**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

23.7.2017

Cani che ci curano

Oggi qui al magazine degli animali parliamo dell'incredibile capacità di intervento dei cani da servizio per i loro proprietari malati. Thorr, un eccezionale labrador, ha allertato il personale dell'ospedale delle ripetute crisi del suo proprietario. lui infatti, si occupa di aiutare Erik che soffre di problemi cerebrali che gli provocano difficoltà di equilibrio e movimento. I dottori hanno raccontato che il cane si è precipitato dalla stanza di ospedale dove Erik è ricoverato fino alla sala dei medici alla ricerca di aiuto. Ecco perchè Thorr ha il permesso di rimanere in stanza con lui durante la permanenza.
Thorr è addestrato per cercare aiuto quando percepisce i cambiamenti chimici che indicano l'arrivo di una nuova crisi ed è efficientissimo nell'eseguire il suo compito.
“I cani fanno cose straordinarie: di solito agiscono a comando nel cercare aiuto per il loro proprietario, ma se i due hanno un legame speciale il cane semplicemente “sa” che cosa deve fare”, ha spiegato un addestratore di questi splendidi cani, che salvano la vita tutti i giorni ai loro migliori amici a due zampe.

22.7.2017

Vacanze per tutti

Oggi parliamo di vacanze: sapevate che più della metà degli italiani è convinta che il proprio cane o gatto andrebbe portato con sé in vacanza? Solo il 14% lo affiderebbe a parenti e amici e l'11% lo porterebbe in pensione. Lo rivela una ricerca della compagnia Assicuratrice ufficiale dell'Automobile Club d'Italia.
La Lav stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80.000 gatti e 50.000 cani, più dell'80% dei quali rischia di morire in incidenti. Per la quasi totalità degli italiani le leggi che rendono reati l'abbandono e il maltrattamento degli animali dovrebbero essere più severe.
Il 32% degli intervistati ha dichiarato che gli esercizi pubblici che non ammettono animali al loro interno fanno bene, ma non per motivi di igiene o perché potrebbero dare fastidio: il motivo principale è il comportamento dei loro padroni, che spesso non hanno rispetto per le altre persone. Comunque la pensiate è tutto

16.7.2017

Si ai cani in ospedale a Ibiza

Come si tira su il morale ai pazienti di un ospedale? A Ibiza hanno trovato un modo bello e divertente per cui è un peccato essere ricoverati: cosa hanno trovato? far entrare i cani dei pazienti. Il progetto dell'«Unidad de Seguridad del paciente» parte da una premessa: uno dei problemi dell'essere ricoverati è stare lontano dai propri affetti. Ma se parenti e amici possono fare delle visite, gli animali domestici no. Così, l'ospedale Can Misses ha creato una zona apposita per gli incontri cane-padrone, con un lettino, una poltrona per il paziente e per i familiari, oltre a giochi e premi per gli animali. I primi visitatori a quattro zampe ospitati si chiamano Kadir, Ada, Nina e Cookie, tutti con un fazzoletto bianco per essere identificati. Per entrare in ospedale i cani devono essere vaccinati, senza parassiti e ovviamente puliti. Il via libera per la visita deve ogni volta arrivare da un medico e da un veterinario.
Il progetto è stato realizzato a costo zero per le magre casse della sanità delle Baleari, grazie alla collaborazione tra veterinari, infermieri e imprenditori locali

15.7.2017

I cani riconoscono un torto

Sapevate che i cani riconoscono un torto subito? Lo trasmettono con lo sguardo o abbaiando, infatti uno studio della University of Veterinary Medicine di Vienna dimostra che i nostri amici a quattro zampe sapevano distinguere tra giusto e ingiusto ben prima di essere addomesticati.
Un gruppo di lupi e uno di cani, sono stati addestrati a premere un pulsante in cambio di un premio rappresentato da una porzione di cibo. Successivamente, due esemplari di ogni specie sono stati posti in gabbie adiacenti. Quando gli animali premevano il pulsante ottenevano una ricompensa: la discriminante del test era rappresentata da una gratificazione che, in alcuni casi, era più succulenta per uno solo dei due esemplari, spingendo il secondo a provare un senso di frustrazione e a smettere di collaborare. La reazione di rifiuto è stata più evidente nei lupi, tanto che uno dei partecipanti all'esperimento ha smesso di premere il pulsante dopo appena tre tentativi in cui non aveva ricevuto nulla mentre il partner era stato ricompensato. Addirittura il fastidio per il torto subìto lo ha spinto a distruggere l'apparecchio.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.