**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

21.3.2014

Non vuole la museruola

Oggi rispondiamo a Renzo che ha un problema con il suo volpino Tito di 10 anni. Da circa un mese non tollera più la museruola… ogni volta che qualcuno prova a mettergliela morde.
Caro Renzo, il discorso museruola per la maggior parte dei cani non è un argomento per niente gradito. E poiché Tito non è stato abituato sin da piccolo a metterla, per lui è sicuramente uno dei peggiori argomenti.
Per far si che la museruola sia un oggetto che il cane non teme occorre abituarlo sin da cucciolo facendola passare come uno dei suoi giochi preferiti.. magari ne parleremo più avanti nello specifico.
Quando si tratta invece di abituare un cane adulto il discorso è un po' più complicato..
Ci sono una sorta di accorgimenti da seguire per far si che il cane sopporti al meglio questo strano e sconosciuto oggetto. Il metodo migliore è associare la museruola a dei gustosi bocconcini.
Se ne infilano alcuni all'interno, si lascia la museruola in terra e si aspetta che il cane si avvicini spontaneamente. Poi come sempre dico, occorre procedere per gradi.. quindi la volta successiva teniamo in mano la museruola con all'interno i bocconcini e lasciamo che il cane li mangi. Procediamo così per un po' di volte.
Quando pensiamo che il cane sia pronto a sopportare la museruola proviamo ad infilargliela mettendo prima all'interno i soliti bocconcini. La lasciamo su per qualche istante poi la togliamo. Le volte successive allunghiamo un po' i tempi e premiamo sempre ogni volta che gliela togliamo.
Se voi con Tito non avete usato questo metodo ma lo avete “obbligato” ad infilarla.. ogni volta avete aumentato la sua fobia per questo arsene.. tant'è che ad un certo punto non ha più sopportato neanche di vederla..
Quindi il mio consiglio è di ricominciare da capo seguendo tutto l'iter che vi ho appena detto...
Una raccomandazione è di avere molta molta pazienza. E soprattutto non sgridate Tito se cerca di mordervi. Interrompete e riprendete il giorno dopo.
Un metodo alternativo alla museruola classica è quella morbida.. che per tenere Tito buono dal veterinario forse potrebbe essere una soluzione. .

20.3.2014

No coniglio nel piatto

Mangereste il labrador o il siamese di casa? Perché allora non ci poniamo il problema quando si tratta di un altro animale domestico come il coniglio, terzo animale da compagnia più diffusa nelle case degli italiani? Ecco perché la Federazione italiana diritti degli animali e l'associazione Aae Conigli hanno deciso di lanciare una petizione per rendere ufficialmente il coniglio un animale d'affezione che non dovrà più finire nel piatto e nemmeno essere venduto come pelliccia. La raccolta, diffusa attraverso la piattaforma Firmiamo.it, ha già superato quota 10.000 firme in pochissimi giorni.
Chissà che questa battaglia per i conigli, non aiuti a sensibilizzare l'opinione pubblica anche in tema di diritti degli animali più in generale. Come ha scritto Jonathan Safran Foer: «Pensare ai cani (e in questo caso ai conigli, ndr), rispetto agli animali che mangiamo, è un modo per guardare di sbieco e rendere visibile l'invisibile».

19.3.2014

Il destino crudele dei levrieri

Oggi torniamo a parlare dei levrieri: sapevate che centomila esemplari vengono uccisi ogni anno dopo essere stati sfruttati per le corse, maltrattati ed infine soppressi soprattutto in Spagna, Irlanda e Inghilterra? E' una strage silenziosa, che si consuma giorno dopo giorno e contro cui in Italia, solo negli ultimi 15 anni, sono nate decine di associazioni. Sottolineo che nel nostro Paese le corse dei levrieri sono vietate dal 2000. Ma nel resto d'Europa non solo le corse sono legali (con un giro d'affari fra scommesse e indotto da miliardi di euro ogni anno), ma i levrieri non sono considerati animali d'affezione, ma bestiame e beni agricoli da sfruttare quindi fino alla fine con caccia e corse, per poi disfarsene quando non sono più utili in modi orribili e crudeli: fra i metodi più usati, l'impiccagione, la rottura delle zampe anteriori, la morte per stenti, l'abbandono o, per i più fortunati, la fucilata o la bastonata in testa.
I volontari delle associazioni italiane, come Pet Levrieri spesso partono alla volta della Spagna o del Regno Unito, recuperano gli animali salvati da strutture del posto e li portano in Italia dove cercano per loro una famiglia.
L'adozione comunque non è la soluzione. “Occorre porre fine alle corse per fini di lucro e alla caccia coi levrieri, nonché ottenere leggi di tutela e di riconoscimento dei levrieri come animali d'affezione . Soltanto così si potrà porre fine al massacro che si perpetra ogni anno sotto i nostri occhi”.

19.3.2014

Il serpente di quartiere

Non sempre i serpenti sono malvisti dagli abitanti delle citta: in Australia, per esempio, molti sono ben felici di ospitare nel loro giardino un Pitone Diamante, innocuo rettile che può raggiungere i due metri di lunghezza e che si nutre di piccoli mammiferi, altri rettili e uccelli, mantenendo lontani i parassiti delle case.
A volte però, uno di loro si mette nei guai: è capitato a Sidney, dove un bell'esemplare si è letteralmente "annodato" su un cavo dell'alta tensione. Per liberarlo i pompieri hanno dovuto tranciare uno dei tralicci ma nessuno degli abitanti del quartiere ha protestato, ben felici di vedere l'animale sano e salvo.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.