**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

6.3.2014

Animali soppressi negli zoo

Sarebbero fra i tremila e i cinquemila gli animali soppressi ogni anno negli zoo europei. Molti di questi sono animali di piccola taglia, ma sarebbero almeno qualche centinaio quelli di grandi dimensioni come giraffe, leoni e orsi. Questi sono i numeri che l'Associazione Europea degli Zoo e Acquari ha esposto durante un'intervista alla Bbc.
Il numero preciso però non è certo perché in molti casi nei registri delle morti non viene indicata la motivazione della soppressione. Alcuni esemplari vengono uccisi per mantenere una adeguata diversità genetica nella popolazione degli animali in cattività. Perdere questa diversità sarebbe un danno anche per i possibili programmi di reintroduzione in natura e sono molti i casi di successo che confermano l'utilità di questa posizione. Sempre secondo l'Associazione la popolazione delle tigri è più stabile e sicura negli zoo che in natura. Ci sono casi come la grande scimmia leonina, un primate del Sud America, che esiste solo grazie agli zoo. Molti altri animali vivono pessime condizioni in natura mentre sopravvivono in cattività.
In ogni caso sul web non sono ovviamente d'accordo gli animalisti che sottolineano come gli animali dovrebbero essere sottoposti alle regole della natura, quella vera e non a strane politiche di conservazione dettate forse più da esigenze di budget che dai reali interessi degli animali.
Noi siamo perfettamente d'accordo con quest'ultima tesi. E voi?

5.3.2014

Pochi spazi per loro

Pochi spazi verdi per la passeggiata quotidiana, difficoltà a entrare nei locali pubblici e ad accedere al mare o al lago. Non è ancora molto alta l'attenzione delle amministrazioni locali a Fido e Micio, che nelle città hanno a disposizione pochi servizi. Lo afferma il rapporto «Animali in città» di Legambiente.
Dall'indagine, giunta alla terza edizione, emerge che solo dieci città sulle 81 prese in esame raggiunge la sufficienza, cioè un punteggio di 60 su 100. A fare meglio sono le medie città, con in testa Prato (79,36 punti), Bolzano (74,34) e Modena (71,42). Tra i centri più grandi il migliore è Padova con 59,97 punti, mentre tra i piccoli vince Pordenone con 63,5.
A mancare sono soprattutto le aree dove portare a spasso gli animali domestici: in media nei Comuni italiani è presente uno spazio dedicato ogni 28.837 cittadini. Il 47% dei Comuni dichiara di aver adottato regolamenti per l'accesso degli amici a quattro zampe in uffici e/o locali aperti al pubblico, mentre solo il 34% delle città costiere che hanno risposto al questionario ha adottato un regolamento per l'accesso al mare o al lago.
Dati negativi arrivano anche quest'anno dalla conoscenza della biodiversità animale in città: solo il 26% dei Comuni realizza una mappatura delle specie animali presenti sul territorio.

4.3.2014

Bimbi in linea grazie a fido

Da uno studio di ricercatori della Deakin University di Melbourne è risultato che I bambini in sovrappeso potrebbero perdere qualche chilo di troppo semplicemente possedendo un cane. E tutto questo grazie ad una dieta più sana, attività fisica ma anche giocando con il proprio fedele amico a quattro zampe. I bambini infatti che passano del tempo con Fido hanno fino al 50 per cento in meno di probabilità di avere problemi di sovrappeso.
Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno condotto una ricerca, intervistando 1.100 famiglie che hanno bambini di età compresa tra i 5 e i 12 anni. Ebbene, dai risultati è emerso che i bambini con il cane sono il più delle volte in ottima forma.
Per i genitori che stanno cercando di far spegnere i computer e la tv ai loro bambini e farli uscire fuori a giocare, avere un animale domestico può essere una buona strategia. In effetti, nel campione di bambini analizzato solo il 20 per cento dei bambini con un cane è risultato in sovrappeso, contro il 25 per cento di chi non ha nessun animale domestico.
E allora, se state pensando di adottare un animale che diventi un amico di gioco del vostro bambino, visitate la sezione delle adozioni dai canili di www.prontofido.net

3.3.2014

Ho trovato 2 cani malnutriti

Ho trovato 2 cani malnutriti e senza forza, cosa devo fare oltre a dare loro una bella ciotola di pasta e una di acqua? Domanda interessante, cosa risponde il dottor minetti medico veterinario a Milano? Buongiorno dottor Minetti
Buongiorno, in questi purtroppo non rari casi la prima cosa da fare, dopo avere abbeverato e sfamato gli animali, è fare intervenire subito i servizi veterinari della ASL operante sul territorio comunale, e nel caso non sia possibile bisogna contattare la Polizia Municipale, che ha l'obbligo di rispondere fattivamente alla chiamata.
Infatti i cani vanno controllati per verificare se sono identificati ed iscritti in una anagrafe canina italiana: non tutti gli animali che vagano sono veri randagi, magari criminalmente abbandonati da proprietari idioti: ci sono anche animali che si perdono per mille motivi e che hanno un proprietario per bene che li piange e li cerca.
Appurato che l'animale è senza padrone i servizi veterinari ed il comune si devono per legge occupare di lui, sia curandoli presso il presidio veterinario sia ricovernadoli in una apposita struttura onde nutrirli e rimetterli in forma.
Una volta che tutte le pratiche sono state espletate normalmente questi animali possono essere definiti adottabili: lei potrà anche prendersene cura direttamente oppure creare come spesso accade una catena affinchè si possa trovare un padrone.
Nel frattempo potrebbe anche contattare una delle principali associazioni di volontariato, che coprono tutto il territorio nazionale, coinvolgendone i volontari onde evitare quindi che questi animali lasciati a se stessi vadano incontro ad un futuro incerto o dietro le sbarre di un canile senza uscita.
Il problema come vede è molto serio ed ha anche dimensioni importanti nel nostro paese, soprattutto in alcune zone dove lo stato non è presente adeguatamente ed ha lsciato all'iniziativa privata - spesso come si sa non proprio sana ed onesta - la gestione del randagismo.
Questo nonstante migliaia di persone bravissime che come volontari ogni minuto dell'anno si dannano per trovare risorse economiche ed aiuti per i randagi italiani.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.