**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

28.10.2011

Aiuto: fido mangia schifezze da terra

Oggi rispondiamo a Simone che ci scrive perché vorrebbe insegnare al suo cane a non mangiare schifezze da terra quando si trova distante da lui. Risponde Daniela Lisi:
“Allora Simone, il furbetto del tuo cane ha ben chiaro che quando tu sei distante da lui non riesci ad impedirgli di fare quello che gli pare quindi tende a non ascoltarti..
Il primo consiglio è di cercare di non prestare molto interesse a quello che sta facendo in quel momento.. ti spiego.. se lo vedi da lontano che sta mangiando qualcosa ed inizi a correre verso di lui urlando: no, no, lascia giù etc... la prima cosa che gli verrà in mente è di acchiappare quello che sta mangiando e scappare, perché molto probabilmente sa che tu gli porterai via quella schifosa prelibatezza... e di conseguenza questa acquista ancora maggiore importanza...
Quindi fai questo: esci con dei bocconcini non buoni... buonissimi.. deve essere qualcosa di veramente delizioso che il tuo cane adora.. che ovviamente dovrai usare solo in quella determinata situazione. Quando lo vedi interessato a qualcosa in terra.. (in questo caso ci vuole veramente molta attenzione) cerca di evitare che inizi a mangiarla anticipandolo con un richiamo e non appena arriva gli dai il gustoso premio che ti sei portato dietro che molto probabilmente sarà più interessante di quello che ha lasciato a terra. Dopo ti avvicini con il cane verso quello che stava mangiando e lo raccogli per buttarlo.. senza dimenticarti, però, di dargli un altro premio nel momento in cui raccogli l'oggetto da terra.
Per intenderci: ti sto togliendo questa cosa buona per dartene una che lo è molto di più...
Per le domande a Daniela Lisi: prontofido@porntofido.net

27.10.2011

Lo yeti esiste!

A Tashtagol, cittadina siberiana a 3.500 chilometri da Mosca, esiste una certezza: gli yeti esistono e vivono in questa zona. Ma non è tutto in Siberia si troverebbero circa una trentina di cosiddetti uomini delle nevi, appunto lo yeti, e le prove consisterebbero in un pelo bianco della lunghezza di sette centimetri e dalle impronte trovate nei boschi vicino a Tashtagol. Il segnale più significativo dell'esistenza dell'abominevole uomo scimmia, è rappresentato dalle orme, visto che le impronte delle dita sono molto larghe e con capillari in rilievo, ecco quindi la prova certa dell'appartenenza a un ominide.
E poi che lo yeti esista veramente lo ipotizza un team di esperti cinesi, americani, mongoli, canadesi ed europei che è stato incaricato dal governo di Kemerovo di studiare il caso yeti, dopo che qualche anno fa nei pressi di una stazione sciistica erano stati ritrovati indizi sospetti. Il meeting di Tashtagol si è concluso con una certezza al 95 per cento dell'esistenza dell'abominevole uomo delle nevi, dopo una spedizione nella caverna di Azasskaya nel corso della quale sono stati ritrovati marcatori del territorio, un capello, alcune impronte e una sorta di tana che dimostrerebbero che le montagne Shoria sono abitate dallo yeti.

26.10.2011

Lilly e Madison. una coppia inseparabile

Preparate i fazzoletti: vi racconto la storia di Lilly e Maddison due grossi alani femmina che stanno commuovendo l'Inghilterra: ma ecco la storia: all'età di 18 mesi Lily perde la vista. I suoi occhi da quel giorno diventano quelli di Maddison. Le due non si separano un attimo. Pensate che quando Lily si sente insicura, comincia a tastare dietro a Maddison e poggia il suo muso sulla sua schiena, così che possa guidarla. La vicenda delle due alane è stata raccontata dalla Bbc. I due cani, a quanto sembra, comunicano tra loro in modo silenzioso e vivono una vita in apparenza serena, riferisce l'emittente inglese. Maddison e Lily sono cresciute insieme e sono diventate amiche da quando lei, a soli 18 mesi, ha perso la vista a causa di una rara malattia, le sue ciglia hanno infatti cominciato a crescere verso l'interno del bulbo oculare. I veterinari sono perciò stati costretti a rimuovere i suoi occhi. Ma adesso c'è un altro problema cercano un nuovo proprietario, un padrone che sia amorevole e che abbia una casa possibilmente spaziosa per accogliere entrambi. Ecco perché è stato fatto un appello per accogliere con amore questa inseparabile coppia, ma da quando la loro storia ha cominciato a fare il giro della Rete il telefono del centro di accoglienza non smette di suonare. Se volete vedere questa eccezionale coppia venite su www.prontofido.net.

25.10.2011

W il doga: lo yoga per fido

E' l'ultima moda tra gli amanti degli animali da compagnia statunitensi, anche se non si tratta di una novità assoluta: sto parlando del Doga, lo yoga per cani in uso da anni in Giappone.
Quest'ultima tendenza dei ricchi e annoiati padroni americani deriva dalle scuole di ayurvedica di Tokyo che prevedevano lezioni di yoga per uomini e cani insieme. Il successo di questo yoga speciale chiamato Doga si basa su un semplice presupposto: il piacere che i cani trovano nello stiracchiarsi e nel trovare il padrone “a terra” insieme a loro.
“ai cani piace stiracchiarsi” dice l'istruttrice di Doga “vogliono essere tirati e massaggiati. Più lo fai e più ti avvicini al tuo cane. Se a lui però non piace te lo farà capire”.
Oltreoceano il Doga sta già diventando un business: DVD, programmi TV, corsi e presentazioni fanno da supporto alle lezioni vere e proprie. Tutti i cani sono ammessi, a patto che siano abbastanza docili da lasciarsi manipolare, tirare e sollevare.
Gli esperti di Doga non hanno dubbi: il cane si rilassa e si interessa maggiormente al suo padrone.
Ho deciso: diventerò una seguace del doga, e voi? Scrivete a Prontofido@prontofido.net

Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.