**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

11.7.2011

Vacanze di micio: meglio a casa

Se si va in vacanza per periodi brevi è meglio lasciare il gatto in casa PROPRIA con una persona di fiducia addetta al cibo ed alla cassetta, in grado di capire eventuali problemi.di salute e di toccarlo per carezze e coccole e per pettinarlo. Per cani e gatti, non prenotare all' ultimo minuto e scegliere sia su consiglio del veterinario e/o informandosi anche da conoscenti fidati; è meglio fare prima di lasciare l'animale per lunghi periodi almeno due giorni di prova. E' importante portare il proprio animale direttamente alla struttura prescelta in precedenza visitata, senza intermediari, perché occorre sapere in quali condizioni verrà tenuto. La pensione piu' affidabile e' quella dove si puo' entrare senza preavviso per fare visita all'animale. Evitare “appartamenti pensione” dove e' impossibile una disinfezione accurata. Anche per il gatto è meglio una gabbia di 1,5 metri quadri, con possibili saliscendi e area separata per la toilette, per il rischio contagio: e' una questione di sicurezza sanitaria'. Ed e' sempre bene lasciare un contatto reperibile.Per le VACCINAZIONI:: nel gatto meglio fare il richiamo della trivalente, se va all'aperto ed in pensione per lunghi periodi anche con la leucemia felina. Per il cane è bene optare per vaccinazioni complete anche di parainfluenza e leptospirosi. Se si porta l'animale con se attenzione al passaporto sanitario per espatriare (cane, gatto, furetto), da richiedere alla Asl veterinaria di appartenenza, che sostituisce i certificati di buona salute, rilasciato dopo l'applicazione del microchip e l'iscrizione all'anagrafe regionale, ed alla vaccinazione per la rabbia. Non in tutti i paesi le norme per introdurre gli animali sono uguali, quindi è indispensabile informarsi con alcuni mesi di anticipo.E' opportunopoi prepararsi una lista, anche tramite l'aiuto del proprio veterinario, su strutture sanitarie nel luogo di villeggiatura in caso di emergenza.

8.7.2011

Non vuole stare da solo

Oggi rispondiamo a Rosy che ci scrive perché ha un problema con il suo Dankoa, un pincher di un anno che sta con lei da solo un mese, soffre di solitudine quando rimane in casa solo. Inoltre vorrebbe sapere quali sono i ristoranti che accettano cani nella città di torino.
Cara Rosy, non ho molte informazioni per poter capire bene quale sia il problema di Dankoa, però è probabile che si tratti di ansia da separazione. Questo potrebbe essere dovuto dal fatto che il piccolo sta con te da solo un mese.
Quello che mi piacerebbe sapere è dove ha vissuto Dankoa il suo primo anno di vita: al canile? In un'altra casa? Oppure era un cane abbandonato?
In ogni caso è probabile che ora il cane debba abituarsi alla sua nuova vita. Nuova casa, nuova famiglia, nuovi punti di riferimento, insomma, si sente un pò spaesato e molto probabilmente nel momento in cui rimane solo ha questi attacchi d'ansia ed inizia a piangere, abbaiare e sporcare in casa.
Quindi Rosy il mio consiglio è di abituare il piccolo Dankoa pian piano alla tua assenza, esci per pochi minuti e quando rientri tante feste, poi esce per un'oretta e quando rientri ancora feste e così via.. magari uscendo di casa gli lasci un bel kong o un bell'osso di quelli che impiega molto a mangiare e che lo distraggono dal fatto che tu non ci sei. Inoltre è importante che ogni volta che esci cerchi di non consolarlo e salutarlo ripetutamente... un saluto, poi vai decisa e non voltarti.
Oltre ai miei consigli però prova anche a contattare un'educatore cinofilo che vedendo la reale situazione ti consiglierà al meglio.
Per sapere invece quali ristoranti poter frequentare con il tuo amico a 4 zampe puoi andare su prontofido.net o su dogwelcome.it.

8.7.2011

Bilancio del week end di Io l'ho visto

Fine settimana durissimo per i volontari dei team anti abbandono di io l'ho visto. Sono state 340 le segnalazioni di cani abbandonati o vaganti in autostrada, 242 gli interventi realizzati 192 i cani messi in sicurezza 37 dei quali restituiti ai legittimi proprietari in quanto si trattava di cani scappati di cui era stata fatta denuncia. 1052 i volontari attivi su due turni nel fine settimana. C'è oramai da registrare una vera e propria scissione nell'Italia del randagismo, oltre il 90% delle segnalazioni provengono da cinque regioni del sud Italia: Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Abruzzo, sono diminuite le segnalazioni provenienti dal Lazio, pochissime invece le segnalazioni provenienti dalle regioni del centro nord Italia dove il maggior numero di segnalazioni arrivano sempre dalla Toscana, con 11 segnalazioni nel fine settimana e Emilia Romagna con 8 segnalazioni.

7.7.2011

Adesso i cani sono i benvenuti

Sarà per l'effetto della crisi economica che induce i proprietari di negozi a tenersi buoni i clienti. Fatto sta che il cartello «divieto di accesso ai cani» è pressochè scomparso. Pensate che rispetto a cinque anni fa i negozi che permettono l'accesso ai cani sono aumentati del 76%. E' quanto si desume da una ricerca realizzata dai volontari Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa) su 3.500 negozi di varie tipologie e 500 supermercati in tutta Italia.
Nel 2005 su 3.500 negozi il divieto di accesso ai cani era esteso a 2.600 negozi di varie tipologie, tra cui tutti i negozi alimentari e quasi tutti i bar, ma non mancava il divieto di ingresso ai cani nei negozi di abbigliamento ma anche in negozi di mobili o ferramenta e addirittura in cartolerie. Ora la situazione è migliorata, infatti, da un controllo effettuato sullo stesso numero di negozi nelle maggiori località turistiche e città italiane i negozi che mantengono il divieto di accesso ai cani sono solamente 694 (si tratta in quasi tutti i casi di negozi di alimentari, bar e fruttivendoli, mentre solamente 103 negozi sono relative ad altre tipologie merceologiche).
Tra le città dove è ancora forte la presenza dei negozi con il divieto di accesso ai cani spiccano Roma, Venezia, Firenze e a sorpresa Rimini mentre và decisamente meglio nel resto d'Italia. Un dato sottolineato dall'Aidaa: i cani sono ammessi molto spesso nei centri commerciali appartenenti a gruppi esteri. Rispetto ai cartelli di divieto, in quasi tutti i casi si è passati dal vecchio «vietato l'accesso ai cani» al più morbido ma altrettanto intransigente «io non posso entrare».
Riguardo ai bar, dei 443 visitati dall'Aidaa, solo 124 non ammettono i cani. Ultimo dato, i ristoranti: 76 quelli visitati. Di questi 32 ammettono i cani rispetto ai 21 di cinque anni or sono. Bisogna comunque ricordare che il cane che entra negli esercizi commerciali dove è ammesso deve sempre essere tenuto al guinzaglio corto e con la museruola al seguito pronta ad essere indossata su richiesta del gestore dell'esercizio o su richiesta di un cliente.

Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.