**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

29.12.2016

Jovanotti: Babbo Natale del canile

Jovanotti, dimostra ancora una volta la sua passione per i cani meno fortunati e ha deciso di fare un bel regalo al canile di Ossaia di Cortona (Arezzo): così ha “vestito” i panni di Babbo Natale e ha consegnato 15 quintali di crocchette agli ospiti della struttura cortonese. Il rifugio per animali di Ossaia serve cinque comuni dell'area sanitaria della Valdichiana. È una struttura a cui l'artista è molto affezionato e in passato si è mobilitato per dare loro una mano: è stato anche testimonial, posando per una foto con altri amici del canile per il calendario annuale che serve a raccogliere fondi.
Oltre a questo aveva fatto anche un appello per la storia di Biagio (il cane nella foto) perché venisse adottato: il cantante l'aveva trovato in giro per Roma mentre frugava fra i rifiuti alla ricerca di cibo. Appello che era stato raccolto da una famiglia.
Doppio applauso quindi per Jovanotti.

28.12.2016

Brutte notizie per le renne

Ancora brutte notizie per le renne: a causa dell'aumento delle temperature nei lunghi inverni norvegesi gli animali di Babbo Natale sono costretti a cambiare la loro alimentazione e stanno diventando più magri e più piccoli. A rivelarlo uno studio pubblicato sulla rivista Global Change Biology,
Secondo questo nuovo studio, condotto da un gruppo di ricercatori guidati da Steve D.Albon l'aumento delle temperature non risparmia le freddissime isole Svalbard, estremo lembo settentrionale della Norvegia, nel mar Glaciale artico, dove vivono le renne e questo influisce sulla loro dieta, a base di licheni e muschio. Questi animali infatti sono soliti cibarsi delle erbe che si trovano sotto la neve. Ma il riscaldamento delle temperature provoca sempre più frequenti piogge che cadono sul suolo congelando lo strato nevoso. La conseguenza è che per otto mesi l'anno la dieta delle renne resta in gran parte imprigionata sotto il ghiaccio che le renne non riescono a scavare con la stessa facilità con cui scavano la neve.
Ma non è tutto: secondo i ricercatori le renne femmine che hanno un peso inferiore a 50 chilogrammi partoriscono cuccioli più piccoli. E queste femmine di `piccola taglia´, raggiunta l'età adulta, a loro volta partoriscono esemplari più piccoli. Un circolo vizioso, a detta dei ricercatori, che ha dato il via a popolazioni di renne sempre più piccole e leggere.
Ma ci sono ancora speranze. Ci potrebbe essere, secondo gli studiosi un'inversione di tendenza, perché se il clima diventa ancora più caldo gli inverni potrebbe accorciarsi, facendo sciogliere del tutto i ghiacci con la conseguenza che le piante sarebbero esposte del tutto all'aria e questo permetterebbe alle renne di nutrirsi con facilità e di aumentare in futuro le dimensioni.

27.12.2016

Botti che fanno soffrire

"Buongiorno dottore, Lia, la nostra cagnolina soffre tremendamente per i petardi che purtroppo in questo periodo diventano sempre più frequenti. Lo scorso anno il nostro veterinario ci consigliò un prodotto che però l'addormentava completamente. C'è qualche farmaco che possa aiutarla senza addormentarla? La ringrazio e complimenti per la trasmissione. Lia"
Risponde il dottor Emanuele Minetti Medico Veterinario a Milano:
"Buongiorno, abbiamo avuto notizie confortanti sull'utilizzo di un nuovo farmaco veterinario da poco registrato anche in Italia per l'ansia e la paura generata dai rumori. Infatti esso è stato già utilizzato per esempio con successo negli USA durante i festeggiamenti del 04 luglio.
E' un prodotto che si presenta come un gel che viene applicato/spalmato all'interno della guancia del cane 1 ora prima dei botti tramite un dosatore a forma di siringa, quindi non si devono somministrare compresse o fare punture, pertanto davvero molto semplice da utilizzare anche per un proprietario poco pratico.
Tornando a ciò che mi scrive l'enorme vantaggio nel suo utilizzo è che il cane resta sveglio e attivo ma non avverte l'ansia e la paura.
Il suo effetto è di circa tre ore e nel caso ce ne fosse bisogno può essere ripetuto,
E' un farmaco molto sicuro con un'indicazione molto precisa, ne parli quindi con il suo veterinario curante e ne chieda la prescrizione.
Cari saluti."
Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

23.12.2016

I pranzi delle feste con fido e micio

Oggi parliamo di come possiamo affrontare serenamente i pranzi delle feste insieme ai nostri amici a 4 zampe. Il microfono alla dott.ssa Sabrina Giussani Medico Veterinario esperta in comportamento animale:
"Buongiorno Loredana e buongiorno a tutti gli ascoltatori. Arrivano le Feste e, di conseguenza, leccornie di ogni tipo che stimoleranno l'olfatto del cane e del gatto! Per fare in modo che i nostri amici possano partecipare e sentirsi a proprio agio durante i pasti, è necessario somministrare loro il cibo prima che i commensali si mettano a tavola. Così, a stomaco pieno, saranno più tranquilli. Inoltre possiamo tenere in tasca qualche croccantino o premio in cibo da dare al cane o al gatto quando si presenteranno attratti dai profumi presenti. Somministrare cibo dalla tavola non è un problema dal punto di vista comportamentale; è necessario, però, informarsi presso il Veterinario curante per scegliere gli alimenti che non provocano malessere gastroenterico ai nostri amici.
Auguro Buone Feste a tutti gli ascoltatori e a RMC."

Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.