**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

7.10.2014

I "cani da borsetta"

C'erano una volta i «cani da borsetta», ovvero chihuahua, Yorkshire, e carlini talmente piccoli da poter essere infilati in borsa. Una moda iniziata proprio dalle celebrità e che aveva trasformato il miglior amico dell'uomo in un accessorio irrinunciabile Una moda però già tramontata, perlomeno in Inghilterra, dove è ormai allarme accertato per il numero crescente di cagnolini versione mignon abbandonati al loro destino. I più fortunati vengono trovati da qualche anima buona e portati al più vicino canile, mentre gli altri muoiono per strada, spesso di fame e stenti.
«La gente è convinta che solo perché si tratta di cani in miniatura, questi richiedano meno esercizio e stimolazione mentale ma non è affatto vero. Ogni cane ha bisogno di sviluppare il proprio comportamento per non sentirsi annoiato, frustrato o stressato. La gente che li prende e li infila in borsa per portarli con sè, baciandoli e coccolandoli tutto il tempo, dimentica che così facendo nega a questi cagnolini la possibilità di essere tali, ovvero di sviluppare un normale comportamento canino.
Sappiamo bene che prima di prendere un qualsiasi cane bisognerebbe fare una ricerca approfondita per essere sicuri di scegliere l'animale più adatto al proprio modo di vivere». Insomma, basta farsi contagiare da uno slancio momentaneo, magari per imitare questa o quella celebrità: un cane non è né un giocattolo né, tantomeno, un accessorio che si può mettere in fondo all'armadio quando passa di moda. Un cane è un impegno per la vita e non un accessorio modaiolo». E pensare che fino a poco tempo fa l'Inghilterra era considerata una delle nazioni più dog lovers di tutte.
Ecco perché se avete deciso, dopo aver ben ponderato di adottare un animale, visitate la sezione dei canili in prontofido@prontofido.net

6.10.2014

Vaccinazione interscapolare

Mi chiamo Stefano, ho un gatto di 1 anno e 3 mesi, ultimamente gli è stata fatta la seconda iniezione per la vaccinazione alla leucemia nella zona interscapolare e a distanza di 5 gg. gli è comparso un nodulo di circa 1 cm. C'è qualche farmaco per riassorbire l'infezione? A questa mail risponde il Dottore Emanuele Minetti, Medico veterinario a Milano. "Buongiorno, purtroppo eseguire le vaccinazioni (ma tutte le iniezioni non vanno fatte lì!!!!) nella zona fra le scapole è da anni sconsigliato da tutte le linee guida.
Le vaccinazioni/iniezioni nei gatti devono essere eseguite negli arti posteriori (oppure nella parte del costato più posteriore) usando aghi di qualità e buona pratica ed attenzione.
In un gatto giovane come il suo, che manifesta subito dopo la vaccinazione una reazione avversa granulomatosa, si ritiene che essa sia destinata a riassorbirsi, quindi scomparire nella grandissima percentuale dei soggetti in tempi brevi.
Resta un gatto da seguire bene negli anni per verificare sempre la zona dell'iniezione stessa.
Oggi sappiamo che non è più il vaccino di per se a determinare sempre, come si è a lungo sostenuto, la neoplasia maligna (sarcoma) ma le iniezioni in genere, ed una predisposizione soggettiva poichè compaiono anche spontaneamente in senza alcuna iniezione in anamnesi.
Non esistono terapie specifiche nel caso del suo gatto, se non forse dei blandi antiinfiammatori per via orale.
Non si allarmi, ed attenda con fiducia che la lesione scompaia, la controlli ogni sera ma non la maneggi con forza.
Porti ogni settimana il gatto dal suo veterinario e poi la decisione sul da farsi spetterà a lui in scienza e coscienza.

