**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

14.1.2013

Computer traduce i bau di fido

Un gruppo di scienziati ungheresi ha elaborato un programma di computer in grado di “tradurre” l'abbaiare dei cani.
I diversi modi di abbaiare sono stati registrati sul computer e un software ne ha poi analizzato le differenze. Il computer ha identificato correttamente le diverse situazioni nel 43 per cento dei casi.
Il software ha analizzato più di 6.000 abbaiamenti in sei diverse situazioni: lotta, sconosciuto, cammino, solo, palla e gioco.
Lo studio ipotizza quindi che i cani abbaino in modo diverso a seconda del diverso stato emozionale. In un secondo test, al computer si chiedeva di riconoscere i singoli cani dal diverso tipo di abbaiare, anche qui il computer ha identificato il cane nel 52 per cento dei casi.
I ricercatori vogliono adesso mettere a confronto il diverso abbaiare delle differenti specie per capire cosa abbiano in comune

11.1.2013

Ha paura dei temporali

Oggi rispondiamo a Laura che ci scrive perché ha un problema con una dolce cagnetta che tempo fa ha salvato dalla strada prendendosene cura con amore e cercando per lei una famiglia che potesse accudirla. La piccola non vuole più entrare nella sua cuccia dopo che questa, durante una tempesta, si è spostata spaventandola. Risponde Daniela Lisi, educatrice cinofila:
"Cara Laura, hai tutta la mia stima per quello che hai fatto con la piccola. Da quello che hai scritto le condizioni in cui si trovava erano veramente disastrose e non è da tutti decidere di salvare un cane che all'apparenza sembra malato e senza speranze. Grazie.
Per quanto riguarda il problema, devo dire che la cagnolina ha tutte le ragioni per essere spaventata. Molti cani hanno paura dei temporali e vedersi spostare la casa dal vento può essere decisamente spaventoso soprattutto per un cane che già ha subito diversi traumi.
Mettiamola così, se qualcosa di sconosciuto spostasse la tua casa non avresti paura a rientrarci? Dico qualcosa di sconosciuto, perché il cane non può sapere che a spostare la cuccia è stato il vento. Non collegando le due cose, pensa che potrebbe ripetersi in qualsiasi momento. È per questo che non vuole più entrarci.
Provare a spostare la cuccia in un altro punto del giardino può essere una soluzione.. ma ahimé, penso che la più semplice sia comprare una brandina da tenere vicino alla porta di casa, punto in cui ora il cane ha deciso di stare. È certo che li si sente protetta, non a caso la porta d'ingresso è il posto più vicino a voi.. è per questo che vi consiglio, se riuscite, di far entrare la piccola in casa per i prossimi temporali. Per lei sarebbe di gran conforto anche solo vedervi. Molti cani durante i temporali scappano impauriti..e non fanno più ritorno.
In conclusione, è probabile che con il tempo, se il trauma non è stato troppo forte, il cane deciderà di rientrare nella sua vecchia cuccia. Questo però deve avvenire spontaneamente. Non forzatela in nessun modo. Mi raccomando.
Un consiglio che vi do per i prossimi temporali è , se riuscite, di far entrare il cane in casa e lasciare che trovi un punto dove “nascondersi” per sopportare al meglio il momento. Non consolatelo ma lasciategli spazio er decidere. Vi dico questo perché spesso cani traumatizzati durante i temporali scappano"

10.1.2013

Asilo per fido e fuffi

Abituiamoci a preparare il cestino per la merenda anche per i nostri Fido e Fuffi perché ben presto li porteremo tutte le mattine a scuola dove, dopo averli iscritti, possono divertirsi, correre e giocare e seguire lezioni di bon ton.
Tutto ciò ha un costo, anzi una retta mensile che varia a seconda delle ore in cui il nostro amico rimane all'asilo, per l'orario pieno il costo si aggira tra il 180 e 200 euro, ma l'organizzazione è davvero impeccabile anche per quanto riguarda il trasporto: quando il proprietario è troppo impegnato per accompagnare il quattrozampe a scuola per loro c'è a disposizione un bus, che passa a prenderli a casa la mattina e li riaccompagna alla sera.
In questi asili speciali non esistono gabbie e si fanno anche servizi di toelettatura, corsi di agilità e assistenza veterinaria.
Un difetto? In Italia questi asili sono ancora pochi, ne troviamo uno a Roma, a Peurgia ed in Campania, ma ci auguriamo che ne organizzino in tante altre città visto che spesso i nostri amici restano soli per troppe ore.


9.1.2013

Se fido arriva dal canile (seconda parte)

Un cane adulto adottato dal canile ha bisogno di almeno 30 – 40 giorni di “adattamento” prima di mostrare il “vero” comportamento. Ciò significa che durante il primo mese di convivenza la famiglia dovrà prestare molta attenzione al comportamento del nuovo arrivato. Da una ricerca effettuata sottoponendo circa 200 cani adottati da differenti canili ad una visita comportamentale, è emerso che i principali comportamenti lamentati sono: le paure (fobie rivolte agli esseri umani, ai rumori, agli oggetti, agli altri cani), il comportamento di aggressione e gli attacchi di panico in assenza dei proprietari (con vocalizzi, distruzioni, minzioni e defecazioni). Secondo uno studio realizzato in Francia, il principale motivo di abbandono sono proprio i problemi comportamentali! Il proprietario può chiedere consiglio al Medico Veterinario comportamentalista che, durante la visita pre – adozione, potrà dare informazioni in relazione alla razza, alla taglia, all'età e all'introduzione del cane nella nuova famiglia.
Sabrina Giussani, Medico Veterinario che si occupa di Medicina del Comportamento.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.