**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

8.4.2017

Il mio cane trema

Alla posta del veterinario di pronto fido Sandro ci ha scritto: POSSIEDO UN CANE CORSO DI DUE ANNI CHE SPESSO MOSTRA TREMORE ALLE ZAMPE,A VOLTE UNA A VOLTE DUE ,A VOLTE ANTERIORI ,A VOLTE POSTERIORI. GRADIREI UN SUO PARERE. GRAZIE SANDRO. Risponde il Dottor Emanuele Minetti Medico veterinario:
"Buongiorno, vista la razza - molossoide di grande taglia - ritengo sia importante che il suo cane sia indagato bene sul problema che lei descrive. La prima cosa da fare è una visita di consulenza con un medico veterianrio esperto/specialista in neurologia (a Roma ci sono alcuni colleghi fra i
migliori in Italia) per verificare se i segni ed i sintomi che lei descrive siano effettivamente rilevanti e da indagare.
In seguito sarà lui ad indirizzarla eventualmente per una seconda visita con un veterinario esperto in ortopedia - per la valutazione delle patologie congenite, per esempio le displasie - oppure con un veternario internista per ulteriori indagini - magari malattie infettive - se il caso non fosse di sua competenza diretta.
Può quindi anche essere una questione banale, ma sottovalutare in età giovanile questi eventi potrebbe modificare la qualità della vita in età matura se si perdesse la possibilità di intervenre precocemente.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
Viale Monetceneri 64 Milano
www.biessea.com

2.4.2017

Effetti Brexit su animali

Con l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea i cani e gatti saranno limitati nei loro spostamenti, come i loro padroni. I numeri sono alti si tratta di quasi 16 milioni tra cani e gatti con passaporto britannico, secondo i dati della Federazione europea delle industrie di alimenti per animali. Il problema è serio se non si trova un accordo visto che non potranno attraversare la Manica e circolare in Europa. Lo stesso però vale per tutti quei cani e gatti al seguito degli europei negli altri 27 Stati membri intenzionati a soggiornare in Regno Unito.
L'uscita dall'Ue significa quindi dire addio al passaporto comune per animali, rendendo più difficile per i britannici farli uscire dall'isola o, per i cittadini britannici attualmente residenti in altri Paesi Ue, riportarli «a casa».
Un problema non solo inglese, dato che portare il cane o il gatto al seguito coinvolge tutti in Europa, in particolare durante il periodo delle vacanze estive.

1.4.2017

Aeroporto di N.Y. animal friendly

L'aeroporto John Fitzgerald Kennedy di New York è il primo scalo internazionale animal friendly dove vengono ospitati non solo cani e gatti ma anche cavalli, uccelli, pesci e perfino i bradipi.
Per loro infatti è stata inaugurata Ark Pet Oasis che offre - a pagamento - tanti servizi come alloggi per la quarantena, l'assistenza necessaria e tutte le informazioni utili per intraprendere un viaggio con il proprio amico peloso. Altri resort a quattro zampe sono già presenti negli aeroporti di Chicago, Dallas e Denver. E con il tempo è probabile che anche altre realtà prenderanno esempio da New York per ampliare i propri servizi e venire incontro ai tanti viaggiatori a quattro zampe. Ricordiamo che sono 70 mila gli animali che ogni anno passano dall'aeroporto internazionale di New York. Ark Pet Oasis è costata 48 milioni di dollari, è stata studiata dallo studio d'architettura Gensler, grande attenzione e spazio sono stati destinati anche ai cavalli, con 23 stalli con pavimenti antiscivolo e fieno di alta qualità a volontà.
Completano la struttura una stalla di ultima generazione per bovini e 150 suite: 130 per i cani e il resto per i gatti, per cui è stato realizzato anche un avventuroso parco giochi. Ma non è tutto: i proprietari possono tenere sotto controllo i loro animali domestici durante il soggiorno grazie a delle webcam, attive 24 ore su 24.
E negli aeroporti italiani?

26.3.2017

Amazzonia: solo formiche femmine

Come è noto da molto tempo la società delle formiche si contraddistingue per una ferrea organizzazione «eusociale» in cui alcuni individui sterili (operaie) eseguono particolari funzioni a vantaggio di altri individui fertili, cui spetta il compito di riprodursi in modo sessuato. In Amazzonia però è stata scoperta una specie di formiche che ha eliminato completamente gli individui maschili dalle sue colonie, riproducendosi esclusivamente attraverso la clonazione.
Analizzando il Dna di alcune colonie di questa specie, infatti, tutti i membri di uno stesso formicaio sono risultati essere femmine, cloni della propria regina.
La scoperta sulle attitudini sessuali della formica è avvenuta per caso, studiando la sua abilità nel coltivare funghi che poi usa per nutrirsi. Questa specie in particolare è più produttiva di tutte le altre specie coltivatrici note. Secondo Laurent Keller, esperto in insetti sociali dell'Università di Losanna, potrebbe essere la stretta simbiosi con i funghi, anch'essi a riproduzione asessuata, ad aver in qualche modo avvantaggiato le formiche ad allontanarsi dalla usuale riproduzione sessuata. La riproduzione per partenogenesi ha molti vantaggi, «consente di risparmiare sul costo energetico necessario per generare maschi, mentre porta alla duplicazione del numero di femmine in grado di riprodursi, producendo dal 50 al 100 per cento in più della prole per ogni generazione». Ma lo svantaggio principale di una colonia di cloni è la sua vulnerabilità; l'assenza di variabilità genetica infatti rende tutti gli individui ugualmente vulnerabili alle malattie: un solo parassita può sterminare l'intero formicaio in breve tempo.
E secondo Keller le formiche, così come altri insetti sociali, potrebbero essersi adattate a questo tipo di procreazione perchè permette alla regina di avere il pieno controllo, sia sulle caste sociali sia sulla riproduzione, di tutta la sua colonia. Ma per capire da quanto tempo e in che modo è avvenuto il cambiamento evolutivo saranno necessari ulteriori esperimenti genetici.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.