**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

30.7.2012

Quando troviamo fido o micio

Daniela ci ha inviato questa mail:
"Ho trovato 2 cani davanti casa mia,ma quello che vorrei sapere è COSA DEVO FARE dato che almeno il meticcio-dogo argentino è microcippato? Ho imteressato la mia asl di competenza tramite i vigili urbani ma ad una settimana dal ritrovamento non ho ancora avuto risposta. Mi è stato detto che l'anagrafe canina non è collegata. forse c'è un padrone disperato...e non possiamo arrivare a lui
spero possiate aiutarmi"
Risponde Emanuele Minetti medico veterinario a Milano e vice presidente dell'ANMVI lombardia
"Quando si ritrova un cane o un gatto bisogna immediatamente rivolgersi o ai servizi veterinari ASL oppure ad un veterinario privato affinhè si possa subito verificare se l'animale sia tatuato oppure identificato con un microchip. Tutti i veterinari sul territorio che hanno l'autorizzazione ad identificare tramite microchip posseggono un lettore apposito ed accedono alla banca dati della regione di appartenenza ed all'anagrafe nazionale via internet. Nel momento in cui si ritrova il microchip si può risalire al proprietario, anche se per ora questa funzione è a disposizione in modo completo (e quindi con possibilità di contatto diretto telefonico) solo ai veterinari pubblici delle ASL.
Nel frattempo il cane può essere dato in affidamento temporaneo alla persona che lo ha rinvenuto oppure essere preso in cura dai servizi veterinari pubblici.
L'importante quindi non è saltare mai il primo passaggio: bisogna immediatamente denunciare il ritrovamento alle autorità competenti in materia affinchè nel più breve tempo possibile si attivino le ricerche. L'anagrafe infatti non è un sistema a fondo cieco ma un reale ed importante passo per aiutare il ricongiungimento fra l'animale vagante ed il suo legittimo proprietario."

27.7.2012

Il significato dello sbadiglio

Daniela Lisi, la nostra educatrice cinofila risponde alla mail di un ascoltatore:
"Sì, oggi rispondiamo a Claudio che ci chiede perché il suo cane sbadiglia agli altri cani e a volte anche a lui:
Un cane può sbadigliare per diversi motivi:
- a volte semplicemente perché a sonno, quindi questo è probabile quando si trova a casa tranquillo nella sua cuccia;
- spesso lo fa per comunicare qualcosa: disagio o stress. Se si trova in una situazione per lui non gradevole, in un posto per lui stressante, o anche solo quando noi compiamo nei suoi confronti un'azione non molto gradevole. Ad esempio: quando lo abbracciamo;
- o ancora può essere un segnale di pacificazione, che può emettere sia nei confronti delle persone. Ad esempio: quando sono un po' troppo irruente, un po' agitate. Sia nei confronti di un altro cane (cosa che accade molto spesso) per comunicare qualcosa, ad esempio, che non ha intenzione di confrontarsi con lui e che prova disagio perché molto probabilmente si sente minacciato.
Lo sbadiglio fa parte di una serie di segnali di calma che i nostri cani usano per comunicare. Ricordiamoci che avendo solo il corpo come mezzo di comunicazione è molto importante imparare ad osservarli".

26.7.2012

Cinema per Fido a New York

Il parco Carl Schurz, sei ettari di verde sull'elegante Upper East Side di Manhattan a New York, è un posto magico anche per i cani. In questo parco che, tra le altre cose vanta una statua di Peter Pan e un belvedere sul fiume, esistono due settori distinti dedicati a loro. Qui soprattutto nei week-end, incontrare una folla di quattro zampe è un fatto normale, Per rinforzare l'idea che i cani siano i veri protagonisti di questo parco, i gestori hanno lanciato il "Sunset Film Festival" una rassegna di film proettati all'aperto e dedicati esclusivamente ai cani.
Per lanciare l'evento gli organizzatori sono stati chiari "Vogliamo portare i vostri cani a vedere i loro beniamini sul grande schermo, con popocorn gratis per tutti gli spettatori":
L'iniziativa ha avuto molto successo e anche altri parchi statunitensi, come a Oakland e a Chicago, hanno organizzato iniziative analoghe.

25.7.2012

Sperimentazione? Meglio lanciare una moneta

«Il lancio di una monetina è più predittivo di una sperimentazione su animali». A sostenerlo è André Menache, medico veterinario e direttore di Antidote Europe, intervenuto a Roma alla conferenza "L'errore nella ricerca biomedica", un appuntamento organizzato per parlare proprio della sperimentazione animale. «Numerosi studi hanno comparato la tossicità di un farmaco negli animali con le reazioni avverse al farmaco osservate in pazienti umani. La correlazione tra i due ordini di dati in media è del 30%, il che rende i test sugli animali persino meno affidabili del lancio di una monetina».
«Il dato - prosegue Menache - è dimostrato anche dalle numerose morti che avvengono nei Paesi occidentali per reazioni avverse ai farmaci. Questi decessi occupano il quarto posto tra le cause di morte dopo infarto, tumore e ictus. Abbandonando i test sugli animali - propone - potremmo finalmente destinare risorse più adeguate allo sviluppo e al perfezionamento dei metodi di ricerca basati sull'uomo, attualmente predittivi solo al 75%, rendendoli ancora più accurati e affidabili».
«Ogni specie reagisce in modo diverso – ha commentato Fabrizia Pratesi De Ferrariis, coordinatrice del Comitato scientifico Equivita - basti pensare che perfino ratti e topi, specie strettamente imparentate, offrono risposte differenti tra di loro nel 60% dei casi. È un errore metodologico - conclude - considerare gli animali modelli attendibili per l'uomo».
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.