**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

3.2.2011

Rapimenti dei cani: i più richiesti da caccia e da tartufo

Sapevate che Umbria, Toscana e Piemonte sono le regioni dove i furti dei cani da caccia e da tartufo sono maggiormente diffusi? E oggetto delle attenzioni dei rapitori sono i cuccioli o le femmine fattrici. Stando alle segnalazioni ricevute dal telefono amico AIDAA i cani appartenenti a razze da caccia e da tartufo rapiti o rubati nel corso del 2010 sono stati 6233 rispetto ai 5674 del 2009. Ovviamente la scelta di rubare i cani in tenera età specialmente se si tratta di razze di cani da caccia o da ricerca di tartufo è legata al fatto che gli stessi cani oltre a non essere ancora microchippati possono essere addestrati senza difficoltà mentre la scelta delle femmine è chiaramente legata alle attività riproduttive.
A ordinare ed organizzare i rapimenti sono spesso allevatori abusivi (da non confondere con gli allevatori seri e riconosciuti) che poi rivendono i cani magari sottoprezzo a bracconieri, cacciatori e cercatori di tartufi senza scrupoli. “
I rapimenti dei cani da caccia e da tartufo rappresenta una piccola nicchia nel grande marasma del fenomeno dei furti di cani, ma è quello maggiormente redditizio sia perché con i cuccioli rubati si possono trarre dei cani assolutamente addestrati e quindi rivenduti a prezzi importanti sia anche perché- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- si tratta di furti spesso fatti su commissione.
Stiamo quindi attenti ai nostri amici, teniamoceli stretti e sotto attenta osservazione quando siamo all'esterno, evitando anche di legarli fuori dal supermercato.
E' tutto

2.2.2011

Vancouver: soppressi 100 cani

Questa notizia ci arriva dalla località sciistica di Whistler dove la polizia canadese ha reso noto di aver aperto un'inchiesta sulla brutale uccisione, di un centinaio di cani Husky che erano stati impiegati come cani da slitta per i turisti durante i Giochi invernali di Vancouver del febbraio dell'anno scorso.
I cani, rimasti senza lavoro, sarebbero stati uccisi a uno a uno per due giorni da un operaio che avrebbe usato un fucile e un coltello. Secondo testimoni citati dalla stampa locale, alcuni animali, feriti, sono riusciti a tirarsi fuori da una fossa comune. I motivi del massacro sarebbero puramente economici: le due società che avevano venduto ai turisti le escursioni in slitta, non avevano più bisogno dei cani, perchè la richiesta di gite era calata dopo le Olimpiadi invernali.
La vicenda è stata rivelata dallo stesso uomo che ha ucciso i cani, il quale ha chiesto e ottenuto un indennizzo da una banca locale per lo stress subito. Secondo la legge canadese una persona che uccide o ferisce un animale rischia fino a cinque anni di prigione.
Ecco perché è stata aperta un'inchiesta sulla società che li aveva in carico, vi terremo informati

1.2.2011

I delfini parlano

La ricercatrice Liz Hawkins del Centro di Ricerca delle balene in Australia ne è certa: I delfini sono in grado di parlare e di avere un proprio linguaggio, ma non solo, ha anche catalogato e decifrato 200 suoni diversi emessi da questi stupendi mammiferi.
La ricercatrice ha studiato per tre anni gli animali d'acqua, registrando 1.647 suoni emessi da 51 coppie di delfini: “E' una comunicazione alquanto complessa, ecco perché la si può definire Lingua” ha dichiarato la Hawkins.
Pensate che per ogni tipo di suono corrisponde un atteggiamento: quando le coppie viaggiano usano un suono matematico che invece non usano quando si riposano o mangiano.
E poi ci sono i fischi che i delfini usano quando cavalcano le onde, esprimendo così un incontenibile euforia simile a quella dei bambini.
La ricercatrice ha così concluso”la loro comunicazione è molto più complessa e difficile di quelle che credessimo.

31.1.2011

Sondaggio Eurispes in tema di animali

“Nel sondaggio Eurispes diffuso in questi giorni, in tema di attenzione per gli animali, gli intervistati dimostrano maturità e sensibilità in materia di tutela degli animali,- Questi dati sono un nuovo forte monito alla classe politica nazionale ma anche alle amministrazioni locali, a realizzare al più presto le indispensabili riforme in questi settori
Ma veniamo ai dati - oltre la metà del campione degli intervistati non approva per niente la caccia e solo il 23,9% afferma di approvarla ''poco''. -La percentuale di quanti disapprovano le pellicce raggiunge l'83% delle risposte. Resta un 14,1% di favorevoli che evidentemente è ancora insensibile alle grandi sofferenze degli animali allevati e uccisi per questo scopo.-Solo il 10,1% degli intervistati, giudica positivamente l'utilizzo degli animali all'interno degli spettacoli circensi. Anche l'acquisto di animali esotici non trova consenso- La sperimentazione medica sugli animali è messa al bando dall' 88%, ed è considerata come ammissibile solo dall'8,2% degli italiani, il 7,4% dei quali lo trova un comportamento abbastanza tollerabile.–In tema di combattimenti tra animali, la disapprovazione è molto ampia (90,7%)- Assolutamente antisociale è giudicato invece il comportamento di quanti abbandonano il proprio animale domestico pur di andare in vacanza (98,2%): un reato punito dal Codice penale. -Vegetariani e Vegani si confermano un fenomeno sociale: mangiare esclusivamente vegetali e' un'abitudine per il 6,3% della popolazione.
Questi gli ultimi dati del sondaggio Eurispes in tema di animali. ed è tutto per oggi
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.