3.10.2014

Tito non vuole la museruola

Come tutti i venerdì dedichiamo il nostro magazine alle vostre domande arrivate via mail all'indirizzo di prontofido@prontofido.net
Oggi rispondiamo a Renzo che ha un problema con il suo volpino Tito di 10 anni. Da circa un mese non tollera più la museruola… ogni volta che qualcuno prova a mettergliela morde.
Sentiamo la risposta di Daniela Lisi la nostra educatrice cinofila.
Caro Renzo, il discorso museruola per la maggior parte dei cani non è un argomento per niente gradito. E poiché Tito non è stato abituato sin da piccolo a metterla per lui è sicuramente uno dei peggiori argomenti.
Per far si che la museruola sia un oggetto che il cane non teme occorre abituarlo sin da cucciolo facendola passare come uno dei suoi giochi preferiti.. magari ne parleremo più avanti nello specifico.
Quando si tratta invece di abituare un cane adulto il discorso è un po' più complicato..
Ci sono una sorta di accorgimenti da seguire per far si che il cane sopporti al meglio questo strano e sconosciuto oggetto. Il metodo migliore è associare la museruola a dei gustosi bocconcini.
Se ne infilano alcuni all'interno, si lascia la museruola in terra e si aspetta che il cane si avvicini spontaneamente. Poi come sempre dico, occorre procedere per gradi.. quindi la volta successiva teniamo in mano la museruola con all'interno i bocconcini e lasciamo che il cane li mangi. Procediamo così per un po' di volte.
Quando pensiamo che il cane sia pronto a sopportare la museruola proviamo ad infilargliela mettendo prima all'interno i soliti bocconcini. La lasciamo su per qualche istante poi la togliamo. Le volte successive allunghiamo un po' i tempi e premiamo sempre ogni volta che gliela togliamo.
Se voi con Tito non avete usato questo metodo ma lo avete “obbligato” ad infilarla.. ogni volta avete aumentato la sua fobia per questo arsene.. tant'è che ad un certo punto non ha più sopportato neanche di vederla..
Quindi il mio consiglio è di ricominciare da capo seguendo tutto l'iter che vi ho appena detto...
Una raccomandazione è di avere molta molta pazienza. E soprattutto non sgridate Tito se cerca di mordervi. Interrompete e riprendete il giorno dopo.
Un metodo alternativo alla museruola classica è quella morbida.. che per tenere Tito buono dal veterinario forse potrebbe essere una soluzione. .
Grazie Daniela. Aspettiamo le vostre domande per educare il vostro amico qui a prontofido@prontofido.net

2.10.2014

La staffetta del cibo

Oggi vi presento la sesta edizione di uno degli eventi più spettacolari nel mondo dell'animalismo: la staffetta del cibo. Per saperne di più ci colleghiamo con Marco Fornari, organizzatore dell'evento Buongiorno signor Fornari.
"Abbiamo deciso di dedicare a Daniza questo evento perchè anche lei, come noi, proteggeva i più deboli ed indifesi, i suoi cuccioli.
In tante zone d'Italia, specie al centro ed al sud, i volontari che aiutano i randagi sono soli, ignorati dalle istituzioni, spesso invisibili. Per amore gli animali talvolta si rovinano economicamente. Eppure, nonostante il loro amore, cani e gatti randagi continuano a morire per malattie, malnutrizione o per il freddo.
Noi possiamo fare qualcosa, partecipando ad una raccolta cibo, medicinali, coperte ed aiuti vari per i CANI E GATTI assistiti dai volontari, in strada o nei rifugi, nelle regioni del centro sud.
COME SI PARTECIPA?
Venendo, meglio se con il proprio peloso, ad uno dei punti di raccolta fissi nelle città o ai pit stop "volanti" che faremo nelle domeniche 28 settembre, 5, 12 e 19 ottobre lungo le autostrade italiane, all'uscita dei caselli
COSA OCCORRE?
Qualsiasi tipo di aiuto (cibo, medicinali, coperte, cuccie, antiparassitari etc), insieme ad una foto del vostro peloso, quello che augura la sua stessa fortuna ad un amico più bisognoso, con due sue righe di presentazione: nome, età, gioco preferito, cibo che lo fa diventare matto, la sua storia e curiosità varie, se ce ne sono, nome del padrone, città.
E' anche possibile inviare foto e storie via e-mail a: fornari.marco@yahoo.it.
Foto e storie verranno raccolte in una pubblicazione, che speriamo di realizzare per Natale.
DOVE CONSEGNEREMO GLI AIUTI ED A CHI
Ovviamente per un fatto organizzativo non possiamo consegnare in tutti i rifugi, quindi, come per la V° edizione, concentreremo gli aiuti in un'unica location ed i volontari della Campania, Lazio e Abruzzo potranno venire lì a caricare.
L'incontro è fissato per domenica 19 ottobre (orario preciso da definirsi) presso il Canile di Latina, via Congiunte Destre - Località La Chiesuola - Latina. "



Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.