**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

30.5.2012

Intelligente come un bimbo di 2-3 anni

Le capacità mentali dei cani equivalgono a quelle di un bambino di 2-3 anni. Lo dimostra scientificamente uno studio condotto da un esperto di comportamento canino e autore di molti libri sul tema Stanley Coren, della University of British Columbia di Vancouver, in Canada. I più intelligenti, sono secondo la ricerca i Border Collie sono i cani pastori dotati di grande capacità di apprendimento e intelligenza. Al secondo posto c'è sorprendentemente il barboncino e solo al terzo il pastore tedesco. Quarta posizione per il Golden Retriever, cane da riporto proveniente dalla Gran Bretagna, quinta per il Dobermann. Al sesto posto c'è il cane pastore delle Shetland, Infine al settimo il Labrador, Verrebbe da dire che è stato dimenticato l'intelligentissimo "bastardino", ma probabilmente solo perché sarebbe difficile raggruppare tutti i meticci del mondo sotto un'unica categoria.
Pensate che I cani conoscono circa 165 parole (i più intelligenti arrivano a 250 sanno contare fino a 4-5 e conoscono le regole base dell'aritmetica. I nostri migliori amici godono poi di una formidabile intelligenza spaziale, sanno localizzare oggetti di interesse, evitare luoghi pericolosi, trovare la via più breve verso la cuccia, aprire un chiavistello. Infine possono imbrogliare deliberatamente altri cani e persino i padroni per ottenere qualcosa. «Hanno successo quasi quanto noi nell'arte dell'imbroglio» conclude lo studioso.
«Tutti siamo curiosi di sapere cosa pensa il nostro amico peloso - spiega Coren - e capire perché a volte hanno dei comportamenti stupidi e irrazionali. Non saranno Einstein, ma sono di sicuro molto più del previsto simili a noi».

29.5.2012

Le balene cacciano come i pipistrelli

Mammiferi entrambi, ma con storie evolutive molto diverse. Eppure pipistrelli e balene sono simili quando si tratta di individuare, monitorare e catturare le prede attraverso l'eco-localizzatore: l'equivalente biologico del sonar.
Pensate che un team di ricercatori danesi ha dimostrato che il comportamento acustico di questi due gruppi di animali durante la caccia è stranamente simile. E i risultati della ricerca sono stati presentati al Congresso internazionale di acustica a Hong Kong.
Da tempo era noto che i pipistrelli e i cetacei si basano sulla stessa gamma di frequenze ultrasoniche, e questa sovrapposizione nelle frequenze è sorprendente, perché il suono viaggia circa cinque volte più velocemente in acqua che in aria, dando alle balene più tempo, rispetto ai pipistrelli, per decidere sull'opportunità di intercettare un pasto potenziale. Ma la nuova ricerca mostra invece che anche le balene aumentano la loro frequenza di emissione di ultrasuoni quando cacciano, in modo quasi identico a quello dei pipistrelli, con circa 500 impulsi al secondo».
Il nuovo dispositivo che ha permesso di rilevare il modo di agire durante la caccia delle balene in natura e che viene attaccato alla pelle dei cetacei, va sotto la sigla di Dtag. Un dispositivo che renderà possibile per gli scienziati monitorare il comportamento alimentare delle balene più in dettaglio, e valutare gli impatti che le modifiche ambientali hanno su questi grandi mammiferi acquatici.

28.5.2012

Il germano reale in pericolo

Troppe cornacchie nei giardini, fanno razzia di uova e di pulcini. E così le femmine di germano reale, le più accorte, cercano luoghi sicuri per il loro nido. E con la schiusa delle uova ecco le sorprese. Qualche giorno fa dieci anatroccoli sfuggiti al controllo materno hanno attraversato sgambettando una via centralissima e trafficata di Milano. Riconsegnati alla madre, che li cercava svolazzando a bassa quota con un qua qua qua rumoroso, due giorni dopo sono ricomparsi in un'altra zona, dove in un giardino interno e riparato s'era già accomodata un'altra famigliola. Ecco perché gli esperti lanciano un messaggio ad alta voce: «Se trovate un piccolo volatile selvatico a terra, non toccatelo, salvo che sia in pericolo perché I genitori sono nelle vicinanze, lo nutriranno finché non sarà pronto per volare via». E' bene ricordare che i germani reali sono in aumento Molti si fermano tutto l'anno, avendo smesso l'abitudine a migrare. Li si possono osservare sui Navigli, lungo il corso del Lambro, negli stagni della periferia. «Nei giardini del centro vivono gli individui più confidenti» che gli etologi spiegano essersi «incrociati con anitre domestiche, delle quali sono i selvatici progenitori». Quindi prendiamo nota: se troviamo un piccolo volatile selvatico a terra non tocchiamolo: i genitori sono sicuramente nelle vicinanze e ci penseranno loro a nutrirlo e proteggerlo.


25.5.2012

Cane aggressivo, che fare?

Oggi rispondiamo a Celeste che ci scrive perché non capisce come alcuni cani possano diventare ferocemente aggressivi e per sapere come comportarsi di fronte ad uno di questi. Risponde Daniela Lisi, educatrice cinofila.
"Cara Celeste, quello che stiamo per toccare è un argomento molto delicato al quale occorrerebbe rendere partecipi persone molto più esperte di me, cerco comunque di darti un'idea del perché a volte accadono spiacevoli episodi.
Spesso i cani protagonisti di queste situazioni hanno vissuto tutta la loro esistenza all'interno di un recinto, senza mai aver avuto modo di socializzare con persone ne tanto meno con altri animali, sono cani che non sanno cosa significa condividere spazi e cose.
Purtroppo non uscendo mai dal loro recinto sviluppano una possessività ed una territorialità molto pericolose. Quando questi guardano fuori abbaiano a tutto ciò che passa: biciclette, persone, bambini e così via e il rinforzo che viene sviluppato, e che rende il cane pericoloso, è un totale controllo sul territorio che lo circonda.
E quando succederà che per sbaglio il recinto rimarrà aperto, il primo a passare avrà la sfortuna di doversi confrontare con la totale mancanza di socializzazione del cane.
L'aggressività quindi nasce spesso, dico spesso e non sempre, dall'incompetenza ed ingnoranza del padrone, che non si rende conto, che recludere il cane non fa altro che renderlo non adatto a vivere nel mondo esterno.
Vi ricordo sempre che il cane è un animale sociale ed in quanto tale ha bisogno di vivere in un ambiente socializzato in grado di fargli provare esperienze. Se questo non accade i problemi comportamentali sono assicurati.
Tornando a te Claudia, quando incontri un cane aggressivo le cose da fare sono:
immobilizzarsi;
mai e dico mai iniziare a correre;
mai guardare il cane negli occhi;
girare la testa oppure sbadigliare mandando così al cane dei segnali calmanti;
il segnale più forte per calmare il cane sarebbe dargli le spalle.. capisco però, che nessuno in quel momento potrebbe mai pensare di farlo.."
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.