**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

7.2.2011

Non c'è trippa per gatti

Sapevate che il modo di dire “Non c'è trippa per gatti” usato per sottolineare una totale mancanza di fondi economici, fu coniato dal sindaco di Roma Ernesto Nathan che, nel corso di un suo intervento, faceva notare chem per problemi economici era stato perfino soppresso il modesto contributo con cui il Comune manteneva le colonie feline che abitavano gli scavi archeologici?
Ma oggi possiamo finalmente dire che la trippa per gatti è tornata, ad annunciarlo è stato il sovrintendente ai Beni Archeologici che ha affermato: Sì, nel nostro bilancio abbiamo una modesta voce in cui prevediamo anche un piccolo aiuto per i gatti delle nostre aree archeologiche. Anche se il futuro di queste colonie feline dipende soprattutto dall'impegno e dalla buona volontà delle cosiddette “gattare”.
Pensate che i gatti che vivono a Roma sono 300.000, di cui 180.000 vivono in casa, 120.000 sono randagi e 4.000 nelle colonie feline.

4.2.2011

L'educazione dei proprietari

Abbiamo parlato diverse volte di come insegnare al nostro cane a non sporcare in casa… ma una volta che il nostro amico sporca fuori chi raccoglie?
Oggi vogliamo sensibilizzare tutti i proprietari alla raccolta dei bisogni del proprio cane insieme con Daniela Lisi.
Molte persone purtroppo non hanno ancora questa abitudine e questo crea problemi a diverse persone, sia a chi non possiede un cane ma anche a chi invece ne ha uno.
Infatti questo atteggiamento non aiuta per niente i proprietari di cani che spesso e volentieri anche se raccolgono i bisogni del proprio animale vengono accusati di sporcare le città ed i parchi per bambini… perché questa è la brutta abitudine di chi non possiede un cane: generalizzare!
Ma ricordate, non tutti i proprietari di cani sono irrispettosi delle regole!
Spesso e volentieri ci sono persone che usano le aree cani come bagno per i propri animali..
Occorre ricordare che anche le aree destinate ad i nostri amici a 4 zampe prevedono l'obbligo della raccolta delle deiezioni del proprio animale, lo prevede la legge! Quindi fate attenzione perché in ogni paese le sanzioni sono diverse ma sempre previste!!!!
Allora non ci resta che dire: attrezzatevi e raccogliete le “popò” del vostro cane!!

3.2.2011

Rapimenti dei cani: i più richiesti da caccia e da tartufo

Sapevate che Umbria, Toscana e Piemonte sono le regioni dove i furti dei cani da caccia e da tartufo sono maggiormente diffusi? E oggetto delle attenzioni dei rapitori sono i cuccioli o le femmine fattrici. Stando alle segnalazioni ricevute dal telefono amico AIDAA i cani appartenenti a razze da caccia e da tartufo rapiti o rubati nel corso del 2010 sono stati 6233 rispetto ai 5674 del 2009. Ovviamente la scelta di rubare i cani in tenera età specialmente se si tratta di razze di cani da caccia o da ricerca di tartufo è legata al fatto che gli stessi cani oltre a non essere ancora microchippati possono essere addestrati senza difficoltà mentre la scelta delle femmine è chiaramente legata alle attività riproduttive.
A ordinare ed organizzare i rapimenti sono spesso allevatori abusivi (da non confondere con gli allevatori seri e riconosciuti) che poi rivendono i cani magari sottoprezzo a bracconieri, cacciatori e cercatori di tartufi senza scrupoli. “
I rapimenti dei cani da caccia e da tartufo rappresenta una piccola nicchia nel grande marasma del fenomeno dei furti di cani, ma è quello maggiormente redditizio sia perché con i cuccioli rubati si possono trarre dei cani assolutamente addestrati e quindi rivenduti a prezzi importanti sia anche perché- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- si tratta di furti spesso fatti su commissione.
Stiamo quindi attenti ai nostri amici, teniamoceli stretti e sotto attenta osservazione quando siamo all'esterno, evitando anche di legarli fuori dal supermercato.
E' tutto

2.2.2011

Vancouver: soppressi 100 cani

Questa notizia ci arriva dalla località sciistica di Whistler dove la polizia canadese ha reso noto di aver aperto un'inchiesta sulla brutale uccisione, di un centinaio di cani Husky che erano stati impiegati come cani da slitta per i turisti durante i Giochi invernali di Vancouver del febbraio dell'anno scorso.
I cani, rimasti senza lavoro, sarebbero stati uccisi a uno a uno per due giorni da un operaio che avrebbe usato un fucile e un coltello. Secondo testimoni citati dalla stampa locale, alcuni animali, feriti, sono riusciti a tirarsi fuori da una fossa comune. I motivi del massacro sarebbero puramente economici: le due società che avevano venduto ai turisti le escursioni in slitta, non avevano più bisogno dei cani, perchè la richiesta di gite era calata dopo le Olimpiadi invernali.
La vicenda è stata rivelata dallo stesso uomo che ha ucciso i cani, il quale ha chiesto e ottenuto un indennizzo da una banca locale per lo stress subito. Secondo la legge canadese una persona che uccide o ferisce un animale rischia fino a cinque anni di prigione.
Ecco perché è stata aperta un'inchiesta sulla società che li aveva in carico, vi terremo informati
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.