'è da dire che sono molti i cani che amano semplicemente rincorrerli e poi quando gli arrivano vicino non fanno nulla.
D'altronde sono anche moltissimi i cani che convivono con gatti.
I miei ad esempio vivono tranquillamente con un gatto ma quando vedono quelli estranei si divertono a rincorrerli senza però fare loro del male.
Quindi il mio consiglio Paola è semplicemente di distrarre il cane: lo chiami con fare gioioso, ovviamente cambiando direzione e magari gli dai anche un bel bocconcini quando vedi che ti segue. Mi raccomando non sgridarlo mai!!!
Concludo dicendo che al contrario di quanto tanti pensano cane e gatto possono convivere tranquillamente."
Grazie Daniela, se avete domande o consigli sull'educazione del vostro cane prontofido@prontofido.net

5.2.2015

Cina: stop sperimentazione sugli animali

Il Governo cinese ha eliminato l'obbligo di sperimentare sugli animali alcuni prodotti cosmetici non destinati ad un uso speciale, come ad esempio shampoo e profumi. Non è ancora lo stop definitivo chiesto dall'Enpa e dalle associazioni animaliste internazionali, ma si tratta comunque di un buon passo avanti che permetterà di risparmiare terribili sofferenze a più di 30mila animali tra conigli, topi ed altre specie.
«D'ora in avanti le imprese cinesi del settore non avranno più bisogno degli animali per verificare la tossicità dei prodotti, ma potranno fare riferimento alle informazioni già disponibili nell'Unione Europea oltre ad utilizzare i test “cruelty free” approvati nell'EU – spiega il direttore scientifico dell'Enpa, Ilaria Ferri -. Il nostro augurio è che la Cina, si muova con sempre maggiore convinzione non solo sullo stop all'uso di altri esseri viventi per gli esperimenti, che ricordo non sono mai stati validati scientificamente, ma anche su tutti gli altri aspetti critici che riguardano la loro tutela. Primo fra tutti il consumo alimentare della carne di cane, gatto e di tante altre specie»
Ricordiamo che il bando dei test cosmetici in Europa ha prodotto una serie di positive reazioni a catena anche in altri Paesi, visto che il mercato europeo dei cosmetici è uno dei più floridi e per questo anche altri Stati sono stati costretti ad adeguarsi ai test “cruelty free”» Bella notizia quest'oggi ed è tutto
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.