**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

5.5.2014

Dopo la sterilizzazione cambio dieta?

Oggi per la posta del veterinario rispondiamo a Mario padrone di un meticcio incrocio con pincher nano, ci chiede se dopo la sterilizzazione va cambiata l'alimentazione in light indifferentemente dal peso raggiunto. Chiede ancora se i cani hanno sempre fame o anche loro si saziano, perche' la mia non finirebbe mai di mangiare
La parola al dottor Emanuele Minetti medico veterinario a Milano.
"Buongiorno, mi è ovviamente impossibile valutare lo stato di nutrizione di un cane senza poter eseguire i dovuti controllo durante una visita veterinaria. Il peso ideale è infatti stabilito su una serie di parametri (la razza, l'ambiente di vita, l'età, eventuali malattie intercorrenti, eccetera) che diventano numeri – e chilogrammi – solo alla fine dello studio rendendo impossibile, diversamente restando sul vago, dire quanto sia magro o grasso un soggetto.
Circa il 50% degli animali domestici sappiamo essere in sovrappeso, più o meno marcato: purtroppo molti proprietari di cani e gatti non sanno riconoscere tale condizione.
In realtà esiste il “Punteggio della Condizione Corporea-BDS”, che è una serie di valutazioni che dicono se il cane ha un peso ideale oppure no, ove uno dei metodi - applicabile da tutti con buonsenso - è valutare la facilità o meno con cui è possibile vedere e sentire le costole al tatto (Peso ideale: costole ben visibili e facilmente palpabili).
Pertanto se ritiene che dopo la sterilizzazione il cane sia ingrassato deve ridurre le calorie somministrate giornalmente – usando soprattutto diete specifiche – e nel contempo aumentare gradatamente l'attività fisica e quindi il consumo calorico.
Cari saluti Dr Emanuele Minetti"


2.5.2014

Ancora Kong!

Ci ha scritto Davide di Novara perché vorrebbe acquistare un Kong e ci chiede dove poter andare.
Ne approfittiamo per ricordarvi ancora cos'è questa fantastica invenzione. Daniela Lisi:
"Caro Davide, il kong è ormai sempre più diffuso e quindi facilmente reperibile. Si trova nei negozi di animali specializzati oppure su internet. Pacopetshop.it è uno dei siti che ti consiglio di visitare.
Per coloro che ancora non sapessero cos'è il Kong… e credo che ormai siano veramente pochi… ricordo che si tratta di un gioco che arriva dall'America e che si può definire veramente indistruttibile. È un giocattolo resistentissimo e adatto a tutti i cani ma soprattutto per quelli che, purtroppo per noi, distruggono mobili ed oggetti della nostra casa.
Ma la domanda che sorge spontanea è: ci siamo mai soffermati a pensare perché il nostro cane distrugge?
Spesso capita che il cane si annoi o che non abbia la possibilità di giocare a sufficienza, motivo per cui si sfoga con tutto quello che gli capita a tiro: cuscini, scarpe, carta igienica e quant altro.
Un cane, soprattutto se giovane, individua nella distruzione un'attività sostitutiva in grado di soddisfare le sue necessità. Tra l'altro questo comportamento può manifestarsi sia in assenza che in presenza dei proprietari.
In questi casi è inutile punire il cane perché comunque la sua mancanza si manifesterà nuovamente se non la soddisfiamo. Quindi una soluzione ideale a questo problema sono i giochi interattivi, ovvero quei giochi dove il cane deve usare veramente la testa per giocarci e tra questi c'è il Kong.
Essendo cavo all'interno il miglior modo per utilizzarlo è inserire una sottiletta facendo in modo che aderisca bene alle pareti interne e poi aggiungere dei bocconcini appetitosi.
Il cane passerà diverse ore masticando e cercando di svuotare il gioco.
Vi assicuro che è anche uno spettacolo guardarli!"

30.4.2014

Animali di casa: troppo grassi

Uno studio recente ha permesso agli esperti di tracciare il profilo dell'animale domestico extra-large. Si tratta di un sedentario costretto, a causa dei troppi impegni dei padroni, della loro pigrizia o della loro indifferenza a una vita da appartamento con scarse uscite ai giardini.
I cani nutriti in maniera casalinga o mista, poi sono quelli più colpiti dal fenomeno rispetto a quelli che mangiano solo cibo industriale, mentre per i gatti è vero il contrario.
Molti proprietari ignorano il problema: in Italia meno del 50% degli animali viene pesato. Il dato è più o meno in linea con quello europeo dove il tasso di sovrappeso e obesità tra gli animali domestici varia tra il 25 e il 45%.
Questo trend non fa troppo sperare in un cambiamento di rotta.

29.4.2014

Animali nei circhi: stress e obesità

Oggi qui al Magazine degli animali parliamo un po' degli animali che vivono nei circhi.Sapevate che gli animali selvaggi al seguito delle compagnie circensi spendono dall'uno al nove per cento del loro tempo a fare esercizi, mentre per il resto sono confinati in strette gabbie, con gravi conseguenze sulla loro salute?
Sono le conclusioni del primo rapporto sul benessere degli animali del circo pubblicato sulla rivista Animal Welfare. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'università di Bristol, Gran Bretagna,
A soffrire di più sarebbero elefanti, leoni, tigri e orsi. Gli scienziati hanno raccolto campioni di saliva da animali di 153 compagnie circensi. Nelle tigri, la quantità dell'ormone dello stress, il cortisolo, aumenta e resta anormale fino a sei giorni dopo il viaggio e fino a 12 giorni se si tratta del primo viaggio. In media, però, una compagnia resta fissa solo una settimana e per gli spostamenti percorre circa 300 chilometri. Anche quando la compagnia è ferma le condizioni degli animali non sono buone. Secondo il rapporto, gli elefanti sono tenuti in gabbie che vanno da sette a 12 metri quadrati e possono muoversi solo di uno o due metri, la lunghezza della catena a cui sono legati.
Non è tutto. Per la mancanza di attività fisica molti pachidermi diventano obesi. Nella savana, invece, un elefante spende dal 40 al 75% del tempo mangiando e si sposta di circa 50 chilometri al giorno. Gli unici animali adatti alla vita del circo sarebbero quelli già addomesticati dall'uomo, come cani e cavalli. Qualche paese, come l'Austria, ha già preso provvedimenti contro questo sfruttamento bandendo gli animali selvaggi dal circo, ma restano ancora gran parte delle compagnie circensi d'Europa e America. Domanda: ma perché c'è ancora qualcuno che va a vedere gli spettacoli del circo con gli animali?
Scrivete a prontofido@prontofido.net
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.