**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

28.7.2014

Tragedia greca

Dopo il terribile incendio in Gracia sui social network è scattata una gara di solidarietà. Molti proprietari pubblicano le foto dei loro animali smarriti, altre persone hanno pubblicato le foto di quelli ritrovati ma di cui non si sa nulla.
Ci sono quindi liste di animali ancora dispersi e di quelli trovati, a volte con l'aggiunta di foto e numeri di telefono per essere contattati.
E sui siti gli appelli disperati dei gestori di rifugi: 16 cani sono stati tratti in salvo da una struttura devastata dalle fiamme. I volontari li hanno messi “al sicuro” in due auto sulla spiaggia di Kochili. Ma chiedono aiuto: servono acqua potabile, secchi e automobili per trasportarli in altri luoghi. In un altro caso, ad Agia Marina, viene chiesto l'intervento di barche per portare in salvo abitanti e 13 animali che hanno trovato rifugio in una chiesa. Il gattile di Animal Friends House cerca una casa che possa ospitare alcuni degli oltre 60 gatti, dopo che la struttura in cui vivevano è andata distrutta e alcuni animali sono morti arsi vivi. Ma non è tutto: Dog's Voice, una delle organizzazioni animaliste più grandi presenti in Grecia, racconta sulla sua pagina Facebook di aver trovato molti animali morti, ma che le ricerche continuano. L'organizzazione ringrazia anche la grande mobilitazione delle persone per aiutarli in questa difficile situazione: sono già oltre trecento le case aperte all'accoglienza degli animali, mentre persone e aziende hanno spedito cibo e medicinali che poco per volta vengono distribuiti ai tantissimi volontari impegnati sul campo.
Continueremo a tenervi aggiornati

27.7.2014

Sterilizzare micio: si o no?

Emanuele Minetti Medico Veterinario in Milano e Vice Presidente ANMVI Lombardia
"Nel gatto la sterilizzazione chirurgica è una pratica medica generalmente ben consolidata. Viene di solito eseguita ad una età compresa fra i 4 e gli 8 mesi di età, ed il momento adatto deve essere deciso insieme al proprio veterinario curante. I vantaggi della sterilizzazione devono essere visti su due piani fra loro connessi: il controllo delle nascite e del randagismo, dovere di ciascun proprietario di animali da compagnia, ed il controllo/prevenzione di possibili gravi patologie.
Il controllo delle nascite può essere eseguito solo con pratiche chirurgiche poiché non vi sono tuttora farmaci disponibili che non abbiano controindicazioni per la salute (insorgenza di tumori, infezioni gravi secondarie e così via). La sterilizzazione previene nelle femmine l'insorgenza dei tumori mammari spontanei, che nella gatta hanno una totalità di prevalenza di forme estremamente maligne e quindi in tempi brevi mortali. Sempre nelle femmine le patologie uterine ed ovariche diventano quasi zero in seguito alla sterilizzazione, così come altre patologie correlate agli ormoni sessuali. Nel gatto maschio la castrazione viene vissuta per lo più come un sistema per evitare fastidiose eliminazione nell'ambiente domestiche e a quei "disturbi" legati agli atteggiamenti sessualmente correlati in genere (vocalizzi, fughe, aggressività ridiretta eccecc). In realtà la sterilizzazione serve anche per limitare moltissimo la trasmissione di gravi malattie infettive, quali la leucemia felina, l'immunodeficienza felina, le coronavirosi/FIP, eccetera, sia all'interno di colonie sia perché i gatti sterilizzati tendono a restare molto più confinati nel loro ambiente domestico, e pertanto a non avere contatti con altri gatti, di cui nulla si conosce (randagi o di proprietà, ma raminghi).
In definitiva un gatto domestico vive in una gabbia che è l'appartamento, che per quanto possa essere una "gabbia dorata" gabbia sempre resta.
Abbiamo il dovere tassativo di mettere i nostri animali nelle migliori condizioni possibili per vivere nell'ambiente dove noi viviamo: la sterilizzazione è quindi un atto medico che aiuta nella gestione del benessere psicofisico dei gatti e che ha permesso, insieme ad altri fattori, di ottenere un sensibile allungamento della loro vita media."

25.7.2014

Arriva dal canile: ha paura!

Oggi rispondiamo a Marzia che ci scrive perché ha da poco adottato una cagnolina di 6 anni vissuta sempre in un canile lager. La piccola ha molta paura di persone e rumori bruschi ci chiede come comportarsi per far si che queste paure svaniscano
Cara Marzia, mi ha fatto molto piacere leggere la tua mail dalla quale si evince che sei una persona che aiuta i cani in difficoltà e che, a mio parere, risulta essere molto attenta nel riuscire a tenere i comportamenti corretti soprattutto con la nuova arrivata.
A proposito della piccola, stai facendo tutto in modo giusto. Essendo con voi da solo un mese devi darle il tempo di conoscere il mondo e le persone che ne fanno parte. Il consiglio più importante è di avere molta pazienza. Per la piccola, ogni cosa anche la più stupida per noi, è nuova e sconosciuta, necessita il suo tempo per capire che non c'è da averne paura.
Quando ti accorgi che si trova in difficoltà cerca di non consolarla ma di mostrarle il modo più semplice per affrontare la situazione. Ad esempio: Ha paura delle persone? Esci con qualche amica per una passeggiata ed ogni tanto le lasci il guinzaglio, restando sempre presente e allungandole un gustoso premio ad ogni passo conquistato. Poi vi fermate qualche istante, chiaccherate come se nulla fosse, la coccolate un po', ancora qualche bocconcino, riprendi il guinzaglio e ripartite.. e così via per un po' di volte;
Ha paura quando qualcuno viene a casa? Lascia premi vicino a i tuoi ospiti dicendo loro di non fare movimenti bruschi e di ignorarla quando la piccola è nei paraggi, se abbastanza golosa troverà il coraggio di avvicinarsi ai tuoi amici.
Comunque Marzia avrei tanti altri consigli da darti ma il tempo non è sufficiente, quindi quello che spesso dico in questi casi, in vista dei problemi che stanno iniziando anche con l'altro cane, un maschio di un anno e mezzo, è di consultare un educatore cinofilo che potrà aiutarti al meglio con entrambi. .

24.7.2014

Viaggio con micio

Ieri qui al Magazine degli animali abbiamo parlato di come viaggiare con fido. Oggi come promesso diamo qualche consiglio per il viaggio con il gatto.
•Il gatto non può fermarsi a sgranchirsi le zampe o prendersi una boccata d'aria… il viaggio in macchina può essere stressante tanto per la naturale avversità del gatto ai luoghi non familiari, quanto per il “mal d'auto”.
•prima del viaggio è bene effettuare alcuni “viaggi-prova” per far conoscere al gatto l'ambiente dell'auto, rimanendo magari prima fermi con il micio chiuso nel trasportino.
•i cuccioli che imparano subito a viaggiare in macchina con gli anni avranno sempre meno problemi fino al punto di superarli completamente.
•come le persone, anche il gatto soffre di più l'auto se viene collocato sul sedile posteriore: teniamolo quindi nel trasportino sul sedile accanto a quello di chi guida
•coprire il trasportino con un panno (sarà considerato come un riparo dal mondo esterno) e attrezzarlo con giochini vari (evitare prodotti masticabili che invece potrebbero creare problemi di digestione) in grado di distrarlo dal viaggio.
Se volete rileggere tutti i nostri consigli per un viaggio sereno con il nostro amico www.prontofido.net
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671672673674675676677678

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.