**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

29.11.2016

I cani possono viaggiare indietro nel tempo

Anche i cani sanno viaggiare mentalmente indietro nel tempo, proprio come gli uomini. Questa abilità si chiama «memoria episodica» e permette a Fido di ricordare le azioni dei loro proprietari e anche di eventi che, al tempo in cui li hanno vissuti, non sapevano di dover ricordare.
A rivelarlo è un nuovo studio pubblicato su Current Biology, Gli etologi hanno insegnato a 17 cani ad imitare le azioni umane con un metodo di addestramento chiamato «Do as I Do». I ricercatori volevano però anche sapere se i cani hanno la capacità di viaggiare mentalmente indietro nel tempo, per ricordare eventi del passato che hanno vissuto. E per farlo hanno mostrato ai cani azioni della vita quotidiana: quando questi non si aspettavano che gli venisse richiesto di imitarle e poi, dopo un intervallo di tempo, li hanno sorpresi dando loro il comando «Do it!» inaspettatamente.
«Se i cani sono in grado di ricordare e imitare le azioni quando gli è richiesto inaspettatamente, questo significa che usano la memoria episodica per ricordare la dimostrazione», spiega il co-autore dello studio, e aggiunge «Questo metodo innovativo ci ha permesso di trovare evidenza di memoria episodica di eventi complessi, simili alle situazioni della vita quotidiana. Il cane potrebbe costituire un nuovo modello per lo studio della complessità della memoria episodica di eventi articolati, soprattutto grazie al suo vantaggio evolutivo e di sviluppo costituito dalla vita al fianco dell'uomo».

28.11.2016

Situazione delicata

"Buongiorno, al mio cane di quasi 14 anni si è manifestato un piccolo tumore anale, mi è stato consigliato un intervento chirurgico con castrazione, cosa devo fare???? Cordiali saluti e grazie mille, Giusi." Risponde il dottor Emanuele Minetti Medico Veterinario a Milano:
"Buongiorno, questo tipo di neoplasie usualmente si presentano in età mediamente avanzata nei cani maschi interi. La cosa più importante, come in tutti i casi di tumori evidenti all'esterno scoperti da voi proprietari, è non farli crescere, cioè non mettersi a guardare cosa succede come molti fanno, sottovalutando il problema o rimandandolo.
Infatti questi sono in gran parte tumori benigni, cioè con cellule non particolarmente brutte e quindi poco/nulla aggressivi verso altri organi: però essendo in una posizione evidentemente delicata diventano gravi se crescendo di dimensioni creano disturbi. Il problema maggiore è infatti che devono poter essere asportati senza lasciare menomazioni ed impedimenti alle funzioni dell'organismo del cane. Quindi intervenire nel più breve tempo possibile può voler dire guarire bene e/o salvare la vita del cane.
L'approccio terapeutico corretto è quello propostole ma, nel caso le condizioni generali del cane fossero tali da sconsigliare la chirurgia per rischi troppo elevati, si può iniziare con una terapia medica ormonale per vedere se la massa regredisce almeno in parte.
Saluti."
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
www.biessea.com

25.11.2016

Botti che fanno soffrire

"Oggi torniamo a parlare dei botti e dei fuochi d'artificio che fanno tanta paura ai nostri amici animali dal punto di vista comportamentale. Ci aiuta a capire cosa fare la nostra Dottoressa Sabrina Giussani medico veterinario esperta in comportamento animale":
"Buongiorno Loredana e buongiorno a tutti gli ascoltatori. Il cane, in occasione della percezione degli scoppi provocati dai fuochi d'artificio, può rimanere pressoché indifferente, esserne impaurito o mostrare una sintomatologia simile a un “attacco di panico”. Ecco alcuni consigli per trascorrere l'ultimo dell'anno:
Realizzare la passeggiata qualche ora prima dell'inizio dei fuochi e, al ritorno, somministrare al cane la cena così che possa mangiare con tranquillità.
Ricoverare il cane in casa e non lasciarlo in giardino poiché, in preda al panico, potrebbe scavalcare la recinzione e vagare senza meta o ferirsi distruggendo le imposte per trovare riparo nell'abitazione.
Allestire la “stanza rifugio” scegliendo il locale dove il rumore dei botti si percepisce con minore intensità. Possiamo abbassare le tapparelle o chiudere le imposte, utilizzando la musica o il suono della tv come sottofondo.
Consiglio di rimanere accanto al cane, rassicurarlo una carezza e tranquillizzarlo con voce bassa e pacata. Se il nostro cane ha un amico/ amica che non teme i botti, è bene trascorrere il Capodanno insieme così che gli animali più tranquilli possano supportarlo.
Arrivederci alla prossima settimana."

24.11.2016

Pellicce tossiche per bimbi

«Sostanze tossiche pericolose» e «possibili agenti cancerogeni» nella pelliccia di alcuni capi d'abbigliamento per bambini anche inferiori a 36 mesi. Lo denuncia Lav, che ha commissionato una analisi di laboratorio denominata `Toxic Fur 2´. I capi analizzati fanno riferimento a famosi brand «Ancora una volta la Lav ha dimostrato che le pellicce animali sono sofferenza sia per gli animali sia per l'ambiente e che possono essere dannose anche per chi le indossa - afferma Simone Pavesi, responsabile Lav Campagna Pellicce - La lavorazione delle pellicce prevede infatti l'impiego di sostanze chimiche classificate come tossiche e cancerogene e che, inevitabilmente, in alcuni casi possono essere presenti in forma residua anche nel prodotto finito immesso sul mercato e indossato da adulti e bambini, con diversi gradi di rischio per la salute. I consumatori possono limitare l'esposizione a queste sostanze pericolose evitando di indossare e acquistare per sé e i propri figli, prodotti contenenti anche piccole parti in pelliccia animale».
La Lav sollecita il ministero della Salute «a effettuare una valutazione della pericolosità per la salute dei consumatori, vietare l'uso di pelliccia animale almeno nei prodotti di abbigliamento e non, destinati ai minori, o comunque ai bambini». L'associazione lancia infine un appello «a tutte le aziende di moda: basta usare pellicce animali. Sono causa di sofferenza per gli animali, l'ambiente e anche un possibile rischio per la salute delle persone, siano lavoratori della filiera produttiva o consumatori finali».Anche il magazine degli animali dice no alle pellicce
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.