**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

21.3.2013

Padri che accudiscono i figli

Un team di ricercatori delle Università di Bath e di Sheffield ha scoperto perché tra le popolazioni di alcune specie di animali è il padre, e non la madre, a prendersi cura dei piccoli.
Pare che il capovolgimento dei ruoli sia provocato da uno squilibrio nei numeri dei maschi e delle femmine di uno stesso gruppo: quando le femmine sono poche o in minoranza, i maschi si occupando dei figli.
Il ribaltamento delle funzioni è stato rilevato in animali come i cavallucci marini del genere Hippocampus e in alcune specie di uccelli, in cui la femmina produce le uova e ad accudirle sono i maschi.
La ricerca svela un mistero che per secoli ha acceso il dibattito tra scienziati, in particolare tra biologi evoluzionisti. Lo studio è il primo a sostenere che il ribaltamento dei ruoli sia condizionato dall'ambiente sociale in cui questi animali vivono. Si tratta di contesti in cui le femmine sono in minoranza e lasciano i maschi ad occuparsi della prole, cogliendo così l'occasione di accoppiarsi con altri partner e contribuendo alla sopravvivenza della specie, senza affaticarsi e sprecare energie in eccesso nelle attività di accudimento.
Hanno inventato il femminismo.

20.3.2013

Waddy: gatto Matusalemme

Oggi qui al magazine degli animali festeggiamo Waddy. È nato il 6 marzo del 1986, ha appena compiuto 27 anni e potrebbe essere il gatto più vecchio al mondo. L'età felina di questo micione bianco e nero che vive in Inghilterra, equivale infatti a 125 anni di quella umana. Considerato che in media i gatti vivono circa 15 anni, Waddy è riuscito quasi a raddoppiare la sua aspettativa di vita.
La lunga vita però del micio-Matusalemme non era iniziata sotto i migliori auspici: è stato adottato quando aveva appena 4 settimane ed era stato abbandonato dai suoi precedenti proprietari perché «troppo piccolo». Ma ora Waddy si gode la meritata vecchiaia, conducendo una vita decisamente «basic».
Nonostante non sia molto comune per un gatto arrivare alla sua età, non è facile dire se Waddy sia realmente il più vecchio gatto vivente al mondo. Il sito del Guinness dei primati assegna, al momento, il record a Pinky: un micio di 23 anni nato il 31 ottobre dell'89 in Kansas. Mentre il record assoluto di longevità se lo è aggiudicato la gatta Creme Puff: che ha vissuto in Texas per 38 anni.

19.3.2013

Messaggio a Papa Francesco

Con la scelta di chiamarsi Francesco, Papa Bergoglio suscita le attese delle associazioni animaliste che si augurano maggiore «sensibilità e rispetto per gli animali» proprio come fece il santo di Assisi. Al nuovo Pontefice subito una richiesta specifica, quella di fermare «la strage delle migliaia di agnelli che ogni anno vengono sacrificati» in occasione della Pasqua. «Questo Papa potrà dare un segnale diverso sul tema del benessere degli animali», sottolinea Fulvio Mamone Capria, presidente della Lipu. «La scelta del nome può essere un'opportunità proprio per aumentare la sensibilità e il rispetto nei confronti degli animali «Chiediamo, inoltre al Vaticano di contrastare fermamente tutte quelle sagre e feste tradizionali dove gli animali vengono utilizzati per giochi o violenze. Ma sarebbe anche importante bloccare l'importazione di avorio e altro materiale utilizzato per la realizzazione di Crocifissi e altre suppellettili, mettendo così a serio rischio alcune specie animali».
Il presidente della Lav Gianluca Felicetti sempre a proposito della strage di agnelli che ogni anno vengono sacrificati'' aggiunge che sarebbe «un segnale di discontinuità con i suoi predecessori» che dimostrerebbe «compassione per tutti i viventi, animali compresi, facendo così della festa una Pasqua di resurrezione e quindi di vita. Ci auguriamo che sia un uomo di pace, che applichi il rispetto per tutti gli esseri viventi a 360 gradi proprio nello spirito di San Francesco». «La scelta di Bergoglio è il segnale della volontà di mettere al centro del suo dicastero le esigenze dei poveri, dei trascurati e delle creature che non ricevono attenzione e siamo certi che, accanto alle creature umane, voglia considerare anche gli animali che sono creature del Signore».
Dal Magazine degli animali abbiamo trasmesso un messaggio per papa Francesco.

18.3.2013

Lungo viaggio in aereo

“Presto dovrò viaggiare in aereo con il mio cane. Sarà un viaggio lungo 13 ore. Cosa mi consiglia visto che non posso portarlo con me in cabina?” Questa è una delle tante mail inviate alla posta del veterinario di www.pronto fido.net
La risposta al dottor Emanuele Minetti medico veterinario a Milano.
"Buongiorno, deve essere il suo medico veterinario curante a stabilire il miglior iter da seguire conoscendo la storia clinica del cane.
Sarebbe meglio in un caso come questo fare un vero controllo approfondito prima della partenza, eseguendo anche esami di laboratorio e strumentali se alla visita clinica si rivelassero necessari.
Ciò è utile anche per cercare di pianificare l'uso di sostanze che possano aiutare il cane durante il lungo viaggio nella stiva, anche saggiandone l'efficacia in tempo (od i sempre possibili effetti collaterali indesiderati) nelle settimane precedenti.
Teniamo presente poi che il viaggio inizia mediamente tre/quattro ore prima del decollo e termina tre/quattro ore dopo l'atterraggio, portandone effettiva la durata ad almeno 20 ore totali, con evidenti problemi di alimentazione (liquida e solida) e di inevitabili necessità fisiologiche di
urinazione e di defecazione.
Se fosse un viaggio di pochi giorni le consiglierei di non portarlo nemmeno, affidandolo quindi o ad amici od a professionisti (pensione, dog sitter), diversamente faccia le cose per bene.
Dr Emanuele Minetti Viale Monte Ceneri 64 Milano2.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.