**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

13.9.2010

Vivisezione: sì con molte polemiche

L'Europarlamento ha approvato la nuova direttiva per ridurre l'uso degli animali negli esperimenti scientifici e per limitare i test più dolorosi. Dovrà essere applicata nei 27 Stati membri entro due anni. Ma il testo finale di compromesso ha generato polemiche perché ha perso importanti tutele sul benessere degli animali ed ha tenuto conto di numerose richieste della lobby dell'industria farmaceutica.
Per saperne di più abbiamo in collegamento la biologa Michela Kuan, responsabile nazionale LAV Settore Vivisezione.
“Nel complesso il testo approvato risulta deludente, soprattutto in considerazione dei progressi scientifici, dell'affermarsi dei metodi alternativi all'uso di animali e dell'opinione pubblica espressasi in modo chiaramente contrario alla sperimentazione animale”, afferma Michela Kuan, biologa, responsabile nazionale LAV settore Vivisezione.
Il testo proposto nella sua prima versione del novembre del 2008, era fortemente innovativo rispetto al vigente e, anche se non totalmente coerente con le ottiche animaliste, presentava numerosi punti migliorativi per la tutela e il benessere degli animali da laboratorio; purtroppo tale testo nel corso dei mesi è stato modificato attraverso vari passaggi, tutti peggiorativi. La lobby vivisettoria ha, infatti, ben saputo veicolare le scelte politiche per ottenere maggiore libertà e minori restrizioni nel ricorso al modello animale.
Tra gli articoli più negativi abbiamo: la possibilità di poter ricorrere, anche se in deroga, a gatti e cani randagi (ma in Italia tale pratica è vietata fin dal 1991), la possibilità di utilizzare specie in via d'estinzione e/o catturate in natura (compresi i Primati e in particolare le grandi scimmie), il ricorso a soppressione per inalazione di anidride carbonica come metodo di uccisione di riferimento, definito dalla legge come “umanitario” ma che in realtà provoca alti e prolungati livelli di sofferenza, fatto riconosciuto scientificamente; la possibilità di effettuare esperimenti senza anestesia, autorizzazione anche per esperimenti altamente dolorosi.







10.9.2010

NO al collare a strozzo

Oggi rispondiamo a Patrizia che ci scrive perché ultimamente ha visto in televisione che molti cani usano la pettorina, mentre a lei è stato consigliato di usare il collare a strozzo per il suo labrador di 3 anni di nome Boss.
Daniela Lisi: "Cara Patrizia... fortunatamente sei una persona molto attenta che si domanda cosa è meglio per il proprio cane..
Nella tua mail scrivi che al corso di educazione di base l'educatore cinofilo ha consigliato di mettere il collare a strozzo... e questo mi fa veramente arrabbiare!! Nel 2010 purtroppo esistono ancora educatori cinofili, se così si possono chiamare, che consigliano lo strozzo...!! Molto probabilmente sono persone che non hanno assolutamente nozioni in merito o che comunque ad oggi non si sono evoluti per nulla nell'ambiente cinofilo, quindi sono assolutamente da evitare...
Allora Patrizia sfatiamo ogni tuo dubbio sull'uso dello strozzo, ti confermo che rovina collo, gola ed inoltre non da la possibilità al nostro cane di muoversi con serenità e comunicare con gli altri cani e con le persone in maniera corretta. Perché vi ricordo che i nostri amici a 4 zampe comunicano principalmente con il corpo.
Immaginate di avere un guinzaglio al collo, qualcuno vi chiama e voi cercate di girarvi per avere un contatto con quella persona.. ma chi tiene il guinzaglio non vi da la possibilità di girare la testa.
Oppure ancora, immaginate che ci sia qualcuno che vi fissa negli occhi facendovi capire che ha cattive intenzioni e che cerca un confronto... ma voi non ne avete nessuna intenzione. Cosa fareste per evitare questa situazione? Secondo me girereste la testa o tutto il corpo e cambiereste strada ma con al collo un collare ed un guinzaglio gestito da qualcuno che non asseconda le vostre esigenze... come vi sentireste? Secondo me alquanto frustrati...
Se ne avete voglia provate per una volta il collare del vostro cane anche solo per dieci minuti... e poi fatemi sapere come vi siete sentiti! Sembra una stupidaggine ma secondo me riuscireste a capire in parte le sensazioni che il vostro cane prova... soprattutto per chi usa lo strozzo..
Per concludere... in questo 2010 se volete vivere serenamente con il vostro amico a 4 zampe, occupatevi di lui, guardatelo, ascoltatelo, non abbandonatelo!
Ma soprattutto: NO ALLO STROZZO!! ASSOLUTAMENTE SI ALLA PETTORINA!"

9.9.2010

Il "grande" Orazio

In Inghilterra c'è un gatto italiano che è diventato una vera e propria star: si chiama Orazio e pesa ben 16 chili, circa come un bambino di due anni.
Ma a rendere Orazio tanto speciale non è la sua stazza ma la sua somiglianza straordinaria al mitico Garfield famosa star dei fumetti che è un gattone grosso e rosso proprio come lui.
Orazio è obeso e italiano e per questo è preso di mira dagli inglesi, e la foto del suo pancione in primo piano è uno spunto per ironizzare sulla dieta mediterranea che “dovrebbe mantenere in forma e in salute ma che sembra avere l'effetto opposto sull'enorme gattone”.
In conclusione, se volessimo fare dei paragoni con le proporzioni umane e se si pensa che un gatto normale pesa circa tre chili. Si può ritenere che la sua mole equivale a quella di un uomo che pesa 350 chili.
Volete vedere Orazio? E allora www.prontofido.net

8.9.2010

Ancora domande sul microchip

Sara ci chiede se deve inserire il microchip al suo cane, un incrocio di 10 anni, ma è piena di incertezze:
Sara domanda: devo portarlo dal mio veterinario di fiducia? è doloroso? so che è obbligatorio ma se non lo faccio a cosa vado incontro? viene rilasciato un documento?
Risponde il dottor Emanuele Minetti, veterinario a Milano e vice presidente dell'ANMVI.
"Il microchip è un circuito integrato applicato nel tessuto sottocutaneo di un cane, gatto, o di un altro animale. I microchip sono delle dimensioni circa di un chicco di riso e sono basati su una tecnologia passiva RFID. Il Tatuaggio è un altro metodo, oggi desueto, usato per l'identificazione degli animali.
I Microchips sono particolarmente utili in caso di smarrimento o furto degli animali domestici. Possono anche essere determinanti in caso di contenzioso sulla proprietà degli animali.
I rifugi e I centri di lotta al randagismo hanno una enorme utilità nell'applicazione dei microchips, restituendo più velocemente ed efficientemente gli animali ai loro padroni.
Oltre che dai rifugi, I microchips sono utili nei canili, agli allevatori, venditori, agli addestratori nei libri genealogici, nelle strutture veterinarie, nell'allevamento del bestiame.
Le guardie zoofile, il servizio veterinario delle ASL e I veterinari Liberi professionisti sono forniti di un lettore di microchip.
Molte nazioni utilizzano e richiedono un numero di microchip insieme alla vaccinazione, come prova che la vaccinazione e l'animale corrispondano.
L'applicazione di Microchip può essere richiesta nell'ambito delle regole del CITES che regolamenta il commercio di molti animali rari.
I medici veterinari possono applicare I microchips o ricercare un microchip applicato con il lettore ogni volta che l'animale è portato a fare una visita clinica."
scrivete le vostre mail a prontofido@prontofido.net
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.